valentina_mantovani29

Pavimento anni 80 della discordia..AIUTO

Valentina Mantovani
3 anni fa
Ultima modifica:3 anni fa

Buonasera a tutti! Io e il mio compagno abbiamo appena acquistato casa, l'appartamento costruito negli anni 80 è potenzialmente bellissimo 130mq un ampio terrazzo, un salone di 30mq. In tutta la casa ad esclusione del bagno campeggia un pavimento a piastrelle tipico dell'epoca: marrone con striature gialle (o viceversa) lo vedete in foto con varie situazioni di luce (la casa non è ancora stata toccata dopo l'acquisto). Io vorrei coprirlo con un vinilico o con un laminato, il mio compagno vorrebbe risparmiare questo costo (stimato da alcuni preventivi dai 7.000 ai 10.000) euro per altre ristrutturazioni energetiche che ritiene più importanti. È possibile secondo voi in qualche modo valorizzare un pavimento così demodè?. Ammetto che faccio fatica a immaginare la MIA casa con un pavimento simile...AIUTO!



Commenti (42)

  • PRO
    silvia piccioni architetto
    3 anni fa

    Con quella cifra informati per un bel parquet in legno vero. Io eviterei i materiali economici e interverrei sul pavimento dato che una volta occupata la casa non potrete più rifarlo. Tra tracce per gli impianti, qualche modifica di layout, qualche verifica degli impianti, vedrai che il pavimento sarà da toccare comunque.

    Valentina Mantovani ha ringraziato silvia piccioni architetto
  • ammila
    3 anni fa

    Da rifare....meglio prima del trasferimento....

    Valentina Mantovani ha ringraziato ammila
  • Discussioni simili

    Arredare con pavimento anni 80, aiuto!

    Q

    (3) commenti
    Buongiorno Mapu, viste le foto capisco le vostre perplessità in merito alle pavimentazioni esistenti, sono banali e di scarsa qualità, quindi vi posso solo suggerire di rinnovarli e per farlo senza demolizioni esistono almeno due soluzioni belle e moderne che non prevedono la demolizione. La prima è coprirli con CRETE300-cementodiluna®, è un materiale performativo dall’estetica raffinata, affidabile e idoneo per ogni ambiente, esistono in catalogo 24 colorazioni standard prodotte con ossidi e terre naturali in circa 5mm riuscite a realizzare tutta la stratigrafia necessaria a rinnovare completamente l'estetica della casa. L'altra soluzione è di utilizzare il grès a spessore ridotto (3mm), di questo materiale esistono in commercio tantissime finiture e colorazioni, con poco spessore (3mm + la colla) potete coprire e rinnovarne completamente l'aspetto. Entrambi hanno un costo tra fornitura e posa da min 60 €/mq in su. Per qualsiasi informazione non esitate a contattarmi 3921062091
    ... mostra di più

    Come svecchiare bagno anni 90?

    Q

    (40) commenti
    Io ho piu o meno il tuo stesso problema,ovvero in bagno con piastrelle e pavimento anni 80,sono in affitto e ho optato per ricoprirle con lo smalto per piastrelle e pavimenti perché mi sembra la soluzione più economica. Questo il mio consiglio quando non ce la fai proprio ad accettare di vedere ogni giorno quei disegni anche se ammetto che rispetto a me sei fortunata perchè non sono brutti. Nel mio caso abbiamo un unico bagno quindi mi verrebbe da chiedere approfittando anche dei tanti pareri: come si fa a stendere lo smalto sul pavimento ed aspettare che si asciughi prima di calpestarlo quando si ha un solo bagno a disposizione?
    ... mostra di più

