denis_vitali

Progetto cameretta bimba

Denis Vitali
l'anno scorso
Ultima modifica:l'anno scorso

Buongiorno,

devo progettare/acquistare una cameretta per la bimba della mia compagna. Allego le misure e la disposizione che avrei pensato (la bimba preferirebbe non avere una cameretta a ponte però io credo che per poter sfruttare lo spazio il più possibile almeno dei pensili sopra il letto o una cameretta a ponte molto alta sempre se piacerà alla bimba sarebbe l'ideale).

Il letto dev'essere ad una piazza e mezzo con contenitore e testiera.

Armadio angolare magari con casetti o cesti interni.


Avete qualche consiglio/idea e magari qualche venditore di camerette ad un prezzo accessibile?

L'ideale sarebbe vedere anche qualche foto delle vostre camerette.

Grazie.


Commenti (64)

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso

    ...ma anche il letto può diventare gioco, deve essere predisposto....di seguito altra indicazione se fosse necessario un armadio più strutturato

    PS.raccomandazione, non usatolo anche per gli abiti o altro degli adulti....


  • PRO
    Studio Typo
    l'anno scorso

    Buongiorno, trovo i suggerimento del collega Raimondo molto interessanti; io volevo solo farle un appunto, è sicuro che sia una buona idea la tv in una stanza di una bimba di 8 anni? A me sinceramente non lo sembra.

  • Discussioni simili

    DOVE METTERE CUCINA E CAMERETTA?

    Q

    (21) commenti
    Buongiorno, ho seguito le soluzioni consigliate al suo problema di distribuzione interna dell'appartamento, a me pare che l'arch. Di Gregorio abbia trovato nella prima soluzione esposta (cameretta e camera di circa mq12,00) la migliore soluzione in presenza delle murature portanti che oggettivamente dividono le due aree in zona giorno con esposizione sud/ovest e zona notte con esposizione nord/ovest. Detto questo qualsiasi spostamento di muratura con conseguente cambio di destinazione d'uso impone il riaccatastamento e la richiesta di un titolo abilitativo ai lavori con deposito di asseverazione di un tecnico, in parole semplici Lei ha bisogno, se sposta pareti, di un tecnico (perito, geom. arch. ing.) che presenti una richiesta al suo Municipio di Roma. La camera inferiore ai mq. 12,00 la faccia dichiarare dal tecnico come camera singola, poi può ottenere comunque una buona camera con letto matrimoniale (allego una foto). Si rivolga comunque a qualcuno poichè per risolvere il suo problema non può eludere la presentazione del progetto al Municipio. buona giornata e buon fine settimana. Maurizio Ravasi - Roma
    ... mostra di più

    Ho bisogno di design di cameretta a Ostia

    Q

    (4) commenti
    Ciao Olga, io ho un blog che parla solo di camerette (www.mommodesign.com) e anche un servizio di e-design di camerette. Se ti va contattami, ci sono molte soluzioni low-cost.
    ... mostra di più

    una dolce camera per la bimba in arrivo

    Q

    (4) commenti
    io ti consiglio di aspettare un po' per un acquisto "su misura" che toglierebbe spazio in una cameretta che nasce già sottodimensionata. questo perchè i bambini nei primi 3 anni di vita hanno bisogno del lettino e di spazio a terra per giocare, tutto il resto (scrivania, armadio, un letto più grande) può venire con calma anche dopo, e tu nel frattempo ti farai un'idea più ponderata di cosa veramente è indispensabile per la vostra situazione e anche in base alle vostre abitudini. La scrivania per esempio mio figlio che ha 12 anni ancora non ce l'ha, sempre fatto i compiti in cucina, mentre dai due anni in poi abbiamo preferito togliere il lettino da cui si lanciava tipo batman e ha dormito in un letto singolo per adulti (per noi molto pratico intanto perchè scendeva e risaliva per conto suo, e poi perchè ci poteva dormire insieme uno dei genitori all'occorrenza, mentre prima col lettino le notti a vegliare impalati non erano proprio confortevolissime, ah che tempi!).
    ... mostra di più

    Cameretta Bimba, ipotesi bagnetto... fattibile?

