maurywebuser_813634304

Le maniglie a incasso per sportelli, ante e cassetti della cucina

Maury
il mese scorso
Ultima modifica:il mese scorso

Vorrei una informazione sulle maniglie a incasso, come queste della (per me) bellissima cucina di @Studio Paradisiartificiali di cui allego le foto. Si possono applicare anche alle ante di una cucina che non ne era dotata fin dall'inizio, togliendo le maniglie esistenti?

Grazie a chiunque mi darà questa preziosa informazione.


Cut and Taste · Maggiori informazioni


Cut and Taste · Maggiori informazioni


Commenti (43)

  • sandro_913323307
    il mese scorso

    Buonasera e ben ritrovata.

    Io non ne ho idea, mi prefiguro un falegname accorto ne abbia facoltà. Lo spessore delle ante è usualmente definito entro limiti convenzionali, x accoglierla in incasso. Altro elemento da valutare l'interasse delle pregresse maniglie da sostituire, ovvero che i fori rimangono nella area di impianto delle nuove maniglie.

    Mi pare siano a incasso "a scomparsa". Non risultano disfunzionali? La mobilità dello sportellino di chiusura nel tempo non può logorarsi? E per la finitura di superficie (graffi) e x la molla, se ne ho inteso la funzione.

    Buon fine settimana


    PS l'effetto taumaturgico ha trovato un terreno refrattario. Niente da fare con i numeri :-)

    Maury ha ringraziato sandro_913323307
  • vecchiosetter
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    Io onestamente le trovo proprio bruttine, comunque si, si possono applicare ad un anta facendo una fresata della misura giusta. Attenzione però alla vecchia maniglia, quella Che togli, dev esser più piccola di quelle nuove altrimenti vedi i buchi delle viti con le quali era fissata Ed è una schifezza. Per capirci la nuova maniglia dev esser più grande della vecchia altrimenti restano scoperti a vista i fori.

    Maury ha ringraziato vecchiosetter
  • Discussioni simili

    Ma è così orribile questa cucina per voi?

    Q

    (96) commenti
    Leggo solo oggi questo post, dall'inizio alla fine e devo dire molto utile e pure emozionante. Negli ultimi anni, mi sono avvicinata molto al tema del riuso creativo, nell'acquisto di mobili ed oggetti di seconda mano e mi sono accorta che il gusto che provo nel risultato finale è qualcosa in più dell'aver risparmiato o di averlo potuto fare altrimenti nulla. E' la capacità di vedere qualcosa che altri non vedono (all'inizio), ma poi si ricredono; è mettere in pratica quei valori culturali in cui sono cresciuta (la parsimonia, la prudenza, il riuso, l'attenzione per l'ambiente, ecc). Ed ho capito che questa operazione ha anche un significato "spirituale": dare una seconda vita alle cose, migliorandole (o nobilitandole). Per questo mi ha emozionato questo post perché ho rivisto in quella cucina una similitudine con la tua storia: la tua seconda vita, rivista, reinventata, una nuova opportunità che stai dando a te stesso, senz'altro più consapevole dei tuoi pregi, ma anche dei tuoi difetti, proprio come quella cucina che "di pancia" hai scelto nonostante tutti contro! Bravo! Mi complimento con la tua coerenza e ti ringrazio perché ricordi a "noi" esteti del mestiere che mai ci dobbiamo dimenticare che a volte il meglio è nemico del bene. Viva la semplicità! Buona vita.
    ... mostra di più

    CONSIGLI PER PROGETTO CUCINA

    Q

    (6) commenti
    Buongiorno, trovo che la soluzione 3 sia un po' tirata con i passaggi, un po' "spigolosa" e poco funzionale con frigo e forno da una parte, lavello da un'altra e piano cottura da un'altra ancora. Se volete godere della vista della finestra svilupperei tutta la cucina su quel lato, colonne comprese. Non è detto che debbano per forza essere alte 210 cm. Anzi, meglio lasciare le zone in cui il soffitto è più alto libere per il passaggio. Insomma considerando anche che avete bisogno di un tavolo indipendente e magari allungabile, svilupperei una versione 5 con colonne, lavello e lavastoviglie sulla parete con la finestra. Isola e tavolo distanziati Starei molto attento a non ingombrare il passaggio fra soggiorno e cucina che mi sembra già critico per la presenza di un pilastro. Potrebbe diventare un bel progetto, ma come con tutte le mansarde presenta qualche insidia. Se vi interessa sviluppare meglio l'idea, potete contattarmi.
    ... mostra di più

