Houzz Logo Print
veronica_tudisco

Cosa ne pensate di quest'appartamento,inserito in un edificio 1937 ?

Pavimento?Spazi?

Commenti (165)

  • 4 anni fa

    Mi domando come si fa a distinguere un bravo professionista da uno che non lo è?

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Mi sono trattenuta molto dallo scrivere queste righe perchè ogni caso è un caso a sè e ritengo che i tecnici abbiano una professionalità che va rispettata, e io non sono nessuno per metterla in dubbio. Però adesso le scrivo, con il valore di una testimonianza su cosa è successo a me e sul tipo di tecnici che ho impiegato io: due anni fa stavo cercando casa e ne ho individuata una che sotto tutti gli aspetti andava bene per me. Avevo anche aperto una cartella qui su come fare il bagno, per dire.. Mentre eravamo in trattativa il mio geometra che mi aiutava per l'acquisto ha notato IN UNA FOTO una piccola crepa che correva in diagonale su parete perimetrale dell'edificio e continuava sul soffitto, del tutto simile a quella delle tue foto. Ho chiesto subito all'agenzia, che ha detto "si si, normale, l'intonaco ha più di trentanni, nulla di cui preoccuparsi". E io di fatto non me ne volevo preoccupare, visto che la casa mi piaceva tantissimo.

    Solo per scrupolo e su insistenza del mio geometra ho fatto fare un sopralluogo da un ingegnere strutturista, che ha visitato la casa e pur non rilasciandomi una relazione perchè non poteva fare indagini più approfondite (che avrebbero richiesto di togliere una parte di intonaco) mi ha fortemente dissuasa dall'acquisto, perchè quella crepa poteva non essere nulla ma più probabilmente era il segno di qualcosa che aveva fatto spostare i muri portanti. Quel qualcosa poteva essere un piccolo terremoto, le vibrazioni per gli scavi della metropolitana, non si sa. Quel qualcosa avrebbe potuto non creare nessun problema per secoli, ma anche no, soprattutto visto che io intendevo metterci le mani per una ristrutturazione. A quel punto ho mollato (con enorme delusione) il colpo: in caso di problemi, tutti i miei soldi sarebbero stati investiti in una casa il cui valore correva un minimo (minimo, ma concreto) rischio di svalutarsi Troppo rischioso.

    Questo per dirti di fare le valutazioni con personale esperto e soprattutto che sia PAGATO DA TE, non dall'agenzia che ha l'interesse di venderela casa e prendere la commissione.

    Lo stesso dicasi per l'architetto: ovvio che tutto si può fare e non tutto ciò che è antico è pregiato o pregiatissimo, e soprattutto che è sicuramente più veloce ed economico non preservare i pavimenti ma scavarci direttamente le tracce, ma in questo momento pavimenti come quelli delle tue foto li compri sul mercato dell'usato a prezzi tra 50/150 euro al mq, io non faccio questo mestiere ma non direi che sono proprio di scarso valore, sei sicura che l'architetto non ti abbia proposto tra le TANTE soluzioni progettuali per fare un buon lavoro preservando anche i pregi del sito, proprio la cosa che volevi sentirti dire? Ma soprattutto, era il TUO architetto?

  • Discussioni simili

    vecchia casa di zia Filomena

    Q

    (9) commenti
    Credo anch'io che sia opportuno avere una zona living, che funzioni da luogo di prima accoglienza e di registrazione degli ospiti. Sarebbe necessario allo scopo anche un piccolo angolo con scrittoio con contenitori per le chiavi delle camere e per l'archivio clienti (gli ospiti vanno formalmente registrati e vanno rilasciate ricevute di pagamento su apposito bollettario). Suggerisco di non spostare l'accesso principale di fronte alle scale, perché mi sembra ci sia poco spazio: l'ospite che scende dalle scale si incrocerebbe con chi è all'ingresso in uno spazio che sembra dalla pianta piuttosto esiguo. Il piccolo bagno al piano terra andrebbe disimpegnato semmai attraverso il ripostiglio, in modo che non si affacci direttamente sul soggiorno o sulla cucina-pranzo. Forse in tutte le camere andrebbero riproporzionati i bagni con una disposizione dei sanitari più confortevole, dando, ad esempio, maggior ampiezza alle docce, senza togliere quadratura alle stanze. La legge nazionale sui B&B prescrive di non superare il tetto massimo di 6 posti letto e che il gestore della struttura abiti nello stesso immobile o in un appartamento che sia confinante (almeno una parete divisoria) con esso. Ho recentemente ristrutturato e arredato un B&B, ma in un edificio moderno in una zona periferica della città, dunque in un contesto meno interessante di quello in cui, credo, si trovi la sua palazzina in pietra! Può dare un'occhiata alla realizzazione entrando nel mio profilo e cliccando sul progetto B&B Nest. Auguri Alessandra
    ... mostra di più

    La vita di oggi in una casa di ieri : credete sia possibile?

