filippocolombetti

La vita di oggi in una casa di ieri : credete sia possibile?

Buongiorno Houzzers,


Quello che vado a mostrarvi oggi per poi sapere la vostra, é un appartamento nell'emergente periferia Nord Est di Milano No.Lo. (North of Loreto), in un caratteristico palazzo 'di ringhiera' della vecchia Milano.

I committenti sono una coppia illuminata di artisti e designer che hanno un'attività di stampa artigianale.

ll tema del progetto è stato questo: si può adattare lo stile di vita ed il modo di vivere la casa contemporaneo ad un edificio storico che presenta caratteristiche del tutto diverse a quelle del nostro tempo?

Gli obbiettivi erano ampio soggiorno collegato con una grande cucina e con uno studio che però doveva diventare una camera per gli ospiti al bisogno, la camera padronale con il bagno en suite ed un bagno di servizio-lavanderia; insomma, un classico di quanto la maggior parte dei committenti richiede all'architetto quando ristruttura.

La risposta l'abbiamo cercata nell'impianto distributivo utilizzando la zona giorno (cucina e soggiorno), come cerniera fra le stanze eliminando completamente i corridoi e massimizzando lo spazio vivibile.

L'impianto di riscaldamento (che prima non esisteva), è stato realizzato sotto pavimento lasciando le pareti libere e più simili all'originale, l'aria condizionata si dirama nei controsoffitti di bagni e cucina raggiungendo tutti i locali senza imporre la sua presenza.


Che ne pensate?







Ottima soluzione !
Non mi convince

Commenti (52)

  • PRO
    Falegnameria Grelli
    4 anni fa

    Bel lavoro veramente.

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Falegnameria Grelli
  • Silvia Carcamo
    4 anni fa

    Cool!

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Silvia Carcamo
  • Discussioni simili

    per una ristrutturazione di appartamento da dove cominciare?...

    Q

    (31) commenti
    Sig. David, personalmente sono in linea con l'Arch. Forino e Bartolomeo, sono molto chiari ed esaustivi, si affidi ad un professionista serio, saprà guidarla, la ristrutturazione può essere un momento di forte entusiasmo, ma si può anche trasformare in un incubo, la sua scelta del professionista è fondamentale. Una cosa importante, credo non sia stata menzionata, sono le varianti in corso d'opera, pericolose, possono portare a discussioni, il consiglio è che quando si presentano, fare una piccola riunione, valutarne i costi, firmare in accordo, ed eseguire solo dopo, il lavoro. Non dia retta all'Arch Bartolomeno, scelga un geometra, noi abbiamo studiato meno perchè abbiamo capito subito (questa passatemela...). Massimo Damiani
    ... mostra di più

    "Il Sogno di una Vita!"

    Q

    (103) commenti
    Con grande Piacere e Simpatia a distanza di un po' di Tempo, vi mostriamo la Signora Mary ai Fornelli della Cucina "Camilla", ripresa dal Marito Piero... Buon appetito!!! :-) Piero
    ... mostra di più

    Sondaggio per una proposta di miglioramento di houzz consigli

    Q

    (21) commenti
    A me non dispiace l'idea dell'arch Pacciani, anzi mi sembra una buona idea per offrire un prodotto professionale a costi abbordabili a chi non può o non vuole spendere 10k euro per un architetto. Certo, ci saranno sempre quelli saranno troppo *preoccupati della propria privacy*, o troppo *indigenti* o troppo *attenti alle proprie spese* a cui non interesserà neppure una consulenza del genere e cercheranno il low-cost, e quelli ancora più attenti ai suddetti eufemismi che cercheranno consigli gratis pazienza, non tutti possono essere nostri clienti, inutile preoccuparsene, è come se non esistessero. Non è vero che via web possono essere dati solo consigli superficiali, noi siamo progettisti, non operai, la teoria è il nostro forte, disponendo delle informazioni necessarie e sufficienti siamo perfettamente in grado di sviluppare un progetto fino all'esecutivo. Nel mondo -anche quello professionale- la consulenza in remoto è una realtà, lo facciamo anche noi ogni giorno: quando ho bisogno di un consiglio dal geometra, come dall'impiantista o dallo strutturista; li chiamo e ne parliamo al telefono o via email, con il mio avvocato posso organizzare consulenze telefoniche, alla fine del mese mi spedisce una notula con date delle telefonate e durata, non c'è nulla di strano. il che non vuol dire lavorare low cost ma chiedere il giusto, evitare spostamenti, inquinare meno e soprattutto risparmiare tempo, che è il bene più prezioso che abbiamo
    ... mostra di più

