bartolomeofiorillo

GLI ARCHITETTI LOW-COST...IL MARCIO DELLA CATEGORIA

Bartolomeo Fiorillo
22 ottobre 2019
Ultima modifica:22 ottobre 2019

Internet è diventato un potentissimo strumento di comunicazione, "socializzazione", ma anche uno strumento di speculazione senza regole, ne limiti. Specialmente per certe professioni. tra queste in primisi la professione dell'architetto, con tanti professionisti che a mio avviso creano solo danni a chi lavora seriamente e con grande competenza e non con il disegnino da scuola superiore colorato e rappresentato come il quadretto da appendere alla parete.... tra questi che creano danni ci sono gli ARCHITETTI LOW-COST. Che molto probabilmente credono che un progetto sia basato sull'insieme di oggetti da assemblare in un book, sull'inserire qualche mobile e disporre qualche tappeto, sull'inserire qualche lampada alla moda e non tenendo conto che la libera professione è fatta di tante competenze e conoscenze che vanno ben oltre il disegno e sono piene di responsabilità sia penali che civili.

Allora mi domando:

- ma si può lavorare con queste tariffe;

- dopo anni di studio e formazione;

- corsi continui di aggiornamento;

- tasse da pagare;

- inarcassa;

- spese per le attrezzature;

- corrente;

- cancelleria;

- collaboratori......etc etc etc.

ma gli ordini provinciali, l'Ordine nazionale, cosa fanno per tutelare il secondo mestiere più antico del mondo se esistono professionisti che oltre un bel rendering non sanno neanche cosa sia un cantiere, ne lo frequentano, visto che lavorano solo da casa...????

QUESTO E' UNO DEI SITI DEGLI ARCHITETTO LOW-COST..

COSA NE PENSATE IN MERITO E SECONDO VOI VANNO DENUNCIATI QUESTI PROFESSIONISTI CHE SOTTO COSTANO LA PROFESSIONE DELL'ARCHITETTO...???


Commenti (223)

  • Hermann V.

    Il fatto è che siamo arrivati a un punto che non si dà più valore al lavoro, o meglio, si è costretti a non poterlo più fare. Far quadrare i conti, pur rispettando le leggi, obbliga un sempre maggior numero di persone a scegliere al ribasso, e vale in tutti i settori. Ad accontentarsi di una qualità sempre più scarsa. Quindi, se sono obbligati a fare una Scia o richiedere un Permesso per Costruire, ma non hanno i soldi per nominare un D.L, e delegheranno tutto a una impresa (e anche quella la cercheranno "di bassa qualità" perché costa meno), cercheranno l'architetto che faccia loro le pratiche al prezzo più basso, non guarderanno né la sua esperienza, né il suo gusto, nemmeno le sue capacità. Cosa otteniamo? Lavori eseguiti sempre meno bene, con sempre meno gusto ma soprattutto con sempre meno sicurezza, al limite del "fai da te" persino negli interventi strutturali. Almeno, con i minimi tariffari cesserà questo far west, questo ribasso selvaggio, che non premia chi merita, ma solo chi fa qualcosa a meno, indipendentemente dal suo valore.

  • stefaniasasso61

    penso che in questi ultimi anni con le detrazioni fiscali i professionisti delle categorie edili avranno lavorato di più io proprio questa mattina sono stata costretta di nuovo ad incaricare il geom per la compilazione dei dati catastali per recupero spese degli infissi e mica la pratica me la fa gratis .. Forse erroneamente si vede l'Architetto come il creativo piu o meno estroso non alla portata di tutti..che cura l estetica e basta ...

  • Discussioni simili

    ho bisogno di aiuto per arredare la mia casa. vorrei qualche consiglio

    Q

    (75) commenti
    Signora Delisa .. Mi perdoni ma perché ha questo modo così indisponente?Perché attacca e si pone in questo modo? Anche l impatto che ha avuto con me è stato tutt'altro che gentile. Questa è la mia prima esperienza su questo sito .. Io ho espresso una richiesta lei è partita con una provocazione per poi concludere dicendo che se mi fossi presentata nel suo studio mi avrebbe accompagnato alla porta invitandomi a nn ripresentarmi.. Che stile aggiungo! c tengo a tranquillizzarla... visti i suoi toni nel suo studio non c metterò proprio piede e se le sue idee rispecchiano i suoi modi può tenersele.. Mi dispiace molto pero che una persona sicuramente intelligente e qualificata come lei si perda per questo. Un atteggiamento più gentile può dare sicuramente quel tocco in più al suo lavoro che a quanto dice è già molto apprezzato e da tanti.. Si ammorbidisca un po, potrebbe piacere a più persone.. Mi perdoni ma è veramente triste sentirla parlare quasi arrabbiata e ho sentito il bisogno di dirglielo. Le auguro buon lavoro e la saluto.
    ... mostra di più

