stefanobergami

vorrei che la mia casa fosse..........

Stefano Bergami
13 giorni fa

...più grande, più piccola, piu luminosa, al mare, in montagna, colorata, contemporanea, rustica, in centro città, in campagna....

un piccolo sondaggio, per capire le esigenze, i gusti e le necessità di tutti noi

Commenti (70)

  • Silvia Baruffaldi

    Una casa singola ad un piano, magari una mansardina giusto come studio o con divano letto per qualche ospite. Con tanto, tantissimo verde intorno. Di fronte le mie montagne preferite e vicino un bosco. Dentro vorrei che fosse luminosa, misto tra rustico, arte povera e moderno (esiste?). Vorrei avere tantissime librerie poste sapientemente, senza essere opprimenti. Un bellissimo studio/stanza relax e una cucina spaziosa, piena di piani d’appoggio. E terrazzini ampi da poter coltivare fiori e mangiar fuori la sera. Chiedo troppo?

    Stefano Bergami ha ringraziato Silvia Baruffaldi
  • Cristina

    Noto che per tutti c'è un elemento comune a tutti, nella varietà di desideri espressi: avere più verde attorno.

    il che la dice lunga :)

    Stefano Bergami ha ringraziato Cristina
  • Discussioni simili

    la mia nuova casa usata

    Q

    (10) commenti
    BUONGIORNO, mi pare di capire che vuole rivoluzionare praticamente tutto!! Anche io trovo il "corridoio" che porta nella Zona Notte eccessivo. Si potrebbe ridurre e magari creando anche un secondo bagno, magari di servizio, per gli ospiti. Circa la trasformazione della seconda camera in "sala cinema" non penso ci siano particolari problemi.. Pero questo progetto richiede uno studio decisamente più approfondito, con misure dettagliate, immagini, conoscenza dei suoi gusti e realizzazione 3D. CORDIALI SALUTI Melania
    ... mostra di più

    La mia nuova casa

    Q

    (2) commenti
    Si, Andrea, se non posti una planimetria, e non ci dici in quale comune si trova, diventa difficile dare informazioni attendibili. questi sono problemi molto specifici e quindi puntuale deve essere la risposta. Dovresti affidarti a un Progettista, solo così potrai conoscere non solo le risposte alle tue domande, ma soprattutto quanto e come potresti usare a tuo vantaggio i limiti imposti dai regolamenti e dal Pug. Qui posiamo metterti sulla strada,ma avremmo bisogno di informazioni, penso che tu debba eventualmente contattarci direttamente.
    ... mostra di più

    CHIEDO CONSIGLIO PER LA MIA NUOVA CASA...GRAZIE

    Q

    (16) commenti
    Dalle fotografie e la planimetria posso capire che il bagno e la cucina hanno il pavimento rialzato e rivestito con mattonelle di periodo diverso del resto dell'immobile. Le altre stanze, invece conservano il pavimento originale. Risulta difficile trovare una soluzione con questi pochi dati, ma di solito, una pavimentazione avvallata presenta problemi di cedimento o svuotamento. La soluzione in questi casi e i consolidamento, me questo presuppone la rimozione delle mattonelle, il consolidamento della caldana e la riposizione almeno nelle parti più compromesse. Se lei non è interessato/a a fare fronte a lavori di questo tenore, e il pavimento non presenta fessurazioni, cedimenti e non traballa, conviene mantenerlo. Le consiglio invece di sostituire la pavimentazione de bagno e cucina, questo dovrebbe essere possibile dal punto di vista normativo, come dicevo prima giustificando che si tratta di un intervento di modifica per adeguamento impiantistico. Dopodiché, si può lavorare a un progetto di arredo e interni che togliendo, semplificando e ripristinando alcune finiture, possa dare un nuovo aspetto all'interno. Per esempio, faccio notare i paraspigoli del vano cucina, alcune porte, ecc. Va molto semplificato il progetto per mettere in evidenzia le parti nobili dell'immobile, che ha sicuramente un alto potenziale, ma è da riqualificare. A disposizione.
    ... mostra di più

