luca_marseglia16

Bagno: mobile sottolavabo con spalla della porta molto stretta

Luca
l'anno scorso
Ultima modifica:l'anno scorso

Buongiorno a tutti,

torno nuovamente a chiedere consiglio alla comunità di Houzz. Dopo i preziosi suggerimenti ricevuti per il soggiorno, tocca questa volta a un altro punto delicato del mio appartamento, che sembra fornisca un numero infinito di rebus geometrici da risolvere: il bagno.

Premetto che (purtroppo) non ho potuto decidere la disposizione degli impianti, che al momento dell'acquisto erano già stati previsti e che non mi sono nemmeno azzardato a chiedere di far spostare per non avere ulteriori spese extra.

Premetto anche che ho azzardato, forse bene, forse male, ma ho voluto tentare: come vedete nella piantina qui sotto era prevista una vasca da bagno, che ho fatto sostituire con un piatto doccia 80x120 con ingresso walk-in. Proprio in questi giorni sto per installare il vetro e sono qui giorno e notte con le dita incrociate per aver optato per questa soluzione. Mille patemi sulla possibilità che esca un fiume d'acqua, che la finestra che in parte finisce nell'area della doccia si allaghi, che si abbia freddo mentre si fa la doccia ecc ecc. Diciamo che se potessi tornare indietro forse opterei per un piatto doccia a tutta larghezza (190 cm), anche se non mi piaceva molto l'idea di dover "entrare" in doccia per aprire la finestra. Ma questo ora è un capitolo a se, ho azzardato e ne pagherò eventuali conseguenze.

Vengo dunque al punto: il mobile sotto-lavabo. Come notate la porta scorrevole (ahimè, era già predisposta da 80cm, altrimenti io l'avrei messa da 70 per guadagnare altri 10cm) ha una spalla di poco più di 20cm. Non vorrei mettere un mobile vero e proprio, ma più che altro un "mensolone" sospeso in legno, con un lavabo in appoggio (inserisco qualche foto di esempi che mi piacciono). Il problema, appunto, è la profondità. L'idea che avevo in mente è di non utilizzare un mensolone a profondità costante per evitare che uno entrando in bagno vada a "scontrarcisi", ma qualcosa con una forma sinuosa, che parta stretto, si allarghi al centro nella zona del lavabo, e che poi torni a stringersi per agevolare il passaggio per chi deve entrare in doccia. Altro rebus: nella parete retrostante il lavabo c'è l'intercapedine della porta scorrevole del soggiorno, quindi lì vietato fare fori. Dovrò probabilmente optare per un sistema a staffa molto rigido con una bella porzione a "sbalzo". Sotto il mensolone inoltre sarebbe utile avere un paio di cassetti, sempre sospesi, a bassissima profondità anche questi, o con una forma sinuosa.

Insomma sembrava un bagnetto semplice, e invece mi sto scontrando con mille dettagli non di poco conto. Accetto qualunque tipo di idea e/o critica (si, anche sulla doccia walk-in, sfogatevi pure).

Grazie mille a chiunque vorrà intervenire.








Commenti (205)

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Maria Grazia ti assicuro che è pratico e funzionale. 🙂

  • Veronica Cerquettini
    l'anno scorso

    ciao Luca.. io ho una walk molto simile alla tua (senza finestra) e ti assicuro che sì, gli schizzi a pavimento arrivano anche in fondo ma restano per la maggior parte delle volte all'interno del perimetro del vetro doccia..
    per il lavabo non so se sei giunto ad una soluzione.. peccato per lo spazio ma soluzioni se ne trovano. anche io farei solo mensola e lavabo da appoggio con rubinetto a parete o da appoggio anche lui (alto quindi) e sotto nessun mobile.
    fatti mettere un sifone cromato (si chiamano a bottiglia) che è decisamente più carino che gli altri e non badare alle spese del lavandino visto che già è in un contesto con misure un po' sfortunate... se lo fai figo almeno le misure passano in secondo piano ;)

