webuser_482630715

Una colonna in soggiorno, dilemma

simona carulli
l'anno scorso

buongiorno a tutti, ho acquistato da poco un appartamento che in futuro potrebbe essere all'occorrenza diviso in due. Per questo motivo uno dei due bagni, ahimè apre sul soggiorno, Inserisco le foto del soggiorno da arredare con una freccia che indica la porta del bagno. Mi consigliate una soluzione per poter "mascherare" la porta? Fare una libreria solo nello spazio tra colonna e colonna davanti alla porta? chiudere tutto con cartongesso e dividere già da ora la casa ? non sono molto convinta sulla seconda opzione perchè dovrei far intervenire delle maestranze.

Vi ringrazio in anticipo per i vostro consiglio.



Commenti (35)

  • stefaniasasso61
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Fosse casa mia farei un pannello fino al soffitto di vetri inglesi.. io li avevo a casa dai miei.. Senta i Pro così per me maschera e non toglie luce.. Ma va a gusti e mode.. li poi metterei. Shangai attaccapanni per cappotti

    simona carulli ha ringraziato stefaniasasso61
  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    Questo è un problema che può essere risolto anche con soli elementi d'arredo.

    Se ancora le idee non sono chiare, riguardo alla futura divisione, sicuramente non interverrei con elementi in muratura.

    simona carulli ha ringraziato Roberta Tognoni
  • Discussioni simili

    Dilemma disposizione soggiorno e cucina

    Q

    (8) commenti
    Ciao Francesco, ho provato a piazzare dentro la tua pianta mobili con reali ingombri. Io non credo che avere il divano in mezzo alla stanza sia la soluzione ottimale. Un divano con penisola (la chaise longue è troppo lunga per le tue dimensioni) è ingombrante, ed è difficile trovarne di dimensioni inferiori a quelle che ti ho disegnato. Nell'immagine trovi la disposizione per cui opterei. Sempre per motivi di spazio rinuncerei alla penisola in favore di una cucina a C, completamente senza pensili (dovrai optare per lavastoviglie e piccolo scolapiatti da appoggio) con unica eccezione per la cappa, a vista e in acciaio. I due lati corti li attrezzerei completamente a colonne per recuperare lo spazio dispensa dei pensili mancanti. L'ultima colonna (quella a vista e di ridotte dimensioni) sarebbe preferibile a vista, con ripiani a giorno per evitare di vedere il fianco. Non posiziono mai il tavolo oltre al divano, ma credo che in questo spazio, questo sia il modo più funzionale per arredare. Ovviamente il mio non vuole essere un progetto esecutivo, è solo uno schizzo per fare intendere le reali dimensioni degli arredi. Ps: il tavolo è 110 x 110 da prevedere con allunga per le evenienze. PPs: il fornello è da 90 e la vasca da 70 cm. Ecco un esempio di cucina con molte colonne (anche ad angolo).
    ... mostra di più

    dilemma cucina e arredo soggiorno

    Q

    (5) commenti
    Buongiorno.Se non ha ancora trovato una soluzione adeguata...Sono un interior design e oltre ad aiutarla a trovare la soluzione piu giusta per il suo stile ed esigenze quotidiane le posso fornire anche l'arredamento per la sua cucina con j migliori brand del settore o su misura..con un ottimo rapporto qualita/prezzo ....mi contatti pure.
    ... mostra di più

    Dilemma ingresso soggiorno su tavola da pranzo...

    Q

    (2) commenti
    Queste sono le foto di soggiorno e cucina vista ingresso
    ... mostra di più

    Dilemma soggiorno

    Q

    (2) commenti
    Non abbiamo budget per mobili su misura, inoltre tanti mobili li possediamo già e mi sembra inutile ricomprarli
    ... mostra di più
  • Hermann
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Buongiorno Simona. Si accede al bagno da una zona del living che per sua conformazione già si presta a disimpegnarsi, proprio grazie al pilastro. A parte che essendo una zona di solo passaggio potrebbe funzionare benissimo con la sola illuminazione artificiale, come accadeva un tempo con i normali corridoi, ma per godere della luce naturale diurna proveniente dalle finestre del soggiorno schermi semplicemente quel tratto tra parete e pilastro con elementi di arredo a giorno o con una quinta frangivista.