    Q

    (5) commenti
    Buongiorno! Intanto approfittavo per mostrarLe questo mobile molto "furbo" e simpatico dedicato proprio ad una clientela baby E' un mobile per bambini di altezza ridotta, fornito con altre 4 gambe più alte da sostituire una volta che il bambino/a cresce, carino vero? la laccatura è personalizzabile, è in legno massello. Ecco la scheda con tutte le misure ( se non si legge bene, posso rimandare via mail) Se Le interessa, mi contatti, trova tutto su www.bianchinicapponi.it Buona giornata Paola
    ... mostra di più
  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Franco2018, ha letto bene il post sopra? La bimba ha 8 anni e mezzo ma fisicamente ha la struttura già di una ragazzina (è alta già 155 cm!!! infatti ho scritto che veste con abiti da 12/13 enne) quindi il letto ad una piazza e mezzo è necessario anche perchè anche ora, nella sua camera dove vive, ha un letto ad una piazza e mezzo. Per quanto riguarda il giocare, abbiamo a disposizione una mansarda da ben 38mq che va da 1,85 mt fino a 3,30mt quindi direi, visto anche i moltissimi giochi in suo possesso, che lo spazio per giocare non le manca soprattutto considerato il fatto che in stanza a giocare non ci sta quasi mai nemmeno ora.

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    RAIMONDO MASU TEAM, non ho idea di che armadio "più strutturato" stia parlando ma non ha considerato che l'apertura della porta e di un'anta della finestra andrebbero a sbattere contro tale struttura visto che nel progetto l'armadio occupa tutta la parete?

  • Nina
    l'anno scorso

    posso dare un suggerimento?

    ripartiamo da zero con una domanda diversa, perché qui c’è chi da una richiesta di aiuto sul layout si prende la cura di disquisire sull’uso della tv in camera....argomento spinoso e troppo lungo e soggettivo per essere discusso in questa sede.


    Facciamo che lei ha una stanza da letto di quelle dimensioni e ci deve far entrare quei pezzi, senza specificare l’esatta età della sua utilizzatrice. Anzi mi orienterei su un “preadolescente”...generico.

    Altrimenti non se ne esce!


  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Grazie mille Nina, infatti non capisco tutte queste disquisizioni soggettive e personali (il letto ad una piazza e mezzo, la tv in camera, ecc...). Tra l'altro sono tutte cose che la bimba tutt'ora ha già nella sua cameretta (sia la tv - che utilizza prettamente per conciliare il sonno - e sia il letto ad una piazza e mezzo e che quindi vorrebbe anche nella cameretta nuova). Una delle cose che ora non ha (per problemi di spazio), è la scrivania ed io vorrei invece inserirla nella cameretta nuova perchè cominci ad abituarsi a studiare nella sua camere dove può trovare silenzio ed uno spazio tutto suo senza la presenza di altre persone.

  • PRO
    Studio Typo
    l'anno scorso

    Mi scusi Denis, le farei un altro appunto; lei sta chiedendo aiuto e consigli su questo forum, però l'atteggiamento che ha nei confronti di professionisti che le propongono qualcosa mi sembra piuttosto maleducato. È chiaro che le proposte che le stanno facendo sono spunti mentre lei si aspetta un progetto pronto, sono 2 cose diverse. Se cerca consigli, è quello che le stiamo dando, se cerca u progetto finito, incarichi un professionista.

    Nina, nessuno ha intenzione di disquisire su certi temi, il signor Vitali ha chiesto dei consigli, e noi glieli stiamo dando; è vero che non tutti siano centrali nel suo quesito ma spesso per arrivare ad un buon lavoro il passaggio migliore è mettere in dubbio tutto.

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Studio Typo, il mio atteggiamento? Veramente io non ho offeso nessuno e tanto meno mancato di rispetto ad alcun professionista e non (altrimenti mi indichi le mie parole a cui fa riferimento) anzi sto leggendo e considerando ogni proposta/suggerimento al fine di poter scegliere la soluzione migliore alle mie esigenze. Tra l'altro, non per fare polemica, lei non può leggere un post (di cui successivamente poi si scusa l'architetto RAIMONDO MASU TEAM per il suo tono "mi scusi per il tono inappropriato") che è stato cancellato dallo stesso quindi non capisco a cosa lei si riferisca. Mi può indicare le frasi a cui si riferisce? Io, indipendentemente, dalla richiesta di aiuto o non, non ho mai mancato di rispetto a nessuno in quanto non è nella mia indole (e quando posso in base alla mia esperienza ho dato diversi consigli, tra l'altro molto apprezzati, ad altri utenti del forum). Inoltre, come indicato da Nina, non capisco che senso abbiano alcuni post riferiti a problematiche soggettive che non riguardano la mia richiesta di aiuto, alle quali in ogni modo ho risposto gentilmente per esporre il perchè delle mie scelte (tv in camera, letto ad una piazza e mezzo, ecc...).