    La mia casa

    Q

    (5) commenti
    ho già visto questo appartamento, e anche allora commentai... ripeto...questo è un appartamento che non rispetta la norma: i bagni devono essere disimpegnati e non solo non essere nel cono visivo di qualcuno, devono avere accesso da una area filtro chiusa. E' necessaria dunque, una "porta" che "chiuda" il disimpegno gia nella parete del soggiorno. Per quanto riguarda lo studio molto dipende da cosa si intende per studio, un tavolo con una libreria piccola , un mobile chiuso per documenti importanti... e poi quanto deve essere isolato/isolabile, ...chi lo userà? i figli per studiare (spero di no! ) qualcuno per lavoro saltuario...continuativo...altro? (scoraggiante quella parete inclinata)
    ... mostra di più
  • Silvia Baruffaldi

    Mooolto lunga. Nella casa dove andrò ad abitare, in costruzione, non c’è un millimetro di verde e quei pochi alberi che c’erano da prima li hanno tagliati ieri per far spazio a parcheggi. Mi viene da piangere. Ma la gente oggi non capisce più il valore del verde?

    Stefano Bergami ha ringraziato Silvia Baruffaldi
  • Nina

    Uh scherzi? È una risposta impossibile, a meno di non darla plurima. Vorrei un attico, con giardino, senza vicini nel raggio di km, con negozi e bar raggiungibili a piedi, con alberi e montagne in ogni finestra, con bei musei raggiungibili, su due piani zona notte e zona giorno, senza scale....chiaro no?

    in realtà la mia risposta è: chi ha detto che vorrei una sola casa?

    Stefano Bergami ha ringraziato Nina
  • Nina

    @Silvia Baruffaldi in un posto senza verde non ci abiterei manco se fosse al Colosseo!....beh, magari li...

    Stefano Bergami ha ringraziato Nina
  • Hermann

    Ecco, più case è una bella idea :D Io spazierei da casa Baggins alla baita del nonno di Heidi, vacanze in un dammuso pantesco o in un trullo. Mi piacerebbe anche restare qui in Alsace, ci sono borghi da favola, e le case antiche hanno un fascino irripetibile (ma l'Italia mi mancherebbe troppo).

    Stefano Bergami ha ringraziato Hermann
  • Semplice utente non pro

    Nina mi ha anticipata: in città vorrei una casa in centro storico, luminosa, possibilmente con un bel terrazzo (lato soggiorno) che affacci su qualche piccolo parco cittadino e chiesa millenaria (ma anche piazza Sant'Ambrogio andrebbe bene), al mare una casa anche nella zona che già frequento ma con giardino privato ben recintato per i cani, vista mare ovviamente, in montagna posso accontentarmi di una mansardina con vista sulle Dolomiti possibilmente (e terrazzino). Poi mi piacerebbe avere anche un monolocalino a Venezia (mi si apre il cuore ogni volta che ci vado, come a Roma, ma per muoversi nella capitale bisogna esserci nata, io non ce la farei). Se proprio proprio dovessi aggiungerne un'altra, forse metterei in lista anche Parigi, però pure Berlino e Londra, una casetta a Cadaqués, una a Madrid o a Barcellona. Mi metto a lavorare che è meglio

    Stefano Bergami ha ringraziato Semplice utente non pro
  • Francesca

    ... quella di Montalbano con la terrazza sulla spiaggia di Marinella, senza turisti e visitatori però! se poi per averla dovessi condividerla con Zingaretti va beh potrei sacrificarmi :-)

    Stefano Bergami ha ringraziato Francesca
  • Semplice utente non pro

    Non scherza nemmeno la terrazza del film "la grande bellezza". Diciamo che in quel caso potrei anche abituarmi a vivere nel caos di Roma :)

    Stefano Bergami ha ringraziato Semplice utente non pro
  • Nina

    Se mi capita tra le mani te la cedo volentieri...io nel caos di Roma non ce la faccio più!!

    Stefano Bergami ha ringraziato Nina
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ahhhh!!!! Allora se si può prendere in prestito dimore da film e telefilm ....... divento modesto. Mi accontento di una misera cabina telefonica inglese: quella del Dottor Who. Così non solo cambio posto in continuazione, ma posso pure passare a prendervi tutti per una rimpatriata da qualche parte. :D

    Stefano Bergami ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • Semplice utente non pro

    Vabbè, dai, mi posso sacrificare Nina, se proprio non ce la fai. Io cedo volentieri lo smog bigio di Milano

    Stefano Bergami ha ringraziato Semplice utente non pro
  • stefaniasasso61

    Io devo dire che grazie ai miei nonni e poi ai miei genitori anche se li ho persi presto ho abitato in belle case ma una cosa essenziale che non sia una casa isolata perché altrimenti io da sola non ci dormo se c e un custode ancora ancora ma altrimenti meglio un appartamento con i rumori.. Piuttosto se sono da sola o da parenti o alla peggio in una pensione.. o albergo.. Piu c 'e casino più dormo meglio. In condominio ideale per me. Quando guardavo Montalbano mi veniva in mente che lui comunque ha un arma...