    HO BISOGNO DI AIUTO PER GLI SPORTELLI DELLA CUCINA

    Q

    (4) commenti
    Buongiorno, dalle foto gli sportelli sembrerebbero in buono stato, e sarebbe un peccato toglierli!Se il problema sono le cerniere può rivolgersi a qualsiasi mobilificio che vende cucine e chiedere di ordinare solamente la ferramenta del modulo ad angolo con apertura a libro o in caso acquistare due ante nuove con la stessa meccanica da far realizzare su misura e alle quali monterà poi la maniglia che ha a casa!
    ... mostra di più

    Maniglie che passione (in cucina)

    Q

    (74) commenti
    Se hai la possibilità di farle dello stesso materiale della cucina direi di approfittarne, il colore dipende dal tuo gusto personale se puoi sceglierlo. Io non potevo e saranno in metallo ma almeno sarà verniciato. Girando nei mobilifici e facendo prove di apertura ante e cassetti, in cucine uguali a quella che avrò, con gole in metallo grezzo, ho notato che sopratutto per le donne che hanno unghie lunghe il contatto unghia-metallo non è il massimo e spesso causa quel tipico rumore fastidioso, un pò come se si grattasse una lavagna di una volta, non so se mi spiego. Avendo richiesto la gola verniciata spero che questo non succeda nella mia cucina, altimenti va be pazienza, ma odio le maniglie :-). P.S. bello il forno, anch'io lo prenderò Electrolux.
    ... mostra di più
  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    il mese scorso

    http://www.maniglieonline.com/prodotto-146681/MANIGLIA-INCASSO-MM154-NICKEL-SATINATO.aspx
    Credo sia un modello di confalonieri, puoi vedere la misura, c’è anche quadrata

    Maury ha ringraziato OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    Grazie a tutti per le informazioni, ora rispondo nell'ordine.

    @sandro_913323307, i numeri al lotto, regalati o sognati, vanno giocati per tre volte consecutive, mi ero dimenticata di scriverlo. Nemmeno io ho controllato se fossero usciti oppure no. Sulla funzionalità, praticità e durata delle maniglie a incasso, mi riservo infatti di indagare meglio e andare oltre la fascinazione estetica.

    Come pittrice, in parte mi ritrovo nel giudizio di @vecchiosetter, quelle in metallo opaco della cucina che ho postato non piacciono molto nemmeno a me, per motivi artistici, che quindi non sto a spiegare. Comunque, non sono adatte alla mia cucina. Sul web ne ho viste in altre finiture e colori, ma per la mia cucina stavo pensando di mutuarne il meccanismo e applicarlo a maniglie a incasso in legno, quindi sarebbero veramente "quasi a scomparsa". Conosco un artigiano che sarebbe in grado di realizzarle.

    Che le nuove maniglie dovessero coprire gli eventuali buchi di quelle precedenti mi sembrava ovvio 😀

    @OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS, grazie, avevo già guardato le maniglie progettate per Confalonieri, e penso siano proprio le stesse usate da @Studio Paradisiartificiali, il mio unico dubbio era se fosse possibile applicarle su un'anta di cucina a posteriori, o se necessitano di un'anta di spessore superiore alla media. Le mie ante sono artigianali, sono spesse più di 2 cm, quindi non si trovano in commercio (nella mia cucina di serie ci sono solo le attrezzature interne), e se fosse impossibile per qualche motivo sostituire le maniglie di certo rinuncerei.

