iolandamor

Ingresso, tanti, troppi dilemmi. Colore e arredo.

iolandamor
2 anni fa

Ho bisogno di aiuto per sistemare ed arredare il mio ingresso. Premetto che ho fatto separare la zona giorno da quella notte realizzando, a destra della porta di ingresso, una parete in cartongesso di cm. 102 di larghezza (h. cm.240) entro cui scorrerà la porta a vetro che collegherà appunto la zona giorno con quella notte. Questa porta a vetro non è ancora stata scelta. Ho molti dubbi in proposito. Vorrei una porta moderna, ma non esasperatamente moderna, luminosa e che rispetti anche la privacy della zona notte. Pensavo a un vetro satinato che lasci filtrare la luce verso il corridoio della zona notte. Ho pensato ad una porta a vetri perché questo ingresso ha già di per sé altre 2 porte che vi si affacciano e mettere una terza porta in legno mi sembrava davvero troppo soffocante e pesante. Le 2 porte esistenti sono color noce scuro. Una è la porta blindata di ingresso e l'altra è la porta del bagnetto di servizio che non è stato volutamente inserito nella zona notte dovendo rimanere a servizio della zona giorno. Il pavimento della casa è in ceramica monocottura color marrone scuro con toni sfumati più chiari. In fondo alla nuova parete di cartongesso vi è l'apertura di 80 cm. per la porta a vetri che collegherà le due zone giorno/notte.

Vengo quindi ai miei dilemmi:

1) che tipo di porta a vetro scelgo? Vorrei una porta che non mi stancasse col tempo e che non impattasse troppo con le porte già esistenti. Ho visto centinaia di porte, ma dai cataloghi, dal p.c. o dai campioncini del vetraio è difficile scegliere perché il mio ingresso è un po' problematico. Non so se scegliere un tessuto tipo lino interno vetro, o se optare per una porta Fili Madras (fondo satinato con fili non satinati)..Vorrei una porta che "resistesse" alle mode e non mi stancasse nel tempo, pur essendo moderna. Mi piacciono anche le righe orizzontali satinate, ma mi danno l'impressione di essere più idonee ad un ufficio o ad uno studio rispetto ad un'abitazione. Prima di installare la porta a vetro dovrò far realizzare gli stipiti. Mi suggerivano di farli bianchi. Mi chiedo però se stiano bene, oppure se non sia preferibile farli in altro materiale o tinta.

2) Colore delle pareti dell'ingresso. Adesso sono bianche. Sopra la porta di ingresso e nell'atrio che collega al piccolo bagno di servizio vi è un controsoffitto (bianco) di cm.30 con incassati dei faretti led (8). La zona è molto luminosa. Di fronte alla parete in cartongesso dove scorrerà internamente la porta a vetro vi è un'altra paretina con una apertura attrezzata con mensoline in cristallo, creata per dare leggerezza all'atrio. Tra la parete in cartongesso e questa vi é una distanza di 157 cm.. Guardando il mio ingresso ho però la sensazione di un ambiente un po' algido, quasi "ospedaliero", e mi chiedevo se non fosse il caso di dipingere la parete in cartongesso di un altro colore rispetto al bianco esistente. Ovviamente vorrei comunque un colore chiaro, ma non so quale si potrebbe armonizzare con la porta di ingresso (scura), la futura porta a vetri (da scegliere), e la porta pure color noce scuro del bagno di servizio che si affaccia su questo ingresso. Oppure pensavo di ricoprire il candido cartongesso con un altro materiale (tipo pannellatura in legno chiaro.../boiserie.., o usare una diversa tecnica di imbiancatura.. (righe?), (spatolatura?) (carta da parati?) ...)

Mi chiedo però se tutto ciò sia una buona idea oppure se stoni con il controsoffitto bianco e le porte scure. Tenere presente anche il colore degli stipiti a corredo della futura porta a vetro (suggeriti bianchi dal tecnico). Aspetto suggerimenti.

3) Corridoio zona notte. Anche qui è stato creato un controsoffitto di soli 15 cm. con incassati centralmente dei faretti led. Varcando la realizzanda porta a vetri per immettersi nella zona notte verrà realizzato, alla sua destra, un armadio lungo mt. 5,50 che occuperà tutta la parete del corridoio notte. Sono indecisa se farlo laccato bianco lucido od opaco, ma bianco è imperativo. Avrà le ante scorrevoli per consentire un miglior passaggio, dato che frontalmente al medesimo trovasi un altro armadio a muro in stile veneziano già esistente , con ante a battente, ante che dovranno venire completamente rifatte ed armonizzate con lo stile dell'armadiatura di mt.5,50 posta frontalmente. Il corridoio notte ha le pareti bianche. Non so se lasciare il corridoio della zona notte con le pareti bianche o se dipingerlo con un colore più caldo, pensavo ad un avorio, oppure un beige-rosato, oppure ancora ad un tortora chiaro chiaro, ma vorrei un colore che mantenesse la zona notte luminosa e che stesse bene con le porte scure delle camere da letto che vi si affacciano. Mi chiedo poi se anche il controsoffitto vada ridipinto come le pareti oppure possa essere lasciato bianco.