    Stefano Bergami ha ringraziato stefaniasasso61
  • Semplice utente non pro

    Anch'io la penso come Stefania. Sarò una fifona, ma con i tempi che corrono, e in più da sola, non abiterei mai in una casa isolata e per quanto lo abbia desiderato per tutta la vita neanche in una casa con giardino, meglio il terrazzo e a un "piano nobile" :)

    Stefano Bergami ha ringraziato Semplice utente non pro
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Si. Molto dipende dal posto in cui si vive, dalle esperienze (spero per voi che siano solo per sentito dire) di vita che quel particolare luogo porta ad insegnarci. Qui, abbiamo ancora un bel po'di fortune in merito: c'è ancora chi lascia la casa aperta quando esce senza alcun problema, così come quando andiamo al bar per un caffè o al supermercato ecc. lasciamo quasi tutti le auto aperte e le chiavi nel quadro senza alcun problema (io la lascio aperta ma le chiavi dal quadro le levo, solo perché dopo un tot di tempo la mia auto si chiude da sola e quindi poi sarebbe comunque un problema). Vivere in case isolate in posti così non è un problema, non ancora almeno. Paradossalmente credo pure, ma non ne sono sicuro, perché non conosco le "abitudini" del luogo in cui si trova la casa di Montalbano, che non si un problema neanche li. Questa cosa, l'ho imparata nel vivere a Napoli, da sprovveduto materano che lascia l'auto aperta. Dove c'è criminalità organizzata, ci sono anche i loro giri di "affari" che sono tanto più fiorenti quanto meno controllo delle forze dell'ordine c'è. L'avere poliziotti o carabinieri in zona perché c'è stato un furto in appartamento, uno scippo, un reato meno "remunerativo" insomma, non "conviene" e quindi sono loro stessi a garantire un certo livello di "sicurezza", quello che fa comodo a loro, quello che non porta tanta forza dell'ordine in zona. Basta non "vedere" e non "sentire". Ora, non conosco bene il posto, ma se tanto mi da tanto ...... l'arma per casa Montalbano, non dovrebbe servire: dovrebbe solo far finta di nulla dottoressa se anche li è come a Napoli ed il gioco è fatto.

    Stefano Bergami ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Stefano Bergami

    Per mè invece è diventato fondamentale, vivere in mezzo al verde, in totale privacy, pur non distante dalla città. Considerando che la mia vita lavorativa, si consuma quasi totalmente in mezzo allo smog e perennnemente alla ricerca di un parcheggio per l'auto è diventato fontamentale, per il mio concetto di " qualità di vita", al rientro serale o nel fine settimana, isolarmi in uno spazio che mi possa avvolgere ed allontanare dalla frenesia metropolitana.

    Mi è diventato indispensabile, per rigerare lo spirito e ricaricare energie

  • Francesca

    Architetto Abbate Montalbano vive nella bellissima Sicilia ma in realtà Vigata é un comune immaginario creato dalla meravigliosa penna di Camilleri. Poi però nella trasposizione televisiva l'immaginario si è trasformato in una realtà e Montalbano in Zingaretti! Da qui la mia battuta... Ma tralasciando la serie di cui non sono una fan se leggesse della meravigliosa terrazza sulla spiaggia raccontata da Camilleri sono certa che anche a lei non dispiacerebbe viverci :-) ma come detto è solo nell'immaginario di Camilleri e dei suoi lettori!
    Quindi architetto Bergomi grazie per avermi fatto sognare il tramonto di Marinella (immaginaria frazione di Vigata) dalla grigia Milano.. che stranamente oggi é sotto un cielo azzurro!