  • Discussioni simili

    Soluzione per mobile porta CD

    Q

    (10) commenti
    Grazie mille Silvia e Vittorio! Avevo valutato i due sottofinestra ma.. in uno ci deve andare il climatizzatore (di quelli con unità interna, quindi posso metterlo solo in quel punto dove il muro perimetrale è più stretto) ed, essendo taaaanti i cd, un solo spazio sotto la finestra (alto 82 cm) ospiterebbe meno della metà dei miei cd.. Resta però vero che una soluzione sotto il davanzale è carina per ospitare se non i cd alcuni dei libri d'arte di grande formato, a cui pure dovrò trovare una 'casa' :-) ..e.. non conoscevo affatto questo modello di mensola di Ikea (credevo di averli sperimentati tutti.. :-) ). Non sembra per niente male... Non appena possibile, vado a vederli di persona...
    ... mostra di più

    Bagno piccolo e nato "male" come risolvere?

    Q

    (5) commenti
    Ciao avanz, qual è l'altezza del solo rivestimento sotto il vetrocemento? Perché la tua idea è senz'altro fattibile e l'ideale sarebbe che il piano fosse posizionato tra rivestimento e vetrocemento ma non mi sembra ci siano gli 85 cm necessari. Se fosse così il piano potrebbe essere più basso e sopra un lavabo d'appoggio a compensare la differenza. Il piano lo farei dello stesso colore scuro del rivestimento, sì a una mensola sottolavabo ma senza tendina, potresti usare un paio di cesti/contenitori per riporre l'occorrente. Farei un ulteriore sforzo anche economico e se possibile senza distruggere troppo invece del vetrocemento metterei un cristallo fisso a parete, un grande specchio della stessa larghezza "maschererebbe" eventuali rattoppi.
    ... mostra di più

    Parete a specchio nel bagno?

    Q

    (46) commenti
    SCusate riposto correggendo , avevo inteso male e attribuito a colleghi un significato diverso da Studenti. rimango alla prima parte della domanda...affittarlo a colleghi, L'appartamento in affitto, ho avuto modo recentemente di indicare qualcosa di simile per un b&b, si dovrà prima rispondere se l'affitto è da considerarsi per tempi brevi\ brevissimi o per tempi lunghi (un anno o più). In entrambi i casi , ma proncipalmente per tempi brevi, il progetto d'uso deve essere il più semplice possibile, sia per consentire al conduttore di appropriarsene nel più breve tempo possibile, sia (soprattutto) alla proprietà per resettarlo velocemente nel momento in cui deve essere riaffittato. l'uso per se. Comporta livelli di promiscuità e dunque perti importanti sono gli spazi comuni fra questi il bagno. lo specchio. Una casa temporanea è sempre vissuta come non propria, e in quanto tale letta prevalentemente in qualla frontiera d'uso situata nell'area del privato intimo. Lo specchio potrbbe allora essere posto nell'area del gioco e dunque la sua dimensione e posizione deve agevolare più livelli della conoscenza del se e non i retaggi di perbenismo pre adolescenziale che in ciascuno rimangono ancorati. la struttura del bagno dovrebbe poter prevedere un pre bagno questo per consentire un uso più fluente. ps dove siete?
    ... mostra di più

    dividere in due lo spazio del bagno

    Q

    (24) commenti
    @michela nassano per la progettazione di piccoli spazi viene richiesta da parte del progettista una sapiente conoscenza degli ingombri minimi necessari nei passaggi e aver ben presente quali sono le esigenze del cliente finale. spesso il professionista competente non è quello che propone mille soluzioni progettuali, ma quello che si prende il tempo giusto per proporre la soluzione migliore possibile ! ritengo che @casadolcecasa con le informazioni a disposizione, sia riuscita a proporle un 'mini-schema' interessante! il bagno è una ambiente della casa dove è possibile osare di più, stando al suo interno per un tempo molto ridotto, posso permettermi di osare. consideri che oltre ai classici rivestimenti ceramici e alle pitture impermeabilizzate, è possibile utilizzare carte da parati con un particolare trattamento idrorepellente che permettono di creare degli effetti che io definisco effetto 'wow'! ad esempio un soggetto che mi crei un gioco di prospettive o un elemento a grande scala. non conosco i suoi gusti, ma sui bagni così piccoli oserei. qui sotto due immagini di riferimento estrapolate dal sito di una nota azienda di carte da parati. talvolta la cura della scelta delle finiture di questo ambiente viene concentrato in poco tempo , ma non sottovalutiamolo! il bagno potrebbe donarci a fine giornata quel momento di sano relax con candele e un bel bagno caldo, oppure regalarci la giusta carica a inizio giornata per affrontare la giornata. inoltre è uno di quegli ambiente che più difficilente cambieremo nel tempo. mi scusi se mi sono dilungata ma già mi stavo appassionando ai due bagni! :)
    ... mostra di più
  • Veronica Cerquettini
    l'anno scorso

    ah... NON prendere assolutamente dei lavabi rettangolari; sarebbero da bandire perché davvero non si riescono a pulire...
    incredibile ci siano a commercio cose così complicate al giorno d'oggi