    Smart Home: Quali Soluzioni Vorresti in Casa Tua? (Sondaggio 2 di 4)

    Q

    (16) commenti
    :) Isabella, mi hai fatto tornare in mente il primo sistema "IoT" che io abbia mai visto. Si tratta di un televisore che i miei avevano a casa quando sono nato. Un coso a valvole, se non ricordo male della Emerson, che aveva la particolarità di avere un aggeggio a parte, grande quanto due confezioni di Poket Coffee da cinque poste l'una sull'altra. Su quest'aggeggio un unico grande pulsante di un marrone orrendo. A che serviva quell'aggeggio? Tu pigiavi quell'enorme bottone e oltre a sentire un enorme clic di non so quanti Db, il televisore, come per miracolo cambiava canale, passando tra gli innumerevoli canali che allora avevamo in Italia (Rai 1 e Rai 2). Perché me lo hai ricordato? Perché quando avevo circa tre anni, poco prima che aggeggio e televisore fossero scaraventati via da casa, bisognava stare immobili a guardare la tv. Se ad esempio, mentre cenavi ti scappava una forchetta a terra, la tv cambiava canale. Un colpo di tosse? Cambiava canale. Insomma qualsiasi cosa tu facessi, al minimo rumore il televisore cambiava televisione. Ovviamente oggi non siamo a quei livelli: tutti questi sistemi, sono anche tranquillamente comandabili alla vecchia maniera e quindi gli E Se di Vicky non ci sono quasi mai e le perplessità di Cristina nascono dal fatto che lei è un'informatica: sa perfettamente cosa c'è dietro in termini di potenziale violazione della privacy, attacchi informatici ecc. Cioè lei conosce perfettamente i pro ed anche i contro ad esempio di lasciare un web accesa, foto o dati sensibili su un pc connesso. Ma come tutte le cose basta sapere come proteggersi ed il gioco è fatto. Della serie se vai dal dentista ricordati di portarti dietro le chiavi di casa :)
    ... mostra di più
  • Emanuela
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Eleganza ed essenzialità, mi piace molto... Da un senso di libertà! E poi mi piace l'aver saputo coniugare l'antico col nuovo senza stravolgere.

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Emanuela
  • PRO
    Fodaroni Michele
    4 anni fa

    Complimenti! Ottimo lavoro!

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Fodaroni Michele
  • anninanina
    4 anni fa

    Personalmente mi piace moltissimo. Caldo e minimale al tempo stesso. Complimenti.

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato anninanina
  • PRO
    Fonte del Rustico
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Affascinante! Complimenti meritatissimi!

    Piero

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Fonte del Rustico
  • PRO
    paoloberto
    4 anni fa

    bel lavoro! convincente, sobrio con un sapore un po' scandinavo.

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato paoloberto
  • ammila
    4 anni fa

    Complimenti.Mi piace molto.

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato ammila
  • ammila
    4 anni fa

    Vedo che il letto e' senza testata....nella mia nuova casa avrei al momento cosi' la camera degli ospiti....quindi e' ok magari con un bel quadro e un po' di cuscini?

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato ammila
  • PRO
    Filippo Colombetti, architetto
    Autore originale
    4 anni fa

    Perché no!