    Buongiorno, sto lavorando al progetto della mia nuova cucina

    Q

    (9) commenti
    Concordo con @arcoatelier sulla cucina ad “elle” ovviamente sulle pareti 357 e 400 La “u” non la trovo razionale, in primis perché significherebbe perdere la metà del lato lungo e ti ridurrebbe notevolmente lo spazio contenitivo, e comunque perché in un ambiente così piccolo la penisola la trovo eccessivamente ingombrante. Per la colazione veloce potrebbe essere un pianetto da studiare nell angolo opposto ( tra le due aperture) oppure un estraibile sulla cucina stessa, guarda le soluzioni di https://www.atimspa.com mi è capitato di usarle e le trovo molto interessanti. Il lavello sotto la finestra, ok se ti piace, ma lo Scolapiatti? Non hai indicato una lavastoviglie anche se immagino la metterai, il Lavello sotto la finestra significa lavastoviglie obbligatoria e senza scolapiatti, oppure occorre prevederlo sul piano o comunque con soluzioni stilisticamente molto belle ma anche molto più costose rispetto al classico pensile sopra al lavandino
    ... mostra di più

    Suggerimenti per svecchiare una Villa anni 80

    Q

    (9) commenti
    da semplice utente, ma con esperienza di quel tipo di marmo (salone 50 mq ed ex sala da pranzo ora cucina) se posso consigliare eviterei il divano nero..il marmo non essendo chiaro se nn gode di intensa illuminazione scurisce molto ed e' obiettivamente limitante per i colori dell'arredamento. Trovo interessante il cambio dello zoccoletto e l'utilizzo del nero per i dettagli, forse piu che bianco sparato le pareti le farei di un grigio chiarissimo e mi spiace ma mi associo alla sostituzione della finestra all'inglese... cozza con l'impronta moderna che vuoi dare! io ho optato per una carta da parati grigio argento e divano ghiaccio, avendo poi diversi mobili in legno (tavolini brasiliani, qualche pezzo giapponese) ho optato per uno stile... misto!
    ... mostra di più
  • Sabrina Pierantozzi
    3 anni fa
    Non posso darti consigli tecnici però ti suggerisco di convincere il tuo compagno! È davvero brutto e, come ha detto l’architetto prima di me, più avanti sarà difficoltoso sostituirlo...
    Valentina Mantovani ha ringraziato Sabrina Pierantozzi
  • Valentina Mantovani
    Autore originale
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Si la mia idea infatti era coprirlo... mi piaceva molto l'idea del parquet ma mi spaventava la "delicatezza" in più in cucina non potrei metterlo. Tenerlo significherebbe una scelta di arredo davvero difficile.


  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Un prefinito in legno parte da 40 ed arriva anche i 150€ al m.

    quelli in laminato costano molto meno.

    poi potrebbe optare per la resina..o al

    massimo se proprio deve sostituire tutto prende una Kerlite anche seconda scelta Da 3 mm e la incolla sull’esistente. Diciamo che chi le ha chiesto quei soldi probabilmente ha capito che ne capite poco e cerca di speculare..

    con un 5.000 euro secondo me

    riesce a prendere una Kerlite seconda scelta che le costa intorno ai 20€ al mq e la posa pure.

    Valentina Mantovani ha ringraziato Bartolomeo Fiorillo
  • Valentina Mantovani
    Autore originale
    3 anni fa

    Grazie! Chiederemo sicuramente altri preventivi considerando come da suo consiglio la Kerlite. In effetti non siamo del mestiere e abbiamo bisogno di tanti pareri per farci una idea e capire. Sicuramente un prezzo minore potrebbe convincere il mio compagno in merito.

  • vale ria
    3 anni fa
    Sono d'accordo col coprirlo... Anche perché sicuramente cozza con i mobili NON anni 80 che andrai a inserire nella casa :P
  • Franco2018
    3 anni fa

    Cotto d'Este produce una kerlite da 3.5 mm (7.8 kg/mq) più la colla si dovrebbe restare sotto il mezzo centimetro. Per le porte come si fa? Bisogna smontare tutti i braghettoni per alzarle? Per la porta blindata la vedo complicata. :-(


    Nel mio vecchio alloggio alcune piastrelle in più punti si son spaccate, anche dopo averle sostituite 20 anni fa. Incollando la kerlite sopra si rischia che si spacca anche questa? O è meglio rifare il fondo (non ho idea del perché si siano spaccate, fra l'altro solo in una camera)?

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Tutti ormai producono Kerlite da 3 mm. E comunque non resta sotto il mezzo centimetro con la colla, ma forse ci va sopra il mezzo centimetro.