    Magari ne acquisto una di serie e facciamo una prova su un campione di legno identico a quello usato per le ante e i cassetti.

    Buon week end anche a tutti voi.

  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso

    Poiché è il progettista della cucina, avrei posto la domanda a @Studio Paradisiartificiali direttamente sulla foto, come si fa di solito per soddisfare una curiosità sui progetti dei PRO, ma questa volta su Houzz non c'era questa possibilità.

  • vecchiosetter
    il mese scorso

    Mi posti una foto della tua anta con la maniglia attuale?

  • PRO
    Studio Paradisiartificiali
    il mese scorso

    Ciao Maury, Officine, vecchiosetter e Sandro ... mi avete battuto tutti sul tempo! ;)

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    domanda: che poblema ci sarebbe se si incassassero completamente nell'anta? considerato che hanno un labbro sul perimetro inserirle in un buco (cioè che si vedano dal lato interno dell'anta) quali problemi darebbe considerato che si potrebbe anche mettere della colla sul perimetro?

    Certo non è il massimo dell'estetica ;) quando apri l'anta

  • sandro_913323307
    il mese scorso

    Penso solo

  • sandro_913323307
    il mese scorso

    Estetica

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    il mese scorso

    Sandro il tuo commento è in linea con il mio pensiero (che ho aggiunto in modifica successivamente)

  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    Sì, la mia domanda verteva appunto su questo punto: deve nascere prima l'uovo o la gallina? E' un tipo di maniglia che si adatta a qualsiasi tipo di anta o va prevista un'anta apposita per questo tipo di maniglia? Magari la lavorazione che richiede l'inserimento non è adatta al legno massello, o chissà quale altro vincolo pone. Solo chi ci ha avuto già a che fare penso che conosca le risposte giuste. Non mi resta che provare, e affidarmi all'intuito e all'esperienza del falegname che mi ha realizzato la cucina. La volontà di sperimentare cose nuove non gli manca, me ne ha già dato prova. Sul fatto che il retro della maniglia resti visibile all'interno della cucina, non so quanto mi possa disturbare, dovrei vederlo. D'abitudine non sto ferma in contempazione davanti agli sportelli aperti della cucina, apro e chiudo e via, la mia attenzione è concentrata al cucinare, e comunque si vede la ferramenta interna in ogni cucina (cerniere, viti) e non disturba nessuno dal punto di vista estetico. Non nego però che abbiate ragione, a volte sono dettagli che possono rovinare un po' la bellezza di una cucina.

    Il falegname ci ha messo abbastanza sotto torchio per quanto riguarda le maniglie. Le ante sono in legno carbonizzato con la tecnica dello Yakisugi, lisce (senza telaio). Le maniglie a gola o sottotop non ci piacevano. Classiche o a conchiglia, per carità. Così le abbiamo scelte un po' di corsa, semplici strip in ferro nero ma smussate ai lati, perché non ci si agganciasse.

  • sandro_913323307
    il mese scorso

    Posso chiedere...? Il vostro falegname di dove è? Prossimo alla vostra casa?

    La carbonizzazione la ho vista realizzata a fuoco come finitura nelle sculture, x la resa di un nero intenso invece che in colori acrilici, protetta con creatura. In una anta da uso, come si mantiene? E per la pulizia? Non macchia...va protetta con una vernice? L'effetto è di una anta nera omogenea? Potrei vedere una foto di una realizzazione?

  • vecchiosetter
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    @Maury le ante cucina solitamente sono 19, 25 o 30 mm, di conseguenza esistono in commercio maniglie da incasso di diversa profondità... ovvio che devi prenderle dello spessore adeguato che non escano da dietro. Non so con esattezza quanto siano quelle (immagino Non ci stiano nel 19, da verificare se nel 25 o 30 ).

    Ad esempio appunto quelle che ti ha postato officine Colombo sono 16,5 quindi necessitano almeno di 25, poi magari ne esistono anche meno spesse non so.. basta chiedere ad un ferramenta.