    Distribuzione Casa

    Q

    (76) commenti
    Studiodesignmerli, io le normative le conosco eccome.. Esempio; Il regolamento urbanistico di Roma è lo stesso di Milano??? Io non so dov'è ubicata l'abitazione di Veronica e le ho proposto questa soluzione.. Qual è il problema? Deve per forza criticare? Sono il primo a pensare che " il fai da te " è deleterio, conosco tutte le fasi di una ristrutturazione e se non si hanno le idee chiare si finisce sempre con il far danno, soprattutto a livello economico per cui essere seguiti passo passo da una persona competente sarebbe la miglior cosa da fare, però ci sono modi e modi di esprimere un'opinione.
    ... mostra di più

    Da Pro a Pro trovate giusto che alcuni colleghi postino i progetti?

    Q

    (64) commenti
    Sig. Bartolomeo perché è così polemico con il vissuto degli altri ? Accennare al passato di un professionista per far quadrare un suo punto di vista ... "in quanto in un altro posto ha fatto chiaramente capire che da quando non lavora" ... mi sembra polemico e non altro. Qui ci troviamo su una piattaforma dove il confronto mi sembra la base per conoscerci e farci conoscere, dove tutti noi (mi auguro) siamo appassionati al nostro lavoro e le confesso che la passione mostrata da molti mi fa molta invidia visto che dopo molti decenni di lavoro pur sentendomi più stanco che appassionato ancora ne subisco il fascino. La questione deontologica posta in questo post mi sembra sia stata ben discussa ed ha trovato larga adesione l'idea che non si debba in alcun modo svilire il lavoro ed il tempo della professione. Professione che per molti è stata anche formata dopo lunghi ed impegnativi studi universitari a cui va dato il giusto riconoscimento, mentre per altri (come per me) la formazione è stata una lunga esperienza di lavoro. Ho letto con molto interesse punti di vista anche di utenti di Houzz non professionisti che ci hanno dato una visione del problema da "fruitori" determinando vivaci spunti e commenti. Arch. Fiorillo spero di non aver offeso la sua sensibilità poiché non era nelle mie intenzioni farlo, continui a fornire spunti alle discussioni perché spessissimo la leggo e la condivido ma mi conceda l'appunto che le ho fatto per alcuni post letti in questa discussione perché mi sono sembrati uscire dal confronto di opinioni. Auguro a tutti buona giornata e buon lavoro Maurizio Ravasi
    ... mostra di più

    SOGGIORNO-CUCINA-PRANZO IN 10 MQ AIUTO!

    Q

    (7) commenti
    Dalle foto si direbbe che hai importanti problemi di risalita in basso e umidità da condensa in alto, a occhio si direbbe un locale seminterrato e senza isolamento termico Dovrai prima di tutto risolvere questi problemi, la condensa sui muri si può affrontare in maniera abbastanza risolutiva, liberando i muri dall'intonaco e facendoli asciugare bene, una volta rifatto l'intonaco andranno previsti dei frequenti ricambi d'aria, quindi i nuovi infissi dovrebbero avere la microventilazione e dovresti prevedere un VCM o un deumidifcatore il problema di risalita d'umidità dal basso è più difficile da risolvere e l'utilizzo di una soluzione piuttosto di un'altra dipende dal materiale del muro, dal sottofondo ecc, anche lì bisognerà rimuovere l'intonaco, che con ogni probabilità si starà sfaldando, poi ti serve una persona esperta che veda la situazione e ti sappia consigliare, intanto puoi chiedere consiglio online sul forum di arredamento.it al Medico della casa, è un amico e molto competente. per quanto riguarda la futura ristrutturazione, il pavimento in resina in presenza di umidità è assolutamente da evitare
    ... mostra di più
  • Nina

    Si ma Hermann, stai confondendo il concetto di minimi tariffari con tariffe uniche.

    Io non sono d’accordo sulle tariffe unificate che accennava @Bartolomeo Fiorillo nel suo ultimo post. Non sui minimi tariffari.