    In merito alla paura che si possano spaccare quella è dettata dalla stabilità del pavimento sottostante..se ha mattonelle che si muovono o avvallamenti allora si rischia, altrimenti no.

    ae Non vuole rischiare deve solo far posare un dlottante o in alternativa ed è ciò che farei io, rimuovere tutto e rifare il masso e le mattonelle. Sempre con Kerlite magari una seconda scelta o in alternativa se eimuovesse tutto una mattonella 90x90 da 1cm è vedrà che con quei soldi secondo me ce la fa..!

    Se non sono indiscreto: dove si trova la casa..?

  • Bil
    3 anni fa

    Come ti è stato già suggerito, fatti fare altri preventivi! Per quanto ne so, è esagerata proprio la cifra che ti è stata proposta! Ad ogni modo, devi assolutamente sostituire il pavimento. Considerando che la casa è vuota e comunque dovete fare la ristrutturazione, è sempre bene fare il massetto nuovo in una casa di quasi 40 anni fa!

  • PRO
    Lorenzo Dimartino Interior Design
    3 anni fa
    Valentina, ad essere obbiettivo quel pavimento non lo riesci ad abbinare a nessun stile .... cambialo :-)
    se è ancora in buono stato (il piastrellista ti darà conferma) potresti sovrapporre un bel gres.
    Valentina Mantovani ha ringraziato Lorenzo Dimartino Interior Design
  • PRO
    Arch. Claudia Baldi - MatStudio
    3 anni fa

    Concordo, cambialo. E' bruttissimo.

    Eventualmente anche senza rimuoverlo e ricoprendolo con un pavimento ultra sottile o una resina. Piuttosto rimanda l'acquisto di qualche arredo per un po'.

  • Sandra Bardin
    3 anni fa

    Avevo lo stesso problema al piano camere da letto epoca anni '70 al mare, mattonelle raccapriccianti. La sostituzione totale (sollevare vecchio pavimento e posizionare il nuovo) avrebbe dato la cifra che citi; con un prefinito legno di buona qualità incollato sopra il preesistente me la sono cavata con 4.500 tutto compreso, materiali e posa, per 60 mq circa. Il vinilico a colpo d'occhio è bello, ma quando ci cammini lo senti, fa molto cheap. Inoltre se devi sostituire una doga per un danno localizzato puoi farlo, mentre in una resina spalmata senza soluzioni di continuità no.

  • PRO
    Gilardi Interiors on Staging
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Ciao Valentina, concordo con i colleghi: sarebbe del tutto meglio cambiare il pavimento. Oltre alle varie soluzioni prospettate, tutte valutabili con unica discriminante mood desiderato e budget, io ti consiglio anche di valutare di pitturare le piastrelle esistenti. Una maestranza capace ti renderà un prodotto finito molto bello e resistente utilizzando un budget limitato. Pensaci :-)) In bocca al lupo!

  • PRO
    Lorenzo Dimartino Interior Design
    3 anni fa
    Valentina, tutto ciò che hai letto ha un senso se il pavimento e ben solido e non ha subito nessuna forma di distacco dal massetto.
    Data l'età della pavimentazione penso che sia un problema che tu debba tenere in considerazione ..
  • Roberto Romanzi
    3 anni fa

    Se non è scheggiato o crepato è simpatico, arredandola con buon gusto non ci vedo nulla di male, anzi è un bel vintage che c'è chi pagherebbe per averlo. Capisco che le foto con quell'arredo e quella tintura fanno paura, ma considerato che la tonalità è la stessa del legno si possono fare bei abbinamenti stilistici. Poi... de gustibus semper.

