anghella89

Opinioni su architetto

anghella89
2 anni fa

Buongiorno a tutti.

Oggi ho ricevuto un preventivo da Facile Ristrutturare per la ristrutturazione del mio appartamento (due unità abitative che sommate insieme fanno all'incirca 150-160 mq) che prevede:

- unione di due unità abitative con abbattimento di un muro e di un locale ripostiglio

- copertura di quasi tutti i pavimenti (tra l'altro, lo consigliate? viene un buon lavoro anche se si copre anziché smantellare?)

- rifacimento dell'impianto elettrico e idraulico di un'unità abitativa

- rifacimento di tutte le porte e finestre (queste ultime solo per un'unità abitativa)

- decorazione pareti di tutta la casa

- controsoffittatura di una porzione di salone

- spostamento di un parquet in un'altra stanza

- lucidatura di due parquet


Il costo delle sole opere edili è all'incirca di 23k.


Nel preventivo sono inclusi anche la consulenza dell'architetto, la messa in sicurezza degli operai, le pratiche e i materiali (fatti ovviamente su un prezzo medio).

Il prezzo complessivo è di circa 40k.


Voi avete opinioni su questo fornitore? E' valido? Il prezzo è troppo caro o è vertiginosamente basso?

Commenti (30)

  • vecchiosetter
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Per quanto riguarda il costo impossibile dirlo senza sapere lo Stato attuale, gli interventi e materiali previsti.

    Per quanto riguarda L architetto impossibile dare un giudizio senza vedere il progetto.

    Per quanto riguarda “facile ristrutturare” è L ultima impresa edile (se così si può chiamare) che consiglierei ad un amico... trova un buon architetto e con lui valutate un impresa valida, sicuramente sarai soddisfatta dei lavori.

    anghella89 ha ringraziato vecchiosetter
  • PRO
    Paola
    2 anni fa

    Concordo con vecchiosetter affidati ad un buon architetto supportato da una valida impresa e vai sul sicuro.Buona serata.

  • Discussioni simili

    Opinioni su questo progetto?

    Q

    (2) commenti
    Buongiorno Giada, sicuramente la sua proposta è sulla buona strada. Proverei, se gli attacchi della cucina lo permettono, a localizzare il piano lavoro sotto la parete con quella che pare essere una finestra, in modo da poter liberare e quindi demolire totalmente la spalla che divide cucina da soggiorno ed avere un ambiente più aperto. Per l'ingresso creerei un spalla a sx dove far "appoggiare il mobile cucina e posizionerei un armadio o un armadio a muro di fronte alla porta. Ad ogni modo le modifiche che lei chiede presuppongono una pratica comunale, e quindi la necessità di un professionista, che potrà sicuramente accompagnarla nella scelta della miglior soluzione per le sue esigenze. Se ritiene può contattarci, saremmo lieti di aiutarla. Buona serata
    ... mostra di più

    comprare casa e cercare architetto

    Q

    (7) commenti
    Ciao Anna, guarda io mi sono trovata nella tua stessa situazione: sola, di fronte all'acquisto più importante che abbia fatto fino ad ora, con la paura matta di fare qualche cavolata! Ho chiesto al mio architetto (che poi ha seguito tutto il progetto di ristrutturazione) di accompagnarmi nelle visite alle case che mi interessavano e devo dire che avere qualcuno con un paio di occhi più allenati e smaliziati è stato utilissimo. Mi ha mostrato subito punti deboli e punti forti, facendomi notare dettagli che da sola, in tutta onestà, non avrei neanche notato e ha valutato le potenzialità delle case in termini di ristrutturazione. Quindi il mio consiglio è sì, procurati un architetto e fatti seguire anche nella scelta della casa! Anzi ti dirò di più, fatti accompagnare anche da parenti e amici, ho visto che più occhi si hanno a disposizione a scrutare casa (anche se non sono "occhi professionisti") più hai la probabilità di accorgerti di dettagli importanti che poi possono essere cruciali nella scelta dell'immobile :)
    ... mostra di più

    OPINIONI SU PLANUMETRIA

    Q

    (1) commenti
    Salve Gianfranco, la divisione degli spazi è strettamente legata alla disposizione delle funzioni e degli arredi. Mi sembra evidente che ti serve un progetto vero e proprio. Cordiali saluti arch. Oreste Batori
    ... mostra di più

