Quali sono veramente i consigli per avere un giardino bello e sano?

Giulia Guizzardi
18 luglio 2017
Ultima modifica:23 agosto 2017

Avere un giardino bello e sano senza fatica è un desiderio di molti ma ognuno incontra delle difficoltà diverse nella coltivazione delle piante e nella manutenzione. Abbiamo pubblicato qualche giorno fa un articolo (che trovate qui) che ha destato alcune polemiche tra gli utenti appassionati del verde. I consigli che abbiamo dato non vi hanno soddisfatto e vogliamo ascoltarvi e fare di meglio. Come? Rispondendo direttamente ai vostri problemi. Commentate qui sotto e raggrupperemo in un ideabook del magazine i problemi più comuni, cercando di rispondevi puntualmente.

  • Quali sono le piante più difficili per voi che vi hanno creato problemi?
  • Avete mai fatto la rotazione delle culture?
  • Come irrigate le piante e quanto spesso?



Commenti (79)
  • cricro

    concordo in pieno... un giardino "autonomo" dovrebbe essere il non plus ultra della realizzazione, che sia un giardino "stiloso" familiare o un vero e proprio parco

    non essite il concetto di semplificazione in un giardino... se un'architettura d'interni è per sua natura statica e modificabile con interventi anche non massivi mentre un cattivo impianto di una struttura vivente in perpetuo cambiamento richiederà sempre studio fatica e tentativi non sempre vincenti


    e poi... cosa intende ognuno di noi per prendersene cura?

    innaffiare?

    zappare'chiamare il giardiniere??

    etc etc etc...

    ma stiamo un pò deragliando temo anche per mia responsabilità.... quindi a bomba... cosa chiediamo ad un giardino? come pensiamo di curarlo di realizzarlo di sognarlo???

  • PRO
    Lidia Zitara

    Gentile Fiorillo, "avrò i miei modi" non mi sembra una spiegazione. Anche io ho i miei modi, ma come disse qualcuno ben più saggio di noi, la nostra libertà finisce dove inizia quella degli altri. La sua frasetta qualunquista corre il rischio di spegnere una discussione finora serena che si spingeva oltre delle esemplificazioni necessarie. Il suo fare, a mio avviso, è chiaramente offensivo. Offensivo in quanto smaccato e scoperto tentativo di sminuire il valore degli interessi e delle professionalità degli altri. Ma questo, a quanto pare, è pratica usuale.

  • PRO
    CAFElab Studio

    La discussione è molto interessante e la sto seguendo con piacere, naturalmente io ho risposto forse provocatoriamente alla domanda iniziale: come fare ad avere un giardino bello e senza fatica?

    la risposta è: avere qualcuno che fatica per te!

    vi dirò io per più di 40 anni ho avuto un giardino condominiale, piuttosto grande, con il posto per far giocare i bambini, l'area riservata ai cani, il parcheggio riservato, a Roma un lusso, le panchine ecc ovviamente mantenuto da una squadra di giardinieri che pulivano i viali, potavano le siepi e gli alberi, tagliavano l'erba ecc

    Certo, non è La Mortella

    sicuramente, la qualità dei risultati variava con le varie ditte che si succedevano ma il risultato è un giardino bello, curato in maniera decorosa e di cui chi fa altro nella vita e non ha tempo può godere senza fatica

    ... perché la fatica la fa qualcun altro!

    Adesso che ho anche un giardino tutto mio, nettamente più piccolo, é molto più faticoso perché c'è da fare, curare un giardino, che sia annaffiarlo come zapparlo richiede fatica e tempo e se non lo fa il giardiniere... me lo devo fare da solo

  • PRO
    Lidia Zitara

    Cosa chiediamo a un giardino? bella domanda!

    Una domanda a cui non esite una risposta univoca e su cui fior di filosofi del calibro di Kant, Bacon, Locke, si sono soffermati. In fin dei conti io credo che al giardino si chieda ciò che chiediamo all'Arte (un altro concetto assai sfuggente e immateriale). Perciò -per me- lo studio è fondamentale per comprendere i giardini in quanto soggetti del Bello artistico, quindi elementi di analisi Estetica Filosofica.


