chiara_tuccio

Pavimento vintage anni '70: mantenere o sostituire?

Chiara
21 luglio 2017
Ultima modifica:22 agosto 2017


Cari houzzers, professionisti e appassionati, come anticipato nel titolo vorrei una vostra opinione in merito al pavimento ritratto in foto. Si trova nel salotto di una casa ristrutturata negli anni '70, caratterizzata, tra le altre cose, dall'avere un pavimento diverso per ogni stanza, che andrà uniformato e sostituito con parquet; la casa necessita di una ristrutturazione totale e di una ridistribuzione degli ambienti più funzionale e moderna; lo stile che dovrà caratterizzarla sarà quello moderno. Secondo voi vale la pena conservare questo pavimento e quindi avere un pavimento misto? O sostituireste tutto con il parquet? Non sono sicura se mi piaccia, voi che ne dite? Ringrazio anticipatamente per i vostri contributi.

Commenti (68)

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    Questo X darti un'idea del recupero che potresti fare. Sto anche raccogliendo delle foto in un ideabook, appena ne ha un po' ti giro il link. Ma non togliere il soffitto, piuttosto dipingilo tutto bianco e senti anche il parere di qualche esperto in materia.
  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    Un'altro spunto....se il pavimento si trova anche nella zona cucina un'alternativa potrebbe essere finitura acciaio
  • Discussioni simili

    Gli anni '70 - restyling di un appartamento milanese

    Q

    (127) commenti
    Wow! E' stato appassionante e istruttivo seguire tutto, sebbene in differita, dall'inizio al risultato finale, così personale e definito minuziosamente nel dettaglio. Bellissima la palette dei colori, la scelta dei complementi e dei materiali. Davvero complimenti, Lia!
    ... mostra di più

    Recupero parquet anni 70 a quadrotti

    Q

    (5) commenti
    Salve a tutti, ho lo stesso problema di qualche mese fà di Gincarlo. dovrei recuperare 7-8 mq di parquet anni 70 (è un parquet quadrato composto di 6 listelli di legno incollati lunghi 12 cm. e larghi 2 cm.) per completare una stanza (ne ho solo metà nuovi. Mi potete fornire un ragguaglio di se e come potrei reperirili ? Grazie mille ! Emanuele
    ... mostra di più

    Pavimento anni 80 della discordia..AIUTO

    Q

    (42) commenti
    l’arredo vintage se il pavimento non ti piace proprio e non ha valore è un paliativo, un conto è un bel marmo da lucidare o un parquet antico, o delle cementine storiche, tutte cose che anche se non sono proprio nel tuo stile ti fai andare giu perchè hanno comunque un loro intrinseco valore e anche se non sono esattamente il tuo pavimento ideale riescono a valorizzarsi con una giusta dose di manutenzione e modernità, un conto è la piastrella economica industriale delle costruizioni degli anni 80 che condizione tutto lo spazio che dovrai vivere, in fondo è la tua casa, ti rappresenta e dice tutto i te, scusa la franchezza, a volte un po’ brutale ma in sostanza se non sei una estimatrice di tale pavimento ( perchè i gusti sono gusti e c’è anche chi li apprezza) l’opzione del laminato mi sembra una buona soluzione. Mi sembra sia un po’ troppo il budget perchè di solito un ottimo laminato non supera i 25/30 euro MQ, io conosco quelli di garofoli che sono tra quelli più cari e facendo i conti anche standoci larghi con 35 euro per 130 mq dovresti stare sotto i 5.000 euro. Il parquet in laminato flottante ti consentirebbe inoltre di non toccare momentaneamente tutto il discorso impianti se non vuoi fare interventi invasivi per il momento, di solito quando si mette mano al pavimento dopo 40 anni gli impianti infatti andrebbbero rivisti, però, c’è da dire che alla peggio con il parquet in laminato flottante non ci avrai speso una fortuna E magari rischi di andare avanti tranquillamente tanti anni ancora. senza problemi. per lo spessore non mi preoccuperai dal momento che dovete cambiare gli infissi ( per il discorso energetico) e le porte interne se non volete cambiare e solo riverniciare si tagliano sotto.
    ... mostra di più