    Opinioni su Neolith

    Q

    (1) commenti
    Buongiorno Martina, se ha già scelto Neolith per il piano della sua cucina ha optato per un materiale di ottima qualità. Qualora non avesse ancora scelto, le consiglieremmo di prendere in considerazione come piani sia il dekton sia l'hpl, materiali personalizzabili e di ottima qualità. Buona giornata. Geni Group s.r.l. www.genigroup.it
    ... mostra di più
  • Virginie P.
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Ne ho sentito parlare, fanno un sacco di pubblicità, ma non so come lavorano. Solo una riflessione: se un PRO mi consiglia di applicare un pavimento su uno già esistente, la cosa mi preoccupa. Certo, si risparmia: la demolizione, rumore e polvere, lo smaltimento delle macerie e il rifacimento del nuovo massetto, ma si sovraccarica comunque il solaio, e la tenuta del nuovo pavimento a volte risulta compromessa se quello preesistente non è perfetto.

  • vecchiosetter
    2 anni fa

    Non è assolutamente preoccupante, si usa spesso farlo.. ovviamente considerata la condizione ottimale perche non pregiudichi il buon risultato del lavoro.

  • Virginie P.
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Sì, deve essere proprio "ottimale", sai quante persone conosco che hanno avuto, dopo, brutte sorprese? Piastrelle che scricchiolano e suonano a vuoto o si staccano, o porte preesistenti mal sistemate. Spero che abbiano suggerito questa soluzione solo dopo aver fatto le opportune verifiche con un sopralluogo. Ma poi, quel sistema non è una specie di franchising? C'è un team differente città per città, quindi bisogna anche essere fortunati e incontrare professionisti e maestranze validi.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    grazie per le vostre opinioni. mi sono fatta un bel giro approfondito su internet sulle recensioni di facile ristrutturare e non ne sono rimasta per nulla entusiasta. opterò per un architetto o un interior designer esterno che mi segua il progetto. per quanto riguarda i pavimenti, mi rendo conto che sia meglio smantellare, però la metratura è ampia e il budget non è immenso, devo quindi trovare una soluzione che mi permetta di avere comunque un bel risultato ma che vada anche incontro alle mie esigenze economiche...

  • vecchiosetter
    2 anni fa

    @anghella89 se La costruzione non ha particolari problemi, il pavimento è perfettamente integro e ben coeso non c è ragione di smantellarlo... ho un impresa edile, faccio normalmente pavimenti in sovrapposizione, affidati ad un professionista che ti consiglia la migliore soluzione più che seguire I consigli del web

  • Virginie P.
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Anghella, da quello che ho letto stai unificando due appartamenti. Una delle eventualità è che ci sia un dislivello, benché minimo, tra il pavimento di uno e dell'altro. Si risolve in vari modi, dal rifare completamente i massetti o creando una soglia tra i due nelle nuove aperture di collegamento. Per questo e altri motivi anche io sceglierei un architetto di fiducia che segua i lavori. Dalle recensioni che ho letto su quel sistema di edilizia, alcune soddisfatte, alcune così così, altre da incubo, mi sembra di partecipare a una lotteria con la speranza che escano i numeri giusti, inoltre non saprei individuare il responsabile a cui fare riferimento e contro il quale rivalermi in caso di mancanze nell'esecuzione dei lavori, temo un rimpallamento delle responsabilità. Sul loro sito non vedo le note legali. Ricordo che ogni causa legale civile va intentata presso il Tribunale della città in cui ha sede la Società con cui si stipula il contratto. Quindi, anche se l'architetto e le imprese sono della stessa città in cui vengono eseguiti i lavori, leggiamo sul contratto, prima di firmarlo, le note legali, nelle quali viene indicato il Foro competente in caso di controversie.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Grazie Virginia, infatti sicuramente non mi rivolgerò a Facile Ristrutturare, ho letto troppe recensioni negative e ho visto che ci sono più cause legali intentate contro di loro. Quindi preferisco evitare.
    Sto cercando un valido architetto che non mi salassi con la sua parcella 😅