    Q

    (52) commenti
    Arch. Colombetti, dalle foto che lei ha pubblicato, corredate della relazione puntuale di ogni fase della ristrutturazione, si evince una grande trasformazione ed una ritrovata vivibilità tra quelle mura. Rispondo SI alla domanda che lei pone nel titolo del post ( ma perché non ci ha postato anche qualche foto del prima?) La casa "di ieri", acquistata o ereditata che sia, porta in sé, secondo me, un valore aggiunto: quel legame affettivo che ci consente di conservare alcuni dettagli, quella nostalgia della nostra infanzia che ci impedisce di distruggere quel pavimento così originale, quella sfida a voler dare un senso di casa ad una casa che sembra non averlo più, e che solo i suoi proprietari, appunto illuminati, sapranno dargli con le loro creazioni. Arch. Russo, apprezzo molto la sua determinazione 'professionale', il suo obiettivo è quello di offrire ai suoi clienti una casa dall'aspetto finito ed armonioso nel rispetto dei loro gusti e possibilità, e dal suo punto di vista lo capisco. Ho dato un occhiata ai suoi lavori, ed ho scoperto che siamo anche relativamente vicine...perché non viene a trovarmi se le capita? La accompagneró ad una degustazione di confetti, e magari lei mi da una dritta per quella parete vuota... perché non voglio impiegare 20 anni per decidere!!!
    ... mostra di più

    Divano di fronte all'ingresso

    Q

    (10) commenti
    Salve Giulia, a me sembra insufficiente la distanza tra ingresso e divano, inoltre la disposizione di spalle" non è accogliente.... Capisco che risultai determinante la posizione del camino, in queste scelte; mi chiedevo se non si potesse provare a posizionare un camino bifacciale un po' più centrale, a divisione del soggiorno dalla sala pranzo.... In effetti non hai chiarito se l'edificio è in costruzione, o se si tratti di ristrutturazione.... Cordialmente, arch. Oreste Batori
    ... mostra di più

    L’importanza dell’ Addolcitore nei Sistemi Termici residenziali

    Q

    (3) commenti
    Si può progettare un impianto idraulico a due vie. Una, destinata ai rubinetto a cui attingere acqua potabile, per la cucina e per l'irrigazione, che parte prima dell'addolcitore, e l'altra, successiva all'addolcitore, destinata ai vari impianti (ACS, pompa di calore, solare termico. ecc) ed agli elettrodomestici.
    ... mostra di più
  • 4 anni fa

    Premesso che questa mattina mi sono sentita tra il gatto e la volpe, ho scoperto che l'ingegnere interpellato era da anni amico dell'agente immobiliare,la qual cosa ovviamente non mi ha resa affatto tranquilla...L'architetto è stato da noi contattato su un sito di imprese online,ma quando ha scambiato la colonna fecale esterna in pvc per amianto,ho iniziato anche in quel caso ad essere titubante...Questo per chiarire che non so davvero di chi potermi fidare...In ogni caso queste due persone hanno entrambe detto che non sono crepe preoccupanti, quelle del soffitto attribuite ai travetti che secondo loro sono dovute allo sviluppo di carbonato,ovvio che per averne certezza bisognerebbe effettuare un sondaggio,ma se la casa non è tua,impossibile farlo,per le crepe della muratura l'ingegnere diceva che sono attribuibili ad un intonaco vetusto,ma l'architetto ha individuato in corridoio un crepa sul muro maestro che corrispondeva all'interno della camera,ha detto che quella l'avrebbe sottoposta al suo collega strutturista.L'ingegnere ci ha detto che le crepe sono preoccupanti,quando verticali vanno dal soffitto a pavimento e qui non è così,oppure alcune oblique.Anche noi investiamo tutti i nostri soldi nell'acquisto di casa più un consistente mutuo,per cui siamo molto preoccupati...

  • PRO
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Veronica Tudisco qui non si tratta di indicare un colore, o la pseudo distribuzine per uno spazio incoerente, qui ci sono in gioco responsabilità e le consulenze di questa natura devono essere regolate secondo regole precise

    La diagnostica è una scienza e può essere svolta a vari lilelli. Personalmente continuo a pensare l'edificio sia stato oggetto di una sopraelevazione, ,, le foto mostrano crepe, personalmente estenderei l'analisi ai piani alti e alle fondamenta. La questione qui non è tanto che potrebbe crollare, ma che nel tempo possano essere necessari interventi importanti. La scelta ora , se proprio l'immobile le piace e risponde alle infinite questioni che lai solleva, deve essere fatta dopo aver raccolto dati certi e rigorosi, non semplici pareri.