    Stefano Bergami ha ringraziato Francesca
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ci può giurare Francesca che ci vivrei, lo farei senza alcun problema, non solo li, ma un po'in tutta la Sicilia, così come mi piacerebbe davvero tanto tornare a vivere nella spendida Napoli, magari in una di quelle stupende ville di Posillipo, che poi tanto diverse da casa Montalbano non è che siano. Ma tornando alla Sicilia, come potrei mai non desiderare di vivere in una di quelle ville del messinese o nel palermitano. Diciamo che vivrei tranquillamente un po' ovunque in Sicilia. Questo è quello che volevo trasmettere con il messaggio precedente.

    Stefano Bergami ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ad esempio a Napoli qui

    https://www.immobiliare.it/annunci/76986668/

    o meglio ancora qui

    https://www.immobiliare.it/annunci/76822740/

    Ci verrebbbero solo un paio di miglionucci di euro :D

    Stefano Bergami ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • stefaniasasso61

    Bellissima 2.000.000 più indefiniti e li viene il bello per ristrutturare e mantenere... Ma chi ne tira fuori così tanti di sicuro sa difendersi o almeno si fa venire qualcuno a dormire a casa

    Stefano Bergami ha ringraziato stefaniasasso61
  • stefaniasasso61

    Comunque sempre avendo delle possibilità un po e carattere c e gente che alla sera gli prende la malinconia e lascia la villa isolata con piscina vista mare e se ne va a stare nel centro in 80 mq anche con custode..ma se hanno caldo..e non vogliono andare in mare se ne tornano su in campagna

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Dottoressa, quelle sono solo le prime due che ho trovato non affannandomi tanto nella ricerca e relativamente alla sola Napoli che conosco bene. Li siamo a Posillipo, (Marechiaro per essere precisi), in pieno centro di Napoli, non lontano dal Maschio Angioino per capirci. Ma mi accontenterei anche di una di quelle spendide piccolissime "bomboniere" scavate nella roccia nell'amalfitano, con spiaggia privata ecc. Sempre tutto isolato ma non troppo, quanto basta per garantire la propria privacy, senza essere isolati, stando cioè in pieno centro urbano. Questi i posti che conosco meglio, ma da quel poco che conosco della Sicilia........ anche li. Che dire?

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Si dottoressa. il bello di Marechiaro è proprio quello. In pratica è una collinetta in pieno centro partenopeo. Di tanto in tanto trovi un cancello, che varcato, ti porta in ampi spazi a verde, per lo più in discesa. Scendendo nel verde si arriva alla villa, quasi sempre non visibile dall'esterno, ben camuffata nel verde e quasi sempre con vista mare. Ma uscendo da quel cancello, sei in città, non esattamente nel caos partenopeo, ma in cinque minuti o poco più è Napoli piena.

  • Hermann

    Qui in Alsace nessuno chiude a chiave, nemmeno la notte. Io ho dovuto un po' adattarmi alla cosa, i primi tempi, ma poi effettivamente ci si abitua e lo si trova non solo normale ma anche rigenerante per lo spirito. Prendere atto che c'è ancora chi ha questa fiducia nel prossimo, questa tranquilla sicurezza, fa bene a corpo, mente e anima. E non è una abitudine locale, è così in tutta la Francia rurale. Io vivrei tranquillamente in una casa isolata, anzi, quello che mi frena non è la paura ma la lontananza dai servizi. Sono abituato a spostarmi a piedi, in bicicletta o con treno e autobus, e dover dipendere dall'auto per spostarmi ogni giorno o quasi proprio non mi va. Quindi, compromesso. Il verde non mi manca, dove vivo, ma ho anche tutto quello che mi serve a due passi.

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ormai Hermann quello che ti serve lo trovi un po' ovunque e poi, considerato il caos delle grosse città, il tempo che normalmente perde chi ci vive per spostarsi al suo interno o per cercar parcheggio. A conti fatti, qui non manca quasi nulla, ma se proprio proprio .... poco più di un quarto d'ora e sei nel centro di Matera, altri 50 km di strada a scorrimento veloce (altra mezz'ora) e sei in centro a Bari, un pochino di più per Taranto, ma nulla di che. Non dico che ci metto lo stesso tempo che perde chi vive normalmente a MT, BA o TA, per spostarsi al loro interno, ma nemmeno tanto in più. Però il resto dei giorni, niente caos, niente traffico, nessuno smog, niente ILVA ecc.