    Se stabilisci che sotto una certa cifra non si può chiedere, sostieni il giovane che deve farsi la clientela ma non stramazzi gli altri della categoria con cifre inapplicabili. Okay.

    ma se stabilisci che un dato lavoro a prescindere da chi lo fa costa una cifra fissa uguale per tutti, tu sminuisci il valore dell’esperienza e del lavoro stesso.

  • Hermann V.

    Non sto confondendo, il post parlava di tariffario unificato (che comprende il range tra minimi e massimi), non di tariffe uniche. Mi sembrava ovvio che parlando di reintroduzione del vecchio tariffario, il quale non scendeva oltre certi minimi, non dovessi specificarlo. Dei tariffari massimi nessuno si preoccupa, quello è un altro mercato, a cui non appartengono i ragazzi alle prime armi che ora offrono servizi a prezzi stracciati e di cui parla l'Architetto Fiorillo.

  • Nina

    Io ho replicato sulla frase di @Bartolomeo Fiorillo che riporto testuale “Se tutti avessimo le stesse tariffe, probabilmente non ci sarebbe speculazione”.

  • Hermann V.

    Per chiarire meglio la mia posizione, che a quanto pare si presta a fraintendimenti, ritengo sia giusto prevedere tariffe minime e massime in materia di onorari per tutte le prestazioni di base rientranti nella progettazione di superfici, nella progettazione edilizia e in altre progettazioni specializzate, per le quali la garanzia di un livello di qualità e sicurezza elevati risponde a un obiettivo di interesse generale. Se una casa crolla, non lo fa solo in testa al progettista o al committente che hanno lavorato al risparmio. Lascerei esclusi i servizi di consulenza, come l'interior design, i cui onorari dovrebbero essere liberamente negoziabili tra le parti. Non perché ritenga l'interior designer meno "di valore" rispetto all'architetto o all'ingegnere, ma perché la loro prestazione entra già di per sé in quel range di servizi di medio e alto livello, sono richiesti da un certo tipo di committenza che non ha problemi economici, non sono obbligatori né rientrano in ambiti sensibili e delicati quali la sicurezza.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Mi si o espresso male intendevo tariffe tariffe minime. forse mi spiego io male..!

  • Hermann V.

    Bartolomeo, io avevo capito cosa intendesse, cioè reintrodurre il vecchio tariffario, con i minimi e i massimi, quindi nel rispetto della libera concorrenza, la quale sottindende che ci sia libera scelta da parte del committente secondo le proprie possibilità, ma che garantisce anche i minimi reddituali dei liberi professionisti, anche quelli alle prime armi che devono costruire da zero la propria immagine, il proprio curriculum e un portafoglio di clienti. Ovvio che loro applicheranno il tariffario minimo, a meno che non siano figli di papà con studio già avviato.

  • Nina

    Perfetto ora è chiaro e condivido anche le differenze tariffarie tra estetismi e obblighi di legge citati da Hermann.

    Vorrei solo farvi notare che è esattamente a noi profani - potenziali clienti - che dovete far capire, non capirvi tra voi professionisti.

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Secondo la mia esperienza, se si potessero ancora applicare i minimi tariffari, a giovarne sarebbero proprio i giovani professionisti, perché non sarebbero costretti a onorari da fame. Per noi "più datati" ormai non cambia nulla: non è che abbiamo la "fila fuori dalla porta dello studio", ma, bene o male, riusciamo a scegliere come spendere il nostro tempo, decidendo cosa fare e cosa no, con la consapevolezza che se diciamo no a qualcuno, non stiamo fermi, ma abbiamo altro da fare. Ora, partendo da questo concetto, se ci fossero ancora i minimi tariffari, le tariffe degli "anziani" sarebbero più alte dei semplici minimi (almeno le mie lo sarebbero). Lo stesso discorso però vale oggi con lo sconto obbligatorio, nel senso che un "anziano" credo faccia sconti minori rispetto ad un giovane, rimanendo in linea con quelle che erano le entrate con i minimi tariffari in vigore. Quindi, per noi non cambia nulla, per i giovani invece si: guadagnerebbero decisamente meglio. Senza contare che con i minimi, di fatto il fisco, con gli strumenti che ha a disposizione oggi, beccherebbe subito eventuali colleghi evasori.

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    D’accordissimo con Michele

  • Hermann V.