    Ispirazione vintage rivestimenti / pavimento bagno

    Q

    (7) commenti
    Oltre all'ottimo consiglio di Michele Volpi anche solo l'utilizzo della mattonella che ti ha postato darà un tocco vintage potresti prendere in considerazione qualcosa del genere. oppure giocare anche con la tappezzeria Il bianco, nero e grigio sono colori neutri a cui puoi abbinare un colore guida di tuo gusto anche il rosa oppure l'azzurro o il verde chiaro giocando con degli stencil anche un rivestimento a mosaico dorato con uno specchio vintage oppure un angolo rivestito con tappezzeria Se non vuoi osare troppo anche un monocolore in stile Ma devi far dialogare questo bagno con tutto il resto della casa. Ti serve un progetto, segli un professionista a cui affidarti, su Houzz troverai quello giusto per te. Buona ricerca e buon lavoro!
    ... mostra di più
  • PRO
  • PRO
    ARCHIFIORI - Filippo Fiori Architetto

    Prova a studiare un po di soluzioni massimaliste. È tutto molto particolare per essere annullato da un minimalismo di moda.

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    Le soluzioni possono essere diverse, per questo a Chiara serve un autore con cui poter creare il giusto dialogo fra desiderio, esigenze e presenza storica. Sarei curiosa di scoprirne poi il risultato finale
  • Myk

    Concordo con l'arch. Fiori sul non cedere alla moda.

  • Myk

    Io mi sto arrovellando perchè vorrei proprio sapere se c'è del pregio storico o meno. Così guardo e riguardo e zoommo la foto di dettaglio del pavimento e, benchè sicuramente insufficiente, cerco di carpire informazioni.

    Ho l'impressione che la ceramica sia stampata, non dipinta, poichè non vedo "rilievi" e il disegno mi sembra perfettamente riprodotto su ogni piastrella, senza differenze o sfumature.

    C'è poi la colorazione che è particolarmente carica rispetto alle più note ceramiche vietresi o agli azulejos o a quelle di ispirazione ottomana o ai pavimenti di Barcellona. E il disegno risulta più fitto. E la posa è senza cornice.

    E poi quelle teste di ... cane? drago? non le ho trovate in nessun modo su San Google.

    Vabbè, lo so, qui ci vuole un esperto; in ogni caso è una cosa talmente originale che merita di essere sfruttata.

    Abbia pazienza la signora Chiara ma ho trovato altre foto di ambienti che possono ispirare (qui ci sono anche i soffitti lavorati); le aggiungo di seguito

    http://hicarquitectura.com/2016/09/vilablanch-reforma-e-interiorismo-de-un-piso-en-el-gotico-barcelona/

    http://diariodesign.com/2015/02/estilo-moder-nordico-funcionalidad-en-una-vivienda-modernista-del-eixample/

  • PRO
    Showroom Le Porte

    Sono tutti ambienti molto belli quelli postati, ed anche se i pavimenti sono molto particolari e alcuni ( quello della cucina soprattutto) mi piacciono....però anche io amo il legno e non esiterei a metterlo con un flottante ( posato in appoggio su tappetino) in modo da preservare i pregiati pavimenti sotto. Intanto li proteggo e mi godo il parquet, un domani si vedrà. ( ovviamente in vero legno!!!)