  • stefaniasasso61

    E dai Arch Michele Abbate che prima o poi i sogni si avverano.....magari quando meno ce laspettiamo

  • Hermann

    Vero. Io vivo a 25 minuti di treno da Torino Porta Nuova, quindi in pochissimo tempo arrivo in pieno centro città. Se usassi l'auto, imbottigliamento in tangenziale compreso, il tempo raddoppierebbe, e se abitassi in periferia a Torino impiegherei oltre 40 minuti con l'autobus. Sempre da dove vivo io, se prendo autobus e metro il tempo si dilata ancora, ci metto più di 90 minuti ad arrivare in centro.

    Decisamente un punto a favore vivere in provincia, e in una città piena di verde, tra i laghi e la montagna come la mia, purché sia servita dal treno.

    Poi c'è il clima, Michele, che fa da deterrente: nei paesi della mia valle non ci sono mezzi pubblici urbani ed extraurbani, a parte il treno e qualche linea di autobus in fondo valle, quindi abitare fuori paese in una casa isolata ti costringe a prendere l'auto anche solo per scendere a fare la spesa, e affrontare, d'inverno, strade piene di neve o ghiacciate. Se ti si guasta l'automobile per qualsiasi motivo, sei davvero isolato per giorni e giorni. Non per niente le borgate montane qui si stanno spopolando.

  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Verissimo Hermann, qui poi i servizi di trasporto pubblico.... manco vale la pena parlarne. Forse è proprio per questo che per quanto mi sforzi di trovare un conoscente che abbia una sola auto, non me ne viene in mente nessuno. Ormai in ogni famiglia, ci sono almeno due auto

  • Maria Grazia

    Quella che ho... finalmente, Girato il mezzo secolo ci siamo riusciti.

    Casa singola, un bel pò di verde (2000mq pero ora quasi tutti a prato con giusto 2/3 alberi da frutto e 3 cipressi argentati vecchi come me). Non temo di dormire da sola quando accade, ma ho un corpo di guardia di tutto rispetto (non badate a come è ridotto il giardino ora... dobbiamo ancora finire e quella rete sarà poi tolta, aveamo recintato la zona per i cani quando gli operai lavoravano- inutile perchè il cagnone biondo a sx ha demolito la porta 3 volte... sigh...)

    Vero, mi serve la macchina per compare il latte. ma mi serve anche per andare a lavorare e visti i tempi biblici per poter andare in pensione (Grazie governo eh? Ma tanto tanto...) mi servirà ancora almeno per altri 10-12 anni.

    Però la prima cosa che vedo al mattino è il colore dell'alba, la sera i colori del tramonto, vedo le montagne innevate e anzichè il rumore delle macchine sento il canto degli uccelli.

    Ci siamo trasferiti da poco, rispetto all'appartamento è più faticosa, ma la pace e la sensazione di benessere ripagano di tutto.

    CASA PRIMA E DOPO · Maggiori informazioni


  • vale ria

    ah vabbè se siamo in modalità "sogno" mi accontento di questo appartamentino nella mia città con discesa privata al mare xD


    https://www.immobiliare.it/annunci/72532152/ 

    Stefano Bergami ha ringraziato vale ria
  • Semplice utente non pro

    brava vale ria, mi sembra un'ottima scelta!

    Stefano Bergami ha ringraziato Semplice utente non pro
  • PRO
    Stefano Bergami

    che dici Vale ria, può andare anche un appartamento con terrazzo vista mare?

    terrazzo con vista · Maggiori informazioni


  • Nina

    Che bello che andate tutti al mare....già mi sto pregustando la mia pace su cime innevate e frondose ;-))))

    Stefano Bergami ha ringraziato Nina
  • stefaniasasso61

    Quando uno è fortunato a volte non se ne rende conto e fugge.. Per cercare.. chissà cosa nella nebbia e poi dice.. guarda te c e gente che sogna il mare, una casa al mare.. in centro e al mare e con del verde... e come il figliol prodigo prende coscienza.. ma tutto quello che aveva l ha quasi disprezzato... in parte l ha ceduto regalandolo.. quasi

    Da una parte ha meno tasse dall altra dice potevo rifletterci... ma per fortuna che ha ancora qualcosa ed è rimasto tutto in famiglia...

    Stefano Bergami ha ringraziato stefaniasasso61
  • Hermann

    Maria Grazia, che meraviglia! Godetevi quella pace.