    @CAFEelab, a me la tua risposta è piaciuta. Amo le provocazioni.

  • cricro

    woww mai pensato ad un giardino filosofico ma l'idea è alquanto intrigante

    per me il verde nella sua più ampia accezione, si tratti di un terrazzo un giardino o un bosco è fonte di calma... è la vita primigenia del pianeta è la bellezza nella sua forma più pura...

    qualcuno potrebbe dire che è arte, matematica, geometria, colore

    il giardino nel senso più stretto è un banco di prova, una ricerca di bellezza, funzionalità, eleganza,

    un luogo dove lavorare, dove rasserenarsi, dove respirare aromi e godere dei colori

    è un luogo di fatica e di gioia un segnatempo, una creatura vivente in continua evoluzione di cui prendersi cura

    forse per questo trovo molto personale lo spazio del giardino, del terrazzo o della pianta in casa

    è una realizzazione di qualcosa di bello, di personale, di artistico di vivo

    è anche preoccupazione e in qualche modo "sofferenza2 per i fallimenti

    perchè dove si lavora sulla vita si lavora anche sulla morte, sulla malattia...

    forse è troppo?? per me no... è una parte di me... ne ho perso uno, che ho però affidato ad una persona appassionata e competente, sto per ricrearne uno e... colleziono già da ora i futuri fallimenti con semi che dovranno essere messi alla prova con studi che dovranno essere dimostrati e sopratutto con tanto tantissimo amore

  • Arianna Lanzone

    Io vado su un aspetto molto pratico, che non prescinde ma anzi si lega a quello estetico-filosofico che avete citato: il giardino è fonte di benessere. E' il mezzo attraverso cui ci ricongiungiamo alla natura, ritroviamo il senso dello scorrere del tempo, riscopriamo il piacere delle piccole cose (cosa c'è di più semplice e meraviglioso di un seme che germoglia?) e soprattutto dove risvegliamo i nostri sensi. In sintesi, il luogo dove possiamo riconquistare la nostra dimensione umana, all'interno di un mondo troppo complesso e veloce.

  • Raffaella Martorelli

    Salve a tutti, sono da poco nella houzz community ma trovo le discussioni molto utili, soprattutto perchè ho cambiato casa da poco e ho un giardino di cui occuparmi completamente da sola. Abito nel centro di Bari, in questo periodo soprattutto fa molto caldo e piove poco, quindi non ho piantato ancora nulla di nuovo ma sto riprogettando la sistemazione di spazi e piante. Ci sono due mandarini e due aranci che crescono da soli, ma il resto...

    Ho espiantato un cactus di 3 metri, forse la pianta che meno necessitava di cure, e al suo posto ora c'è una baby mora; io le vedo crescere selvatiche qui nella mia regione anche sui cigli delle strade più assolate, invece la mia richiede acqua ogni giorno...dipenderà dal terreno? Forse esagero ma...analizzare un terreno per capire come nutrirlo può essere d'aiuto? E se volessi avviare un piccolo orto secondo voi come potrei preparare al meglio il terreno?

  • cricro

    analizzare un terreno è sicuramente un modo per iniziare... se non altro ti evita di mettere piante che non potrebbero crescere assolutamente


    se il resto del gruppo è d'accordo direi di "usarti" per vedere di aiutarti a realizzare qualcosa quindi....

    indicazioni più che puoi


    la baby mora se appena impiantata ha necessità di acqua perchè è stata coltivata, non è una pianta selvatica avvezza alla siccità quindi innaffiala e poi abituala, se hai poca a cqua pian piano


    per sapere che tipo di terreno hai un metodo empirico è quello di prelevare un pò di terreno... fai un buchetto di 10/20 cm e prelevalo... mettilo in un vaso di vetro o in un bichiere, riempi d'acqua e mescola vigorosamente... lascia riposare per 24/36 ore

    vedrai la sabbia raccogliersi sul fondo poi argilla e via via i materiali più leggeri

    a seconda dei risultati avrai un'idea di come usare e di cosa poter piantare

    un terreno torboso è molto diverso da uno sabbioso o argillaceo... ma ne parliamo dopo la prova ok?


    per avviare un orto.... quanto terreno? insolazione? acqua? posizione (nord sud....)

    vedi servono tante indagini

    dai sherlock indaga!!!