  • 4 anni fa

    Come si fa a non empatizzare con Veronica, quando racconta queste cose? Mi perdonino i pro sicuramente ferratissimi e degni di grande fiducia che scrivono su Houzz, ma anche io, dopo aver fatto vedere casa mia a due architetti e ad un geometra mi sono resa conto che non avevo le idee chiare su cosa fosse in regola, cosa no e cosa tutto sommato "poteva andare", perché purtroppo i pareri fornitimi erano contrastanti. Io dico, Veronica, che per un acquisto del genere prima di impegnarti puoi pretendere la raccolta dei dati certi che ti suggerisce l'architetto Masu. C'è una reticenza fortissima da parte delle agenzie immobiliari e persino degli amministratori di condominio a condividere informazioni con potenziali acquirenti (purtroppo, d'altronde, finché restano potenziali sono praticamente terzi estranei): architetto Masu, lei che è pro: Veronica può pretendere la raccolta dei dati certi che suggerisce?

  • PRO
    4 anni fa

    Veronica forse non sottovaluterei nemmeno la possibilità della presenza di amianto nel pvc come le è stato indicato. Spesso l’amianto veniva utilizzato negli impasti plastici tipo linoleum, anche nelle colle per dire...Forse un’attenzione in più non guasta.

  • 4 anni fa

    In quel tubo di Pvc non credo ci sia amianto,sembra nuovo

  • 4 anni fa

    Architetto Masu,abbiamo mostrato all'ingegnere anche la cantina nel seminterrato,che tra l'altro mostra ancora i mattoni grezzi,qui non ci sono crepe,si evidenzia solo un materiale misto,formato da mattoni pieni ,pietra,cemento e tufo...I piani superiori non sono stati valutati se non nelle scale che essendo però state ristrutturate credo non da molto,non mostrano lesioni...Proverò a contattare un altro strutturista ,sondaggi non è possibile effettuarli non essendo proprietari...Tra l'altro l'agente immobiliare mi ha detto che lunedi una signora andrà in seconda visita con un impresario edile,non so se è un bluff per mettermi alle strette,ma ad ogni buon conto temo di perdere un'altra possibile casa ed essere punto a capo,sono abbastanza demoralizzata,non me ne vogliate se mi sono dilungata concludendo con un piccolo sfogo.

  • 4 anni fa

    Casadolcecasa😊

  • 4 anni fa

    Veronica.... io ho iniziato a cercare casa... circa 10 anni prima di acquistarla!

    La zona era sempre quella ma vuoi la giovane età (con conseguente instabilità professionale), vuoi che non erano le case giuste... non ero mai convinta.

    Solo dopo quasi 10 anni ho "sentito" una vera e propria voglia di abitare una di quelle case che continuavo a vedere.... ma una serie di fattori "ambientali" (ubicazione, piano troppo basso e agenzia poco seria) mi hanno fatto desistere a malincuore (ancora oggi se penso a quella piantina... mi batte il cuore).

    Esattamente 3 mesi dopo (fra l'altro con la casa dei miei sogni ancora in vendita e libera) ho trovato quella attuale: come ci sono entrata mi ci sono immaginata dentro.

    I fattori ambientali che nella prima mi mettevano in crisi... qui erano tutti a mio vantaggio e alla fine ho finalmente scelto, felice e mai pentita del mio acquisto.

    Insomma, non essere convinti è un segnale importante: non dico che debba scattare l'amore a prima vista ma nemmeno deve essere una scelta così sofferta.

    Ancora oggi preferisco la pianta della prima casa, anche se la mia attuale non ha niente che non vada e di fatto mi piace lo stesso... però è come se qui non potessi trovare alla fine nemmeno un difetto, mentre per quella casa a fronte di una pianta bellissima... c'erano una serie di ostacoli che mi hanno fatto macerare per mesi (siamo andati a vederla 5 volte, siamo andati in agenzia con il libretto degli assegni in mano per fare l'offerta e 30 secondi prima di entrare ci siamo detti "aspettiamo"...).

    Qui invece è stato tutto sereno: l'abbiamo vista, rivista con genitori e architetto per avere un doppio parere (da chi ci conosce e da un tecnico) e subito abbiamo fatto l'offerta, sentendoci leggeri (pur mettendoci un grosso mutuo sulle spalle, perchè l'altra costava pure meno) e mai pentiti della scelta fatta.


    Non so se tu sia in genere una persona particolarmente dubbiosa... ma qui mi sembra che le certezze siano poche e i dubbi tanti.