  • Nina
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Mi scusi Denis ci siamo scritti sopra e il suo intervento ha già chiarito il mio post, che quindi cancello.

    Infatti non l’ho trovata affatto maleducato o inappropriato.

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Nina, ripeto che io non capisco a quali frasi di alterazione e tanto più di maleducazione, a cui ha fatto riferimento Studio Typo, vi riferite in quanto non sono assolutamente alterato anzi sto leggendo con attenzione ogni idea/suggerimento. In tutti i post esistenti, tra l'altro, non si è mai parlato di prezzo specificatamente; certamente, come scritto nella richiesta, ho parlato di prezzo "accessibile" in quanto non vorrei spendere, ad esempio, 5.000 euro per arredare una cameretta di una bimba di 8 anni e mezzo e la cosa mi sembra normale. L'unica cosa che mi infastidisce molto, visto che ripeto non è nella mia indole, è avermi messo "in bocca" frasi o parole (di maleducazione o mancanza di rispetto) mai dette e tantomeno mai introdotte nemmeno implicitamente nei miei discorsi; quindi sentirsi dare del maleducato, quando non credo di esserlo stato (ma ripeto nel caso lo fossi stato preferirei che mi si indicassero le mie testuali parole), mi rattrista molto e mi offende.

  • Nina
    l'anno scorso

    Non si offenda, sicuramente c’è la solita incomprensione di tono tra lo scritto e il parlato. Capita spesso nelle chat, non conoscendo l’interlocutore di persona si traduce/interpreta un tono in base al proprio modo di essere.

    Molto pericoloso, ma molto frequente in questa epoca.

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Nina, visto anche il mio lavoro, lo so bene ma ripeto trovo certe affermazioni non veritiere (il tono può essere una discriminante che via chat non si capisce ma in nessuna frase ho mancato di rispetto, offeso o sono stato maleducato nei confronti di nessuno). Se ho offeso o mancato di rispetto nei confronti di qualcuno non ho alcun problema a chiedere scusa, anzi, è la cosa minima che io possa fare, soprattutto per l'aiuto che mi viene dato gratuitamente, però anche dare del maleducato a qualcuno che non lo è stato, può essere considerata un'offesa. Ed io, ad ora, non ho ancora trovato un post o una mia citazione dove viene evidenziata la maleducazione che mi è stata attribuita ingiustamente. Preferisco comunque continuare a leggere suggerimenti/idee riguardo al mio problema che perdere tempo a fare polemica.

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    avviso ai naviganti. Nina purtroppi i proponenti spesso danno per conosciuto qualcosa che in realtà è conosciuto solo a se stessi. RIconoscerà che fra la Bimba, (definizione presa dalla domanda) e il letto a una piazza e mezzo c'è qualche incoerenza. Non vuole essere un giudizio etico, così come i dubbi sulla tv non è un ingerenza educativa. I porfessionisti hanno accesso a un grande bagaglio di esperienza propria e dei colleghi, esperienza interdisciplinare. Ho fatto molti progetti per stanze dei figli a volte anche con patologie. Dunque, dato che le parole sono finestre e il professionista guarda da queste finestre, puo essere che veda qualcosa non visto dal proponente . Come ,in assenza di reali informazioni, magari scambia per pericolo qualcosa di assolutamente sicuro. Nel primo intervento (che ho cancellato per rispetto alla figlia) forse sono stato eccessivamente diretto e per non essere frainteso ho dato in seguito differenti canali di lettura sulle possibili strade da seguire (cio non signific ache siano perseguibili).

    Nina riconoscerà ancora che solo più avanti il proponente e su mia richiesta, ha precisato che la Bimba ha otto anni ed è molto sviluppata, che il letto è gia in uso e che ha altri spazi per le sue esigenze. Molte volte ho scritto, il proponente se vuole risposte , con indicazioni che portino a qualche soluzione, non devono dare per scontato che il loro conosciuto è nella domanda, soprattutto se si rivolgono a progettisti che al contrario dei venditori non hanno oggetti, ma progetti chè porteranno agli oggetti che daranno risposte ala loro domanda\bisogno.