  • ammila
    4 anni fa

    Grazie architetto.Quando mi trasferirò posterò la foto.

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato ammila
  • boccia86lina
    4 anni fa
    Si avvicina molto a quello che volevo ..... ma aimè.... :(((
    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato boccia86lina
  • boccia86lina
    4 anni fa
    Architetto .... non è che può dare uno sguardo alla mia casina?! Ho il presentimento di aver sbagliato qualcosa :(
  • PRO
    Filippo Colombetti, architetto
    Autore originale
    4 anni fa

    Se necessita un consiglio, nei limiti del possibile volentieri

  • boccia86lina
    4 anni fa
    Non posso taggarla nel mio post?
  • boccia86lina
    4 anni fa
    vorrei chiederle solo un parere estetico :(
  • boccia86lina
    4 anni fa
    posto tutto qui.. Non riesco a fare altro..
    allora questo è il piano inferiore.... lato scala: cucina.. ( il fatto che la scala sia a vista è una cosa che a me piace tanto)
    zona 2: ingresso + zona salotto + tv+ camino...

    ci abbiamo creato il bagno ( L 3,30 larghezza 1,40) ed e' quello che mi tormenta... nel senso... ( le posto la foto) Non è che esteticamente sia bruttino?!
    In verità per eliminare quel senso di "muro piatto" ci ho fatto creare un angolo a giorno.... ( mansole poi libri candele .. altro)

    Grazie mille per l'attenzione e di nuovo complimenti ...
  • boccia86lina
    4 anni fa
    posto tutto qui.. Non riesco a fare altro..
    allora questo è il piano inferiore.... lato scala: cucina.. ( il fatto che la scala sia a vista è una cosa che a me piace tanto)
    zona 2: ingresso + zona salotto + tv+ camino...

    ci abbiamo creato il bagno ( L 3,30 larghezza 1,40) ed e' quello che mi tormenta... nel senso... ( le posto la foto) Non è che esteticamente sia bruttino?!
    In verità per eliminare quel senso di "muro piatto" ci ho fatto creare un angolo a giorno.... ( mansole poi libri candele .. altro)

    Grazie mille per l'attenzione e di nuovo complimenti ...
  • PRO
    Filippo Colombetti, architetto
    Autore originale
    4 anni fa

    Buongiorno, per quello che vedo dalle foto e dalla pianta mi pare di aver capito che il bagno venga creato nel locale dietro la scala, la posizione è sicuramente la migliore dal punto di vista degli spazi, anche la nicchia mi piace, magari la interrompa ad altezza vano porta così da tenere un filo e sfruttare l'altezza del soffitto per un soppalchino. Vada avanti così che va bene! Si ricordi però che il Diavolo sta nei dettagli....

  • boccia86lina
    4 anni fa
    Non immagini quanto mi ha resa contenta :)

    Lo so.. tutto il gioco e nell'arredamento :)
    starò molto attenta...
    Grazie mille, grazie :)
    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato boccia86lina
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Si continuano a vedere belle case arredate male in maniera non “progettata” è un po’ casuale, dando l’asset a chiunque voglia fare della propria abitazione, il luogo dell’accozzaglia di cose prese ovunque. L’unico ambiente sensato è la cucina
  • boccia86lina
    4 anni fa
    Buongiorno, mi può dire cosa avrebbe cambiato?!
    Sono in fase di ristrutturazione e modificare ;
    Se mi espone la sua genialata, e se ne vale veramente la pena, potrei metterle ancora in pratica :)
    Grazie
  • PRO
    Filippo Colombetti, architetto
    Autore originale
    4 anni fa

    Virginia, a prescidere dai gusti personali che ovviamente ci differenziano, la mia filosofia progettuale è mettere i committenti al centro del mio lavoro, in fondo sono loro che dovranno vivere in quell'ambiente e quindi credo sia indispensabile che ci mettano del loro, sono i loro desideri ed aspirazioni che uniti alla nostre capacità che garantiscono un risultato finale sempre diverso ed originale, altrimenti ci si riduce come certi colleghi che finiscono con il fare le case tutte uguali perchè le progettano per se stessi.