    I commenti sono tanti e capisco che sia difficoltoso leggerli tutti, molti si ripetono. La discussione iniziale postata dall'Architetto Fiorillo è un grido di dolore e di allarme per la fine che sta facendo la Professione, poi era diventato chiaro fin dai primi commenti la necessità di reintrodurre un limite minimo agli onorari, fatta salva la libera contrattazione da quel limite minimo in su. Tutti gli architetti hanno dovuto farsi strada (tranne i già citati figli di papà), laurea, tirocinio, lavorare per studi già affermati e poi mettersi in proprio o associarsi. Se questo è stato possibile è proprio grazie ai minimi tariffari. Ora è un far west, e quindi anche chi non ha esperienza di cantieristica firma progetti e lo fa a prezzi stracciati, ma del resto le leggi glielo permettono, e pur di lavorare approfitta dell'assenza di paletti. Non viene tutelata la sicurezza, non viene tutelata la professione, non viene tutelata la committenza, è una deriva, un restare a galla un po' tutti per non affondare, ma la spiaggia diventa sempre più lontana o riservata a pochi.

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Hermann V.
  • Nina

    Faccio una domanda, sicuramente ingenua, forse già riportata da qualcuno ma, come ha fatto giustamente notare Herman, la discussione ha troppi post pregressi!

    Se la categoria è d’accordo, perché non si riesce a reintrodurre questo meccanismo? Chi mette il veto? C’è convenienza (se non truffaldina) a mantenere tutto così?

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Nina
  • Hermann V.

    Nina, la Legge Bersani fu un adeguamento a una Direttiva della Comunità Europea. Resta il fatto che anche se la Legge Bersani che ha abolito i tariffari è stata fatta per adeguarsi alle richieste della Direttiva CEE 123 del 2006, in Germania i minimi tariffari professionali continuano ad esistere.

    Cito da un articolo in merito al processo contro la Germania intentata dalla UE (Sentenza della Corte UE 4 luglio 2019, C-377/17)

    "(...) la Repubblica federale di Germania indica che le tariffe minime mirano a raggiungere un obiettivo di qualità delle prestazioni di progettazione, di tutela dei consumatori, di sicurezza delle costruzioni, di salvaguardia della cultura architettonica e di costruzione ecologica. Quanto alle tariffe massime, queste ultime sarebbero dirette a garantire la tutela dei consumatori assicurando una trasparenza degli onorari in relazione alle prestazioni corrispondenti e impedendo tariffe eccessive".


    Per me è questione di puro buon senso, e la DIrettiva CEE del 2006 ha buttato all'aria secoli di buon senso...

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Hermann V.
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Beh! Per me la mancanza di reintroduzione dei minimi tariffari, come dicevo nel messaggio precedente, non è da noi richiesta per una serie di motivi.

    1. per chi è già più o meno conosciuto non cambia nulla: su un ipotetico progetto di una certa complessità le mie tariffe sono le stesse, minimi o non minimi e quindi, per me, ma anche per tanti altri, il legislatore può imporre le tariffe che vuole, tanto le nostre parcelle, vuoi per l'impegno, vuoi per le spese e tutte le altre uscite che spesso si ignorano, non riuscirebbero a scendere di un solo centesimo;

    2. la vigente normativa ha senso per i risparmi sui lavori pubblici, ma quelli ormai sono davvero ridotti all'osso e quindi non fanno testo;

    3. I minimi converrebbero alle giovani leve che, essendo giovani, spesso (per non dire sempre) non hanno potere decisionale nei vari ordini. Il potere lo hanno i colleghi di cui al punto 1;

    4. probabilmente i "furbastri" non hanno alcun interesse alla reitroduzione dei minimi: oggi, quando si presenta un progetto in un quasliasi ufficio pubblico, quell'ufficio è tenuto ad informare immediatamente l'AdE del progetto e dei nomi coivolti in quel progetto. Ora con i minimi tariffari l'AdE saprebbe esattamente quant'è l'onorario minimo del professionista coinvolto e quindi potrebbe esigere un certo importo di tasse. Senza i minimi, con la legislazione vigente, si potrebbe anche fare, per un cliente che ci sta simpatico, un contratto "fittizio" in cui si fa il 99,9% di sconto sull'importo calcolato a norma e poi farsi avere in nero il resto. Ora, dato che i "furbastri", spesso hanno anche potere decisionale, ecco che i minimi tariffari in Italia, non torneranno mai.