  • vecchiosetter
    l'anno scorso

    Veronica ha citato un altro elemento importante, il rubinetto, essendo tu risicato nella profondità ( ovvio meno profondo meglio è per creare meno ingombro davanti alla porta ) e dovendo per forza tenere la mensola più stretta possibile per la spalletta stretta, il rubinetto è importante che sia messo a parete, alto in appoggio significherebbe tenere il lavabo 10 cm avanzato rispetto al muro.

    Immagino nessuno ci abbia pensato in anticipo e che attacchi Ora non sIano a parete, chiama un idraulico e fatteli spostare, 2 piastrelle di scorta le avrai... tranquillo che non ti costa come un lavabo lago :-)))

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Veronica se mi permette una osservaIone, le dico che dipende anche dal tipo di rubinetto che si installa..!

    Poi è sempre personale ogni esperienza anche in merito alla forma della vasca..!

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    l'anno scorso

    quoto @veronica cerquettini in toto

  • vecchiosetter
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Bartolomeo, indipendentemente dal tipo di rubinetto, Luca ha un vincolo, di tenere il top meno profondo possibile ( per L ingresso ) quindi a meno che non scelga un lavabo dal design particolarissimo col rubinetto laterale, per forza un rubinetto alto da piano occuperebbe dietro al lavabo spazio prezioso, per questo è imprescindibile ed importante sia a parete.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Andrea una soluzione potrebbe essere qualcosa di simile ad un mobile che già ho postato e in quel caso avevo il problema di aprire una porta finestra. Non come questo ma qualcosa su questa idea.

    Bathroom Design · Maggiori informazioni


    Bathroom Design · Maggiori informazioni


  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Buongiorno a tutti e grazie per le numerosissime idee! Questo weekend sono via quindi perdonatemi se leggo saltuariamente e rispondo quando riesco dal cellulare.


    Confermo che gli attacchi non sono stati previsti a parete (anche quelli erano già predisposti). Tra l’altro lo scarico del lavabo, come forse si intuisce anche dalla piantina, è molto spostato verso la finestra, io invece vorrei mettere la “scodella” più centrata, in modo da lasciare più spazio possibile per l’ingresso in doccia. Quindi pensavo a un miscelatore in appoggio laterale, con la piletta a vista disassata rispetto al centro del lavabo, dotata di una prolunga abbastanza lunga da permettermi di spostarlo più al centro parete possibile. In realtà girando per negozi ho visto molte soluzioni simili a questa, che mi piacciono molto e che ovviano al problema della profondità:


  • vecchiosetter
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    “Piletta a vista disassata” cosa significa? :-)))))

    Ok il rubinetto di lato, è una soluzione, ma cosa c entra la piletta, dove lo trovi un lavabo con lo scarico laterale e che importanza ha?

    p.s. Se metti solo il piano vuoto sotto lo scarico del lavabo si mettono i sifoni cromati di design e dev esser perfettamente centrato sul lavabo, indipendentemente da dove metti il rubinetto, altrimenti a vista il Tubo di prolunga sotto è orribile.

  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso

    Pensavo a soluzioni simili:

  • vecchiosetter
    l'anno scorso

    Certo, questo è un sifone di design basso da mettere a vista sotto il piano, ma lo scarico va centrato perpendicolare.. è orrendo vederlo andare di traverso.