4) Sulla parete in cartongesso di cui sopra, accanto alla porta dei ingesso, dovrei mettere un mobiletto di scarsa profondità , atteso che tra questa parete e la frontale paretina con mensole vi è un'apertura di soli 157 cm. e che questo passaggio consente l'accesso al bagnetto di servizio. Mi chiedevo se optare per un mobile moderno, (colore ???...) oppure se prediligere un mobiletto antico su cui poggiare un vaso particolare, o una scultura...o un soprammobile.. Sopra il mobiletto vorrei mettere un quadro o uno specchio, ma siccome non posso bucare la parete in cartongesso con alcun gancio, dovrei usare un materiale incollante. Ma ne vorrei uno sicuro, che non facesse cadere gli oggetti (visto che sarebbero anche abbastanza pesanti!). Mi consigliate in proposito? Finora non ho avuto belle esperienze con le varie colle in commercio ...


5) Preciso che una volta risolti i miei dubbi posizionerò sul pavimento dell'ingresso e sul pavimento della zona notte dei tappeti. Vorrei alleggerire e mimetizzare con questi la marcata colorazione del pavimento esistente. Ho dei tappeti persiani, ma essendo piuttosto scuri, forse opterò per dei moderni chiari. Anche qui chiedo aiuto. Di primo acchito avrei voluto ricoprire tutto il pavimento di casa (eccetto bagni e camere da letto) con un laminato chiaro, ma la cosa sarebbe stata problematica per la risistemazione di tutte le porte esistenti e soprattutto per la cucina, per cui, dopo varie consultazioni con il mio consorte, abbiamo deciso di soprassedere ed usare i tappeti.

Mi stava sfiorando l'idea anche di un pavimento in resina, ma non ho idea dei prezzi...e penso che comporterebbe di togliere tutti i mobili esistenti che non saprei proprio dove mettere nell'attesa.

Come vedete i dubbi e le domande sono tanti, Mi scuso per la lungaggine. Allego delle foto per meglio aiutare nella comprensione di ciò che ho esposto. Se non fossero sufficienti ne aggiungerò delle altre. Ringrazio tutta la comunità di Houzz per gli aiuti e i consigli che vorrà inviarmi.

Iolanda





Commenti (44)

  • PRO
    Falegnameria su misura
    2 anni fa

    Mi complimento con Showroom Le Porte per l'alta professionalità dimostrata nei preziosi consigli


    iolandamor ha ringraziato Falegnameria su misura
  • Discussioni simili

    Aiuto per arredo camera con pavimento "importante" :)

    Q

    (61) commenti
    quindi testata Kallax bianca e struttura letto bianca. Ma fai attenzione alle misure, se il letto è matrimoniale la larghezza dovrebbe aggirarsi sui 170/180 ed è meglio che la Kallax sia più larga del letto e quindi opterei per quella di dimensione 182x182, cioè 5 cubi x 5 cubi. Il tappeto davanti all'armadio non lo trovo necessario ma va bene sui toni del rosso come piace a te. La poltrona-letto la sceglierei nella finitura Bebop o Naturale/giallo oppure Miele/bianco. Se scegli la finitura miele/bianco riprendi il colore dei cestini in vimini con la struttura della poltrona e poi potresti mettere dei piccoli cuscini in fantasia che diano colore utilizzando i colori già presenti nella stanza (rosso/ottanio e aggiungerei il giallo) . La scelta del giallo è invece più luminosa nel contesto. Mi piacerebbe sapere quale sceglierebbe Raimondo........ Spero di averti aiutato e mi piacerebbe poi vederne postato il risultato finale
    ... mostra di più

    Abbinamento a pavimento corridoio ingresso

    Q

    (19) commenti
    Per quanto riguarda uniformare il colore dei mobili ed eliminare qualcosa, concordo. Anche se per il discorso eliminazione non ci andrei troppo pesante, non sarà un ordine millimetrico da copertina ma crea un'ambiente vissuto e caldo e a me piace! Al posto dello specchio potresti optare per una carta da parati dai colori caldi, magari con dei rimandi di rosso per riprendere le tinte già presenti. Puoi cercare ispirazione tra le nostre collezioni presenti sullo shop oppure richiedere un parato personalizzato con l'immagine o texture che più ti piace: www.livingdeco.it In particolare ti suggerisco una linea di carte da parati con riproduzioni delle opere d'arte dell'artista Manuela Scannavini, che trovi qui: https://www.livingdeco.it/it/carta-da-parati/scannavini-art/ Ne trovi di scure a dominante marrone, con rimandi di rosso e colori caldi! Alcuni esempi:
    ... mostra di più

    Colore porta d'ingresso

    Q

    (31) commenti
    Le vernici a solvente sono più tossiche e lo smaltimento é inquinante. Oggi ci sono vernici ad acqua molto performanti, per cui a meno di non avere una particolare necessità per scegliere un prodotto specifico (Temperatura e umidità, ad esempio) sarebbe opportuno non usarle. Nel caso specifico della discussione non c’è alcun motivo per usare una vernice a solvente, uno smalto all’acqua sul profilo interno della porta è di facile applicazione, si asciuga velocemente e non lascia cattivi odori persistenti.
    ... mostra di più