    Per quanto riguarda la fresata, che sia massello multistrato truciolare Mdf o qualsiasi altro materiale è ininfluente.

    Sinceramente trovo inutile questa lunga discussione ( qui tutti falegnami sono 😂😂😂 ), misura lo spessore della tua anta, vai da un ferramenta fornito di articoli per mobili, cerca Le maniglie di quel tipo vedi che profondità hanno (nella scheda tecnica è indicato lo spessore minimo dell anta)... se la tua anta è adeguata le puoi montare, se no abbandona L idea.

    p.s. Mi dici quanto sono spesse le tue ante? Guardo i cataloghi di Qualche mio fornitore se le trovo

    Maury ha ringraziato vecchiosetter
  • Hermann
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    Su questo sito vendono le cover verniciabili in mdf per maniglie a scomparsa a filo anta prodotte da Bonaiti (oltre alle versioni in metallo: ottone lucido verniciato, ottone cromato lucido e inox spazzolato). Magari sono anche rivestibili con una sottile lamina di legno, basta incassare la maniglia qualche mm più in profondità https://www.tuttoferramenta.it/prodotto/cover-per-serratura-bonaiti-serie-invisibile-b-no-ha-mini-in-mdf-ferexpert/FX34280350

    Maury ha ringraziato Hermann
  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    @vecchiosetter, posso capire che a te la discussione sembri inutile, per me non lo è. Anzi, proprio perché non sono un falegname, e perché ho visto la cucina di @Studio Paradisiartificiali solo ieri sera e il falegname non lo posso contattare fino a lunedì, ho pensato di chiedere info al progettista. Non potendo fare la domanda sulla foto del progetto, ho aperto una discussione apposta, non avevo altra possibilità. Poi può interessare o meno, dare adito a risposte utili o meno, come avviene per tutte le altre discussioni qui su Houzz. Certo non posso impedire a chi esperto non è di dire la sua, ma penso che tutto e tutti possano aiutare a riflettere sulle nostre scelte, anche i pareri contrari, le considerazioni utili sulla praticità e sull'estetica, insomma, anche i punti di vista differenti dei profani come me mi aiutano a considerare le mie infatuazioni in modo poliedrico.

    Se invece arriva l'esperto a chiarire ogni dubbio, tombola!

    In ogni caso nessuna discussione è inutile, può servire non solo a me, ma anche ad altri con lo stesso dilemma.

    @sandro_913323307, io mi innamorai del Shou Sugi Ban durante un viaggio in Giappone, da allora ho sempre sognato una casa con rivestimenti e dettagli in legno trattato in questo modo particolare, sia per le caratteristiche che per l'aspetto e la texture. Sulla tecnica e sulle qualità del legno trattato in questo modo ci sono video e articoli di esperti che lo spiegano meglio di me, pubblico questo riassunto dell'architetto Meloni https://www.infobuild.it/approfondimenti/shou-sugi-ban-o-yakisugi-lantica-tecnica-giapponese-di-bruciare-il-legno-per-proteggerlo/

    Il mio falegname non lo tratta personalmente, lo ordina a un suo fornitore e se lo fa arrivare già pronto. Viene però finito ad olio, come certi parquet. Essendo un legno idrorepellente (a poro chiuso, anche se in modo naturale e non con prodotti chimici), non teme l'umidità, va bene anche in bagno e in cucina, ma io lo pulisco come ogni altro tipo di legno non verniciato. Non faccio grandi danni in cucina, quindi mi basta un panno in microfibra appena appena umido per pulirlo ogni giorno, così non si accumula nessun tipo di sporco, poi ogni tanto uso un prodotto Bauwerk, lo stesso che uso per il parquet.

    Grazie @Hermann, guardando lo schema che hai allegato ora ho un'idea più pratica di come avverrebbe l'installazione. Molto utile. Resta solo il dubbio sulla finitura (nera o legno, quelle metalliche sono escluse), ma visto che ci sono modelli rivestibili o verniciabili magari posso adattarli alla mia cucina. Sentirò il falegname lunedì.