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Io applico per quanto posso le regole dei minimi, cercando di rimanere nel giusto delle richieste. Non mi interessa speculare, ne sottocostarmi per lavorare, sono contento di non lavorare, che farlo con la corda al collo. Purtroppo molti utenti e molti potenziali clienti, non sanno il lavoro che c'è dietro un progetto, che esso sia di un arredamento per la camera da letto, o di una scuola per una comunità. Il problema di base che con l'abolizione dei minimi..mortacci suoi a Bersani...si è solo creato un sistema speculativo che va dal privato al pubblico. Per farvi un esempio: una volta quando si partecipava ai concorsi di progettazione, o alle manifestazioni di interesse, non vi erano vincoli economici, oggi partono da una base di gara misera, per arrivare alla miseria, lo stesso per i concorsi di idee..una volta i premi erano abbastanza buoni con incarico al vincitore. Oggi al massimo danno 1.500 euro e chiedono un progetto pari ad un esecutivo. Mentre nel privato si è creato grazie ai low-cost, il marcio della categoria, un meccanismo vizioso di tariffe ridicole da bancarelle del mercatino delle pulci...meccanismo che per qualcuno potrebbe essere comodo perchè crede di risparmiare, ma per altri al contrario solo una prestazione scadente.

    Quindi per me i low-cost sono solo il marcio del secondo mestiere più antico del mondo e meraviglioso quale quello dell'architetto.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Con la nuova 2020 i low-cost cosa faranno..si adegueranno con i poss o con le posta pay..? ;-)

    Magari sbaglio, ma credo che con l’obbligo del pos, nasceranno più evasori, più speculatori e più concorrenza..!

    https://www.edilportale.com/news/2019/11/professione/manovra-2020-confprofessioni-%C3%A8-punitiva-per-i-liberi-professionisti_73272_33.html

  • Franco2018

    Arch. Fiorillo POS, limite al contante, ecc non servono a nulla quando si paga in nero! La mafia non usa il POS e se ne frega delle ricevute fiscali: eppure prospera!!!!!

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Franco2018
  • PRO
    Roberta Tognoni

    Giuristi di tutto rispetto in ambito tributario e dintorni, sostengono che le leggi per combattere l'evasione fiscale gia ci sono, basterebbe applicarle.

    Se e' cosi possibile che i nostri politici non ne siano al corrente?

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Roberta Tognoni
  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM

    ma scusate, i progettisti, si sono laureati, abilitati, ogni anno fanno corsi pena l'espulsione... e poi arriva uno che ti tratta come un negoziante... " quello dei mobili mi ha fatto vedere subito la mia cucina... Mi domando...se anche gli avvocati non si diffendono da soli....perche uno che deve farsi una casa dove trascorrere 30 anni della propria vita( quasi un ergastolo) non sente la necessità di pagare un professionista? i penitenziari li fanno fior di progettisti...si? altro che minimi...

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato RAIMONDO MASU TEAM
  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM

    manca la cultura del progetto....

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato RAIMONDO MASU TEAM
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Si Roberta, magari ai nostri politici fa comodo la situazione così com'è. Pesaci bene :)

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ma infatti, il problema non è tanto del low-cost, quanto dei "venditori di fumo acculturati". Cioè di quelli che magari hanno anche una laurea in architettura (presa chissà dove), estremamente bravi con le parole, ma pessimi dal punto di vista architettonico. E' chiaro che il solo parlare, fornendo poco o nulla di progettazione architettonica, implica un basso compenso: sono solo parole ......

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    a me fa ridere questa cosa...perchè i politici credono che così non ci sarà evasione..poveri noi che siamo governati da persone ignoranti ed incompetenti

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ma no Bartolomeo. Per me sanno esattamente cosa e come lo fanno. Il fatto è che a un bel po' di lobby portatrici di pacchetti di voti, la situazione sta bene così come è.

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    sta bene per loro...

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    E non sta bene a me Bartolomeo. Alla fine, per colpa loro è penalizzato chi invece le tasse le paga. Per fare una fattura oggi ci vuole mezz'ora per ognuna e ogni volta è un casino. All'ultima che ho fatto, il sistema di verifica non mi riconosceva più (era scaduta la benedetta password che ti danno a scadenza e per cambiarla, ogni volta, ci vuole un'altro bordello di tempo ...... perso).

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Lo so..lo so..!

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    E certo che lo sai: ci credo ....... fai il professionista come me e tanti altri.

