architettogiovannadegrandi

Luci e ombre........a me piace così

Lo studio delle luci è fondamentale in ogni intervento sull’abitare.Luci e ombreace così

Non mi piace la luce piatta e uniforme generata dall’antico lampadario appeso al centro del soffitto o peggio ancora dalla più moderna piantana alogena posta in un angolo del locale.

Mi piace dislocare fonti luminose nei punti dove la luce è necessaria per specifiche funzioni come leggere, mangiare, conversare, spostarsi, ecc. e lasciare invece zone di oscurità dove non c’è necessità di illuminare.

Con questa tecnica di luce e ombra gli ambienti risultano più mossi e interessanti, più ritmici ed emozionanti.

Leggere con una luce tenue generata pochi centimetri sopra le pagine del libro mentre il resto del locale è nella penombra permette maggiore concentrazione e fa estraniare dalla realtà circostante.

Cenare intorno ad un tavolo illuminato da una lampada a sospensione tenuta a circa 80 centimetri dal piano, lasciando il resto del locale in semioscurità, mette in risalto i cibi e i volti dei commensali esaltando il convivio.

Percorrere un lungo corridoio in cui la luce è proiettata dall’alto o dal basso mediante faretti che creano coni luminosi sulle pareti alternati a spazi in ombra, dà la sensazione di muoversi seguendo un ritmo musicale. Lo spazio anonimo e impersonale del corridoio si modella in qualcosa che suscita in noi la voglia di percorrerlo “danzando”, curiosi di scoprire cosa c’è al di là delle porte .

Come dice Joan Great “Gli spazi in ombra sono un invito a scoprirli in tutta la loro segretezza, come quando nei momenti bui della nostra esistenza percorriamo la nostra anima alla ricerca della nostra verità “.

Commento (1)

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.