    Michele, qui e in altre zone montane e pedemontane del Piemonte c'è un solo grande motivo che aggrava lo spopolamento: non ci sono più investimenti pubblici sul territorio extraurbano e non ci sono politiche a tutela. Già le strade urbane sembrano greti di torrente, tanto lascia a desiderare la manutenzione, quindi immagina come vengano lasciate andare alla deriva le stradine che portano alle borgate più isolate. Abbiamo lo stesso santo patrono delle strade di Roma, SanBuca. Trovare un po' di tutto dappertutto è un altro miraggio, i pochi esercizi che ancora sopravvivevano in località di montagna non turistiche hanno chiuso o stanno chiudendo, per scarsità di clientela ma soprattutto per le difficoltà portate dai nuovi sistemi fiscali informatici (scontrino fiscale, fatture elettroniche), tenendo conto che la copertura della rete è spesso assente o a singhiozzo. L'assistenza sanitaria non è più capillare, grazie alla chiusura dei pronto soccorso, dei punti nascita, concentrati in fondo valle. Chiudono gli sportelli bancari, persino gli uffici postali (nei casi migliori sono aperti un giorno alla settimana). In compenso nelle nostre borgate è garantita la pace, non c'è quasi nessuno :D

    Servono houzzers con lo spirito dei pionieri ;)

    Stefano Bergami ha ringraziato Hermann
  • Nina

    Hermann....perché ci hai svegliato?! :-D :-D

    Stefano Bergami ha ringraziato Nina
  • Maria Grazia

    Hermann , certo che se mi porta ad esempio di tranquillità l'Alsace... come diceva una pubblicità: ti piace vincere facile ! Regione meravigliosa, la adoro. Ogni angolo è stupefacente.

    Stefano Bergami ha ringraziato Maria Grazia
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Ahahahah Hermann. Gli houzzers pionieri sono già tutti qui nel tentativo di sfrattare San Buca dalle nostre strade. Oltre quella strada che ho descritto prima, per Bari ce ne sono altre. Una in particolare è "fantastica". Praticamente è quasi una buca unica con qualche pezzettino di asfalto qua e la. Poi ad un certo punto, trovi un bel cartello con scritto "FINE PROVINCIA DI MATERA/INIZIO PROVINCIA DI BARI" e vai ..... esattamente da sotto quel cartello in poi, asfalto nuovo, nemmeno una buca, tutto diverso. Scritta così sembra che la Puglia stia più attenta alle proprie strade, ma basta spostarsi da barese al tarantino o al foggiano e ........ riecco San Buca. Ormai credo sia il santo patrono nazionale.

    Stefano Bergami ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • stefaniasasso61

    Ne parlavo stamattina con mio marito... che abita e lavora in Piemonte nell astigiano dove ci sono sti ruderi di castelli... quei vecchi negozi di alimentari che vendono anche le calze.. e il bar con il biliardo.. li le case non costano tanto... c è del verde... chi..ama verde e solitudine posto ideale


    Stefano Bergami ha ringraziato stefaniasasso61
  • Hermann

    Nina, ora vi faccio di nuovo sognare, con l'elenco delle cose buone. ;)

    Prima di tutto, un vantaggio, oltre alla pace, è che in posti così isolati non arrivano malintenzionati, neppure i rubagalline. Stefania potrebbe dormire a finestre spalancate :D

    A parte gli scherzi, nelle nostre borgate si gode di panorami mozzafiato (vedi foto), aria ottima, verde a volontà, acqua pura di sorgente, tranquillità, tanti animali selvatici che sbucano, soprattutto alla sera e al mattino, proprio vicino a casa. Persino dove vivo io, in fondo valle ma in una zona residenziale molto verde, nelle mie passeggiate serotine incontro il tasso. Se non avessi bisogno dell'automobile e quindi di strade praticabili, io ci farei radici in posti così. Per inciso, pure qui non chiudono le porte di casa. Forse la notte, forse...



    Stefano Bergami ha ringraziato Hermann
  • Hermann

    Michele, sono stato in Salento nel 2017 e ho trovato ovunque strade bellissime, ben tenute, sembravano tavoli da biliardo. Poi, tornando a casa, sono passato in provincia di Foggia, per fare tappa sul Gargano e visitare Monte Sant'Angelo, e lì ho trovato una strada orribile, per tutta la percorrenza aveva metà carreggiata sfondata (in prossimità di Manfredonia). Ho dovuto viaggiare in centro strada...