  • boccia86lina
    4 anni fa
    Arch. Virginia aspetto una sua risposta.. grazie anticipatamente
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Gentile signora Boccia Lina, questo non è Facebook e non è una discussione botta e risposta. Da progettista che pensa il tutto è il dettaglio contemporaneamente non apprezzo i progetti lasciati a metà. Nella mia filosofia di progetto non si può realizzare uno spazio bello e sapiente e poi lasciarlo al caso proprio perché la casa deve essere vissuta e deve essere funzionale e piacevole oltre che adatta all’età, caratteristiche ed esigenze del singolo committente. La casa è un abito realizzato su misura e pertanto non ci si può permettere di “perdersi nelle cuciture”. Anche l’arredo va pensato o quanto meno indirizzato. Non sarà certo la risposta ad un post a poter essere esaustiva altrimenti anni di studi a causa servirebbero
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Gentile Filippo proprio perché il bravo progettista mette al centro del proprio lavoro il cliente e proprio perché ogni progetto deve essere realizzato su misura per i singoli clienti occorrerebbe pensare sempre ad un progetto “globale”. Tante volte molti spazi sono pensati in ragione di arredi o opere d’arte di famiglia che il cliente già possiede, più individuale di così un progetto non potrebbe essere è certo l’attenzione al dettaglio non genera progetto “tutti uguali” sebbene ovviamente ogni architetto ha un suo stile distintivo e ora take ragione viene scelto fa un certo tipo di clientela che vi si riconosce. Ma realizzare uno spazio stupefacente e poi lasciarlo al caso purtroppo può svalorizzare l’operato del bravissimo tecnico. Purtroppo è il caso del 90% delle commesse, ciò mi rammarica sempre molto. Però dobbiamo essere coraggiosi e non dimenticare la lezione dei nostri grandi maestri il maximus et minumum vanno pensati assieme. Se poi si vogliono avere solo commenti positivi e una sfilza di “Wow “ diciamolo del titolo dell’articolo direttamente ed eviterò di commentare passando avanti.
    Buon lavoro
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Mi scuso per gli errori del correttore automatico
  • boccia86lina
    4 anni fa
    Scusi se mi permetto.. ma se chiude il discorso con: l'unico ambiente sensato e' la cucina...
    ovviamente le chiedo: dove lo avrebbe creato il bagno dato che ha avuto da dire?!
    Per l'arredo ne parliamo a lavori completati...
    Per quanto riguarda, invece, l'abito su misura...
    ....penso che da un vestito lungo si possa ricavare una maglia
    ma da una maglia non si può di certo creare un vestito lungo ; Penso!!!
  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    4 anni fa

    boccia86lina non credo che l'arch. Russo si riferisse alla sua domanda ma all'appartamento tema del post