    PS. spero che le mia indicazioni di progetto non siano perdite di tempo per il proponente

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    RAIMONDO MASU TEAM, sono pienamente d'accordo con alcune sue affermazioni (riguardo la mancanza di eventuali informazioni o esigenze magari non esplicitate completamente da parte mia nella richiesta, ed infatti successivamente ho risposto alla sue domande) e mi sembra di non averle risposto in modo maleducato o offensivo e ne tantomeno aver fatto polemica per il suo primo post un pò troppo aggressivo e successivamente ho fatto alcune mie considerazioni sui progetti da lei proposti per capire meglio come risolvere in modo pratico il mio problema ed infatti la ringrazio per i suoi suggerimenti. Ciò che veramente mi offende, è sentirmi dare del maleducato (mi riferisco al post di Studio Typo) quando non lo sono stato assolutamente e, ripeto per l'ultima volta, non trovo nessuna mia frase che possa essere interpretata in tal modo (e vedo che nemmeno altri le trovano altrimenti me le avrebbero citate). Tornando a noi, purtroppo, non ho ancora trovato un suggerimento di progetto che mi alletti o che abbia risolto completamente i miei dubbi/esigenze :)

  • Nina
    l'anno scorso

    Architetto la linea di pensiero è corretta e la condivido. Anche io ho avuto lo stesso dubbio sulla dimensione del letto, ma solo in un’ottica di ottimizzazione dello spazio.

    Credo che la tv sia stato l’elemento scatenante, ma capisco il punto di vista che ha appena esposto. Molto interessante il concetto delle finestre su panorami diversi...


    L’appunto ...ecco secondo me è proprio ”fare un appunto“ che indispone l’interlocutore destinatario dell’appunto, per l’appunto...mi scusi, sto giocando.


    Le indicazioni di progetto in questo ambito non sono mai perdite di tempo, un appassionato ruba ogni materiale possibile...io lo sto facendo anche se non ho una figlia né una camera in più!


    Comunque grazie per aver chiarito la posizione del professionista in modo così sereno, è un bel coperchio di vetro temperato per stemperare i bollori sul fuoco :-))

  • Nina
    l'anno scorso

    Una curiosità, a proposito di post eliminati. Avevo fatto un commento sulla scelta del brano musicale e il mio post è sparito...mah...spero di non aver offeso nessuno perché in realtà era un complimento!

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Nina, ognuno può cancellare solo i propri post ed eventualmente solo gli amministratori possono cancellare qualsiasi post inserito (non so se i professionisti del forum abbiano il ruolo anche di amministratori). Magari se hai risposto usando l'app, lo hai cancellato tu per errore ma la mia è solo una ipotesi.

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso

    Nina, è vero è sparito! all'amministratore non piacerà Jarret...in questo caso grazie! e confermo che Jarret è un grande, lo cerchi, lo stesso brano lo si trova live è ancora più esaltante. Se non lo trova mi scriva

  • vale ria
    l'anno scorso

    In realtà se si segnalano i commenti spariscono all'istante (in un paio di discussioni ne ho segnalati un paio ed effettivamente sono scomparsi)

    basta cliccare, da pc, sulla bandierina di destra

  • Franco2018
    l'anno scorso

    No, mi spiace. Non ho letto tutti i commenti e nell'apertura della discussione parla solo di bimba senza specificare età, peso, altezza, camera giochi, ecc


    Le mie considerazioni erano basate su una bimba media ... ma evidentemente non ci sono più le bimbe di una volta :-D Le ignori tranquillamente se la sua è "fuori standard" :-D

  • vale ria
    l'anno scorso

    Io cmq ho sempre avuto la tv in camera e penso di essere cresciuta benissimo ahahahaha

    ovviamente non ci passavo le giornate, ma mia madre mi dava degli stretti orari di utilizzo...se non erano rispettati, nocchini! xD

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Franco2018, direi che la bimba non è nella media visto l'altezza e la sua età speriamo solo che si fermi prima o poi o altro che letto ad una piazza e mezzo, ce ne vuole uno lungo almeno 2,5 metri :)

  • PRO
    CHARLOTTE DESIGN STUDIO
    l'anno scorso

    Gentile Denis, ecco qualche idea...saluti


  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso

    CHARLOTTE DESIGN, grazie mille. La parte sopra il letto più o meno è come l'ho pensato io anche se inserirei una mensola che occupa tutto lo spazio sotto il pensile.

  • Nina
    l'anno scorso

    Dopo tutto questo parlare mi aspettavo qualcosa di molto più attuale e soprattutto arioso!...