  • Virginie P.
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Ovviamente, e per farlo basta un giro di telefonate. Per mia esperienza personale, posso dirti che l'architetto giusto la sua parcella se la ripaga da solo, facendoti risparmiare nel corso dei lavori, sia con un accurato computo metrico e il capitolato, sia seguendo i lavori e dirigendo e coordinando le varie figure professionali che interverranno, sia adeguando le tue esigenze al tuo budget. E sollevandoti da un sacco di rogne, problemi, perdite di tempo e mal di pancia, sia durante i lavori che evitandoti sorprese future. Ti faccio un esempio: tu ti innamori di una finitura con un certo materiale, ti informi del prezzo e scopri che è costoso. Se ti metti alla ricerca di un materiale alternativo meno costoso, essendo "non competente", non solo ci metti un sacco di tempo, ma rischi di "inciampare" in fornitori o materiali non proprio ok, cosa che l'architetto, con la sua esperienza e competenza, ti evita.

    Oppure, se decidi di fare i lavori in economia, senza direzione dei lavori, metti che l'impresa che sta facendo i lavori commetta degli errori o delle leggerezze. Tu, da non competente, non te ne rendi conto, salvo trovarti, a distanza di tempo, con grossi problemi e ad avere spese non previste per il ripristino o la messa a norma. L'architetto che dirige i lavori, invece, non solo se ne accorge subito e interviene affinché il lavoro sia rifatto a regola d'arte, ma con la sola sua presenza autorevole è un incentivo nei confronti di imprese e artigiani a lavorare a regola d'arte.

    E' un essere umano, consapevole che non tutti navighiamo nell'oro, e ti farà restare nel budget facendo comunque un buon lavoro.

    Quindi, non vergognarti di dire, nel primo colloquio, che hai limiti economici che non puoi superare, e parlagli apertamente, sempre.

  • PRO
    6.14 STUDIO
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Salve,

    Non mi esprimo sull'azienda citata nè sulla congruità del preventivo, mancano troppe informazioni per poter giudicare. Mi permetto solo due osservazioni.

    I pavimenti come ha detto @vecchiosetter possono tranquillamente essere posati sopra l'esistente basta verificare adeguatamente l'adesione, coerenza e tipologia dei pavimenti esistenti oltre che l'età dell'immobile. Perchè posare un nuovo pavimento su un gres di 40 anni non è come posarlo su una marmetta di 30 ed è ancora diverso dal posarlo su un gres di una casa di 10 anni fa. Ad ogni modo è un intervento che si può fare, magari valutando un buon strato di autolivellante qualora si sia in presenza di lievi dislivelli e per uniformare lo strato di adesione del nuovo pavimento.

    Sulle finestre, mi permetto di sconsigliare di rifarne solo alcune, un pò perchè si possono sfruttare le detrazioni, un pò perchè a meno che non si conoscano marca e modelli di quelle posate in modo tale da prenderne di uguali avere un immobile con finestre differenti non è il massimo sia dal punto di vista estetico che, soprattutto, della prestazione.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Grazie Studio Pro. I pavimenti su cui si andrebbe ad appoggiare sono tutti marmi ben tenuti: è una casa vecchia, dove tutti i pavimenti sono diversi per ogni stanza. Se non fosse per questo motivo, terrei i marmi perché sono belli, ma l’idea di avere un salone con due pavimenti diversi proprio non mi piace.
    Per le finestre, conosco il fornitore che mi ha fatto il lavoro nel mio attuale appartamento, quindi mi basta richiamare lui per farmele anche nell’altro appartamento, non ci sono problemi per questo 😉

  • Virginie P.
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Anghella, non ti conviene, allora, rifare il pavimento solo nella nuova porzione di salone, con lo stesso marmo? Spenderesti meno che coprendo tutti i bei marmi esistenti, tanto più che ti piacciono. Davvero, un bel progetto potrebbe salvarti i pavimenti e farti risparmiare.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Era una soluzione. Il punto è che a me i marmi piacciono, a mio marito un po’ meno 😅 ma da qualche parte bisogna tagliare per poter stare nel budget, quello è sicuro!

  • PRO
    6.14 STUDIO
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Virginie P. mi ha anticipato.