    Arredo vano scala

    Q

    (10) commenti
    Ciao, concordo con Emanuela che stai rischiando di mischiare troppi legni di tonalità diverse. Per iniziare dovresti cercare di abbinare le laccature delle porte e degli infissi perché questi ultimi hanno un gran "peso" sull'ambiente visto che ricoprono una parete intera. Il parquet ha un tono molto particolare di suo quindi io opterei per porte ed infissi bianchi. Il coprimuretto in legno che funge da corrimano lo farei rifare abbinandolo al parquet o verniciarlo come gli infissi. Per snellire l'immagine della scala puoi verniciare con uno smalto apposito le alzate lasciando i gradini in granito: evita la moquette!
    ... mostra di più
  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa

    Falegnameria la ringrazio molto detto da un professionista del settore è un onore. Houzz è una bella Palestra come dice il nostro amico Piero, ci aiuta ad considerare molteplici situazioni che anche nel nostro lavoro quotidiano ci troviamo ad affrontare.;))

  • PRO
    Falegnameria su misura
    2 anni fa

    Grazie a voi per tutti i consigli che impartite

  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Ringrazio tutti, in particolare Showroom Le Porte per i punti di vista espressi. Convengo che gli stipiti bianchi della porta a vetri stonerebbero con il resto, infatti ero molto perplessa in proposito, e penso che la soluzione migliore sia di farli pressappoco come le altre porte, oppure farli come la porta a vetro, come mi avete suggerito. In questo caso però mi sorge il dubbio: cosa vuol dire farli come la porta a vetro? Vuol dire riprendere il colore dell'eventuale vetro colorato, o vuol dire farli in alluminio, o altro materiale? Se fosse possibile essere più dettagliati sarei grata. Comunque per quanto artistiche le porte colorate non mi piacciono molto.. Io preferisco tonalità trasparenti/satinate senza un colore. Quindi la prima porta "Corallo versione light", per intenderci.. Ma mi piace anche la Madras Fili (allego alcune foto per far capire l'orientamento, pur non essendo tutte a scorrimento interno muro possono rendere l'idea..). Per il colore della parete in cartongesso devo valutare dopo aver messo la porta a vetro...Accetto sempre volentieri proposte e suggerimenti. Grazie




  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa

    Si Iolanda per stipiti colorati intendo che se la porta è color Ombra, polvere, cipria o chiaro di luna lo stipite sarà della stessa tinta, corallo ad esempio è color ombra ( è un simil tortora) . Dei soggetti che hai postato, viste le altre porte e lo stile della casa salvo giusto la prima con riserva. Con riserva perchè è un vetro acidato e serigrafato ( quindi non inciso e tridimensionale) su un float standard ( non extrachiaro) che appena lo metti a chiudere un vano poco luminoso come una zona notte.... si spegne e non ti dà l’effetto che vedi in foto.

    Ti faccio vedere invece come un soggetto inciso su extrachiaro si “accende” anche con il buio dietro


    E disegna con la luce quando gli arriva da dietro...

    Questo è albero, solo sabbiato e inciso e ti garantisco che sul classico sta divinamente ...


    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gent. Showroom Le Porte, per quanto riguarda la porta a vetro non capisco granché sulla differenza del tipo di vetro, mi hanno detto che sarà un vetro temperato e lo posso avere inciso o altro.. Posso anche scegliere il cristallo. Nelle foto postate mi riferivo al tipo di decorazione che maggiormente mi convince come gusto e sicuramente voi avete fatto bene a farmi notare la differenza della luce. Solo che le porte suggerite, benché portino un nome prestigioso come Casali, non riescono a convincermi. E' un po' come un quadro, secondo me lo si ama fin dall'inizio o niente. Forse non ci siamo come gusti, e benché la porta Albero sia di effetto, non riesce a facilitarmi la scelta, anzi... Chiedo perciò se avete altre porte da suggerirmi, con effetto luminoso, ma che si avvicinino ad un moderno non così esasperato più in linea con gli esempi delle mie foto ...La 3^ foto che mi avete inviato, poi, mostra un tipo di ambiente e di pavimentazione che, per quanto classico, è assai lontano dal mio. Aura della Casali è bella e allegra, ma a lungo andare ho paura di stancarmi con quei cerchi astratti...e poi la vorrei incolore se proprio dovessi orientarmi in questo senso. Vedrò eventualmente di trovare altre fotografie da inserire in questa discussione, sperando che la vostra pazienza non si esaurisca. Grazie di tutto.

  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Aura non colorata è molto bella ed è moderna, e si sposa bene anche con il classico.

    Però non voglio convincerla, con il mio consiglio l’intento è indicarle soggetti che possano riflettere un po’ di modernità anche al resto della casa senza che restino elementi isolati o estranei. E’ un po’ come voler mettere le scarpe da tennis con il tailleur, o gli stivali con il costume, siamo liberi di farlo ma insieme non ci azzeccano.

    però esistono le scarpe comode e dei bei copricostumi!

    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gent. Showroom Le porte, bella e simpatica la battuta...

    Mi permetto aggiungere alcune foto di porte a vetro che a mio avviso non dovrebbero stonare con l'ambiente circostante e che non mi dispiacciono. Gradirei il vs. parere di esperti nel merito, se non scoccio troppo. Ovviamente anche quello di altri volessero partecipare alla discussione. Allegherò più files. Grazie per le risposte.