    Stefano Bergami ha ringraziato Hermann
  • PRO
    Architetto Michele Abbate

    Si vero Hermann. Devi vedere lo stato della scorrimento veloce che porta all'adriatica come è messa male a Foggia. Però, tornando a quella che hai fatto tu, vale la pena di farla solo per arrivare a Manfredonia.

    Belli anche i posti in cui vivi tu, l'unico svantaggio che avrei è che al di sotto dei 3 gradi, sono praticamente morto :D

    Stefano Bergami ha ringraziato Architetto Michele Abbate
  • vale ria

    @Stefano Bergami che meraviglia!


    @Hermann ma abiti in un posto bellissimo! io mi reputo fortunata, ho un piccolo monolocale sull'appennino tosco emiliano, quando voglio fuggire da tutto e da tutti vado li, e mi bastano 2 ore e mezzo di macchina

    Stefano Bergami ha ringraziato vale ria
  • Hermann

    Siamo fortunati tutti, l'Italia è bellissima, e anche se dove uno ha casa non è precisamente un eden, anche fosse nelle più brutte periferie di una città, bastano pochi minuti per trovare ovunque, intorno, posti meravigliosi, luoghi d'arte e bellezza, paesaggi e natura incontaminata.

    Stefano Bergami ha ringraziato Hermann
  • PRO
    Architettare

    Ora viviamo in una casa di cent`anni che abbiamo ristrutturato ma adesso vorrei vivere in una casa progettata ex novo da noi. Prenderei come costruzione quella che ho, che e` in pietra, la dimezzerei riducendo le camere e la appoggrei su un giardino di circa duecento metri quadri. La arrederei tutta con mobili multifunzionali disegnati su misura. Troppe stanze sono uno spreco in costruzione, riscaldamento, tasse, pulizie, suolo occupato, giardino in meno...

    Stefano Bergami ha ringraziato Architettare
  • Silvia Baruffaldi

    Hermann vivi in un posto splendido! Qui amano tutti il mare vedo... ma la montagna per me è meravigliosa.
    E dentro come le vorreste le vostre case? A cosa fareste la priorità?

    Stefano Bergami ha ringraziato Silvia Baruffaldi
  • Silvia Baruffaldi

    *dareste, non fareste

    Stefano Bergami ha ringraziato Silvia Baruffaldi
  • Maria Grazia

    Eh... come la vorrei, come quelle di cui salvavo le foto! Elegante ma pratica, industriale ma classica, lussuosa ma semplice, in stile ma moderna.

    Nel senso che a parte il rococò estremo o il design d'avanguardia mi piace un pò tutto (tolti gli anni 70, troppo vissuti per desiderarli di nuovo)

    Poi si devono fare scelte, di cuore, di pancia e di budget.

    Con l'esperienza comunque la priorità va al pratico, che sia esteticamente appagante ma soprattutto pratico, pratico, pratico. E' inutile che sia finalmente riuscita ad avere una bella casa se poi devo passare il tempo a pulire e lucidare o temere che si rovini.

    E, non me ne vogliate ma a me il mare mette ansia e agitazione.... mi va bene a piccole dosi, che sia oceano, possibilmente indiano. Ma dopo 1 settimana desidero un prato e un abete e vedere la mia corona di montagne.

    Stefano Bergami ha ringraziato Maria Grazia
  • Gloria

    ...come è ora! Casa singola di campagna con una bel giardino e taverna a piano terra.

    Il mio sogno resta il bilocale (o anche mono!) al mare, Riviera del Conero.

    Chissà che un giorno...

    Stefano Bergami ha ringraziato Gloria
  • PRO
    Stefano Bergami

    ...la mia casa ideale?... un rustico, tipicamente Emiliano, con tanta materia, mattoni, coppi e tavelle di recupero, legno e marmo anticato dove serve. Parquet in listoni piallato, rovinato, acidato. Mi piace respirare la memoria storica della materia. Poi il verde....un giardino ricco di vegetazione, tanta e variegata, piante calibrate in funzione della fioritura, per avere colore in tutte le stagioni, oltre ad angoli intimi e nascosti al riparo dal mondo, dove rigenerasi.....

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.