  • Paola
    4 anni fa
    Architetto Virginia,
    credo che lo chef cucini un pasto con gli ingredienti a disposizione.
    Così come credo che non tutti i committenti siano disposti a farsi arredare completamente la casa e che abbiano piacere di cercare e scegliere complementi e finiture personalmente.
    Credo che non tutti posseggano mobili del '500 o quadri di Rotella per farci costruire la casa intorno e per la gioia del Grande Architetto!
    L'appartamento in questione lo trovo carino, giovane e appena finito: come le scarpe nuove che sono belle, ma anche un po' strane perché non hanno ancora le pieghe della pelle. Tra un po' di tempo sarà ancora più bella ed affascinante perché arricchita, personalizzata e vissuta.
    Tanti saluti
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Signor Paolo, l’architettura è l’involucro in cui l’uomo vive da quando ha messo su le capanne quindi non è solo le Ville Palladiane ma anche le Unitè d’Abitacción lecorbusiane. Anche all’ikea trovo allestimenti davvero belli e ricercati, il buon gusto non è una questione economica, le assicuro. Se le piacciono gli esempi relativi agli abiti si affacci alle passerelle di alta moda e noterà abiti orrendi non comparabili alle chiccherie che si possono trovare a volte ai grandi magazzini. L’intervento del collega architetto è ineccepibile, se legge il mio commento parlo di una “bella casa arredata male”. Lei ha fatto una serie di giuste osservazioni che appunto non sempre portano ad un buon risultato, bisogna accettarlo. Purtroppo questa casa non mi piace e non è riuscita secondo il mio personale, e discutibile, parere. Che lei trovi il bagno “fresco e giovane” mi fa piacere ma di sicuro non è in sintonia con il titolo dell’articolo, non trovo uniformità filologica. Ma chiaro che ora non possiamo fare qui lezioni d’architettura in un post. Buon lavoro e consiglio a tutti una bella lettura che gratifica la mente e l’animo “Parole nel Vuoto” di Adolf Loos, autore, per inciso, morto da tempo, non faccio pubblicità, davvero molto interessante e sempre valido riguardo l’estetica contemporanea.
  • Paola
    4 anni fa
    'architetto Virginio',
    sciorinare titoli è, secondo me, un atteggiamento spocchioso.
    Non è sufficiente leggere un manuale di arti marziali per diventare cintura nera di karate.
    La cultura è una questione di conoscenza di sé stessi e del mondo che ci circonda: un lungo lavoro di educazione.
    Buona pasqua
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Signora Paola, il suo commento non solo è del tutto fuori luogo ma anche alquanto privo di senso. Questo è un sito dedicato all’architettura e all’arredamento, si attenga a tali argomenti con educazione e limiti le considerazioni prove di fondamento.
  • PRO
    archèTìpe
    4 anni fa
    a me piace tantissimo il pavimento della cucina !!!!! sarebbe bello visionare una planimetria x capire davvero la funzionalità dell'appartamento.....dalle foto si comprende ben poco
  • Paola
    4 anni fa
    'Parole al vento' è certamente evocativo.
    Saluti
  • Salvina Marino
    4 anni fa
    Che Bello!!
  • Mafalda Oggi Mordo
    4 anni fa

    Veramente bellissimo! Mi piacciono tanto queste ristrutturazioni di ambienti nati per altri scopi e riconvertiti in abitazioni. OT: No.Lo. North of Loreto?! ;-) grande! Solo voi Milanesi siete capaci di fare certe cose!