    Ormai mi viene la febbre ogni volta che devo ricevere un pagamento e aspetta che è tutto in regola: conto corrente dedicato, solo bonifici ecc. Ma non se ne può più. Questa la storia delle mie ultime quattro fatture. L'ultima l'ho già descritta: la benedetta password che non sono ancora riuscito a recuperare. La penultima è andata liscia (bontà divina). La terz'ultima era per uno stesso lavoro, stesso cliente persino stesso importo in acconto. Ora cosa fa uno per far presto? Ovvio: fa copia incolla ...... e invece no. Se fai copia incolla il sistema di controllo (maledetto chi ha fatto il software di verifica) ti da errore: devi riscrivere per forza tutto e già questo me le fa girare voticosamente. Ma il punto è stato che per capire che non puoi fare copia incolla, ho perso mezza giornata: già perché mica te lo scrivono ..... no, ti danno quel cacchio di codice che prima devi cercare cosa significa, poi devi interpretrare cosa vogliono dire con quelle quattro parole che ti scrivono e poi, quando finalmente hai capito riesci a farla. Li mezza giornata persa.

    La quart'ultima, avevano cambiato il sistema di protezione della pec: mandavo la fattura e mi tornava indietro, altro codice, altro errore, altra interpretazione, altra mezza giornata persa, per far capire al mio software che la mia pec era ed è in regola e che quindi doveva mandare la fattura con le credenziali giuste. Altra mezza giornata persa.

    Mi fermo qui ma potrei continuare tranquillamente. E...... tutto questo per cosa? Per voler essere in regola ovviamente. Ma davvero non ne posso più: sei costretto a barcamenarti tra sistemi malfunzionanti, commercialisti, software, password e chi più ne ha più ne metta. E l'architetto quando lo fai? Ma nel tempo che ti rimane ovviamente :) Siamo al paradosso e ovviamente se la passa nettamente meglio chi evade. Già perché quelli non li beccano, a me invece rompono le scatole, come ho scritto, nel 75% dei casi (tre fatture sulle ultime quattro). Il paradosso è che così, prima o poi, la voglia di evadere te la fanno venire, questi maledetti. Quando sarebbe bastato reintrodurre i minimi, lasciare il vecchio sistema di fatturazione ed esigere il pagamento a bonifici su conto dedicato. Tanto l'AdE ormai sa subito in quale lavoro sei coinvolto, con i minimi saprebbe anche l'importo e su quello esigere le tasse. Sistema semplice ed efficacissimo.

  • stefaniasasso61

    Scusate ma eè cosicosì anche per gli artigiani che da 1 settimana chiedo mi mandino l importo e coordinate per bonifico infissi e tapparelle e non me l hanno ancora msndato?

  • Hermann V.

    Sapete il nome della società di informatica autrice del software? Se è la stessa che ha realizzato il software delle dichiarazioni on-line dell'Agenzia delle entrate, vi capisco. E' un software antiquato, poco o zero intuitivo, pieno di ostracismi e contraddizioni. Parlando delle mille difficoltà che si incontrano nell'usarlo (e dei vari rifacimenti di dichiarazioni, prima di capire come fare) con un amico programmatore che lavora per una società di software privata, lui mi ha detto che gran parte del suo lavoro consiste nel realizzare programmi di uso semplice e intuitivo per la loro clientela (commercialisti) ma capaci di dialogare col software dell'Agenzia delle Entrate bypassando le problematiche che questo crea, essendo un software datato. Insomma, la società appaltatrice dello Stato viene pagata per la fornitura del software ma sono anni che non lo ammoderna, si limita ad adeguarlo alle modifiche normative di ogni anno. Pagati per fare il minimo indispensabile, e chi se ne importa delle difficoltà che i contribuenti incontrano nel rapportarsi con Fisco On Line.

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Hermann è così per tutti i software che in qualche maniera hanno a che fare con gli enti pubblici. Sia che siano datati, sia per quelli nuovi. Non c'è verso: la stessa burocrazia che ci mettono nelle normali vicende riescono a trasferirla anche ai softwares. Non c'è scampo.

    Ma non sono né gli ostracismi né le contraddizioni a dar fastidio: capito il sistema, uno si adegua. Il fatto è che ticambiano le carte in tavola continuamente, senza nessun nesso logico, senza un perché. Lo fanno anche per le cose futili. Ad esempio, nella mia regione, per un semplice certificato APE, devo mandarlo, come da disposizioni nazionali in formato XML. Fin qui nulla di strano, ma perché devo inviarlo anche in formato PDF (e mi va ancora bene) e riscrivere nel sistema tutta l'intera APE? Perché se già ti ho dichiarato tutto, firmato tutto ed allegato tutto. Che senso ha avere tre volte la stessa cosa. Poi, ogni volta devo correggere e risalvare il mio indirizzo. E' sempre quello. Lo correggi, lo salvi, mandi l'APE (le tre APE), tutto a posto e poi, quando ne rimandi un'altra, di nuovo, stesso errore, stessa correzione, stessi casini.