  • Franco2018
    l'anno scorso

    Io non un letto una piazza e mezza piazzato vicino alla parete ... che per rifarlo ti viene il mal di schiena!

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Approdo solo ora a questa discussione, ho letto tutti i commenti tranne quelli eliminati ovviamente, e mi pare che siano sorti i ricorrenti equivoci del forum, dove l'utente pone un problema ed è convinto che dall'altra parte un professionista glielo risolverà. Qualche volta succede che si proponga una soluzione e sia proprio quella giusta ma è solo una casualità, purtroppo solo in pochi se ne rendono conto e si avvicinano a questo portale convinti di uscirne con un progetto od ancora peggio si convincono che quello che viene offerto su questo forum sia un progetto. Non me ne voglia Denis se approfitto di questa discussione per esprimere la mia opinione, che non vuole essere una critica alla sua richiesta in particolare ma una considerazione di ordine generale. E' facile trovare utenti che postano una planimetria e chiedono semplicemente una proposta di arredamento o di distribuzione degli ambienti senza aggiungere altro e spesso sono restii a dare informazioni ad esporsi pubblicamente (un esempio: non osare chiedere ad un utente houzz qual'è il suo lavoro!). Comprensibile ma ... Tornando alla nostra ipotetica richiesta di arredamento, se viene fatta al vicino di casa o all'amica che ama tanto dare consigli, impazzirà di gioia e le proporrà tutto quello che trova bello ed interessante ma per un professionista avezzo a fare scelte motivate che sono frutto di un percorso progettuale è a mio parere avvilente. Per quanto trovi piacevole passare del tempo su houzz ed interagire con colleghi ed utenti mi domando se questo portale che sembra nato per dare visibilità ai professionisti e promuovere e sensibilizzare gli utenti nei confronti del lavoro di progettazione sia davvero positivo od invece senza volere contribuisca a svilire questa professione. Chissà forse è solo un momento di sconforto, non prendetemi troppo sul serio.

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso

    Roberta Tognoni, mi spiace ma non sono affatto d'accordo in quanto io nella mia richiesta (il forum del sito è appunto definito CONSIGLI), oltre ad aver esplicitato le mie necessità (armadio angolare, letto ad una piazza e mezzo, ecc...), non ho richiesto un progetto "finito" ma idee/suggerimenti da utenti e, per chi ha tempo/voglia, professionisti del settore. Tra l'altro un progetto "finito" potrebbe includere idee/suggerimenti diversi fatti da utenti/professionisti diversi. Per quanto riguarda invece la visibilità/promozione della validità dei professionisti, io penso che se trovassi un progettista professionista (possibilmente della mia zona proprio per avere non solo un contatto telefonico ma anche diretto), che mi proponesse idee/suggerimenti ed una progettazzione che rispecchino le mie richieste ad un prezzo interessante non avrei alcun problema ad affidare ad esso il lavoro. Questo succede in tutti i lavori e non solo per gli arredatori o altro. Se devo vendere ad un cliente un software, faccio vedere al cliente parti di progetti già realizzati e che possano fare al caso suo ed in più faccio col cliente un incontro per dare a lui consigli e suggerimenti di come il software dovrebbe funzionare per rendere il lavoro più pratico al cliente. Se poi il cliente considerà ciò che gli è stato proposto adeguato e se il costo del software sarà di suo gradimento allora acquisterà il software altrimenti il fornitore avrà, ripeto come in tutti i lavori, investito parte del suo tempo e del suo know-how senza aver ricavato nulla ma magari si sarà fatto pubblicità anche se il cliente, magari per il prezzo non alla sua portata, non ha acquistato il software proposto/richiesto.

  • Nina
    l'anno scorso

    Roberta Tognoni, un po’ entrambe le cose. Servono ma forse sì, per alcuni sono un po’ avvilenti.

    Spazi di condivisione come questi in rete hanno il rovescio della medaglia e alle volte la moneta che da un lato è da due euro, dall’altro è da 1 centesimo (grandezza del diametro).


    Dipende da molti fattori, sia da parte dei professionisti sia da parte di noi utenti che, a differenza di prima, abbiamo un po’ la convinzione di poter riuscire da soli, “bastano un paio di spunti”, riducendo così un progetto alla stregua di un parere occasionale.


    questo però è il web, il progresso, l’informatizzazione, aver sdoganato il concetto che è tutto a portata di mano, “che ci vuole”, tutti possono fare tutto....guardi le figure governative che abbiamo oggi! Più sdoganato di così non si può...