  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Ancora alcune foto



  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Iolandamor, Shiwroom Le Porte ha offerto consigli di grande professionalità. I prodotti proposti possono non essere di suo gusto, ma costituiscono proposte molto interessanti.
    Il problema reale è che lei ha posto una infinità di quesiti che affrontano problemi di dettaglio ma non ha spiegato quale sia il filo conduttore della sua casa e, soprattutto, quale sia l’effetto complessivo che vuole ottenere. Senza un progetto complessivo scegliere la finitura lucida o laccata per l’armadio del corridoio o il tipo di stipite per la porta che lei vuole creare potrebbe essere del tutto irrilevante, o, peggio , diventa una roulette russa. E l’unico risultato sarà un insieme di scelte slegate. È necessario capire quale reale effetto lei vuole ottenere e se vi siano dei punti fermi da cui partire.
    Peraltro, mi permetto di suggerire che l’intervento principale dovrebbe riguardare il pavimento, che è decisamente pesante, o l’armonizzazione dello stesso con le pareti. Tutto il resto verrà di conseguenza.
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Grazie mille. L'ho sempre pensato pure io che la prima parte da cambiare fosse il pavimento, ma mio marito mi ostacola perché dice che poi dovremmo far risistemare tutte le porte, spostare i mobili etc. etc., Non è solo una questione economica, che pure ha il suo peso, ma soprattutto i lavori conseguenti da affrontare per le sistemazioni ulteriori degli ambienti. Avevo pensato ad un laminato, minimo sono 0,7 mm. e poi anche ad un pavimento in resina, forse ancora più basso, ma sicuramente più dispendioso e con pochi bravi professionisti che si possono chiamare esperti in materia. Sto annaspando e forse è per questo che ancora non ho deciso né per l'armadio, né per la porta, perché è come se una vocina mi dicesse che prima dovrei fare il pavimento. Qualora riuscissi a prendere una decisione simile, come starebbe un pavimento chiaro con le porte scure? Non vorrei far ridipingere tutte le porte, perché poi dovrei cambiare tutti i battiscopa e anche i serramenti delle finestre che ora sono in tinta.

    In più, cosa intende armonizzazione del pavimento con le pareti? Il pavimento deve essere chiaro (come le pareti) o altro?

    Che progetto complessivo ho per la casa e cosa voglio ottenere? Un ambiente armonioso, accogliente, ma qui dalle mie parti ci sono pochi professionisti che sanno cogliere queste esigenze e ti fanno i progetti senza un coordinamento complessivo dei vari interventi. Le posso solo dire che mi piacciono le cose belle, non pacchiane, fini senza essere troppo datate...Ovviamente siccome la casa è abitata da tempo non posso buttare al macero tutto, anche perché tanti mobili per me hanno un valore anche affettivo. Tipo lo scrittoio in noce nell'ingresso, o il cassettone in mogano in stile liberty, il camino...

    Per quanto riguarda i quesiti posti lo so, sono tanti. Infatti pensavo di spacchettarli in più quesiti singoli, anche perché credo pochi si attarderanno a leggere tutte le mie perplessità in materia. La ringrazio ancora del suo interessamento.

  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Sto guardando con attenzione le foto per trovare una soluzione cromatica possibile, anche se il pavimento spara davvero troppo. Coprirlo con un laminato e fare accorciare leggermente le porte sarebbe l’ideale. Diversamente bisognerà trovare una texture e una tonalità per le pareti che si armonizzi. Tonalità che non è né il beige ne l’avorio. Bisognerebbe piuttosto lavorare sulle tonalità del giallo, del senape, e, perché no, anche del marrone, da spezzarsi con il viola o con il bordeaux o con il turchese, o con alcuni punti di rosa. (Non tutti insieme ovviamente!) ottenendo il doppio vantaggio di distogliere lo sguardo dal pavimento e di dialogare con esso talvolta in tono talvolta in contrasto. Ovviamente tutto questo va visto sul luogo studiando con assoluta attenzione e precisione i vari tocchi di colore. Non posso dare ricette da lontano. Dovrebbe farsi seguire da un professionista. In alternativa sarebbe necessaria una buona documentazione completa della sua casa, piante sezioni e fotografie per poter dare una consulenza quantomeno accettabile. Non tema per i colori proposti,In quanto dovrebbero essere ovviamente dosati con estrema attenzione e parsimonia Lavorando anche sulle parti tessili come tende divani sedie.
    Se vuole può contattarmi in privato info@giusettacavolo.it
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    A volte quando non si possono cambiare i pavimenti cambiare le porte è già un buon inizio, in questa casa ad esempio sono state cambiate solo le porte e i pavimenti sono rimasti gli stessi.

    Anche le altre porte però sono state cambiate e sostituite con un modello sempre classico ma avorio. nel tuo caso dovresti almeno iverniciarle per ottenere un effetto armonioso, anche se la soluzione migliore con quella cromia e ‘ abbinare uno stipite in legno alla porta in vetro. Però se cambi pavimento anche le porte vanno rimodernate e sostituite, questo perché lo stile della casa va visto nel Suo insieme.

    A quel punto qualsiasi delle porte che hai postato potrebbero trovare una loro ambientazione in casa tua ( tranne la quarta che è l’imitazione grossolana di aura ) e L ultima che è davvero troppo anonima.