  • sandro_913323307
    il mese scorso

    Io sono tra i falegnami per sport.

    Perché togliere voce a chi si rende partecipe a conversare? Ciascuno interviene con la disponibilità del tempo proprio, bene il "tempo" che ha voluto mettere a disposizione.

    È sufficiente ignorare, se quel tempo è percepito come mal speso.

    Le opinioni mi pare siano state peraltro convergenti.

    Certamente alcuni interventi sono di qualità tecnica superiore, nessun problema da parte mia a riconoscerlo, ma al contempo ritengo non interessino ad alcuno i miei apprezzamenti.

    È anche spunto x me, x riflettere che ne sto dedicando anche troppo del mio tempo, togliendolo al mio quotidiano.

    Saluti e buon we a tutti

    Ringrazio molto Maurizia per il link

    Maury ha ringraziato sandro_913323307
  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso

    Prego @sandro_913323307, e grazie, auguro un rilassante we anche a lei.

    Per quanto mi riguarda sono sempre riconoscente per il tempo prezioso che chiunque dedica a chiunque, qui e altrove. Lo apprezzo molto. Anche le critiche, beninteso. C'è sempre da imparare.


  • Franco2018
    il mese scorso

    Benvenuta negli a-pazzio-nati di maniglie. 😉 Io per le mie ci ho perso le notti. Questa ad esempio non riuscendo a trovarla nera lo fatta verniciare da un carrozziere. Speriamo che duri.

    Maury ha ringraziato Franco2018
  • Franco2018
    il mese scorso

    l’ho ☹️

  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso

    Bella @Franco2018. Ti capisco, quando si cambia casa si mette attenzione anche ai particolari più piccoli, del resto perché accontentarsi? Soprattutto se la soluzione non ci svena ma ci fa contenti. Bravo!

  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso

    Sempre per @sandro_913323307, guardi la casa progettata da Willie Dean, ci sono foto in cui si vede la particolare trama che assume la superficie trattata con lo yakisugi

    https://www.dwell.com/home/jazz-house-95fe9bc6


  • vecchiosetter
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    Però non hai ancora detto che spessore sono le tue ante 😊

    Maury ha ringraziato vecchiosetter
  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    @vecchiosetter, mi sembrava di averlo scritto quanto sia lo spessore delle ante. Misurato ora per precisione, 2,7. Se interessa il dato, le cerniere sono a marchio Salice, a chiusura ammortizzata, consigliate dal falegname.

    Non è meglio restare sulle maniglie a incasso meno profonde, per sicurezza? Meno il falegname avrà da fresare, meno danno rischia di fare, o mi preoccupo troppo?

  • Maury
    Autore originale
    il mese scorso

    Ricordavo bene, nella risposta a Officine Vittorio Colombo avevo scritto "Le mie ante sono artigianali, sono spesse più di 2 cm". Ora sono stata più precisa.

  • Hermann
    il mese scorso
    Ultima modifica: il mese scorso

    Franco2018, quanto ti ha preso il carrozziere per verniciare la maniglia? Pensavo di fare la stessa cosa per dei vecchi radiatori in ghisa.

    (Maury, chiedo scusa per la diversione)

  • sandro_913323307
    il mese scorso

    Grazie Maurizia

    Una buona serata

    Maury ha ringraziato sandro_913323307
  • vecchiosetter
    il mese scorso

    @Maury con 2.7 puoi metterci tutte le maniglie che vuoi

    @Hermann i radiatori scaldano... dal carrozziere no!!! Falli a polvere, per darti un idea: per uno scaldasalviette, i classici alti a tubi orizzontali, a polvere con finitura ruvida ( costa un po’ di più che liscio ) io pago ca 60 euro.

  • Hermann
    il mese scorso

    Grazie vecchiosetter.

  • Franco2018
    29 giorni fa

    Hermann la maniglia è stata dipinta gratuitamente: del resto, per il lavori più tradizionali sono abbastanza un buon contribuente per il mio carrozziere di fiducia.