    Denis non era prettamente rivolto a te, converrai con me che se costruisci siti web troverai sempre il cliente che, davanti al preventivo, ti dirà “e che ci vuole, con WordPress scelgo un template e me lo faccio da solo a prezzo di costo”...e tu gli spari... ;-)

  • vale ria
    l'anno scorso

    Mi trovo abbastanza daccordo con Nina. Io ad esempio faccio la grafica e web designer da 10 anni, e spesso mi viene rifilato il logo "fatto dal cugino che è tanto bravo", ma anche "ho comprato la grafica su internet, basta che la monti sul sito". O i già citati template Wordpress ;)

    Bisogna accettare quel che viene e adattarsi....


    per quanto riguarda la domanda del topic, andare a vedere per mobilifici? magari ti viene qualche idea

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Nina, certo e così per tutti i lavori dove ci sono utenti che credono di essere in grado da soli (ma chissà perchè poi ritornano in quanto hanno fatto più danno di prima e quindi il costo poi aumenta) o di poter far fare il lavoro a loro cuggino :) Però ricordati che ci sono cose che un utente può riuscire a farsi da solo ed altre no perchè bisogna avere un certo know-how altrimenti anche se tu segui una guida per l'installazione di wordpress al primo intoppo ti fermi e non sarai più in grado di andare avanti. Inoltre come per questo sito anche nel caso di wordpress un utente potrà riuscire ad installarselo da solo ma poi se lo deve personalizzare o meglio adattare alls eu esigenze, non essendo un informatico, secondo te è in grado leggendo qualche guida di svilupparsi un modulo o plugins da solo senza avere un know-how su php, mysql, apache, ecc...? Direi proprio di no. Wordpress non è un progetto finito ma solo un core preconfezionato da cui partire per poter sviluppare il tutto e personalizzare ed aggiungere features proprio come le idee/consigli su questo forum. Almeno questa è la mia opinione. Nel modificare la casa da me acquistata, alcuni lavori me li sono fatti da solo (anche perchè durante l'università ho lavorato come muratore per pagarmi gli studi), ma altri li ho affidati a professionisti: idraulico, piastrellista, elettricista, ecc... però in ogni modo a me piace prima informarmi su tutto, ascoltare consigli e suggerimenti, ecc... ma alla fine sono sempre io che scelgo :) e la cosa in più di un caso mi è tornata utile.


  • Nina
    l'anno scorso

    Esatto, ed è lo stesso concetto che immagino riportano gli architetti su di noi! :-))

    cercano di convincerci che non è cosi semplice come può sembrare e che spesso il fai da te fa lavorare e spendere di più e poi sempre ad un architetto dovrai rivolgerti per rimediare alla pecionata.

    Ci sono molti fattori a concorrere in una scelta e a formare un progetto che prevede una funzionalità e una fruizione sana degli spazi abitativi, dalla porta alla finestra, senza intoppi.


    Ma ormai la platea a cui si rivolgono si ritiene “istruita” grazie a pinterest, ai forum come questo, alle esposizione di mobili di Ikea e che vadano a farsi benedire anni di disegni tecnici!


    Ovviamente parlo per me, spesso il mio primo approccio è presuntuoso, lo riconosco e cerco subito di ridimensionarmi. Non sempre ci riesco e non tutti lo riconoscono...


    Roberta Tognoni e voi Pro, non mollate...

  • vale ria
    l'anno scorso

    come tutte le cose: si può fare da se, a patto che ci si rassegni all'idea di non avere un prodotto realizzato da un professionista. vale sia per le case, sia per i siti web, sia per le fotografie, e via dicendo. i due prodotti non possono essere paragonati! detto questo, non è impossibile ottenere risultati gradevoli.

    casa mia mi piace molto; ovvio, se l'avessi creata con un architetto sarebbe venuta mille volte meglio e magari mille volte più perfetta, ma mi va bene anche così.

    un utente medio magari si accontenta del "sitarello" fatto col primo template wordpress che ha trovato, perchè gli serve per scrivere qualche pensiero, postare qualche foto, e nulla più.

    ognuno deve valutare tutte le opzioni e capire se il gioco vale la candela, tutto qui :)

  • PRO
    Erica Bagnasco Architetto
    l'anno scorso

    Ciao Denis,

    ti ho buttato giù una bozza: il letto in futuro potrebbe anche diventare da 140, qui l'ho disegnato da 120. Il sistema scrivania/TV dovrà essere studiato per essere armonioso e funzionale. Tuttavia, secondo me, un progetto d'arredo con relativo 3d, secondo me ti aiuterebbe a risolvere i dubbi. Se vuoi approfondire non esitare a contattarmi. Buona serata.