    Non ti posto allora una foto di come abbiamo saputo valorizzare un pavimento in marmo segato ma come senza rimpianti l'abbiamo coperto con un parquet! qui ad esempio la nostra cliente pur volendo mantenere uno stile classico, sul parquet non ha avuto dubbi e avendone messo uno pregiato con intarsi lo ha fatto posare in modo tradizionale, (però attenzione, non aveva pavimenti particolari come un paio dei tuoi, quindi usa il flottante)

    Prima e dopo · Maggiori informazioni

    Prima e dopo · Maggiori informazioni

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    SLP il pavimento cucina a cui ti riferisci è quello della cucina postata da me? Se è quello è un ritaglio di quello proposto da Chiara del suo appartamento inserito da me con la funzione sketch di houzz in una foto cucina trovata sul portale ;)
  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    Per inciso, anche a me il legno piace tanto ma se con quel pavimento riesco a creare un ambiente unico, solo mio potrei poi dirigere il budget X il parquet su altri beni. Magari sostituire infissi o porte datati che non rispondono ai requisiti di efficenza energetica. Oppure il letto che ho sempre sognato col materasso di nuova generazione o la libreria di De Padova eccc....

    Quando mi sono sposata mi sono ritrovata un pavimento in marmo posato a spina di pesce che i miei genitori mi hanno vietato di coprire con parquet. (Mio sogno) Ora è un pavimento a cui non rinuncerei assolutamente ;) ha più di 50 anni ed è unico X me !!

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    Però la tua idea di preservarlo sotto un parquet flottante è ottima, così verrebbe comunque preservato nel tempo X riscoprirlo un domani (ammesso che abbia un valore storico da preservare)

  • PRO
    Showroom Le Porte

    Complimenti per l'utilizzo di sketch OVC, devo ancora provarlo! Però Il pavimento che cercherei di preservare è questo, che mi piacerebbe vedere nel suo insieme e quando le sarà possibile Chiara fare una foto dell'insieme le chiedo se può postarla. Questo deve essere assolutamente preservato, usi solo un flottante se deve andare sopra perchè così ad intarsio di marmo è di grande valore.

  • PRO
    Beatrice Baldini
    Ciao Chiara; noto che il precedente proprietario amava la ceramica!! detto ciò; le ceramiche del pavimento hanno un bel disegno ma le toglierei, mentre secondo me il soffitto può avere un suo perché.. anche con il parquet a pavimento se ritinteggiato.. quindi sposo la tua idea di mettere parquet ovunque! Per queste ceramiche ti suggerirei comunque di farne togliere un po' senza romperle.. si può fare.. e magari utilizzarle in un altra parte della casa come rivestimento a parete o usarle per creare un tavolo.. insomma non buttarle.. ma cercare comunque di dargli nuova vita!
  • PRO
    Beatrice Baldini
    Alcuni esempi di riuso
  • Chiara

    Buonasera a tutti, ho visto con piacere che la discussione ha appassionato e incuriosito molti, per cui mi scuso per il ritardo nella risposta, ma ieri era domenica e se si abita in una zona costiera andare al mare è d'obbligo e ad al mare i telefoni sono vietati!

    Fatta la dovuta digressione, cerco di rispondere un po' a tutti, scusandomi anticipatamente se mi dovesse sfuggire qualche domanda.

    Bando alle ciance, anche se qualcuno potrebbe rimanere deluso, le informazioni sull'immobile sono quelle che sono, e son quelle che seguono, e sono meno romantiche di quelle che l'attesa aveva alimentato.

    L'immobile si trova in Sicilia, in periferia, ed è una costruzione degli anni '70 - mi rendo conto di non essere stata precisa quando ho scritto "casa ristrutturata negli anni '70" - dunque, è stata costruita e rifinita nei primi anni '70 e da allora e rimasta lì, immutata. Quindi sia le rifiniture sia i mobili non sono "storici"; possono piacere come possono non piacere, ma sono relativamente recenti, per cui credo, per fare un esempio, che si possa tranquillamente mandare in pensione le poltrone senza troppi rimpianti.