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Mafalda Oggi Mordo
  • Barbara D'Amato
    4 anni fa
    Non so come mi era sfuggita questa vivace discussione tra professionisti e potenziali clienti. Personalmente leggere i diversi punti di vista mi affascina e mi arricchisce al tempo stesso e rispetto ogni singolo commento: trovo che Houzz sia il luogo adatto per scriverli nell'ottica di un confronto costruttivo, e non (ahimè) distruttivo. Battibbeccare su un blog se da una parte mette un po di pepe, dall'altra rende spiacevole l'idea che tra professionisti bravi come voi ci sia ancora qualcuno che pensa che per ottenere la casa dei propri sogni sia necessario affidare questi nelle vostre mani, dal progetto fino ai dettagli dell'arredamento, piuttosto che prendersi un po di tempo per "riflettere" e partorire qualcosa di più personale, a prescindere dalle possibilità economiche del cliente. La fase del bianco alle pareti e del vuoto in molti angoli della mia casa mette un po d'ansia anche a me, che insieme a mio marito e i nostri figli un anno fa abbiamo acquistato un bellissimo grande appartamento nuovo, antisismico(lui è un geologo e la nostra terra balla spesso e ci farà ballare ancora)e luminoso(sono una fissata della giusta esposizione). Onore al merito degli architetti che l'hanno progettato, bello fuori e dentro a detta di tutti, e non li faremo certo sfigurare se dopo un anno mancano ancora quadri e lampadari, dopo aver comprato la cucina all'ikea e conservato il divano sul quale i nostri figli da quasi venti anni fanno le loro merende e le lotte a cuscinate. Prima o poi si coloreranno le pareti con pennellate d'arte, spunteranno accessori pratici e non scontati, ogni stanza avrà il giusto lampadario....intanto però si respira 'l'aria di casa', il nostro odore, la soddisfazione, l'entusiasmo di vivere una casa in continuo divenire. La perfezione chiavi in mano è, senza invidia, per una ristretta minoranza, ma, cari architetti, vi assicuro che si può vivere felici anche in case dove le idee non sono ancora chiare al momento del progetto.
    Vi chiedo perdono, sono prolissa e forse anche noiosa...ma voi cercate di non offendere la vostra preziosa, geniale e fantasiosa categoria, e neanche gli sforzi di noi lettori che troviamo nei vostri post un'inesauribile fonte di ispirazione che solo pochi anni fa era impensabile.
    Grazie Houzz.
  • Barbara D'Amato
    4 anni fa
    Non so come mi era sfuggita questa vivace discussione tra professionisti e potenziali clienti. Personalmente leggere i diversi punti di vista mi affascina e mi arricchisce al tempo stesso e rispetto ogni singolo commento: trovo che Houzz sia il luogo adatto per scriverli nell'ottica di un confronto costruttivo, e non (ahimè) distruttivo. Battibbeccare su un blog se da una parte mette un po di pepe, dall'altra rende spiacevole l'idea che tra professionisti bravi come voi ci sia ancora qualcuno che pensa che per ottenere la casa dei propri sogni sia necessario affidare questi nelle vostre mani, dal progetto fino ai dettagli dell'arredamento, piuttosto che prendersi un po di tempo per "riflettere" e partorire qualcosa di più personale, a prescindere dalle possibilità economiche del cliente. La fase del bianco alle pareti e del vuoto in molti angoli della mia casa mette un po d'ansia anche a me, che insieme a mio marito e i nostri figli un anno fa abbiamo acquistato un bellissimo grande appartamento nuovo, antisismico(lui è un geologo e la nostra terra balla spesso e ci farà ballare ancora)e luminoso(sono una fissata della giusta esposizione). Onore al merito degli architetti che l'hanno progettato, bello fuori e dentro a detta di tutti, e non li faremo certo sfigurare se dopo un anno mancano ancora quadri e lampadari, dopo aver comprato la cucina all'ikea e conservato il divano sul quale i nostri figli da quasi venti anni fanno le loro merende e le lotte a cuscinate. Prima o poi si coloreranno le pareti con pennellate d'arte, spunteranno accessori pratici e non scontati, ogni stanza avrà il giusto lampadario....intanto però si respira 'l'aria di casa', il nostro odore, la soddisfazione, l'entusiasmo di vivere una casa in continuo divenire. La perfezione chiavi in mano è, senza invidia, per una ristretta minoranza, ma, cari architetti, vi assicuro che si può vivere felici anche in case dove le idee non sono ancora chiare al momento del progetto.
    Vi chiedo perdono, sono prolissa e forse anche noiosa...ma voi cercate di non offendere la vostra preziosa, geniale e fantasiosa categoria, e neanche gli sforzi di noi lettori che troviamo nei vostri post un'inesauribile fonte di ispirazione che solo pochi anni fa era impensabile.
    Grazie Houzz.
  • PRO
    INTERIOR'S STYLE di Maurizio Ravasi
    4 anni fa