    E visto che gli ostacoli in una ristrutturazione... sono ancora di più, ad ogni intoppo tutti i dubbi e le incertezze vengono fuori e ti fanno chiedere "ma avrò fatto la cosa giusta?".

    Se non sei pienamente convinta... rischi di non sopravvivere alla ristrutturazione!

    O almeno io non sarei sopravvissuta.

  • 4 anni fa

    Mae capisco perfettamente ogni tua parola.In questo caso per me ha del potenziale,in più in queste città e ubicazione non è semplice trovare casa di tali metrature ad un costo accessibile, giustificato probabilmente dalla mancanza di ascensore e dai numerosi interventi da eseguire.Le caratteristiche che trovo potenziali,nascoste da un vecchiume generalizzato sono: soffitti alti 3,60,gessi su di essi ,porte con lucernari,pianta,tutte cose che con interventi mirati e colori giusti possono dare vita ad una casa davvero bella...Quello che mi rende estremamente indecisa è la struttura e pur avendoci portato due professionisti questi per un motivo o per l'altro non sono riusciti a rassicurarmi,la mia preoccupazione più grande risiede nel fatto che investo tutti i nostri soldi ,più un mutuo elevato ed ho paura di sbagliare,ho due figli non posso permettermelo.Domani proverò a contattare un'altro strutturista e in corsa con l'agenzia che dice di avere una cliente interessatissima che proprio domani porterà la sua impresa di fiducia,vediamo cosa succede,sono davvero stanca di tutte queste dinamiche.

  • 4 anni fa

    Le agenzie fanno questi giochi.. so che è facile per noi dirlo e molto difficile per te metterlo in pratica, ma cerca di conservare la serenità e un minimo di fatalismo: se la prende la signora (se è vera!), e magari ne ricava anche un appartamento da rivista, non è detto che comunque questo sarebbe stato l'unico appartamento perfetto per voi. So che è una ricerca molto difficile, ma con tutto il cuore, analizza tutto e non farti prendere dall'ansia: compra quando sei convinta (non dico al 100%, magari), che i tuoi soldi stiano andando nella direzione giusta.

    Ciò detto torno su un punto sollevato dal tuo ingegnere che mi genera perplessità: "L'ingegnere mi ha detto che per le crepe del soffitto si tratta dei travetti che vanno ripristinati,ma nulla di importante,la struttura è di tipo portante,mista...": ripristinare i travetti a soffitto è un lavoro fattibile dal piano inferiore? e nel caso, i gessi? si riesce a conservarli?

  • 4 anni fa

    Casadolcecasa,questo pomeriggio un altro ingegnere contattato da noi,visionera' l'appartamento, non posso infatti fare a meno di essere cauta,ed in ogni caso pensavo di fare una proposta subordinata al buon esito di eventuali sondaggi,ovviamente se l'ingegnere dovesse dirmi di lasciar perdere cade ogni discorso.
    Per quanto concerne l'altro ingegnere,mi diceva che bisogna spicconare dove si trovano i travetti ed intervenire con apposite sostanze per rivitalizzare i travetti

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Io alla luce di tutte queste incognite avrei già mollato il colpo, a meno che la casa non costi pochissimo rispetto alle quotazioni del mercato locale e non sia l'unica a quella cifra e con quella metratura (ma a quel punto sarebbe già stata venduta e comunque avrebbe molte più persone interessate all'acquisto)

  • 4 anni fa

    Attendo il sopralluogo di oggi per poi decidere...Misura 100mq,ha delle buone potenzialità interne e il costo non è elevatissimo per l'ubicazione, altrimenti non avrei sprecato tempo...Prima di tutto la rassicurazione sulla solidità della struttura,poi se è il caso cercare di capire come intervenire senza incorrere in costi eccessivi per la ristrutturazione,in caso contrario anche in questo caso per forza di cose dovrei mollare,conto anche sui nuovi bonus da cedere alle imprese, insomma sto valutando cercando di impiegare il minor tempo possibile.