    Dovendo invece sostituire una sola porta i casi sono due: o metti quella che ti piace e un domani si vedrà... o ne metti una che possa intonarsi ora ma ed anche un domani con il resto della casa accettando il consiglio di chi queste situazioni ha modo di verificarle quotidianamente.

    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gent. sig.ra Giulietta Cavolo Architetto, la ringrazio della sua disponibilità. Mi sono presa una bella pausa di riflessione e, anche se forse questo non è il periodo dell'anno più propizio dal punto di vista climatico, forse ho aperto una possibilità nell'ostruzionismo del consorte. Le chiedo ancora un piccolo sforzo, se non scoccio troppo, circa il colore che mi consiglierebbe per il laminato da posare per ricoprire il pavimento. Io pensavo un colore chiaro, ma non "quasi bianco"...Devo anche sentire il posatore falegname per le porta da risistemare, che non so se lasciare così o se verniciare di un colore più in sintonia con la possibile pavimentazione. Showroom le porte consiglia di riverniciare, anche se penso che questo passo potrei farlo anche in un secondo momento (verso primavera x intenderci)...Ritengo (non so se sbaglio) che però vada ridipinta anche la parete in cartongesso dell'ingresso con un colore più caldo (pensavo a un tortora chiaro), magari usando un effetto spugnato o simile per staccarla dalle altre e dare alla porta a vetro che immette nella zona notte più carattere. In questo caso il muretto con le mensole andrebbe in pendant pure lui? Mi domandavo se non potessi lasciare le porte così come sono, perchè se inizio a riverniciarne una devo fare anche tutte quelle la zona giorno (in totale sono 7 porte: 1)bagnetto di servizio, 2) porta di ingresso, 3)porta di accesso allo studio, 4) di accesso alla zona pranzo, 5) porta finestra del soggiorno, 6) porta finestra della zona pranzo e 7) porta a soffietto che divide la cucina dal tinello-pranzo). Tenga presente che però verniciando le porte dovrei fare la stessa cosa con le finestre e relativi stipiti (6 finestre e 2 porte finestre) ed anche con i caloriferi e i copricaloriferi (6 caloriferi); 3 corpicaloriferi; ---Insomma un bel caos e non posso tirare troppo la corda con il mio consorte. Noterà che ho tralasciato volutamente la zona notte, a cui cui dovrei provvedere a parte in un secondo tempo. Per cui chiedo un aiuto per avere un risultato accogliente ed accettabile con un occhio di riguardo sia alle spese che al trambusto conseguente. Allego a parte alcune planimetrie di casa e alcune foto degli interni- Per alcune foto rimando al post di apertura.
    Grazie per i suggerimenti di tutti.

  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa




  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    ANCORA QUESTE

  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Gia dipingendo le pareti di un bel tortora, non troppo chiaro ma bello deciso vedrai che non ci sarà bisogno di ritinteggiare anche le porte, che con un colore più attuale e assolutamente a tinta piatta ( niente effetti, spugnati, o brillantini che siano) sembreranno già più ambientate. Non lasciare pareti bianche, gioca con due tonalità di tortora ( uno più chiaro e neutro per le zone di passaggio ed uno più deciso per dare profondità e carattere)

    un esempio


    Le tonalità del tortora contestualizzano e raccordano sicuramente sia la porta in vetro sia quelle in legno scuro

    e soprattutto distolgono dal protagonismo del pavimento.

    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Questo vale anche se faccio un pavimento in laminato chiaro? (che so: rovere chiaro, grigio chiaro...)

  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Sono in ufficio e ho dato un’occhiata veloce. Mi fa piacere per la decisione presa!!! Ci voleva!!!! E mi piacciono anche i consigli di Showroom le porte.
    Ma .... rimando i miei a stasera, perché adesso ho davvero poco tempo.
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Sicuramente un pavimento chiaro e più moderno aiuta, ma striderà ancor di più con le vecchie porte, quindi prenda in seria considerazione in un intervento così invasivo di sostituzione del pavimento ( anche solo andando in appoggio con un flottante dovrà comunque togliere tutti i mobili e gli stipiti delle vecchi e porte e far ridurre in altezza le ante) di fare un lavoro completo una volta per tutte e inserirvi sia l’imbiancatura sia la sostituzione delle porte interne con altre più moderne senza cornicette applicate ed un colore o una finitura più attuale che si armonizzi con il nuovo pavimento.

    E comunque queste non devono abbinarsi agli infissi esterni ( le finestre) perchè le porte contestualizzano l’arredo interno.

    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Siete sempre molto gentili e puntuali nelle risposte. So che è parecchio impegnativo coprire il pavimento con un flottante....Ma il fatto che le finestre di casa possano essere a sé stanti rispetto alle porte non lo sapevo. Pensavo che le due cose si dovessero armonizzare. Io ho le finestre scure come le porte. Se mettessi una porta chiara in una stanza con la finestra scura, starebbe bene ugualmente? D'accordo che le finestre sono infissi esterni, ma hanno anche una parte interna che connota la stanza.....

  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Showroom Le Porte consiglia di dipingere senza lasciare più il bianco. Questo vale per tutte le pareti di casa immagino...(?) Mi domandavo se dovevo dipingere di un tortora neutro (chiaro) anche il controsoffitto dell'ingresso e quello della zona notte, oppure se li posso lasciare così. Idem dicasi per il frontale del camino.