    Qualche spunto qui https://www.gaiamiacola.it/come-dividere-una-stanza-in-due-con-arredo/

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • Nina
    l'anno scorso

    Ma la porta che apre sul soggiorno è di un bagno attualmente in funzione? Perché a parte la questione estetica, trovo strano non avere un antibagno che lo filtri...

    se non vuoi fare opere murarie prendi una seconda libreria con i vani a giorno e la appoggi al pilastro, coprendo la porta.


    simona carulli ha ringraziato Nina
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Vi ringrazio tanto ma mi consigliate di chiudere con arredo solo la parte di fronte la porta e lasciare aperta l'altra metà a destra dove la seconda porta conduce ad uno studio?

  • Hermann
    l'anno scorso

    Simona, per essere a norma, il wc delle stanze da bagno deve essere separato da zone di soggiorno e dalle cucine da due porte. Se il suo bagno ha l'antibagno, la sua è solo una esigenza estetica, e quindi basta una scaffalatura o una quinta frangivista che schermi la vista della porta dal soggiorno. In caso contrario, per mettersi in regola, sì, dovrebbe chiudere il corridoio e installare una o due porte per accedervi dal soggiorno.

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Grazie Hermann , il problema, da ignorante in materia, me lo sono posto acquistando la casa, ma il tecnico preposto mi ha rassicurata dicendo che l'area antistante il bagno funge da area filtro e quindi il bagno anche senza antibagno è a norma. Mi sono fidata ahimè.

  • Hermann
    l'anno scorso

    Simona, in quale città si trova la casa? Oppure, se non vuole scriverlo per via della privacy, cerchi on line il regolamento edilizio del suo comune, e verifichi di persona. Se non è passato tanto tempo dall'acquisto, e la casa è ancora in garanzia, può farla mettere a norma a spese del costruttore.

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    ok grazie di cuore mi attivo per chiarire la situazione

  • Hermann
    l'anno scorso

    La norma di riferimento è contenuta nel Decreto Ministeriale N. 190 del 1975, a cui i regolamenti edilizi di tutti i comuni italiani dovevano uniformarsi, ma alcuni prevedono delle deroghe per casi particolari. Ma la sua mi sembra una casa di costruzione recentissima e non rientra in alcuno di quelli limite.

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Noi ci siamo informati presso il l ufficio catasto del comune, la risposta è stata quella che le ho scritto sopra. inoltre la pianta è conforme a quello che vedete in foto. la casa è del 2013.

  • Hermann
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    E' ovvio che questa normativa igienico sanitaria sull'antibagno, che tra l'altro non esiste per nulla o è meno vincolante in altri Paesi occidentali, non assicura la sterilità della casa. Le porte possono essere tenute aperte, le persone in casa possono evitare di lavarsi le mani, o non disinfettare mai maniglie, interruttori, e nessuno controlla o sanziona. Nemmeno gli odori, in questo caso, sarebbero bloccati. Qui in Francia ci sono bagni a cui si accede direttamente dalla cucina. A me vengono i capelli dritti, e quando manifesto le mie perplessità mi rispondono stupiti, per loro è perfettamente normale. Si vede che il suo Comune ha interpretato la normativa ritenendo che un corridoio, anche se aperto, fosse sufficiente a rispettare i requisiti igienico sanitari :D

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Grazie ancora, mi informero in maniera piu approfondita presso il mio comune. Credo di poter fare poco peri per indurre l ex proprietario a ristabilire le norme visto che sono passati due anni dal rogito.

  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Intanto spero di poter rendere accogliente la mia casa con l'arredamento giusto, in fin dei conti di bagni nella zona notte ve ne sono due quello, per ora inutilizzato, servirebbe in futuro quando dall'appartamento si ricaveranno due trilocali.