    architetto Filippo ha fatto un bel lavoro complimenti

    Maurizio Ravasi

    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato INTERIOR'S STYLE di Maurizio Ravasi
  • PRO
    Cristina Dragone Architetto
    4 anni fa
    Complimenti...la semplicità ripaga sempre
    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Cristina Dragone Architetto
  • PRO
    Virginia_Russo
    4 anni fa
    Barbara D’Amato lei potrà se desidera impiegare anche 20 anni per arredare la sua parete vuota, soprattutto perché nel tempo tutto cambiano qualcosa nel proprio modo di abitare, se non altro per le mutate esigenze di una famiglia. Qui però si sta commentando non le infinite possibilità di un ambiente ma un progetto presentato come “finito”. Pertanto non ha senso commentare che tutto può essere modificabile è perfettibile, perché è una ovvietà. Esattamente come suo marito non sottoporrebbe mai ad una commissione di valutazione uni studio geologico in ipotetico e in bozza, per farle un esempio di una professione che forse a lei è più vicina.
    Qui si commenta il risultato di un progetto finito, non le infinite e creative aperture mentali di un cliente. Partire da questo presupposto è un errore da parte del cliente, che le assicuro inibisce molto il professionista con conseguenze nefaste sulla soluzione finale.
  • Daggry Diy
    4 anni fa
    non mi convincono affatto le prix due foto. non si intonano col pavimento che è un elemento decorativo vintage che sovrasta tutto il resto.
  • Daggry Diy
    4 anni fa
    non se la prenda Nex però
  • PRO
    Filippo Colombetti, architetto
    Autore originale
    4 anni fa

    Non c'è problema ognuno ha i suoi gusti e le sue opinioni ;-)

  • Barbara D'Amato
    4 anni fa
    Arch. Colombetti, dalle foto che lei ha pubblicato, corredate della relazione puntuale di ogni fase della ristrutturazione, si evince una grande trasformazione ed una ritrovata vivibilità tra quelle mura. Rispondo SI alla domanda che lei pone nel titolo del post ( ma perché non ci ha postato anche qualche foto del prima?) La casa "di ieri", acquistata o ereditata che sia, porta in sé, secondo me, un valore aggiunto: quel legame affettivo che ci consente di conservare alcuni dettagli, quella nostalgia della nostra infanzia che ci impedisce di distruggere quel pavimento così originale, quella sfida a voler dare un senso di casa ad una casa che sembra non averlo più, e che solo i suoi proprietari, appunto illuminati, sapranno dargli con le loro creazioni.

    Arch. Russo, apprezzo molto la sua determinazione 'professionale', il suo obiettivo è quello di offrire ai suoi clienti una casa dall'aspetto finito ed armonioso nel rispetto dei loro gusti e possibilità, e dal suo punto di vista lo capisco. Ho dato un occhiata ai suoi lavori, ed ho scoperto che siamo anche relativamente vicine...perché non viene a trovarmi se le capita? La accompagneró ad una degustazione di confetti, e magari lei mi da una dritta per quella parete vuota... perché non voglio impiegare 20 anni per decidere!!!
    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Barbara D'Amato
  • Silvietta
    4 anni fa
    Complimenti architetto Colombetti! Il suo stile mi convince sempre e imparo e rubo sempre qualcosa. Grazie!
    Filippo Colombetti, architetto ha ringraziato Silvietta
  • PRO
    Filippo Colombetti, architetto
    Autore originale
    4 anni fa

    Grazie a lei Silvia!

  • Carmen
    l'anno scorso

    Anche a distanza di anni il risultato è up-to-date, le cementine, gli spazi larghi e puliti, i colori, le linee semplici ma eleganti, il sapore di "casa". Certo va tutto poi vissuto e messo un po' in disordine....

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Houzz utilizza cookie e tecnologie simili per personalizzare la mia esperienza, fornire contenuti per me rilevanti e migliorare i prodotti e i servizi di Houzz. Premendo su "Accetta", acconsento all'utilizzo dei cookie, descritto ulteriormente nell'Informativa sui cookie. Posso rifiutare i cookie non necessari cliccando su "Imposta le preferenze".