  • dyliane

    se uno vuole un bel giardino deve curarlo, un bel giardino non e' fatto da persone pigre che vogliono manutenzione 0

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Se essere sintetici per qualcuno vuol dire tuttologo, allora houzz andrebbe rivisto su molti aspetti.

    Come disse quel qualcuno "che la nostra libertà finisce dove inizia quella degli altri".

    Io rispondo a questa banale frase, che la mia libertà ha un gran rispetto per quella degli altri e pretende rispetto oltre che a darne. E non permetto a nessuno e sottolineo nessuno di offendermi, specialmente se quel qualcuno/a non mi conosce, ne ha avuto mai a che fare con me.

    Per tanto cerchi gentilmente di ridimensionarsi Lidia in quanto non sembra che io abbia offeso lei, ne giudicato nessuno per essere attaccato così solo per aver scritto: (..averne cura).

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    @dyliane..condivido pienamente quanto ha detto, ed infatti in modo sintetico è ciò che volevo dire con la mia frase...va anche detto però che un bel giardino curato non è fatto neanche di chiacchiere chiacchiere chiacchiere e filosofia..!

    ma per qualcuno potremmo risultare banali nell'esprimere il nostro pensiero..! ;-)


  • katia ornelli
    Tornando al dilemma ,si mi prendo cura del mio giardino ma con risultati non ancora soddisfacenti.
    A fronte di piante che, almeno per il momento non mi danno problemi, tipo la siepe di alloro, la lavanda ,il plumbago , il solanum rantonetti , le hosta ,gli ibiscus, ce ne sono altre che mi fanno penare tipo solanum jasminoides che credo abbia il ragnetto rosso così come l'ipomea , il limone che non fruttifica, la carissa idem, la quercifolia che da marzo che l'ho piantata è brutta come il primo giorno , per non parlare delle rose rifiorenti che hanno smesso di fare fiori.
    Sicuramente sto sbagliando qualcosa ..
  • cricro

    i solanum sono piante fortima il jaminoides vuole pieno sole per fiorire per iniziare ti chiedo la diversa esposizione... il ragnetto rosso di solito attacca in vicinanza di muri nei quali si rintana... ah katia zona di abitazione? come dicevamo sopra l'italia è lungaaaa

    il limone potrebbe non fruttificare se manda dell'innesto... è una pianta comprata o seminata?

    la quercifolia... presumo tu parli dell'

    hidrangea anche a me non ha mai fiorito dai qualche notizia dell'impianto? magari scopriamo insieme quale sia il problema

    le rose rifiorenti di che genere? perchè nel mondo delle rose rifiorente vuol solo dire che non si limita alla fioritura primaverile ma anche lì c'è rifiorente e rifiorente sono rose da siepe rose sarmentose cespugli?

    questo è il mio grande amore avevo tantissime rose prese anche da talee in giro per i giardini di amici, fiori senza nome ma con grande potenzialità.....

    alcune delle rose... tutte rifiorenti ma ad agosto le rose entrano in riposo vegetativo per ripartire a settembre

    non conosco la carissa ma possiamo vedere cosa fare anche per lei

    tecnici epserti agronomi... dai diamoci una manooo

  • dyliane

    Bartolomeo, capisco... anche io ho pigrizia di leggere le rispostone e le domandone , troppo dramma

  • katia ornelli
    eccolo vicino al muro ,esposizione sud ovest ,500m centro Italia
  • katia ornelli
    accanto una rosa eyes for you da talea fatta agosto scorso
  • katia ornelli
    una rosa a cespuglio rossa da talea di qualche anno fa.la mamma è fioritissima
  • katia ornelli
    i limoni , esposti a sud me li hanno regalati con frutti , ma a me fioriscono poco oppure, ancora peggio si bloccano durante la fruttificazione.
    uso un concime liquido della compo per agrumi ogni 10 giorni e ad aprile avevo messo quello granulare a lenta cessione
  • katia ornelli
    questa è la carissa fa i fiori ,molto profumati ma poi dei frutti non se ne parla
  • katia ornelli
    questa è l'infelicitá fatta pianta.esposta a nord Est riceve sole fino a mezzogiorno
  • katia ornelli
    Grazie Cri e complimenti per le tue rose, sono bellissime
  • cricro

    erano.... ora appartengono ad altri... vabbè....