  • PRO
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    come volevasi dimostrare...il mio intervento ha scaturito risposte affettate buoniste e smelenze...

    ha detto appunto lei questo è un sito di interiors... architetti homestager e cose pratiche realmente pratiche... non scriva grazie a tutti e ci fa il resoconto.. di...ogni ora e momento... pure gli anni....ora scrivete..mah

    si posso leggere o non leggere vero... ma non ho mai visto nulla del genere su un sito professionale.. neanche quasi su linkedin che sembra diventato facebook con polemiche varie e null'altro.. sopratutto di questo periodo...

    e la mia riflessione nasce da 1 cosa decisamente importante...

    ovvero..

    uno cambia casa città e tanto altro...e la prima cosa che fa e non decidere di comprare in base ai pregi del posto???

    da Assisi a Salerno...luoghi che conosco bene...

    lei vorrebbe andare in riva al mare in un palazzo antico fuori messo male... senza balconi... e si fa problemi di mille natura? ma cosa le importa del palazzo antico... scelga una location salutare..

    altrimenti davvero non ha imparato nulla da questo periodo..

    e che nessuno scriva altrimenti..

    la prima cosa.. mens sana in corpore sano.. se poi lo paga 10000 euro allora è un buon affare..

    per il resto... ssenza affacci ne altro..

    non esiste.. altro che pavimenti...

    ed io sono nata all'aventino san saba casa di fine 800 con pavimento spettacolare di quelli che non esistono più e pochi conservano, termosifoni in gihsa esterni tubi esterni

    dalla cantina usata come rifugio nella seconda guerra modniale ho tirato fuori nel 1992 (ero appena diventata decoratrice pareitale... a parte tutto il resto) il mio primo studio di moda/design.. e questo prima di andare a NY nel 1994 ed iniziare a fare non solo il decoratore parietale ma anche l'home stager come si fa lì e non qui..

    ed ho poi venduto l'appartamento ad una signora che si era innamorata del mio studio....venuta per comprare e far fare abitini di maglia con i filati della zegna baruffa all sua bimba

    le ho dato soluzioni per trasformarlo bucare sopra connettere e comprare anche quello del portiere.. era la moglie del viceprediente dell'alitalia

    e purtroppo la prima cosa che ha fatto è togliere pavimenti tubi termosifoni abbassare il soffitto e mettere faretti.. cosa tristissima...

    detto ciò

    mare sole luce e state fuori e non dentro casa...

    mi tolgo da ogni altra discussione... e per le discussioni considero questo sito.. di basso livello...se vengono cos'ì trattate..diamine!

    incollo il suo messaggio di risposta.

    """..... Francesca,sono grata alle persone che hanno voluto rispondere,sia per i consigli tecnici relativi alla casa che a quelli per la scelta di essa.Questo è un sito di interiors,professionisti e non ,ma resta comunque un luogo in cui più persone si incontrano e le modalità di questa relazione possono assumere forme diverse,sicuramente tutte interessanti,ognuna con un contributo prezioso....""""

  • 4 anni fa

    In effetti, a giudicare dal tenore di quest'ultimo messaggio, Veronica non avrebbe neanche dovuto replicare a Francesca! La sua autobiografia, signora, è decisamente fuori tema. Perché non va a dare i suoi contributi (possibilmente da pro) a qualche conversazione meno "smelenza"? Peccato confondere la buona educazione per buonismo e avvicinare un topic, sicuramente più personale di altri, ma comunque pertinente ai temi di Houzz, ad una triste baruffa da leoni della tastiera.


    Mi scuso con Veronica, non sono riuscita a trattenermi (probabilmente è quello che desidera la pro, che non ho mai visto partecipare ad altre conversazioni finora). Spero che ritorniamo a parlare della casa e della decisione finale (oppure no, in tutta libertà:))

  • 4 anni fa

    E questo appartamento in centro storico? 125 mq con terrazzo di 40 mq! Già ristrutturato e il prezzo mi sembra davvero basso (magari la zona è brutta, non so)

    http://www.relions.it/web/immobile_dettaglio.asp?cod_annuncio=1700277&language=ita

  • PRO
    4 anni fa

    @casadolcecasa??? in rete ci si mette la faccia e si compila un profilo.. da pro e non da pro...

    paramtetri comportamentali... in primis.. in rete e dela vivo

    per il resto.. evidente lei vive nel virtuale.. e nelle polemiche da 4 soldi! come evidenziano i SUOI di commenti.. . se ha qualcosa da dire.. mi telefoni..e non faccia polemica inutile qui sopra.. evidenziando.. che non avete nulla da fare...! ;)

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Trovo invece molto professionale, da parte di architetti, interior designers, finanche da parte dell'artigiano, indagare ed approfondire la personalità, la psicologia, le emozioni, i dubbi e le aspettative del committente. Secondo me, i PRO qui su Houzz, anche se non ricevono un incarico, hanno l'occasione di esercitare questo aspetto della loro professione, i casi degli utenti sono tutti un'ottima palestra di vita. Scegliere casa non è un'azione asettica, in cui si seguono steps predefiniti. Magari fosse così semplice. Un PRO deve quindi accompagnare ma anche scoprire il suo committente, e farlo con rispetto, senza arroganza o supponenza. Veronica ha aperto una discussione "personale", un po' come se ci avesse fatto entrare in casa sua. E in casa d'altri ci si entra con rispetto. Ad ogni discussione si è liberi o no di intervenire, ognuno con le proprie proposte, purché costruttive e non demolitive della sensibilità né della nostra ospite né degli altri interlocutori. Detto ciò, trovo che la "qualità" di Houzz sta proprio in questo incontro tra diverse sensibilità, competenze ed esperienze, nessuna esclusa. Ogni intervento non necessita di una ratifica o di un processo, si "commenta" da sé. La vera differenza nel livello la fanno il rispetto e l'educazione.