  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    No assolutamente!
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Non necessariamente devi mettere porte bianche, ci sono molte essenze e sfumature che si ambientano bene e come dicevo devono contestualizzare L arredo. In sostanza le porte hanno una forma è un colore, una porta bianca o avorio o Tortora può essere anche classica e viceversa una porta in essenza legno può essere moderna. Prima di consigliare una porta io ad esempio devo sapere com’e Tutto L arredo, c’e Sempre una porta giusta che valorizza tutto o una porta sbagliata che lo mortifica.

    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Eccomi, seppure a notte fonda. Ho guardato bene l’arredamento della tua casa che è abbastanza classico anche se con particolari moderni. Il parquet di legno chiaro si adatta molto di più a uno stile contemporaneo o scandinavo. Per caso la tua vedrei o perché di legni rossicci tipo Iroco Che si sposa bene con i mobili classici che vedo fotografati e anche con le porte che hai ma regge benissimo anche il divano bianco e i mobili moderni che hai. Se scegli un pavimento di questo tipo potrei tranquillamente continuare ad utilizzare il bianco come colore delle pareti. Anche se è il tutto bianco rischia di diventare noioso. E quindi ti consiglierei di scegliere alcuni pannelli particolariE di tinteggiarle con un colore abbastanza forte che potrebbe essere il tortora scuro ma anche un amaranto. Vabbè neanche la soluzione di utilizzare il tortora chiaro per tutte le pareti con alcuni pannelli in tortora scuro O in amaranto. Ma assolutamente i soffitti devono restare bianchi. Danno più leggerezza ed evitano l’effetto della scatola. Il soffitto in tinta con le pareti è una scelta molto bella ma per ambienti studiati nei minimi particolari dove si gioca cromaticamente nel contrasto fra la parete e i mobili, Ho Fra il colore della stanza e le bucatura, eccetera. Non è una soluzione che vedo per la tua casa abbastanza articolata. Potrebbe essere dipinto non di bianco solo il soffitto dell’ingresso per differenziarlo come zona.
    Nel tempo poi però potresti intervenire anche sulle porte rendendole un tantino più moderne ma puoi tranquillamente fare questa scelta con calma.
    Se ti convince quanto detto possiamo anche affrontare elementi più di dettaglio. Buona notte
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • PRO
    Showroom Le Porte
    2 anni fa
    Ultima modifica: 2 anni fa

    Assolutamente d’accordo con Giusetta nel lasciare i soffitti o controsoffitti bianchi.

    Per le pareti i colori neutri e chiari in genere non vanno “alternati” perchè sono un “fondo”, però si possono utilizzare tonalità più scure della stessa tinta per amplificare i volumi o creare profondità o per separare due zone in uno stesso ambiente. Potresti scegliere una tonalità chiara ed una molto più scura e decisa dello stesso colore per questo gioco. Guarda ad esempio in questa realizzazione come è più scuro il colore della parete di sinistra con il quadro dei cavalli rispetto a quella in fondo.

    La zona più scura è l’ingresso dove si trova anche la prima foto che ti ho postato e dove si intravede l’altra zona divano che è più chiara.

    L’abbassamento è rimasto bianco.

    In realtà con le due tonalità non si è fatto altro che amplificare l’effetto della luce, dando le spalle alla finestra le due tonalità sono impercettibili ma la profondità aumenta, mentre dall’ingresso la tonalità chiara della sala amplifica lo spazio grazie alla luce.

    Purtroppo non sempre riesco a fare molte foto alla fine dei lavori ma spero di averti reso l’idea.

    iolandamor ha ringraziato Showroom Le Porte
  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    L’uso di due tonalità tono su tono è interessante, ma non è l’unica scelta. L’uso del colore in contrasto conferisce spazialità particolari, evidenzia o separa, da tono agli ambienti. Il tortora si sposa benissimo con l’amaranto o con il verde petrolio, come anche col bianco. È chiaro che la tonalità va scelta sul posto, tenendo conto della luce, degli arredi e di tutte le variabili possibili.
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Showroom le porte ha reso bene l'idea ed anche l'architetto Giusetta Cavolo ha dato dei validi suggerimenti. Potrei fare un tortora chiaro per il soggiorno, lasciando il soffitto bianco, dipingere con un colore tortora più marcato la parete in cartongesso vicino alla porta a vetro...lasciando i controsoffitti bianchi, ma non ho idea se andare sullo scuro o sul chiaro con la parete dove sta lo scrittoio antico dopo appoggia il telefono, quello con sopra un arazzo pakistano (vedere le foto già inviate). Idem dicasi per il muretto di separazione con mensole in cristallo ed anche la parete dove stanno appesi i vari quadretti di famiglia. E' l'ambiente che appare appena si entra in casa che dall'ingresso dà acceso al tinello-pranzo (di cui non ho accluso foto essendo staccato) e che lascia intravedere il soggiorno.. In parte è ingresso quindi, in parte è accesso al soggiorno e altre zone della casa. Anche se l'architetto G. Cavolo, gentilmente, mi suggerisce l'amaranto, o il verde petrolio io non li amo molto, preferisco il tortora con un altro colore.. forse le due tonalità di tortora chiaro e scuro potrebbero andare meglio. Ma anche un tortora e bianco-avorio? Altro punto: zona notte in cui verrà posta l'armadiatura: suppongo ci vogliano colori chiari essendo già piuttosto buia. Non vorrei fare un tortora anche lì, anche perché mi sembra che un colore diverso connoti meglio la separazione dalla zona giorno. Armadiatura rigorosamente bianca. Chiedo ancora un vostro parere. Tutto questo però verrà fatto dopo aver posizionato il pavimento in laminato. Vorrei per questo un colore chiaro ma non chiarissimo (concordo con la posizione dell'architetto G.Cavolo) non so quale meglio si abbini al tortora, e magari anche alle porte che, per il momento, debbo lasciare così. Cercherò le tonalità dell'Iroco che per ora mi sfuggono, però i rossicci non mi piacciono molto, forse anche perché il pavimento attuale è di un marrone scuro tendente al rossiccio... Magari le porte potrei verniciarle in primavera/estate prossima o, come mi dice l'architetto, "renderle un po' più moderne" : non so quali interventi fare per renderle più moderne, intende forse sostituirle? Comunque appena scelgo il laminato lo sottoporrò alla vostra cortese attenzione, se non disturbo troppo. Ringrazio ancora i due gentilissimi interlocutori per i graditi suggerimenti.