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Si Dottoressa. E' così per chiunque faccia fatture elettroniche.

  • stefaniasasso61

    Bella roba!! Infatti siamo tutti diprndentidipendenti da segretari che ci seguano parte burocratica infotmatica

  • stefaniasasso61

    Ci vorrebbe associare piupiù professionisti e 1 segretario che faccia fatture

  • PRO
  • Bruna ..

    Ahahah, Architetto Abbate se si lamenta di questi disguidi è perchè non ha mai provato a fare le fatture elettroniche per il fotovoltaico sul portale GSE. Sono costretta ad usare il loro portale per emetterle ( e non il mio gestionale che uso per le normali fatture di attività) e a tremare ogni mese perchè la notifica dello SDI arriva dopo 26/28 giorni facendomi sempre temere per il corretto calcolo dell'Iva ecc ecc.


    Comunque sono appunto problemi che ormai hanno tutti, non è un accanimento contro gli architetti, come da titolo :-)

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    E no Bruna, faccio anche quelle, purtroppo. E mi ricordo bene anche quante volte dovevi allegare il documento di identità quando c'erano i conti energia. Te lo ricordi? Ogni cosa che allegavi, ci dovevi mettere il tuo documento d'identità, come se tra l'allegare un documento ed un altro, di colpo cambiasse la tua identità :)

    Stessa cosa tornando all'APE. Ho le mie credenziali di accesso al sistema. Bene, se a quelle credenziali corrispondo io, perché ogni volta devo scrivere chi sono, dove vivo, a quale titolo posto l'APE, che laurea ho. Vogliono persino sapere a quale classe di laurea corrisponde :) Ogni volta, ogni santissima volta. SONO SEMPRE IOOOOOOOOO, CON QUELLE CREDENZIALI SONO IOOOOOOOOO.

  • Hermann V.

    E per fortuna voi siete giovani, io mi ricordo ancora di quando si doveva battere tutto a macchina ;)

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Si Bruna, stiamo uscendo fuori tema, ma ad un certo punto si è cominciato a parlare di evasioni fiscali, di minimi ecc. Non è colpa mia :)

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Hermann sono del 1965, quindi mi ricordo quando si protocollava tutto a mano. Fidati: era meglio. E te lo scrive uno che ama l'informatica, uno che si barcamena decisamente bene in quel campo.

  • Hermann V.

    :D A mano forse era meglio, si sbagliava meno. Poi hanno cominciato a esigerli battuti a macchina perché alcuni documenti erano illeggibili (ricordo addirittura dei tecnici che compilavano i moduli con il normografo :D :D :D), e indovina qual era il nastro che si consumava di più? Quello correttore.

  • stefaniasasso61

    assciare commercialista architetto geometra piu categorie e 2 segretari che si occupino delle fatture è che bisogna vedere se conviene.. rispetto alla mole di lavoro altrimenti armarsi di pazienza. Per la trasparenza tanto casino che alla fine vien da dire non farmela la fattura se non scalo, però non è giusto neppure così perche se uno deve scalare gli occorre la fattura . Io mi incazzo con sti computer e per fortuna che puo entrare il 7000 e lo manovra lui ma è tutta una password cominciare da HOUZZ che mi è scomparsa anche la foto del profilo ma tanto non perdete niente è che sembra che ti nascondi infatti come volevosivolevo si dimostrare ci sono le cosce e non la facvia e adesso non so come modificare scusatemi... La popolana alla spisghiaspiaggia coi secchielli