    Se invece sotto è un mobile chiuso puoi spostarti lateralmente di quanto vuoi, anche con un normale tubo grigio, tanto dentro al mobile non lo vedi

  • Nina
    l'anno scorso

    @Luca pure lo scarico del lavandino decentrato?! Eh ma tu ci metti veramente a dura prova!

    ti consiglio di prevedere un volume retrostante anche solo estetico, non necessariamente contenitivo, per nascondere la prolunga del sifone. Date le altre condizioni poste (profondità, larghezza, distanza doccia, distanza porta) cercare un lavabo con la piletta decentrata ti fa diventare matto e installerai un prodotto scomodissimo. Già il rubinetto è al limite della praticità ... direi che devi iniziare a semplificarti la vita, anche a scapito di modelli meravigliosi adocchiati in giro ;-)

  • vecchiosetter
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Stesso consiglio già dato per il bidet, un idraulico, due piastrelle da sostituire, 150/200 euro da tirar fuori... e lo scarico diviene centrato sotto al lavandino!

  • Leti Roar
    l'anno scorso

    Per quanto riguarda la doccia walk-in posso dirti che ce l'abbiamo da 120 cm nel bagno principale e non ho riscontrato problemi. Posto che in bagno le gocce d'acqua sono normali, basta un tappetino spesso di quelli di spugna mentre sei in doccia, lo usavo anche prima per uscire dalla vasca. Poi ti asciughi e lo stendi fuori. Finito.

  • Leti Roar
    l'anno scorso

    Con piletta asimmetrica intendi una cosa come questa?

  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    @Leti Roar grazie mille per il contributo sulla doccia, mi hai rincuorato e non poco :) Ovviamente posizionerò anche io un tappetino alto e assorbente vicino al piatto doccia.

    Con ”piletta asimmetrica” intendevo semplicemente dire che il lavabo verrebbe centrato, ma la piletta non sarebbe in linea con il lavandino, ma spostata a sinistra guardandolo di fronte. Quindi ci sarà un tratto orizzontale di tubo che partirà dal lavabo fino a innestarsi con il tratto verticale del sifone. @vecchiosetter hai perfettamente ragione, questi sono soldi che avrei speso più che volentieri. Purtroppo lì a pochissimi centimetri c’è però l’intercapedine della porta scorrevole della sala, che io avrei fatto volentieri a battente Per evitarmi anche questo ulteriore problema. Quindi si, dipenderà molto dal mobile che metterò.

  • vecchiosetter
    l'anno scorso

    Premesso che da ciò che scrivi è chiaro che tu non sappia cosa sia la PILETTA, se oltre a tutti i problemi citati c è anche lo scrigno della porta dimenticati il piano con sopra il lavandino e cerca una soluzione da terra... un piano a sbalzo non sta sospeso nel nulla e non sta su senza una Parete che permetta gli adeguati fissaggi.

  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Si mi scuso del lapsus, intendevo il sifone, non la piletta. La mensola starebbe a sbalzo senza problemi se opportunamente supportata da una staffa in metallo fissata nella parte di muro pieno adiacente lo scrigno. La parte di mensola a sbalzo non è molto lunga, una soluzione molto simile è già stata testata senza problemi da un mio parente, che mi aveva chiesto aiuto per progettare e dimensionare la staffa. Un bravo fabbro è in grado di provvedere senza difficoltà. Poi ovvio: non bisogna sedercisi sopra.

  • vecchiosetter
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Anche se non è centrato Lo scarico il sifone sta comunque centrato sotto la piletta... ma fa nulla :-)

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    esempio di scarico e sifone spostato.

    Bathroom Design · Maggiori informazioni


    Bathroom Design · Maggiori informazioni


  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    @vecchiosetter Andrea, il sig Luca, da buon ing che si rispetti non ascolta molto i consigli se non sono come lui già li ha prefissati e decisi. Infatti il resto sono solo tante chiacchiere (per qualcuno non costruttive) come sempre. 😉

  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso

    @vecchiosetter ho postato proprio prima un esempio in cui sifone e piletta non sono necessariamente allineati. L’allineamento è tipico nei lavabo dei bagni in cui a livello estetico ovviamente è preferibile. Nelle cucine gli “spazio2” o “spazio3” della Lira sono esempi classici in cui le pilette delle vasche possono essere anche molto distanti dal sifone, che invece è in prossimità dello scarico.


    Non raccolgo altre inutili provocazioni, ma prometto che quando installerò la mensola sospesa che pensate sia impossibile da tenere su posterò le foto ;)






  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso

    @Veronica Cerquettini bellissima doccia 😍 Grazie mille per la foto, sono molto rincuorato :)

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Veronica..non mi piacciono i rivestimenti, ma la doccia così si. Ne ho progettate e realizzate diverse simili.