  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Potrebbe precisare in planimetria la posizione degli arredi del soggiorno?
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Ci posso provare, ma non sono molto brava a disegnare...Ora, causa lavori , il soggiorno è un po' affastellato di elementi che poi verranno tolti. Grazie mille innanzittutto.

  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Ci ho provato anche se preciso di non essere molto brava a disegnare. Allego la piantina di casa dove è evidenziata la posizione degli arredi del soggiorno. I mobili sono legno (color ciliegio tavolo e credenza), noce scuro il cassettone. Il cassettone appoggiato alla parete è un impero della 1^ metà dell'ottocento. Il camino è formato da profilo in legno di castagno e marmo rosso di Verona. La libreria si stacca dal resto, è in legno bianco opaco, i divani sono bianco avorio, tavolino in cristallo. Il tavolino portacomputer è un vecchio tavolo di casa restaurato, primi del '900 come epoca, color biondo-noce. Le pareti del soggiorno sono tutte bianche. Se non è chiaro qualcosa, mi contatti pure. Grazie dell'interessamento Arch. Giusetta Cavolo.



  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    È stata bravissima con il disegno: è chiarissimo.
    Per la parete con lo scrittoio e l’arazzo il primo suggerimento è quello di mettere in asse le due cose. Non ha senso che stiano sfalsati, da un sensi di disordine.
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Per il colore: bianco per la parete col camino, che già ha troppi colori, e quelle con la portafinestra e le finestre. Tortora deciso per le due pareti con gli scrittoi.
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gentilissima....sapevo di dover mettere in asse lo scrittoio con l'arazzo pakistano, ma dovrò giocoforza spostare l'arazzo altrimenti se sposto lo scrittoio non ho più lo spazio fisico per accedere al soggiorno dietro il divano di fronte al camino...ma è un intervento che si può fare..e che farò.

    Per quanto riguarda le pareti concordo con lei, bianche le perimetrali con le aperture. Se non ho frainteso lei consiglierebbe tortora deciso nella parete con l'arazzo e scrittoio e quella dove vi è il tavolino porta P.C..? Praticamente le due pareti che fanno angolo. Entrando in casa quindi mi troverei di fronte la parete color tortora deciso. Unico dubbio: va bene con l'arazzo pakistano che, già di suo, è un po' scuro? Sempre nell'ingresso, le altre pareti dell'ingresso sempre bianche o color tortora chiaro? Dubbio anche per il muretto con mensoline di cristallo, che non mi convince di fare amaranto o verde petrolio. Sto riferendomi alla parete, appena varcata la soglia di entrata (a sx della stessa), che confina col camino, alla parete a dx della porta di entrata (cartongesso) e al muretto con apertura mensole di cui sopra. Spero di non aver approfittato troppo della sua pazienza.

  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    No tranquilla, non approfitta. Al massimo rispondo con ritardo perché a volte il tempo è limitato. Direi che siamo abbastanza d’accordo. Dalla foto l’arazzo non sembra troppo scuro. Ma potrebbe essere un problema di luce. E se invece del tortora scegliesse un senape o un verde salvia? Più pacati dell’amaranto o del petrolio e di sicuro effetto. Sono due tinte che si possono dosare molto bene come saturazione e darebbero un tocco raffinato ma non troppo scontato.
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gentilissima, non discuto che lei mi dia i consigli migliori, ma proprio sono due colori che non amo per niente...Non ci sono altre tonalità? Oppure se facessi un tortora chiaro anche lì..??..Oppure, soluzione alternativa, cambiare l'arazzo con qualcosa d'effetto, però più chiaro, che rischiari l'ingresso.. Non so se azzardo, magari in pendant con la decorazione della porta a vetro che verrà posizionata per accesso alla zona notte. Apprezzerei molto il suo punto di vista circa cosa posizionare al posto dell'arazzo, che potrei spostare in camera da letto dietro la testata. Una cosa che non le ho detto, non so se si vede dalle foto: non ho lampadari né in soggiorno né nell'ingresso. ma solo faretti (nell'ingresso) ed applique con luci led, nel soggiorno. La parete con l'arazzo ha due applique ai lati di questo, per dare continuità al soggiorno poiché è la parete che collega il soggiorno con l'ingresso di casa, per cui un po' è ingresso e un po' è soggiorno. Per questa ragione non posso spostare liberamente l'arazzo per metterlo in asse con lo scrittoio. Per riuscirci ho spostato un po' lo scrittoio, con l'effetto di allargare l'ingresso restringendo però il passaggio verso il soggiorno. Non so se questa ulteriore precisazione può aiutare. Grazie mille sig.ra Giusetta Cavolo.