    prima cosa che noto un terreno piuttosto arso chiaro e poco irrigato

    seconda cosa la rosa a ridosso del muro potrebbe soffrire proprio per il muro sono piante che crescono bene in terreno tendenzialmente acido se è basico tendono a bloccarsi.... per altro sembra essere assetata... intanto fai una specie di pozzetta in cui annaffiarla (a genova le chiamiamo cunette scusa non so tradurre)

    per la carissa sarebbe da vedere se è monoica o dioica... poi controllo on line


    (ad un controllo superficiale è una dioica che fruttifica su impollinazione crociata... vuol dire che ti potrebbe forse fare frutta se ne hai almeno 2 o 3 piante

    il limone mi sembra sano ma molto giovane devi secondo me dargli solo tempo... consiglio evita le porcherie lupini spezzati acqua calda li fai riposare 24 ore a bagno sotterri i lupini nel vaso e usi l'acqua che rimane per irrigare... vale per ogni acidofila aiuta ad acidificare il terreno

    se vuoi che cresca un albero vaso da limoni... mooolto più grande, ti consiglio di spostarlo nel giro di due o tre anni.... se puoi metterlo in terra vedrai che spettacolo!!


    ti ricordo che i limoni "adulti" vanno potati e che fioriscono sui rami dell'anno quindi tieni presente che se tagli i rami prima della stagione di fioritura potenzialmente ti giochi i frutti


    l'infelicità è a ridosso di due muri in un terreno che direi molto pesante... mettere un substrato superficiale serve a poco.... dovresti fare una "vasca d'impianto" con terreno adatto alla pianta per almeno 50 cm di diametro intorno


    la pianta nel vaso rosa che immagino sia un limone è asfittica... mai nella plastica i limoni, soffre di clorosi le foglie sono gialline non verdi... he vanno sempre coperte, il ferro è fotosensibile... fai buca copri e bagni se non butti il denaro!! e temo sia un selvatico ti consiglio di spostarla di vaso dargliene uno decisamente più grande

    qualcuno ha consigli???


  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    Quanta passione in questo post! Ve la invidio tantissimo. Avere un bel giardino richiede dedizione, ma vuoi mettere la soddisfazione di vederle forte e rigoglioso??!!? Io sono un'ignorante in materia, ma spero di migliorare col tempo. Complimenti ancora!
  • cricro

    dai tutto s'impara... almeno le basi di tutto, con tempo calma metodo e.... la consapevolezza che si faranno errori

    sì per me il giardino è una passione coltivata sin da bambina.... e sarei felice di condividerla!

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Penso che un giardino, o un qualsiasi spazio all'aperto, che sia piccolo o grande non deve essere strapieno di piante e fiori. Ma avere il giusto equilibrio con lo spazio. Uno dei miei progetti di qualche anno fa, che nella sua semplicità (a mio avviso), rende lo spazio armonioso e allo stesso tempo piacevole da vivere.

    UNA CASA A MASSA · Maggiori informazioni

    UNA CASA A MASSA · Maggiori informazioni

    UNA CASA A MASSA · Maggiori informazioni

    UNA CASA A MASSA · Maggiori informazioni
  • katia ornelli
    Allora Cri, il terreno è argilloso con tutti i guai che ne conseguono e quest'anno il cielo non mi aiuta (non piove da mesi).
    Ora ,in base ai tuoi consigli vado di lupini e con l'acqua filtrata ci innaffio anche le rose e le ortensie.

    Il limone in terra mi spaventa (quest'anno temperature a -12) ,ma sicuramente ad aprile lo sposterò in un vaso più grande.