  • Franco2018
    29 giorni fa

    Concordo con vecchio setter per i termi ma 60 euro mi sembran pochi. Buona fortuna.

  • vecchiosetter
    29 giorni fa

    Poco o tanto dipende... se ci vai tu a farne uno probabilmente ti chiede il doppio o il triplo o non te lo fa nemmeno, io che gli porto una cinquantina di pezzi L anno lo pago 60 euro, un cliente che porta 300 pezzi per volta li pagherà 30 😊 mi pare ovvio.

  • Franco2018
    29 giorni fa

    Appunto!

  • Maury
    Autore originale
    27 giorni fa
    Ultima modifica: 27 giorni fa

    Ho telefonato al falegname e inviato dettagli via e-mail. Mi ha detto che farà una prova di fresatura sul materiale di scarto dei lavori che ha fatto per noi, per fortuna li ha conservati come campione. Sapete cosa mi ha anche detto, in piemontese? Tradotto, più o meno "Donne, mai contente!". Io gli ho risposto che è meglio per lui, così ha più lavoro, se avesse solo clienti maschi sarebbe disoccupato 😀

  • Carmen
    27 giorni fa
    Ultima modifica: 27 giorni fa

    Sinceramente, io non metterei questo tipo di maniglie in cucina, per il semplice motivo che una volta che lo sporco ci entra, è difficilissimo farlo uscire. E in cucina ci vogliono superfici lavabili facilmente, che non assorbano unto e macchie, che non raccolgano briciole. E queste maniglie non sono le più adatte, come pure le scanalature sulle ante.


    Però questa è l'opinione di una mamma, casalinga che utilizza molto la cucina, per cui valutate cosa è meglio per voi.

  • Franco2018
    27 giorni fa

    Anche @Carmen ha ragione.

  • Maury
    Autore originale
    27 giorni fa

    Tranquilli. La mia cucina è completamente diversa da quella nella foto. A me quella di Paradisi Artificiali piace per il design e per il fatto che sia sospesa, che poi sia più o meno pratica e facile da igienizzare non saprei, non avendo avuto informazioni in merito dal progettista.

    La mia non ha scanalature, benché la superficie lasciata dal trattamento Shou Sugi Ban non sia liscia, ma ho già avuto tutta la vita cucine in vero legno e non ho mai avuto problemi di pulizia delle ante. L'ultima l'ho lasciata a mio figlio praticamente come nuova. Non siamo mai stati dei pasticcioni in cucina, prendiamo sempre precauzioni per non sporcare, schizzare o spargere briciole. In quanto alle maniglie le collauderemo e sperimenteremo tipo ikea, facendo mille mila prove su un campione, per vederne la funzionalità e la praticità, anche la facilità di pulizia, come ho già scritto nei commenti precedenti, prima di far fare modifiche drastiche alla cucina attuale. Anche perché ci è costata un patrimonio e non vorrei rovinarla. Sempre che il falegname dia l'ok dopo le sue prove tecniche.

    Grazie per i consigli, anche se esulano dalla mia domanda. Mi fate sentire come una scolaretta priva di esperienza di vita, come se non sapessi come si conduce una casa o si pulisce una cucina. Sappiate che ho una certa età e sono mamma di due creature anch'io, e non le ho cresciute nutrendole con cibo in scatola o il delivery dei fast food.

    Scusatemi per la schiettezza, prendete le mie parole come io ho preso le vostre, con serenità, ma vi prego, certi consigli, come quelli tipo "la maniglia deve essere più larga dei buchi" o "le cucine devono avere ante facili da pulire" mi sembrano ovvietà, e andrebbero anche un po' ponderati prima di darli per non far sentire le persone che li ricevono poco intelligenti. Grazie per la comprensione 🙂