  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    È difficile dare consigli risolutivi a distanza e senza conoscersi. Diciamo che per prima cosa deve scegliere il pavimento, che non puó essere troppo chiaro nè troppo scuro perché deve amalgamare e reggere arredi molto diversi tra loro per stile e colore. Credo che l’iroco potrebbe essere una buona soluzione. Ma cerchi qualcosa che sia di suo guato purché non troppo chiaro.
    Scelto il pavimento le pareti potrebbero persino restare bianche.
    Un tocco di colore servirebbe a rendere più particolare l’ambiente, ma si può rimandare la scelta a dopo il laminato.
    Intanto una domanda ovvia: quali colori le piacciono?
    E cmq non abbia paura del colore, l’effetto, se ben dosato, è sempre eccellente, impreziosisce con poca spesa e ... non stanca come spesso si è portati a credere.
    Peró mi creda, può anche usare un colore solo, Bianco o tortora chiaro che sia.
    Per l’arazzo e lo scrittoio la soluzione è ... spostare tutto !!!! Metta una foto il più frontale possibile della parete con lo scrittoio per favore.
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Grazie mille arch. sig.ra Giusetta Cavolo, concordo con lei che la prima cosa da fare è scegliere il laminato. Poi da lì valuterò i colori. E se mi darà dei suggerimenti saranno ben accetti. Guarderò l'iroco, come lei dice, ma anche altri che non siano eccessivamente chiari o scuri...E' però un intervento che farò in primavera, adesso la stagione non è propizia, però il tipo di pavimento lo posso guardare anche adesso e posare in primavera; le invierò una foto delle essenze che più mi piacciono. Per quanto riguarda i colori preferisco i colori chiari, magari intervallati qua e là da una parete con colore più deciso, ma senza eccessi. Per quanto riguarda l'arazzo lei, con il suggerimento di "spostare tutto"..intende anche le applique sulla parete? Allego le foto della parete con scrittoio, spero possa chiarire meglio la situazione..




  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    Mi scusi Iolandamor, ma talvolta sono un po’ drastica nelle espressioni: l’insieme scrittoio arazzo continua a non piacermi. Non si sposano per dimensioni. Quanto è grande l’arazzo?
    Potrebbe essere sistemato da solo (senza lo scrittoio) fra i due applique centrandolo anche in verticale? Darebbe un tocco etnico. Così invece i due pezzi si sacrificano a vicenda.
    E l’averli messi in asse purtroppo lo evidenzia. Il senso di disordine che notavo non dipendeva dalla posizione ma proprio dalle caratteristiche dei due pezzi.
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • PRO
    Giusetta Cavolo architetto
    2 anni fa
    @iolandamor Auguri di Buon Natale
    iolandamor ha ringraziato Giusetta Cavolo architetto
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gentilissima arch. G.Cavolo, ringrazio per gli auguri e non si preoccupi per la franchezza, mi sono sempre andate più a genio le persone che parlano chiaro invece di aggirare i problemi. Si, forse ha ragione. I due elementi scrittoio-arazzo non si sposano, ma li ho amati subito presi singolarmente. Lo scrittoio poi è un ricordo di famiglia e vorrei conservarlo, magari mettendolo in qualche altra parte della casa. Per "centrare verticalmente l'arazzo" lei intende centrarlo fra le due applique sia in orizzontale che in verticale? Vale a dire equidistante sia in larghezza che in altezza?... Messo così da solo però non so se mi direbbe ancora qualcosa, forse sarebbe più etnico come dice lei, ma mi ci dovrei abituare... Se invece mantenessi lì lo scrittoio e spostassi l'arazzo in altro luogo della casa (camera da letto ad esempio...), cosa potrei mettere sulla parete che si abbini bene con lo scrittoio? (possibilente lasciando intatte le appliques..). Magari a lei viene qualche idea, comunque sia vorrei dei colori chiari se possibile...Già così mi sembra che tutto assuma un'aria un po' troppo severa.

    Io potrei farmi venire in mente qualcosa e se lei mi aiutasse un po' sarei certamente più rassicurata.

    Ricambio sinceramente gli auguri di buone feste. Grazie mille. Iolanda



  • Marisa Bresciani
    2 anni fa
    Se può essere utile, mostro le mie porte in vetro,sono due una da sulla cucina e l’altra nel reparto notte. Io sono molto contenta della scelta !
  • iolandamor
    Autore originale
    2 anni fa

    Gent.ma sig.ra Marisa Bresciani, la ringrazio molto della sollecitudine e della gentilezza. Le porte sono belle e fini, non pacchiane intendo dire. Nel suo arredo stanno bene. Vedo che nella zona notte anche lei ha pavimenti scuri, ma porte bianche...Non so se da me starebbe altrettanto bene. Comunque prenderò in considerazione i suoi suggerimenti. Buona giornata.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.