    Le carissa sono due , che dici metto i lupini anche a loro ?

    la pianta nel vaso rosa è un solanum jasminoides (purtroppo irriconoscibile)che ho da anni e quest'anno lo avevo messo in un vaso più grande ed era partito bene, belle foglie verdi e tanti boccioli ..poi questo scempio.cambio vaso anche a lei.

    Per l'Ortensia avevo fatto una buca da 40-50cm dove avevo messo una manciata di letame pellettato e un sacco da 80 di terriccio per acidofile.
    Sto pensando se non abbia sbagliato l'altezza dell'interramento ( troppo bassa ?)
  • cricro

    le ortensie più che terreno da acidofila chiedono medio impasto o sabbioso, la tua terra ha il difetto di compattarsi stile cemento quando non irrigata.... una soluzione avendo acqua a disposizione, oltre alla modifica del terreno è un'irrigazione goccia a goccia con centralina e controllo dell'umidità... i limoni se temi il gelo addossali ad una parete e prevedi una serra smontabile per l'inverno... le piante si spostano a novembre guadagni un'anno di crescita visto che vanno in riposo vegetativo... hanno in sunto l'intero inverno per adattare le radici

    per le ortensie ti dico quel che ho scoperto dalle mie... tanto è grande la chioma così è grande la radice.... quindi temo la tua buca d'impianto non sia sufficiente... io aggiungerei sabbia e spezzato (ciottoli piccoli che fanno drenaggio) per alleggerire il terreno ma è un grande lavoro che richiederà anni... e qui chiederei consigli a Lidia che ne sa più di una patita e stop....

    il letame pellettato non sempre aiuta va messo aldi sotto della volta delle radici e ricoperto ma con un terreno come il tuo è possibile non sia astato raggiunto.... vediamo come risolvere... on line ci sono migliaia di consigli

    i lupini acidificando fan bene a tante piante... un'altra cosa... per l'autunno potresti alleggrirela terra con erba secca da sfalcio e fieno... ma tieni conto che ti crescerà un mondo d'erba!!!


    per gli interramenti ricorda che devi coprire il colletto delle piante... cioè poco sopra (un paio di centimetri) dall'attaccatura della radice principale... se togli da vaso vuol dire coprire il terriccio del vaso di un paio di dita e controllare che si mantenga....

    ah, ma lo sai già le radici del vaso s'incidono con la paletta da trapianto per liberarle un pò... se temi di far danni metti a bagno dopo aver tolto il vaso fino a che il terriccio non è fradicio e con le grandi piante ricorda spesso sono avvolte in retine che van tagliate o ti uccidono la pianta!!!!

    esperienza personale mi ci son morti rododendri e azaleee

    di seguito un link che potrebbe aiutare che ha una terra come la tua

    http://www.wikihow.it/Correggere-un-Terreno-Argilloso


    p.s. scommetto che in primavera hai un giardino splendidooo!!!

    dai che ce la si fa!!!

  • cricro

    signor fiorillo... Cicas revoluta in vaso!

    meraviglioso... come uccidere una pianta di qualità antica e bellissima

    Mai e poi mai metterei nel centro di un prato transitabile un ulivo che con la sua crescita alzerà il terreno rendendo il passaggio difficoltoso...

    la bellezza di un giardino sta anche nella complessità... un prato (e parliamo di manutenzione settimanale!!) con qualche lastra di luserna e una recinzione di essenze da siepe... beh mi scusi lo sa fare anche un bambino... non è semplicità è altro... come sempre


    se vedo bene la foto col muro sopraelevato lei ha impiantato ulivi in un contenitore!!

    geniale!! e quando la forza delle radici abbatterà il muro???

    dubito fossero già lì... e comunque un muretto contenitore è per piante di medio basso fusto, fiori, al più piante con apparato radicale leggero come azaleee rododendri camelie etc etc etc

    non ulivi o limoni

    che dice di aggiornarci su come è quel giardino 9 anni dopo?

    perchè son tutti belli appena fatti.....!!!!


    IL GIARDINO E' ANCHE UN PENSIERO PER IL FUTURO E UN BUON PROGETTISTA PENSA A COSA SARA' DELLA MERAVIGLIA creata 6/8/10/12 ANNI DOPO NON E' UNA CASA!!!