    Questo un mio progetto per ragazzi:



    Queste invece immagini dimostrative di Doimo City Line, ottima azienda per camerette con cui lavoro spesso.





  • PRO
    CHARLOTTE DESIGN STUDIO
    l'anno scorso

    Gentile Nina, non me né voglia ma consideri sempre che il gusto del cliente va accolto ed accompagnato, sia in termini di progettazione (che ben comprendo non sia sempre facile da capire), sia in termini di finiture estetiche... ciascun committente dispone di misure e quotazioni che differiscono in ogni situazione.. c'è il cliente che ha determinate esigenze e dispone di spazi minuti e c'è il committente che può fruire di ampi ambienti..a ciascuno il suo.. l'importante è che il cliente sia sempre perfettamente soddisfatto..

  • Nina
    l'anno scorso

    Charlotte design mi scusi ma con tutti i post precedenti non ho capito a quale si riferisce.

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso

    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS, la ringrazio molto per il suo post e come già detto la mia richiesta non esclude affatto l'intervento di un progettista ma, come detto, a me piace avere le idee abbastanza chiare per poi poter decidere personalmente sulle mie scelte. Ad esempio, il letto con le ruote, oltre a non piacermi, lo trovo molto poco pratico in quanto la stanza non ha una metratura tale da poter essere spostato chissà dove e non ha nemmeno una finestra tale per poter incantarsi a guardare il panorama fuori, purtroppo. Se poi aggiungiamo il fatto che la bimba in genere non è abituata a giocare da sola nella sua cameretta (e ribadisco per i suoi spazi di gioco avrà a disposizione una mansarda di 38mq) allora trovo alcune soluzioni mobili, ovviamente parlo per il mio caso, inutili. Comunque, ripeto, a me piace valutare sempre più opzioni e idee/suggerimenti. La ringrazio per ora dell'esaustiva risposta.

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso

    a cosa servono le ruote? se non altro a rifare il letto nelle soluzioni Erica e Charlotte.

  • PRO
    CHARLOTTE DESIGN STUDIO
    l'anno scorso

    Gentile Raimundo,
    guardi che ben conosco i letti con le ruote e con il contenitore, tant'è vero che miei clienti li hanno opzionati nelle loro dimore sia per le camere dei figli che per quelle degli ospiti.. diverse aziende li producono da decenni..

  • Nina
    l'anno scorso

    Charlotte design, forse dovrebbe leggere tutti i post con la giusta prospettiva onde evitare di fraintendere chi invece la sta difendendo.

    L’aria in questa discussione è già abbastanza “pericolante”...

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso

    Nina, quanto promesso , buona serata!

    https://www.youtube.com/watch?v=HPqK1JJOFxw

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    Ribadisco che il pensiero che ho espresso non era una critica al suo post.
    Ma c'è differenza tra vendere software e "vendere" un progetto. Dedichiamo entrambi del tempo ad un potenziale cliente ma uno, il suo se ne va senza acquistare consapevole di non avere il software di cui ha bisogno mentre il mio spesso se ne va con una prima proposta, tutta da definire, ma convinto che sia sufficiente ad ottenere il risultato desiderato.
    Lei mostra a tutti lo stesso software o gli stessi se ne tratta differenti, io al contrario studio una soluzione personalizzata per ogni persona che mi si rivolge ed anche qui comprenderà che l'impegno è diverso.
    Ma ripeto non c'è l'ho con lei che ha fatto una richiesta più che lecita, visto il portale on cui ci troviamo.
    Fra l:altro mi pare che di suggerimenti gliene siano arrivati e probabilmente ne arriveranno altri.

  • Nina
    l'anno scorso

    Architetto Tognoni mio marito è un informatico e le garantisco che non funziona così. La progettazione c’è sempre anche in questo ambito, c’è sempre un lavoro di personalizzazione (custom) per ogni cliente con cui si lavora e sempre partendo da zero. Il rischio è che dopo giorni di progettazione il cliente non solo se ne va senza acquistare, ma ruba anche l’idea per poi farsela per conto proprio. Guardi l’esempio di ambito professionale era stato preso proprio per l’affinità con la frustrazione e lo svilimento della professionalità.