  • Maury
    Autore originale
    26 giorni fa
    Ultima modifica: 26 giorni fa

    Se una persona ha già avuto, nella propra cucina, quel tipo di maniglie e mi viene a dire: "Maury, te le sconsiglio, anche a me piacevano tanto che le ho messe ma guarda, me ne sono pentito per questo e quest'altro motivo", bene, mi fa piacere, è un consiglio costruttivo e pertinente e prendo la sua esperienza ad esempio per rivalutare la mia "infatuazione" alla luce di queste informazioni negative. Se invece sono ipotesi, che non si fondano su un'esperienza diretta, vale tutto e il contrario di tutto. Potrei dire esattamente l'opposto, cioé che avere maniglie che non sporgono e stanno praticamente sempre chiuse, salvo quando le apro, rendono l'anta più facile da pulire. Di solito io preparo sul piano di lavoro tutto quello che serve, quindi apro gli sportelli con mani pulite, prendo utensili e ingredienti, appoggio tutto sul piano di lavoro e le maniglie non le tocco più. Se proprio devo, prima mi sciacquo e asciugo le mani, non sono così autolesionista da afferrare qualsiasi tipo di maniglia con le mani impiastricciate di impasto, uova e farina.

    Quindi certo, tutto serve, ogni opinione è preziosa, come ho già scritto e mi è stato ricordato e sottolineato (non lo rinnego), partiamo però da un minimo sindacale, cioè che chi si confronta con gli altri per avere consigli forse non è proprio nato ieri e un minimo di esperienza di vita pratica ce l'ha, senza aver bisogno di lezioni di vita a partire proprio dall'abc.

    Mettiamoci nei panni di chi sta dall'altra parte del nostro monitor/tastiera e poniamoci come postulato che non sia un emerito deficiente. Da una parte, nel leggere certe ovvietà, io (gli altri non so) ho una reazione automatica ambivalente: da una parte sorrido con indulgenza, ma resto anche leggermente infastidita e spazientita (sensazioni sgradevoli, lo ammetto, e che non mi piace provare), a cui segue un po' di compassione per chi mi impartisce queste lezioni. Insomma, alla fine la figura dei poco intelligenti non so chi la fa, se chi riceve i consigli non richiesti o chi li da. Detto questo, mi spiace di aver sollevato la questione, forse mi aspetto dalle conversazioni on line lo stesso modo di rapportarsi di quelle dal vivo, dove nessuno mette in discussione il grado di comprensione e intelligenza degli altri interlocutori, cosa che sarebbe considerata poco politicamente corretta.

  • Maury
    Autore originale
    26 giorni fa
    Ultima modifica: 26 giorni fa

    Le parole nascono dal dialogo, che non è mia intenzione troncare, ognuno è libero di dire la sua, senza ergersi a giudice di nessuno. Ripeto, sono serenamente disponibile ad ascoltare ogni voce. Tante teste tante idee. Io ho semplicemente espresso le mie, e non mi sembra di averlo fatto in maniera offensiva verso chiunque. Ho scritto come mi sono sentita, con sincerità e franchezza, e so che farlo, senza reticenze, scombussola il quieto vivere. Meglio lasciar correre? Non lo credo, se è occasione per chiarire e normalizzare i rapporti, invece di serbare forme di rancore inespresso. Se tutti tacciono le situazioni non hanno occasione per migliorare, anzi, peggiorano sempre più.

    Carmen, lei si è sentita offesa dalle mie parole? Quindi può capire che io mi sia sentita infastidita dalle sue, quando, rimarcando la sua esperienza di mamma e casalinga che usa molto la cucina ha dato per scontato che io fossi una figlia di papà che non si è mai sporcata le mani, non sa cosa significhi pulire una cucina tanto ha la colf o pranza e cena sempre al ristorante? Si da il caso che io sia e sia stata una donna multitasking come lei, mamma, casalinga e lavoratrice come tante altre donne non privilegiate, senza colf né altri aiuti, e che la cucina sia la stanza più vissuta della nostra casa come per ogni famiglia normale.

  • Rom Rom
    26 giorni fa

    E come dice mio marito: "è finita a ppuzza ".😉

  • Franco2018
    26 giorni fa

    Io abbandono la discussione: buona serata a tutti.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.