  • katia ornelli
    Grazie infinite Cri, sei stata davvero gentilissima , ora mi aspetta un autunno di intenso lavoro ma spero che porti dei risultati e che ti possa aggiornare con delle belle foto .
    In effetti a primavera era più bello ..
  • cricro

    è la caratteristica del tuo terreno se asciuga....

    del resto è il terreno con cui si realizzano i vasi di coccio.... morbido e malleabile da umido, assolutamente impenetrabile da secco...

    per ora ti consiglio se riesci di tenerlo umido.... magari per l'estate pensa intorno alle piante a pacciamare... tessuto non tessuto corteccia di pino sabbia non quella fine ma lo spezzato.... e una buona e costante innaffiatura

    e non cercare di fare tutto assieme.... fai una piantina del giardino e inizia un pò per volta, guarda le piante che non soffrono di quel terreno e segui le altre... come con cuccioli e bimbi loro mandano segnali

    vanno ascoltate con attenzione e amore

    e quello dai tuoi scritti c'è

    le tecniche hai un houzz usalo

    io ci sono!!


  • Arianna Lanzone

    signor Fiorillo, troppe piante assieme non vanno bene? mi spiace ma io (e forse anche molti altri molto più eruditi e famosi) non la penso così... basta guardare in natura che succede per capire che le piante assieme stanno bene! guardare cosa fanno i grandi del giardinaggio e paesaggismo aiuta ad aprire gli occhi e la mente.... (nella foto il giardino del sig. Montevecchi, che non è proprio l'ultimo arrivato!)

  • cricro

    concordo Arianna... guarda solo i giardini inglesi, fatti di spontaneità e cura certosina che mischiano fiori apparentemente diversissimi ma che insieme creano un contesto a volte fiabesco

    Ah signor fiorillo c'è una cosa in natura si chiama consociazione biologica... piante che traggono giovamento dalla vicinanza di altre piante... c'è una cosa chiamata orto sinergico... c'è una cosa chiamata complessità


    e credo che sia questo quello a cui si potrebbe/dovrebbe ambire, anche in un semplice vaso!

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    E chi ha parlato di troppe piante assieme Arianna..?

    io non ho mai guardato, ne è mia abitudine copiare gli altri per esprimere le mie idee o le mie creazioni. Se poi avessi bisogno di progettare un giardino complesso o particolare, che non entra nelle mie competenze affido a collaboratori (professionisti competenti) come nel caso del mio lavoro..! Non so a cosa riferisce sinceramente..!

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    P.S. Che paragoni stupidi quella dei giardini inglesi..che oltretutto non sono proprio tutti come le Signorie Vostre descrivono. Magari provate a leggete qualcosa sull'arte dei giardini..ma giusto per capire le evoluzioni storiche.

    ...Ho fatto leggere al collega competente che si occupò di quel giardino e l'unica cosa che ha detto è stata:

    ma chi sono queste persone dei fiorai che di solito fanno matrimoni..?

    beh..!

    buona domenica a Voi signore..!

  • cricro

    new houzz

    giardino terrazzo.... dilemmi domande soluzioni

  • PRO
    Giulia Guizzardi

    Gentili Utenti e Pro che siete intervenuti in questa discussione, vorremmo ringraziarvi innanzitutto per la partecipazione così accesa e appassionata.

    D'altra parte però notiamo che i toni si sono fatti un po' troppo sopra le righe per la nostra community che, ci teniamo a ribadire, si basa sul valore fondamentale del rispetto. Vi invitiamo quindi a continuare la discussione ad libitum, ma a rimanere fedeli al topic senza scontri di natura personale.

    Consigliamo una lettura alla nostra netiquette, la trovate qui.

    Un saluto a tutti!

    Giulia del Team di Houzz

  • cricro

    per mia parte mi scuso con le persone che partecipavano se mi son lasciata trascinare in una discussione sterile ed inconcludente... volendo possiamo continuare in modo proficuo per tuti grazie per la pazienza e simpatia

  • Raffaella Martorelli

    Studio-sperimento-indago e condivido!

  • cricro

    AHAHAHAH splendido siamo tutti curiosi di leggere i risultati!!