  • 4 anni fa

    Non credo di essere buonista nel dire liberamente che i commenti della signora De Nardi non sono di mio interesse .Non ho risposto in questo modo fin dall'inizio perché conservo un garbo nei modi che si chiama educazione,purtroppo non conosciuta da tutti.Apprezzo più una persona virtuale come Casadolcecasa che una professionista che usa una discussione a cui è libera di non partecipare per decantare la bellezza della sua casa dell'800 e le sue capacità professionali da home stager acquisite a NY ,altrimenti non fruibili,per poi concludere etichettando la conversazione di basso livello .Non la conosco come professionista,ma come persona non potrei mai avvalermi delle sue competenze, le manca una capacità fondamentale,ovvero quella di entrare in empatia con un possibile cliente.Detto questo non mi dilungo ulteriormente e continuo la mia discussione accogliendo con gratitudine tutti i pareri che verranno elargiti.Grazie a tutti

  • 4 anni fa

    L'ultima cosa signora De Nardi,come si permette di dire che non ho imparato nulla da questo periodo,mi conosce? Non tutti hanno mezzi economici per potersi permettere affacci adeguati,spazi esterni etc,si chiamano compromessi....Ancora, chi le da il diritto di dire che Casadolcecasa scrive perché non ha nulla da fare?Si potrebbe pensare la stessa cosa di lei,visto che si è presa la briga di intervenire peraltro solo per sentenziare,forse il basso livello è rintracciabile in questo,non in una discussione in cui come già detto è libera di non partecipare, le suggerisco di non sprecare le sue competenze da home stager e nemmeno il suo tempo

  • 4 anni fa

    Semplice utente,grazie infinite per il suggerimento...Io stessa non conosco bene Salerno,ma dalle informazioni acquisite ,mi è stato detto di non cercare nel centro storico perché molte soluzioni immobiliari hanno problemi di umidità ed inoltre molte zone non sono raggiungibili con l'auto, ma darò un'occhiata alla zona😊

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Io poi sono di Milano, però quella casa mi sembra davvero interessante e potrebbe adattarsi benissimo ai suoi mobili... Il terrazzo inoltre è favoloso, magari lo avessi io! Non so se il budget sia in linea con il vostro, però è una casa ristrutturata con buon gusto, anche se non ha il parquet (e anch'io prediligo in assoluto il parquet). Le macchine ci arrivano perché ho guardato con google maps e il condominio mi sembra gradevole e nella strada ci sono le auto

  • 4 anni fa

    Virginie, sono assolutamente d'accordo,grazie

  • PRO
    4 anni fa

    Nevigando mi sono imbattuta in questa foto, non condivido l'uso del gres a cornice e preferisco il legno o il marmo ma mi sembra di capire che gli arredi siano simili a quelli che hai tu, giusto per farti vedere che non sono quello il problema.

    Casa Mo' - Palermo · Maggiori informazioni


  • 4 anni fa

    Grazie infinite Mariagrazia...In questo momento c'è l'ingegnere per la valutazione strutturale, se ci dà il benestare, procedo...

  • 4 anni fa

    La valutazione dell'ingegnere non è stata molto positiva,dice che le crepe possono essere determinate da un carico eccessivo del piano di sopra,quindi da verificare...In ogni caso bisognerebbe attendere di intervenire per capire bene cosa c'è sotto ,non potendolo fare ora,non ci sono garanzie...

  • 4 anni fa

    io scapperei a gambe levate...a parte il gesso sui soffitti, che dovresti demolire per gli interventi di cui sopra, i pavimenti dall’allure storica, che comunque non vedi bene con i tuoi mobili, non vedo altri innamoramenti per cui vale la pena.

    Se non puoi toccare neanche i tramezzi non portanti la pianta interna resta invariata...bo, cercherei qualcosa di più sicuro.

    Salerno non è così grande da dover abitare per forza accanto alla bottega, prevedere un minimo di spostamento ti permetterebbe di avere di meglio.