  • X Y
    l'anno scorso

    non vorrei andare troppo off topic, ma la doccia di Veronica mi piace molto. due curiosità: come è rifinito il soffitto e la lama di luce incassata, raccoglie umidità e sporco? (queste le scuse per non farla nel mio bagno)...

  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso

    @Veronica Cerquettini la tua doccia è in effetti davvero stupenda, complimenti!

    Notavo che tra l'altro la disposizione dei sanitari è identica alla mia, e che così a occhio (ma la prospettiva della foto potrebbe ingannarmi) anche il tuo wc sembra essere abbastanza vicino al vetro. Per caso sai dirmi quanta distanza hai dal bordo esterno del wc al vetro, e come ti trovi?


    Grazie mille!

  • Veronica Cerquettini
    l'anno scorso

    rispondo a @X Y
    il soffitto ha un effetto graffiato un po' grosso, consigliato dal muratore e mio compagno..
    lo abbiamo semplicemente lasciato più corto su quel lato e ci abbiamo incassato il led..
    umidità e sporco io non ne vedo a dirti il vero.. forse un po' di umidità ma tra Limodor e lo spessore sopra il controsoffitto aria ne passa..
    sono due anni e passa che è così..
    sono contenta sia di tuo gusto :)

    @Luca, allora io ho 30 cm vaso-vetro, potrebbero bastarne anche 25.. meno la vedo scomoda.
    con questa distanza, i 30 cm, io mi trovo bene. Tra il wc ed il bidet ho invece 18 cm scarsi..

  • X Y
    l'anno scorso

    molto bello:)

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Veronica avrebbe potuto lasciare 24 e 24 ed avrebbe proporzionato meglio tutto a mio avviso.

  • Veronica Cerquettini
    l'anno scorso

    ciao @Bartolomeo, nemmeno i miei occhi sono perfettamente simmetrici rispetto al mio naso.. sembra che in Natura non tutto sia perfettamente calcolato.
    forse hai ragione tu sul 24 24, tuttavia, per i miei occhi asimmetrici, l'armonia che c'è nel mio bagno mi fa stare bene... e questo credo sia la cosa più importante di tutte le misure calcolate... a casa propria..

  • vecchiosetter
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Premesso che considero ingombro minimo dei Due sanitari comprensivo dello spazio tra i due e ipotetici volumi laterali 140 cm, se c è di più i sanitari vanno comunque centrati.

  • vale ria
    l'anno scorso

    tornando al lavabo della lago, l'ho visto in showroom ed è meraviglioso, ma secondo me certe cose vanno bene per chi ha la servitù che pulisce il bagno (ed il calcare!) tutti i giorni

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Da tenere presente anche il costo e che si tratta solo del lavabo senza alcuna funzione contenitva.

    https://www.outletarredamento.it/arredo-bagno/bagno-lago-scontato-del-30.html 

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Veronica...io valuto certe cose

  • Leti Roar
    l'anno scorso

    Sarò contro corrente e forse le foto non rendono abbastanza, ma a me il lavabo della Lago non piace: sembra di avere una mensola bucata. E quel che è peggio, un buco da asciugare ogni volta con il microfibra, per evitare che nel giro di qualche mese diventi incrostato di calcare... no grazie, già mi basta la doccia!

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Leti Riad..va rispettato il suo pensiero, ma mi viene da farle una domanda:

    ma lei gli altri lavabi non li lava e non li asciuga..?

  • X Y
    l'anno scorso

    penso che un conto sia lavare e asciugare i lavabi dopo ogni uso e un conto sia farlo una volta ogni due o tre giorni. per qualcuno forse sarà molto poco igienico, ma con la vita di oggi non tutti hanno a disposizione un servizio quotidiano o riescono a occuparsene quotidianamente. ho pilette cromate nuove in casa che sembra attirino il calcare: abituare chi non l'ha mai fatto ad asciugare anche solo quelle prima di andare a dormire, credetemi, non è banale e io stessa che 'ci tengo' spesso me ne dimentico.