    Non conosco lo stabile ma se si inizia a parlare di marmi e magari sono presenti altre finiture di pregio (soffitti, modanataure, stucchi, finestre ecc) valuterei con molta attenzione se convenga ricoprire tutto con un nuovo pavimento o se invece non sia più opportuno valutare un intervento più attento e minuto, limitato solamente ad alcune zone della pavimentazione. Ovviamente rimarrebbe il problema degli impianti ma insomma, un pensiero sul come intervenire se ci sono dei marmi che le piacciono lo farei perchè potrebbe trovarsi nella condizione di mantenere materiali di pregio (che con risorse limitate le sarebbero purtroppo preclusi) e magari rimanere nel budget. Valuti attentamente questo aspetto, magari ci sono soluzioni inesplorate che un buon professionista potrebbe farle scoprire.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    L’unica cosa che mi blocca è che poi su una casa di 150mq, avrei pavimenti diversi in praticamente ogni stanza (tolto il salone grande dato dall’Unione di due camere dove lo unirei).
    A me invece piace l’idea di avere un pavimento tutto uguale, però questo comporta dei costi aggiuntivi ovviamente.

  • Virginie P.
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Ecco, è proprio questo ciò che intendo con "l'architetto ti fa risparmiare". Perché è facile, per chiunque, dire "incolliamo sopra ai pavimenti esistenti qualcosa di economico o banale" per farti un preventivo basso e farsi assegnare i lavori, tanto lo fanno con i tuoi soldi e a casa tua. Un bravo professionista, invece, ti sottopone delle alternative, ti fa vedere opportunità e soluzioni che non solo ti fanno realmente risparmiare, ma soprattutto non a scapito della qualità e dell'estetica.

    Inoltre, posare sopra a pavimenti esistenti si può fare anche con materiali meno pesanti del gres, e che a parità di costo migliorano le prestazioni acustiche e isolanti del pavimento. Penso, per esempio, a un prefinito flottante, che posato su un materassino isolante non rovina nemmeno i pavimenti sottostanti. Così potranno essere recuperati, in futuro, da un amatore dei pavimenti d'epoca.

  • PRO
    6.14 STUDIO
    2 anni fa

    Il gusto personale è imperativo, se desidera uniformità di trattamento è giusto che persegua tale strada, assolutamente. Il suggerimento era più che altro legato al ragionare per innesti nell'ottica di creare un trait d'union che magari dal nuovo pavimento del soggiorno vada in qualche modo ad integrarsi con i pavimenti esistenti. Sto fantasticando bisogna vedere di che rivestimenti parliamo le ho solo indicato una strada potenziale, alternativa al coprire tutto, capace (forse) di coniugare le sue esigenze di budget preservando un livello estetico e di pregio della finitura che con un nuovo rivestimento difficilmente avrebbe.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Si sì ma infatti io vi ringrazio! Se è parso che vi stesso criticando, chiedo venia!
    I pavimenti sono questi in foto.
    Quello più vario di colore è uno dei due del salone, l’altra parte del salone sarebbe parquet (che vorrei far spostare in una delle due camere da letto perché nell’altra c’è già), mentre quello più chiaro è il marmo dei due ingressi.
    Ripeto, a me piacciono, a mio marito non fanno impazzire ma è anche vero che a lui basta una soluzione di buona qualità che non ci costi uno sproposito, quindi sarebbe pronto a rivedere la sua posizione 😬
    Devo solo trovare un buon progettista.

  • PRO
    6.14 STUDIO
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Vedendo questi due frammenti mi sorgono due considerazioni.

    Il policromo è molto bello ma relativamente impegnativo. Tuttavia ci si potrebbe tranquillamente ragionare vedendolo nell'insieme e capendo se ci si può accostare qualcosa o farne un elemento caratterizzante. Che possa diventare un tappet bordato dalla nuova finitura/rivestimento? Lo si potrebbe usare come tavolozza per gli arredi e le pareti? Ma soprattutto vi piace? Perchè questo è determinante.

    L'altro presenta un colore, una posa ed una finitura estremamente interessante che ripristinato, lavato, lamato e lucidato può prestarsi tranquillamente anche ad interni spiccatamente contemporanei dato il suo tono relativamente neutro facilmente abbinabile ad una molteplicità di rivestimenti. Una curiosità, le altre stanze che pavimenti hanno? Tutte parquet ad esclusione del bagno?