  • 4 anni fa

    In realtà sono molto scoraggiata,avevo investito delle aspettative ed iniziavo ad intravedere anche dei progetti

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Quante case hai visto a Salerno? Sono tutte simili? in termini di dubbi che suscitano, intendo

  • 4 anni fa

    Ne ho viste diverse...I prezzi sono molto alti e spesso non vanno bene per zona e dimensioni,la tipologia ,soliti palazzi in cemento armato

  • 4 anni fa

    Si ti capisco, bisogna vederne decine prima di trovare quella giusta. Ma se poi la ristrutturazione non si limita alla scelta dei pavimenti, ma a consolidare la struttura per non farsi cadere in testa l’intero edificio, tutto quello che risparmi in fase di acquisto è subito diluito in un mare di spese importanti.

    Non ho capito il risultato finale del sopralluogo di oggi. Non ci sono garanzie e quindi? Chi si dovrebbe far carico di indagare a fondo? Anche perché, a parte la vendita o meno, gli altri inquilini vivono tranquilli, con un primo piano che non sopporta il peso di casa loro?

    Possibile che non sia obbligatorio, in termini di sicurezza, occuparsi della faccenda?

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Anch'io Veronica ero partita dal mio ideale di casa d'epoca, però con l'ascensore, però con la portineria, però con almeno un balcone, però in una via silenziosa, però in una bella via, però con la metro vicina e alla fine ho scelto una casa fine anni 50 che proprio bella, per i mie gusti, non è, a parte l'androne da grand hotel di lusso, però aveva mille altri vantaggi e tutto ciò che desideravo. E infatti oggi sono felicissima della mia scelta :)

  • 4 anni fa

    Nina,l'edificio non è in procinto di crollare,ma bisogna considerare degli interventi alla struttura.Andrebbe verificato l'appartamento al piano superiore,capire ad esempio se è stato realizzato un massetto sopra il pavimento esistente e questo ha esercitato un peso.I travetti vanno spicconati e rinforzati ,questa spesa è onerosa,anche se in teoria dovrebbe essere condivisa con il proprietario del piano superiore visto che il solaio è in comune tra i due appartamenti, ma se questi si rifiuta,bisogna rivolgersi ad un avvocato e sinceramente non voglio avere beghe sul nascere.Inoltre l'ingegnere diceva che per avere certezze,bisogna intervenire,ma non potendolo fare prima di acquistare,non sappiamo esattamente cosa aspettarci,quindi economicamente non c'è una cifra prevedibile.In più lui sostiene che è un palazzetto misto ,quindi ci ha esplicitamente detto che se dovesse consigliare un amico lo inviterebbe a desistere.Dopo tutto questo non me la sento,ma sapendo cosa c'è in giro e i costi,non riesco ad essere serena...La cosa che mi fa piacere è che sto trovando persone empatiche, compreso l'ingegnere.

  • 4 anni fa

    Quindi deduco che sia un no... che peccato @Veronica Tudisco , continua con la tua ricerca... Prima o poi troverai la casa che più vi si addice!

  • PRO
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    la cosa che mi piacerebbe conoscere a questo punto è il prezzo e quale il delta rispetto al mercato che lo rende così " affare". DI solito anche questo delta nasconde risposte... a questo punto a me verrebbe voglia di dubitare di tutto.... managgia

  • 4 anni fa

    Dubitare di tutto,in che senso?

  • 4 anni fa

    vale ria ,non sono ancora del tutto rassegnata, ma credo che dovrò farlo

  • 4 anni fa

    Mi sembra che SALERNO sia zona sismica. Un appartamento nuovo , in periferia?

  • 4 anni fa

    Le periferie non sono molto carine...

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Comprendo che tu non voglia sentirtelo dire, ma ci stiamo sbilanciando in molti consigliandoti di cercare altrove.

    come ti hanno detto, se costa poco un motivo ci sarà...

    dovresti rifare una ricerca nelle zone di interesse, chiaramente cambiando il budget e adeguandolo a quello che spenderesti per sistemare questo.

  • 4 anni fa

    Nina,non la regalano, ha comunque un costo di tutto rispetto, in considerazione degli interventi che dovranno essere effettuati...Inoltre lo stabile è in fase di ristrutturazione per il momento solo la facciata anteriore,ma poi...Il mio problema è che non riesco a mollarlo,ma è probabile che dovrò farlo necessariamente se i preventivi non mi consentiranno di stare nel budget...Ho parlato con l'amministratore, la telefonata mi ha rassicurata molto,in merito alla stabilità, devo capire se posso permettermi l'onere degli interventi e anche se ne vale la pena.