  • dyliane
    3 anni fa

    il pavimento e' davvero osceno, fuori discussioni cambiarlo

  • PRO
    archèTìpe
    3 anni fa
    è veramente brutto....sostituiscilo e come già detto da chi mi ha preceduto opterei per un bel materiali che sia parquet, gres, kerlite o resina......mai laminato o pvc.
  • Valentina Mantovani
    Autore originale
    3 anni fa

    Roberto Romanzi, davvero non riesco a immaginarlo... puoi farmi qualche esempio? stiamo valutando un laminato o un vinilico, avevamo anche pensato alla kerlite ma siamo un po frenati dalla possibile fragilità di una piastrella ipersottile


  • Roberto Romanzi
    3 anni fa

    cerca "arredo su pavimento vintage"

  • Roberto Romanzi
    3 anni fa

    ci sono una miriade di esempi e soluzioni

  • Valentina Mantovani
    Autore originale
    3 anni fa

    qui su houzz?


  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Sicuramente il pavimento è datato e la cosa migliore da fare sarebbe sostituirlo, ma se il budget è limitato giocare con i colori e dare personalità all'arredamento potrebbe distogliere l'attenzione dal pavimento che passerebbe in secondo piano. Vedendo la tua cucina mi sono ricordata di questa vecchia cucina di cui mi ha colpito il restyling. Anche quella che hai postato ridipinta con un colore deciso potrebbe anche avere del carattere se ben inserita nel contesto. Tavolo e sedie le manterrei come sono e farei resinare le piastrelle a parete di bianco . Per darti l’idea di un possibile risultato per un’idea vintage se volete pensare di investire il budget in altri ambiti (tipo sostituire gli infissi con altri a risparmio energetico, o rifare impianti del bagno o altro)

    Nel Cuore di Brescia · Maggiori informazioni


  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Per il salotto potresti pensare a coprire il pavimento con un bel tappeto grande che copra il più possibile il pavimento

    via Conca del Naviglio - Milan · Maggiori informazioni


    inserendo un divano colorato con cuscini che riprenda i colori della cucina

  • PRO
    IN LEGNO di Rozzi Emanuele
    3 anni fa

    Buongiorno Valentina, la sostituzione del pavimento sarebbe opportuno farla prima di entrare ad abitare in casa. Dato che l'appartamento l'avete appena acquistato, e credo che vogliate abitarlo per il maggior tempo possibile, dovreste considerare che le spese fatte oggi le potete ammortizzare nel lungo periodo.

    La scelta del laminato di consente di spalmare la spesa per il pavimento in 10 anni, guadagni pochi anni in più scegliendo il vinilico, mentre con il parquet puoi ragionare di giustificare la spesa nei 25/35 anni di utilizzo prima di rimetterci mano per una manutenzione straordinaria!

    Ovviamente il discorso sopra vale per materiali di qualità posati secondo regole specifiche.

    Indipendentemente dal tipo di pavimento che vorrete acquistare fate verificare preventivamente lo stato del pavimento esistente prima di pensare di posare sopra a quello un nuovo pavimento: la possibilità che quei pavimenti tendano a scoppiare è molto elevata quindi meglio controllare ed intervenire prima date le dimensioni dell'appartamento.

  • Sandra Bardin
    3 anni fa

    Sottoscrivo totalmente il commento qui sopra! Agli esperti suggerisco di spiegare chiaramente che cosa comporta la soluzione in resina in caso di danni al pavimento (crepe o forti scalfitture) e, nel caso di pittura sopra le preesistenti mattonelle, quanto regge il calpestìo nel tempo.

  • vale ria
    3 anni fa

    Io avevo scelto il pvc di livello alto per metterlo in casa mia, ma quando l'ho visto montato non mi è piaciuto per niente ed ho "ripiegato" sul rovere prefinito. Inoltre essendo materiali nuovi (come la pittura per le piastrelle, non è tanto che viene fatta) non si ha ancora la statistica per capire quanto durino nel tempo

  • Valentina Mantovani
    Autore originale
    3 anni fa

    In effetti il dubbio che il pvc posato in grande scala sia un po finto e al calpestio gommoso ci è venuta anche valutando materiali di alta qualità, dato che si tratta di polimeri ci siamo anche informati sulle eventuali emissioni di rilascio del materiale (cov), mentre per il laminato ci spaventa la resistenza... per la copertura con resine e pitture abbiamo appunto ragionato sulla durevolezza e devo dire che come soluzioni non ci hanno convinto. La cucina sarà sostituita con una nuova anche per questo dobbiamo valutare bene l'impatto estetico. In più grazie per il consiglio sulla durata anche delle vecchie piastrelle... forse sono talmente datate che non garantiscono più affidabilità o ho interpretato male?