    Proprio per questo capisco perfettamente il suo pensiero e sono solidale!

  • Nina
    l'anno scorso

    Anzi guardi le dirò di più, l’architetto l’idea se la fa pagare (e fa bene) l’informatico per presentare un’idea deve già averla creata, scrivendo righe di codice perfettamente operative. E. questo spesso è un passaggio gratis...ripeto, sono solidale con voi perché comprendo la dinamica e i relativi rischi.

    Comunque la partecipazione a Houzz non è obbligatorio, anche se spero che non decida di smettere :-)

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    Solo per precisione sono designer non architetto ma quando si parla, di interni la problematica è comune.
    Per quanto riguarda il lavoro di programmatore si potrebbe dire mal comune mezzo gaudio ma siamo davvero più felici sapendo che altre altre categorie si trovano nella stessa situazione? :-)

  • Nina
    l'anno scorso

    Ah no affatto!! Anzi è una vera tristezza e andiamo sempre peggio! ci sostiene la passione...se bastasse quella a pagare le utenze sarei una nababba!

  • Denis Vitali
    Autore originale
    l'anno scorso

    Roberta Tognoni purtroppo quando si vendono servizi personalizzati è così per tutti ecco perché le ho parlato di software (visto che è il mio lavoro e mi trovo spesso nella sua stessa situazione). Differente sarebbe se uno vendesse software in scatola cioè standard ed uguale per tutti allora in tal caso non si avrebbe alcuna perdita di tempo o altro ma purtroppo nel mio caso non è così perché lavorando con comuni, enti statali o altro il software deve essere, come nel caso di progettazione di ambienti domestici, personalizzato ed adattato alle esigenze del cliente che avrà le sue richieste.

  • Ivi Nic
    l'anno scorso

    Se posso dire la mia. Io leggendo e seguendo il forum ho deciso che appena cambierò la cucina e rifarò i bagni mi affiderò ad un architetto che ho già scelto guardando i suoi progetti su Houzz. Grazie a voi ho capito a cosa serve un architetto e che è assurdo impazzire a scegliere materiali e colori e litigare con gente che si improvbisa idraulico, elettricista e via dicendo prendendo arrabbiature e spremendosi le meningi per avere un risultato magari mediocre e buttando via soldi.

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Ivy Niki, grazie, è una grande soddisfazione leggere quanto ha scritto, incominciavo a dubitare che si stesse perdendo del tutto la funzione di anticipazione che il progetto costruisce ovvero non è solo avere idea della possibile soluzione, ma è necessario individuare chi deve agire le azioni, e come e con quali strumenti quelle azioni porteranno alla Forma desiderata. E' coerente come si è scritto in interventi precedenti, che ogni azione presuppone un progetto, anche bere un bicchiere d'acqua. Bisogna riconoscere il bisogno, individuare la causa, eliminare la causa e intervenire sul bisogno. Per fare questo bisogno progettare e attivare attidi trasformazione e, quasi sempre, per agirli abbiamo bisogno di altri. Nell'abitare la difficoltà sta nel fatto che l'oggetto\risposta è spesso confuso con la risoluzione del problema. E' l'USO, e dovra essere contenuto nel progetto, la risoluzione e questo avverrà in un tempo più o meno lungo.
    Ma tutto questo non vale nulla se nel progetto d'uso non sono contenute le istruzioni per l'uso, ovvero la creazione coerente del contesto di riferimento nel quale la soluzione dovra essere agita (non si è mai uguali nell'agire) e questo è fatto di contenuti e relazioni anche agiti lontani dalla posizione in cui è individuato il bisogno. (vi sarà capitato spesso di portare pezzi della vostra casa nel l'ufficio o per strada, oggi con smartphone è ancora più semplice). Qui è il committente che dovrà fare il passo più lungo, cioè portarsi nella consapevolezza che parte della soluzione è nella sua capacità di essere la soluzione, tu puoi avere la ferrari ma se non la sai guidare è meno di una bicicletta. Le soluzioni migliori si hanno quando il committente riesce a spostarsi dalla sua domanda (e dall'apparente soluzione contenuta in essa) nel nuovo campo di indeterminazioni che la sua stessa domanda ha attivato. Quello che spesso chiamiamo appartenenza è nella forma superficiale l'immediata riconoscibilità, ma nel profondo sarà nei modi di agire la quotidianità secondo nuovi criteri posti proprio dal problema che sta chiedendo un cambiamento. Qui è la funzione dell'Architetto.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.