  • Nina
    l'anno scorso

    Tranquilla @X Y, nella vita “normale” nessuno asciuga il lavandino ad ogni uso. ;-)


  • X Y
    l'anno scorso

    sicuramente un addolcitore aiuta in tutti i sensi

  • Leti Roar
    l'anno scorso

    Bartolomeo Fiorillo, va rispettato anche il suo di pensiero, ma viene anche a me una domanda: lei il bagno lo lava mai? Perché è strano che non abbia notato la differenza di comportamento tra ceramica e cristallo se restano bagnati.

  • Leti Roar
    l'anno scorso

    XY, il grado di durezza dell'acqua in effetti fa moltissimo la differenza.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Leti Road..non serve aver lavato un bagno e si fidi se le dico che conosco anche la differenza tra i materiali e posso dirle che esistono le soluzioni ai problemi che lei sottolinea.

  • Hermann
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    E' interessante vedere al microscopio i materiali che noi crediamo liscissimi. Scopriamo che se non sono trattati con film di materiali liscianti, come quelli per i trattamenti permanenti anticalcare, sono pieni di scalfitture e microfratture, quelle in cui si depositano l'acqua, il calcare, il sapone, e che alla lunga causano l'opacizzazione e le asperità al tatto. Ho avuto un lavabo in vetro (anche se era a bacinella, più facile da pulire di un parallelepipedo), e l'unica era pulirlo ogni volta con panno in microfibra inumidito con aceto. Ma anche la ceramica non scherza :D

  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso

    Scusatemi per la lunga assenza ma sono state giornate piene di impegni.

    Ringrazio tutti per le numerose idee e pareri! Concordo anche io sul fatto che il lavandino della Lago, per quanto affascinante, possa essere in effetti meno pratico e comunque non adatto al mio bagno, date le dimensioni.


    Credo che finora la soluzione più gettonata ed apprezzata sia quella della mensola in legno sospesa con lavabo in appoggio, magari leggermente sporgente. Personalmente mi piace, la ritengo una soluzione semplice e che non stanca nel tempo, quindi credo che mi orienterò su qualcosa di quel genere.


    Nel frattempo sono riuscito a installare il vetro della doccia. In realtà oggi devo rismontarlo perchè tra cristallo e piatto era prevista solo una guarnizione, ma siccome il piatto è a "effetto pietra" probabilmente non aderisce bene, infatti ho notato dei trafilamenti di acqua indesiderati. Ho acquistato una canalina a U cromata che fisserò al posto della guarnizione al cristallo e in seguito al piatto doccia con una leggera striscia di silicone trasparente sul lato esterno.


    In ogni caso a parte il trafilamento laterale dovuto a questo inconveniente la mia prima doccia è andata bene! Nessun allagamento, giusto qualche schizzo. Sono molto sollevato, in ogni caso posizionerò un tappetino assorbente subito dopo il piatto doccia.




  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Buongiorno a tutti,

    ripesco questa mia vecchia discussione per farvi finalmente vedere il risultato finale, che è anche merito dei vostri consigli e che presenta alcune particolarità che magari qualcuno può trovare interessanti.

    Il mio bagno aveva (ha) diverse criticità: spalla della porta stretta, scarico lavabo decentrato, doccia walk-in da 120cm sul fondo e soprattutto la parete del lavabo che contiene lo scrigno della porta scorrevole che divide il soggiorno dal corridoio.

    Come potete vedere dalle foto alla fine ho optato per un mobile sospeso sinuoso, l’unico in commercio ad adattarsi bene alla mia situazione. La marca è Arbi, la linea si chiama Fusion. La finitura è in rovere “miele” e il top in Corian. Il mobile è largo 105cm in totale e la profondità va da 24cm per la parte più stretta, si allarga a 51 al centro e si restringe infine verso la doccia a 38cm. In questo modo l’ingresso del bagno non ne viene minimamente ostacolato. Tra vetro doccia e mobile c‘è invece un passaggio di 46cm nel punto più stretto. Non tantissimo ma ci si possa senza problemi. Il termoarredo è un DeLonghi alto 180cm circa, a tubo quadrato, bianco opaco in linea col top in Corian.