  • Hermann
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Perfetto :) Se poi risultasse non essere a norma, prima di chiudere il corridoio guardi se è possibile dividere il bagno internamente, magari con una parete a vetro scorrevole. Se il wc è in fondo, verso la finestra, e il lavabo verso la porta, separarli sarebbe semplice (dotando l'antibagno così ottenuto con un apparecchio di aerazione).

    Leggendo ora quello che ha scritto, e cioè che nella zona notte ci sono altri due bagni, controlli se per caso nella planimetria quello che si apre sul soggiorno non sia stato definito come "lavanderia".

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • stefaniasasso61
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    se ha anti bagno non metterei nulla altrimenti farei continuare la vetrata vetri satinati e una porta.sempre uguale... veda i costi non si rompa troppo la testa per il futuro..

  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    @Hermann ho controllato sono tutti e tre bagni , uno con aereatore e due finestrati. quindi è un bagno a tutti gli effetti

  • Hermann
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Ok, meglio così. E come ha detto Stefania, non si faccia tanti problemi per ora, anche se non risultasse a norma. L'intervento di chiusura, che sia con parete, o ancora meglio con vetrata, fissa o scorrevole, sarebbe necessario solo se dovesse vendere l'appartamento. Nessuno viene a controllare dentro alle nostre case nel frattempo. Magari lo facessero, ci sono abusi e irregolarità ben peggiori e davvero pericolosi.

    simona carulli ha ringraziato Hermann
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    grazie ancora

  • PRO
    architetta Marinella Verardi
    l'anno scorso

    Buongiorno
    È possibile vedere una pianta dell’appartamento?

  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso



    Buongiorno, ecco la pianta dell'appartamento. Grazie

  • Nina
    l'anno scorso

    Decisamente il bagno non ha antibagno....

  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    L'appartamento come si vede in pianta nasce come due trilocali distinti, in futuro potrà tornare come in origine ed essere utile in famiglia (figlio che va a vivere da solo) in quanto è dotato di due ingressi separati, e si possono separare anche impianti ecc. Abbiamo pensato a questo visto che questa ipotesi non è proprio lontana. In questo momento però vorrei goderne appieno io e quindi vorrei sistemare la questione del bagno e se possibile avere delle idee di arredo in modo da iniziare farmi un'idea. L'unica cosa che vorrei tenere è la parete in ciliegio che so essere out ma che al momento non avrei la possibilità di sostituire. Grazie in anticipo a chi vorrà aiutarmi. :)

  • stefaniasasso61
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    le conviene farsi fare un progetto con la divisione degli appartamenti e di conseguenza regolarsi.. su quali lavori fare adesso..e senta suo figlio che se fa qualcosa che o a lui o a nuora non piace si trova ad aver speso dei soldi inutilmente...

    simona carulli ha ringraziato stefaniasasso61
  • PRO
    Paola Lovera - Interior Design
    l'anno scorso

    Se quel bagno fosse stato dichiarato come lavanderia ed attualmente non ha i sanitari ma solo lavamani, non avrebbe bisogno di mascherarlo. Mi pare di capire che ora non lo stia usando come bagno. Ho capito male?

    simona carulli ha ringraziato Paola Lovera - Interior Design
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    @Paola Lovera - Interior Design buonasera il bagno è dichiarato tale, non lo uso perchè in zona notte ve ne sono due .

    @stefaniasasso61 la divisione è semplice si chiude lo spazio che ora vede aperto e le unità diventano due distinte. non ho intenzione di fare lavori di altro tipo ora.

  • PRO
    Paola Lovera - Interior Design
    l'anno scorso

    Buongiorno Simona,

    una domanda. Nel soggiorno c'è o è previsto un tavolo da pranzo? Ha esigenze particolari da soddisfare oltre la necessità di creare un antibagno? Ci racconti qualcosa in più di lei in modo che possiamo suggerire soluzioni adeguate.

    simona carulli ha ringraziato Paola Lovera - Interior Design
  • PRO
    architetta Marinella Verardi
    l'anno scorso



    ... condivido come potrebbero essere divisi gli appartamenti un domani e semplici alternative per nascondere l'accesso al bagno oggi, considerando che sicuramente la parete tra i due pilastri un domani andrà tirata su

  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Grazie @architetta Marinella Verardi, non immaginavo di poter ricavare in futuro addirittura due bagni dall'appartamento 2, la ringrazio di cuore per l'idea cosi come per le tre soluzioni immediate (A B e C) che mi permettono da subito di risolvere il dilemma e poter vivere bene il mio soggiorno. A primo impatto propendo per la B, mi piace l'idea di poter esporre oggetti vari e i miei libri.