  • PRO
    Architettare

    Buongiorno! Il servizio low cost funziona di solito come i viaggi, puo` essere una furbata, un attira clienti che, se li agganci sono quelli che poi noi "regular" spesso dobbiamo andare a salvare in corsa e che stanno dilapidando denaro senza controllo. Oppure il livello del servizio e` pari al prezzo pagato, ovvero basso. Oppure sono giovani professionisti che provano a lanciarsi sul mercato...e tutti sperano di trovare quelli, in fondo. Da non confondere il low cost con le super offerte dei viaggi last minute che possono essere vere e piacevoli sorprese, ma progetti last minute non esistono nell`ambito dell`edilizia! Certo, e` DIFFICILISSIMO scegliere un professionista. E questo sta a voi, cari clienti. Internet vi da` accesso ai loro lavori, pero` dovete saper guardare dentro, sapete perche` una casa vi piace piu` di un`altra? Avete presente persone bruttine ma che sanno vestirsi benissimo? Avete presente persone bellissime e che stanno bene con uno straccio? Avete presente persone brutte e vestite a caso ma affascinanti? Togliete gli arredi ad una casa, completamente. Cosa rimane? Ecco, l`architetto e` la persona che dovrebbe essere capace di disegnare, ridisegnare (o mantenere) la bellezza degli spazi, nelle aperture, nei materiali. Dovrebbe esse quella persona che progetta gli spazi che consentano di avere piu` luce, sprecare meno energia e dove possiate vivere confortevolmente. Dovrebbe aiutarvi a tirare fuori spazi che avete in mente. Poi, effettivamente, a scegliere una piastrella e un divano, ce la si puo` fare anche senza il nostro aiuto oppure basta un nostro consiglio, anche gratuito. Conti alla mano, a me piacciono i numeri e tengo da vent`anni tutta la contabilita`. Volete sapere se costa di piu` una ristrutturazione fai da te o una guidata? I numeri vi impressionerebbero...d`altra parte " per risparmiare, non si bada a spese!".

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Architettare
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Vi ho lasciato soli per un po’ e quanto avete scritto..!

    rispondonin modo generico al quesito software per le fatture elettroniche: io uso il sistema Aruba sia per le fatture che per la pec e non mi da particolari problemi..tranne che per come dice michele diventa una avventura in termini di tempo per preparare una fattura. la digitalizzazione ed il telematico per la consegna di documenti e pratiche avrebbe dovuto velocizzare, ed invece ha solo prolungato il tempo per noi professionisti per preparare ed inviare documenti in generale.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    In merito ai low-cos, credo che siano e continuo a dirlo il marcio della categoria... semplicemente perché sono se così possiamo chiamarli professionisti che non sono in grado di tenere testa ai pro seri e competenti, e lanciano questi servizi esponendo come al mercato. Personalmente mi piacerebbe avere in cantiere uno di questi soggetti specialmente quando subentrano intoppi di tipo strutturale o impiantistico..!

    ma come ha ben espresso negli esempi @Architettare, vanno fatte delle distinzioni dettagliate..cosa che spesso non fanno gli utenti che arrivano su internet credendo di risparmiare, incappando magari nel low-cost a tariffe scontate..ma se ne accorgono solo dopo quando si presentano problemi e loro sono impossesso solo di bei rendering che servono solo a guardarsi una eventuale e futura casa..!


  • Hermann V.

    Un epilogo frequente, direi anzi "sicuro", quello di spendere tanti soldi senza avere poi il risultato sperato. Se non si ha conoscenza di esecuzione e coordinazione dei lavori, dei materiali, dei fornitori, degli artigiani esperti nella posa e nella decorazione, inutile avere un rendering in mano. Sarebbe come pilotare un aereo o manovrare una barca guardando solo il "prospetto" del veicolo sul manuale delle istruzioni :)

    Bartolomeo Fiorillo ha ringraziato Hermann V.
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Purtroppo sono abbastanza frequenti queste cose Hermann..e sono frequenti le persone che credono di poter fare da soli rivolgendosi ai low-cost credendo di risparmiare

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM

    giusto per sdrammatizzare... i minimi, chi regala, chi millanta.... mi sembrano come le mezze stagioni... anche Melville fa dire a un marinaio in moby dick ...le mezze stagioni non esistono più , cosi come michelangelo ricchissimo e avaro, litigava con Giulio II per i pagamenti, o ....o

    La questione è irrisolvibile ma siccome non può esserci progettista senza un committente...forse anche i committenti, che sono sempre come una volta...anziche lamentarsi dopo....potrebbero ragionare prima....ieri non ho preso un incarico (consulenza parziale per un recupero di un immobile inizio ottocento) perche l'impresa ha esposto un'extra pari alla mia parcella preventivo...all'obiezione ..ma forse questo extra c'è perche non hai un progetto da seguire---risultato: limpresa continua a lavorare io non ho l'incarico.... dov'è la differenza?

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    La differenza sta nel fatto, inconfutabile, che sei un professionista serio Raimondo e quindi non ti presti a giochetti vari.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.