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Una delle due camere da letto future ha questo parquet, l’altra ha un marmo che però ho intenzione di sostituire con questo parquet (che attualmente è nella nostra camera da letto che però diventerà salone unito con una camera dell’altra casa che presenta il marmo di più colori e quindi sposterei il parquet da quella stanza e lo metterei nella nostra futura camera da letto). Mentre l’altro pavimento è quello della cucina: purtroppo è stato messo dagli inquilini precedenti a copertura di quello sottostante ed è stato posato male, si veda infatti il gradino che c’è tra il marmo dell’ingresso e il pavimento della cucina (terza foto).
    Ci sono poi anche due bagni: uno l’ho ristrutturato 4 anni fa quindi non lo rifarei, l’altro è da rifare tutto.

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Aggiungo che, per quanto mi faccia pena il pavimento in cucina, non voglio cambiarlo perché ho una porta finestra nuova installata due anni fa... quindi smantellare questo pavimento e quello sottostante (che era ancora più brutto) mi comporterebbe rivedere la porta finestra e sarebbe proprio uno spreco visto che è appena nuova.
    Quindi dovrò convivere con questo pavimento.
    L’unica cosa che avevo chiesto ai costruttori era di cercare di darmi qualche soluzione per risolvere il gradino tra i due pavimenti...

  • Sunp
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    No, dai,rispetto agli altri il pavimento della cucina è inguardabile! Contatta un architetto e vedrai che troverai la soluzione migliore.

    Comunque Virginie anch'io per risparmiare avevo mantenuto in parte la vecchia pavimentazione in marmo e parquet, livellando poi il tutto e posando un teak flottante di prima scelta con incastri maschio-femmina (ma non era un prefinito) e con uno spessore non ricordo se di 15 mm o superiore a 15 mm. Ovviamente il risparmio era stato notevole (e i pavimenti originali lo consentivano), altrimenti non lo avrei fatto :)

  • PRO
    6.14 STUDIO
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Ritengo che abbia una ottima base per lavorare perchè di fatto ha già il rivestimento in marmo neutro nei disimpegni ed il parquet nelle camere. Limiterei l'operazione a soggiorno e cucina a questo punto e per dare uniformità ragionerei su un parquet anche per il soggiorno (in continuità con quello delle camere e valuterei sempre se è possibile recuperare un pò della pavimentazione esistente). I bagni può trattarli come espisodi isolati quindi non ci sono grossi problemi. Le rimarrebbe da trattare la cucina. Preliminarmente farei un saggio con l'impresa edile per capire se è possibile demolire il gres posticcio messo dai vecchi proprietari recuperando lo strato sottostante che certamente sarà di "pregio". Qualora sia possibile e sia analogo a quello dei disimpegni direi che è a cavallo. Qualora questa operazione non sia possibile ci sarebbe da ragionare su come intervenire. Parquet? Gres? Parquet+gres? Parquet+marmo? Da valutare attentamente.

    Tenga conto che la questione della porta finestra appena rifatta e del pavimento della cucina è relativo. Se progetta adeguatamente l'intervento riesce a stare tranquillamente nel budget senza accontentarsi di soluzioni di compromesso capaci di compromettere l'informità dell'intervento.

    Per ulteriori valutazioni credo ci voglia un sopralluogo ed un progetto vero e proprio. Se l'immobile è su Roma e lo desidera mi può conttare privatamente senza alcun impegno.

  • vecchiosetter
    2 anni fa

    La portafinestra si puo alzare e abbassare, occorre verificare se sul cassonetto c è spazio

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    Il pavimento sottostante in cucina purtroppo non è di pregio...

  • anghella89
    Autore originale
    2 anni fa

    La ringrazio 6.14 Studio, purtroppo però l’immobile è su Torino 😢

  • PRO
    6.14 STUDIO
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    In questo caso si può pensare ad un intervento per la cucina. Come le dicevo con una progettazione attenta è in grado di risparmiare su alcuni aspetti facendo convergere le risorse dove ce ne è più bisogno come nel caso della cucina.

    Provi a contattare qualche collega su Torino.

  • Franco2018
    2 anni fa

    Ci sono vari architetti di Torino qui su Houzz. Prova a contattarli e gli fai dare un’occhiata ed un preventivo.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Houzz utilizza cookie e tecnologie simili per personalizzare la mia esperienza, fornire contenuti per me rilevanti e migliorare i prodotti e i servizi di Houzz. Premendo su "Accetta", acconsento all'utilizzo dei cookie, descritto ulteriormente nell'Informativa sui cookie. Posso rifiutare i cookie non necessari cliccando su "Imposta le preferenze".