    Grazie @Paola Lovera - Interior Design per la sua disponibilità, il soggiorno lo immagino come una zona dove rilassarsi la sera o i pomeriggi a casa. Non vorrei mettere un tavolo da pranzo, riservo questo ruolo alla sala accanto con angolo cottura, Mi piacerebbe solo piazzare dei divani e un tavolino non piccolo, in modo da servire il te o altro, un qualcosa vicino all'ingresso tipo consolle piccola , le piante e un tappeto semplice, tutto qui.

    Se possibile vorrei un consiglio sulla zona a destra del pilatro centrale che servirà da accesso alo studio e al bagno visto che quella a sinitstra verrà chiusa da una libreria.

    Grazie ancora .

  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    Ultima domanda, ma si potrebbe dare un incarico, per ciò di cui ho bisogno io ovviamente non ristrutturazione, ad un professionista anche a distanza ? o è sempre necessario il sopralluogo? grazie

  • PRO
    architetta Marinella Verardi
    l'anno scorso

    si può lavorare anche a distanza, condividendo opportunamente foto, rilievi e se necessario piccoli saggi

    L'appartamento dove si trova?

    simona carulli ha ringraziato architetta Marinella Verardi
  • simona carulli
    Autore originale
    l'anno scorso

    in Puglia

  • PRO
    Paola Lovera - Interior Design
    l'anno scorso

    Per una consulenza mirata, in questo caso sarebbe sufficiente una planimetria quotata in modo da poterle consigliare oltre ad una libreria passante che funga da schermo per l'accesso al bagno, anche gli altri arredi da lei indicati (divani consolle ecc...). Valuterei qualcosa di diverso anche come illuminazione al posto della sospensione attuale.


    In merito al quesito da lei posto, eviterei di chiudere completamente il passaggio con una parete anche per far passare il calore del calorifero nel "corridoio".

    In commercio ci sono diverse soluzioni: c'è l'imbarazzo della scelta. Dipende molto dal suo gusto personale.


    Secondo mio gusto, se il budget lo consente, sfrutterei la libreria passante per metterci tutte le cose che attualmente sono nel mobile di fronte al divano (immagino con anche la tv) e sostituirei quel mobile con qualcosa di più leggero, ma nello stesso tempo d'impatto poichè è la prima cosa che si vede entrando in casa.

    Cerco di spiegarmi meglio: attualmente, entrando in casa si coglie questo ampio spazio molto luminoso e accogliente ma in cui tutto è concentrato sulla parete che confina con la zona notte. Anche il divano guarda in quella direzione. Dunque allegerirei quella parete sfruttando la libreria passante che quindi inzia ad avere un suo significato intrinseco oltre la funzione del separare. Avrei delle idee anche sulla disposizione dei divani, ma non vorrei costringerla a cambiare tutto il mobilio! Nel caso mi contatti e valutiamo insieme se e come procedere.


    Intanto, giusto per farle capire di cosa parlo, questa sarebbe la mia idea di libreria.........più o meno. Ovviamente da adeguare al suo spazio.



    simona carulli ha ringraziato Paola Lovera - Interior Design
  • Nina
    l'anno scorso

    Se non usi quel bagno non capisco il problema. Chiudi a chiave la porta e amen, svariati soldi risparmiati. La aprirai solo per controlli periodici e pulizie. Anzi chiuderei anche l’acqua e coprirei la porta con un bell’arazzo, una tela batik o un pannello decorato esattamente sulla porta.

    Chiaramente sempre ispezionanile.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.