  • 4 anni fa

    Ok, ma se non la regalano vuole dire che ci saranno altre case di quella metratura e di quel prezzo a Salerno e davvero non riesci a staccarti da questa, con tutte le incognite che stanno venendo fuori? Ripeto, io a suo tempo pur essendomi innamorata di una bellissima casa d'epoca (in un condominio non certo economico) quando ho saputo che avrei dovuto rifare le solette e che c'erano varie incognite (oltre alle incognite che tutte le ristrutturazioni hanno) ho mollato subito. Sono cose che si possono affrontare a cuor leggero solo se non si hanno limiti di budget Veronica. E non mi pare sia il tuo caso, scusami se te lo dico :)

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Scusa Veronica, ma stai dicendo esattamente quello che intendo io. Ti cito “ ha un costo di tutto rispetto in considerazione degli interventi che dovranno essere effettuati”...appunto, ha il costo di base più i suddetti interventi.

    Possibile che non ci siano appartamenti in condizioni migliori alla cifra totale, e ribadisco totale, che andresti a sobbarcarti per questo?

    poi scusa, un tecnico ti dice che il peso del piano superiore grava troppo e va rinforzato e tu ti tranquillizzi se l’amministratore ti dice tutto a posto, non c’è problema? Io mi tranquillizzerei solo se l’amministratore fosse un tecnico a sua volta.

    Comunque, se dici di non volerla più lasciare, direi che hai trovato la tua casa!

    Potresti affrontare gli interventi urgenti subito e poi metterci mano più avanti, suddividendo le spese in più tempo.

  • 4 anni fa

    L'amministrazione è un architetto

  • 4 anni fa

    Semplice utente,mi dispiace chiamarti così...
    Hai perfettamente ragione,razionalmente sarebbe meglio abbandonare, ma poi ci ritorno,poi penso che magari con i bonus etc...sono praticamente scissa...tra la ratio e l'emotività del potenziale...ma è pericoloso

  • 4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Ricordiamoci poi che le case d'epoca hanno una manutenzione STRAORDINARIA e quasi CONTINUA che le case moderne non hanno.... e te lo dice un'amante del genere (nata e cresciuta in casa d'epoca e comprato casa d'epoca).

    Nel mio palazzo ad esempio tutti gli appartamenti sul mio lato presentano delle crepe nel pavimento nello stesso punto, perchè, dato che in origine era un convento, quando hanno diviso il tutto in appartamenti evidentemente hanno caricato troppo quella parte costruendo i vari muri maestri. I proprietari dell'appartamento sotto al mio in quel punto hanno una soglia di marmo che si è completamente crepata.

    Io al momento dell'acquisto ho notato le crepe nelle piastrelle del pavimento, problema risolto posando il parquet (noto per la sua elasticità).

    è poi presente un'altra crepa nel muro in un punto vicino, sempre per le forze del palazzo, che abbiamo prontamente sistemato, ma dopo 1 anno e mezzo sta riaffiorando.... Insomma, bisogna tener conto anche di questi difetti.

    Questo per dirti che magari potresti sistemare le crepe, per poi vederle riaffiorare dopo tot mesi.

  • 4 anni fa

    Hai ragione Valeria! Però penso che questo valga in realtà anche per le case anni 50/60/70... se poi penso ad alcune prodezze di nuova edilizia milanese (balconi loggiati del 2008 con la vernice che ha fatto grandi bolle totalmente scrostate), sono scettica sulla non necessità di manutenzioni straordinarie frequenti anche nelle case nuove... (sicuramente amicizie che hanno comprato case nuove negli ultimi anni hanno avuto all'inizio tutte qualche problema, ma questo è probabilmente vero per tutte le cose nuove che hanno bisogno id un rodaggio).

  • 4 anni fa

    Avendo affrontato una ristrutturazione... posso dire che mentre il costo di una casa lo conosci subito e su quello puoi fare i tuoi calcoli (al massimo si abbasserà)... solitamente in una ristrutturazione possono esserci imprevisti che fanno lievitare i costi, soprattutto se non è una ristrutturazione superficiale...

    Quindi piuttosto meglio una casa con un costo più alto ma poche ristrutturazioni (e soprattutto non necessarie, che se ci sono soldi si fanno e se non ci sono... si rimandano) che il contrario.

    Io per dire ho comprato casa e non avevo soldi per gli infissi: li ho messi dopo un anno e intanto ho potuto viverci lo stesso senza grossi problemi e mettere via i soldi per pagarli...

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Houzz utilizza cookie e tecnologie simili per personalizzare la mia esperienza, fornire contenuti per me rilevanti e migliorare i prodotti e i servizi di Houzz. Premendo su "Accetta", acconsento all'utilizzo dei cookie, descritto ulteriormente nell'Informativa sui cookie. Posso rifiutare i cookie non necessari cliccando su "Imposta le preferenze".