  • PRO
    FLOOR équipe - Levigatura e lucidatura pavimenti
    3 anni fa
    Se ne avete la possibilità vi consiglio di rimuovere il vecchio pavimento e posare il nuovo. Può sembrare una seccatura, ma la demolizione ed il nuovo massetto vi permetteranno di scegliere con molta più libertà la nuova pavimentazione, ottenendo un lavoro molto più preciso e senza difetti (errori di posa, poca stabilità, denti tra un ambiente e l'altro ecc.)
  • PRO
    FLOOR équipe - Levigatura e lucidatura pavimenti
    3 anni fa
    Soprattutto, non fatevi abbindolare dalle resine. Un buon lavoro ha costi elevati e ci capitano spesso richieste di intervento per rimuoverla o riparare distaccamenti e sbollature. Su quelle piastrelle inoltre non avrebbe l'ancoraggio più sicuro.
    Avete valutato una superficie continua in microcemento?
  • Fabio Esposito
    3 anni fa

    Premesso che la scelta del pavimento è principalmente una necessità estetica, con cui poi tocca convivere per un lungo periodo, è possibile fare scelte che hanno senso anche energeticamente parlando. Scegliendo tinte chiare sia per i pavimenti che per le pareti interne si può anche andare ad intaccare in parte il consumo energetico derivante dall'illuminazione degli ambienti, soprattutto nelle giornate in cui l'apporto naturale di luce non è particolarmente elevato. In questo senso sostituire il pavimento rappresenta comunque una piccola opportunità per fare efficienza.

  • PRO
    ICEAM SRL
    3 anni fa

    Buongiorno quando si parla di ristrutturazione e' ovvio modificare per migliorare cio' che e' esistente, se poi bisogna fare una stima del budget che si ha disposizione chiaramente

    in quel caso bisogna intervenire solo a cio' che e' indispensabile.

    Prima cosa adeguamento dell' impianto elettrico e quello idraulico poiche' si tratta di una casa un po' datata.

    Seconda cosa per evitare di smantellare il pavimento, si puo' sovrapporre un bel laminato (prezzo circa € 18-20 metroquadro) e con un costo di manodopera di € 10 metroquadro compreso di zoccolatura. Un buon laminato puo' essere considerato anche in cucina, considerando ovviamente alcuni accorgimenti nella manutenzione per la pulizia.

  • PRO
    CP Basalti srl
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    Buonasera Valentina,

    credo sia davvero difficile valorizzare il suo pavimento attuale.

    Con le cifre da lei indicate noi siamo in grado di offrirle un marmo o una pietra naturale come il basalto, (le allego qualche foto). Anche noi le suggeriamo di fare altri preventivi.






  • Claudia Canesi
    3 anni fa

    Coprilo con una bella resina

  • Franco2018
    3 anni fa

    Beh, volendo valutare l'opzione proposta da Roberto Romanzi ecco il link per la ricerca delle immagini "arredo su pavimento vintage".


    https://www.google.it/search?q=arredo+su+pavimento+vintage&rlz=1C9BKJA_enIT590IT590&hl=it&prmd=isvn&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwjBt5qPpsrdAhWxzoUKHS3qBcwQ_AUIESgB&biw=1024&bih=653

  • PRO
    Showroom Le Porte
    3 anni fa
    Ultima modifica: 3 anni fa

    l’arredo vintage se il pavimento non ti piace proprio e non ha valore è un paliativo, un conto è un bel marmo da lucidare o un parquet antico, o delle cementine storiche, tutte cose che anche se non sono proprio nel tuo stile ti fai andare giu perchè hanno comunque un loro intrinseco valore e anche se non sono esattamente il tuo pavimento ideale riescono a valorizzarsi con una giusta dose di manutenzione e modernità, un conto è la piastrella economica industriale delle costruizioni degli anni 80 che condizione tutto lo spazio che dovrai vivere, in fondo è la tua casa, ti rappresenta e dice tutto i te, scusa la franchezza, a volte un po’ brutale ma in sostanza se non sei una estimatrice di tale pavimento ( perchè i gusti sono gusti e c’è anche chi li apprezza) l’opzione del laminato mi sembra una buona soluzione. Mi sembra sia un po’ troppo il budget perchè di solito un ottimo laminato non supera i 25/30 euro MQ, io conosco quelli di garofoli che sono tra quelli più cari e facendo i conti anche standoci larghi con 35 euro per 130 mq dovresti stare sotto i 5.000 euro.