  • liliana_carugati

    La prossima primavera mi trasferirò in Piemonte nel Monferrato: nuova casa, nuovo giardino, nuovo orto. Nuovo problema: terra argillosa ma argillosa tanto! Colore quasi bianco. Per me lombarda, abituata alla nostra bella terra scura, la cosa mi preoccupa non poco. Ogni volta che vado in cantiere per tutto il percorso sbircio gli orti della zona per capire se hanno trattato il terreno aggiungendo buona terra di cultura. Chi di voi ha già affrontato il problema? Grazie

  • cricro

    Il mio caso Piemonte... ovadese, terreno non argilloso ma puro tufo.... in estate un vero incubo la zappa rimbalzava addirittura!!!

    avevo al tempo poche possibilità ma... erba da sfalcio, foglie, sabbia (risetta o spezzato) avevano aiutato nel tempo a creare un substrato meno compatto

    è un lavoro lungo.... ammendanti vegetali, stallatico


    alternativa creare aiuole sopraelevate da riempire di buona terra.... costo stratosferico ....

    è un terreno da primavera ed autunno, rende se irrigato e adeguatamente tenuto sempre zappato....

  • liliana_carugati

    Grazie Cri.

    Mi hai confermato nei miei propositi: ammendante, sfalcio, stallatico ... lo so x esperienza lavoro lungo ma poi ti ripaga. I rivenditori locali di macchine agricole mi danno pareri opposti: chi mi consiglia la motozappa, chi il motocoltivatore. Di mio su un terreno "sciolto" opterei per la motozappa, ma nei primi anni, con terreno molto argilloso, forse effettivamente fatica. Sinora in lombardia ho sempre e solo vangato, ma in monferrato una zolla è 1 m3!! Tu cosa hai usato? ciao ciao


  • cricro

    io ho usato zappa e vanga.... quindi non faccio testo

    mio padre usava motocoltivatore per le patate e motozappa piccolina per orto... dipende cosa vuoi realizzare comunque lavorare in autunno ti aiuta, gela il terreno, si disinfetta come dicevano i contadini dipende da quanto il terreno non viene lavorato e da cosa vuoi realizzare!!!


    e prima delle piante controlla il ph!!!

  • liliana_carugati

    ottimo consiglio! Già previsto il carotaggio per analisi terreno in previsione di un impianto di nocciole tonda e gentile ma per questo conto di appoggiarmi a specialisti del settore. Grazie, mi hai rasserenato: non sarà una passeggiata ma potrò continuare ad avere un orto :-)) Guarda il colore della terra, è disperevole!

  • cricro

    ahahahhah sulla piana del monferrato è così.... le nocciole dovrebbero venire bene attenta alle infestanti

    per l'orto puoi lavorarlo e prevedere di mettere piante che non abbiamo radici profonde, da noi patate pomodori cipolle fagioli fagiolini

    unico problema erano zucchini e meloni (ma era un orto della domenica....)

    la terra ti darà tante soddisfazioni... devi solo conoscerla!!!

    forza dai... siamo qui.....


  • liliana_carugati

    Grazie per l'incoraggiamento :-))


  • PRO
    Balsano

    Salve, ho letto i commenti e posso dire solo questo: troppa aggressività. Come si fa a curare un giardino con questi presupposti. L'amore è la prima cura

  • liliana_carugati

    per esperienza: è dagli errori propri e altrui che affini la tecnica di coltivazione e, quando ti sembra di aver finalmente capito, c'è sempre un accidenti di stagione che ti fa ricominciare dall'inizio... e al questo punto scopri l'utilità dei forum :-))

  • Nonni Morello

    Dopo aver letto tutti i commenti voglio darvi il mio parere personale .cosa e' un giardino?Il giardino per me e' un piccolo assaggio di paradiso in Terra , ma come sapete il paradiso bisogna conquistarlo,come?: con pazienza, amore e infinita fede.Tutto questo e' necessario per avere un giardino bello e accogliente e non importa che sia zen o inglese ,mediterraneo o tropicale.

  • cricro

    assolutamente d'accordo!


Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.