    La difficoltà più grande nel montare il mobile (che ho montato da solo perché mai mi sarei affidato a qualcun altro) è senz’altro che la parete a cui è appeso contiene uno scrigno per la porta scorrevole. Ho azzardato e ho deciso di provare a forare ugualmente, nonostante tutti mi dicessero che ero pazzo e che avrei rovinato la porta. Ho scoperto che per fortuna ci sono oltre 3 cm di spessore prima di incontrare il metallo dello scrigno, che ovviamente mi sono curato bene dal forare. Solo il grès è spesso di suo circa 10mm ed è quello a fare tutta la tenuta, dato che dietro ci sono solo colla e cartongesso. Ovviamente ho inserito più punti di ancoraggio possibili nella zona oltre lo scrigno, dove grava la maggior parte del peso del lavabo. La parte di mobile tenuta su solo dai tasselli nella parte di parete con lo scrigno per fortuna è quella più leggera. Per prudenza in ogni caso ho inserito nei fori anche il t-bond bicomponente della Fisher. È eccezionale e ve lo consiglio. Completa il tutto lo specchio sempre marchiato Arbi, con led perimetrale. Lo specchio è tenuto su da due ganci, fissati con un tassello per ognuno. Quello a sinistra è oltre lo scrigno e non ha problemi, quello a destra invece è di soli 30mm ed è nella zona dello scrigno. Per fortuna anche lo specchio non ha un peso eccessivo, quindi non ho avuto problemi.

    L’altra criticità era lo scarico decentrato, che si vede in una delle foto. Ho risolto con lo “Spazio Bagno” della Lira, molto compatto. L’acqua defluisce senza il minimo problema e con estrema efficienza.

    Per chi aveva perplessità sulla doccia lunga 120cm walk in, e che mi assicurava che avrei fatto un lago: dopo diversi mesi di utilizzo posso affermare che NON è affatto vero: ovviamente bisogna fare un minimo di attenzione e ovviamente la zona antistante il piatto doccia bagna, ma niente di drammatico, solo un po’ di schizzi.


    Grazie ancora a tutti per i preziosi consigli e anche per le critiche che erano venute fuori. Tutto è stato utile e il risultato finale mi piace molto e sono davvero soddisfatto. Se avete domande, commenti o altro ovviamente sarò felice di rispondervi!











  • Alessia Lambiase
    l'anno scorso

    Luca ciao, io ho una walk in, uguale alla tua. Siamo 5 in famiglia, con bambini. Dunque la situazione non è per niente tragica, quando si usa il soffione manuale pochi schizzi sul pavimento, ovviamente io ho un bel corredo di tappeti davanti alla doccia che dopo metto ad asciugare, un po' più di problema lo fa il soffione dall'alto, ma assolutamente non un lago a terra, roba che si inzuppa un po' in più il tappetino davanti alla doccia. Però la bellezza e la pulizia estetica del cristallo nudo non ha eguali! Per cui sii assolutamente contento della tua scelta!

    Luca ha ringraziato Alessia Lambiase
  • Luca
    Autore originale
    l'anno scorso

    Ciao @Alessia Lambiase, grazie per l’incoraggiamento! Anche io avevo posizionato un tappetino morbido assorbente subito oltre il piatto doccia, ma si inumidiva “inutilmente” quindi l’ho proprio tolto. Per i pochi spruzzi che arrivano preferisco che il pavimento si bagni, poi asciugarlo e approfittare per dare una passata a tutto il bagno è un attimo :) Concordo: bellezza incredibile, la mia doccia quasi scompare alla vista, e anche per la pulizia è eccezionale. Ho comprato questo tiraacqua in inox simile a quelli che si usano per i vetri delle auto. A vetro appannato dopo la doccia basta passarlo dall’alto verso il basso per togliere tutta l’acqua (mi diverto anche!) e il vetro quando si asciuga rimane perfetto!



  • vale ria
    l'anno scorso

    Bel risultato, bravo! E grazie per aver mostrato il risultato finale

    Luca ha ringraziato vale ria
Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Houzz utilizza cookie e tecnologie simili per personalizzare la mia esperienza, fornire contenuti per me rilevanti e migliorare i prodotti e i servizi di Houzz. Premendo su "Accetta", acconsento all'utilizzo dei cookie, descritto ulteriormente nell'Informativa sui cookie. Posso rifiutare i cookie non necessari cliccando su "Imposta le preferenze".