    Il parquet in laminato flottante ti consentirebbe inoltre di non toccare momentaneamente tutto il discorso impianti se non vuoi fare interventi invasivi per il momento, di solito quando si mette mano al pavimento dopo 40 anni gli impianti infatti andrebbbero rivisti, però, c’è da dire che alla peggio con il parquet in laminato flottante non ci avrai speso una fortuna E magari rischi di andare avanti tranquillamente tanti anni ancora. senza problemi.

    per lo spessore non mi preoccuperai dal momento che dovete cambiare gli infissi ( per il discorso energetico) e le porte interne se non volete cambiare e solo riverniciare si tagliano sotto.

  • Valentina Mantovani
    Autore originale
    3 anni fa

    Buonasera a tutti... riesumo questo post di fine estate per dirvi che la situazione si è evoluta positivamente. Abbiamo fatto il conto dei lavori e con la consulenza di un amico muratore abbiamo deciso di togliere noi le piastrelle e salvare il vecchio massetto, sottoposto solo a una (a detta sua) "ristrutturazione" dato che sono incollate in maniera molto blanda e vengono via con poco. Siamo quindi giunti alla scelta del nuovo pavimento che sarà un gres porcellanato... pensavamo a un effetto pietra opaco e un po ruvido (colore sabbia)... qualcuno ha esperienze? meglio effetto lucido?

  • Sandra Bardin
    3 anni fa

    Fossi in te terrei conto della praticità specie sotto il profilo pulizia, cosa a cui muratori, architetti e arredatori (uomini) non pensano quasi mai. Cioè: sulla finitura lucida lo straccio passa velocemente ma aloni e pedate si vedono subito; sull'opaco questo si nota meno, a patto che la superficie sia liscissima sempre per la facilità di pulizia. Esteticamente, preferisco l'effetto satinato.

  • federica_desantis
    3 anni fa
    Buongiorno Valentina, concordo pienamente con Sandra. Ti sconsiglio il gres ruvido perché non si pulisce facilmente ed è più adatto ad ambienti esterni. C’è un’ampia gamma di pavimenti dall’effetto “grezzo” ma con superficie di fatto satinata, che anche io preferisco alla finitura lappata.
    In merito agli altri commenti, ho sperimentato parquet, laminati e vinilici e posso dire che, se scelti di buona qualità, rispondono tutti egregiamente ad esigenze diverse. Un particolare sottovalutato... quando gli immobili sono abitati, anche rilucidare il parquet è un intervento abbastanza invasivo...
  • Bianca Bottega
    3 anni fa
    ho avuto esperienze con un gres opaco liscio..lo sconsiglio vivamente. anche dopo aver passato lo straccio si intravedono aloni e macchie difficilissime da togliere! immagino che scegliendo la finitura ruvida si possa camuffare il tutto, ma in ogni caso preferirei il semilucido.
  • Nina
    3 anni fa

    La finitura ruvida un po’ grezza te la sconsiglio vivamente....color sabbia poi ancora meno! Si pulisce male e alla lunga restano depositi più scuri impercettibili sulle singole piastrelle, ma evidenti nell’insieme e dalla disperazione passerai all’acido muriatico....

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Houzz utilizza cookie e tecnologie simili per personalizzare la mia esperienza, fornire contenuti per me rilevanti e migliorare i prodotti e i servizi di Houzz. Premendo su "Accetta", acconsento all'utilizzo dei cookie, descritto ulteriormente nell'Informativa sui cookie. Posso rifiutare i cookie non necessari cliccando su "Imposta le preferenze".