    Ora, mi rendo conto che dalle foto non si possa fare una valutazione accurata dell'ambiente, che si parli della ceramica, del soffitto o del marmo; e, a dire il vero, a me tutta la stanza, a prima vista, mi ha fatto un'impressione pessima: credo di poter dire che dal vivo appaia tutto più pesante di quanto non sembri in foto. Ma poiché, a quanto pare, in questo salotto, a tempi, furono spesi parecchi denari, a partire dal pavimento fino ad arrivare al soffitto, dipinto con "foglia oro" (immaginate che spreco!), e poiché all'anziano inquilino che lo ha fatto realizzare verrà un infarto se gli "distruggiamo" il salotto, mi era venuto in mente che forse qualcosina si potrebbe salvare di questo salotto, prendendo ispirazione proprio da immagini simili a quelle postate da Maria Grazia, che mi sembrano di gran moda in questo momento.

    Ma è anche corretto il consiglio di non cedere alle mode, cosa facile a dirsi ma non a farsi, per cui mi chiedo se anche il riutilizzo di queste piastrelle rientrerebbe o meno nell'ambito delle mode momentanee.

    E torniamo al punto di partenza: queste ceramiche hanno un valore? Forse no, perché come ha fatto notare Myk, sono tutte uguali a se stesse e non sembrano artigianali e certamente ci vuole un autore.

    Vale la pena cercare di recuperarle? Secondo me solo se hanno un valore, viceversa si ricopra tutto con il legno e via.


  • Myk

    Grazie Chiara per averci tolto dalle spine ;-)

    Dunque il dado è quasi tratto. Manca solo l'autore che l'aiuti nelle ultime valutazioni e che raccolga e traduca in realtà i suoi desideri (salvando anche le coronarie dell'anziano committente).

    A questo punto, su un pavimento di legno, non avrà vincoli di sorta e potrà dare alla casa l'atmosfera che più le garba.

  • Myk

    Onestamente Le dirò che un po' mi spiace perchè, se pur non antico,
    quel pavimento, con una armoniosa cornice di legno, poteva essere
    davvero un segno distintivo e anche quello della cucina l'avrei visto
    salvo e "rappezzato" con intarsi di legno (a cura di ottimi posatori).
    Entrambi a richiamare un bel parquet posato nel resto della casa.

    Vabbè, me ne farò una ragione ma, se avrà piacere, quando sarà, ci mostri il lieto fine.

    GrazieMyk

    Chiara thanked Myk
  • PRO
    Casacadabra

    Cara Chiara, viste le foto e le sensazioni che evocano credo che ricoprirei il tutto con un bel legno senza esitazioni. Buon lavoro!

    Chiara thanked Casacadabra
  • Chiara

    Quindi via tutti i pavimenti?

    Attendo fiduciosa i pareri degli altri partecipanti, alla luce delle nuove rivelazioni...

    Un'altra questione, che volevo porre in particolare alla signora Isabella, riguardante il marmo ad intarsio, che a quanto ho capito è il più costoso ma anche quello più rovinato: che senso ha "coprirlo"? Se verrà nascosto dal legno, sarà come se non esistesse, e visto che si dovranno rifare gli impianti, perché farsi troppi problemi nel cercare di preservarlo, se il suo destino è quello di coprirlo?

    Oltre ciò, vorrei chiarire, perché mi pare che ci sia stato un fraintendimento, certamente dovuto al non essermi spiegata bene, che l'intarsio di marmo si trova nel corridoio e non in cucina, quindi stiamo parlando di una porzione di abitazione di 1 metro e qualche cosa per 6 metri e più.

    Le foto che desiderava vedere sono quelli dell'ambiente con questo marmo?

  • Myk

    No no, era stata chiara (ops), sono io che ho fatto confusione.

    Mmmm, sì, è una bella porzione per chi preferirebbe più legno. Non so che dire, io terrei ma ...

    Mi permetto; credo che SLP, per coprire e preservare, intendesse dire di non fare nulla di irreversibile (è una delle regole del restauro conservativo).

    Ma ci sono gli impianti da rifare; la cosa si complica.

    A meno che faccia valutare l'ipotesi di passare con i nuovi impianti perimetralmente al corrodio (meglio se già fossero lì), e incorniciare poi con parquet.

  • Chiara

    Mi sembra anche una bella idea quella dell'architetto Baldini che propone di staccare le piastrelle e usarle a parete da qualche parte, se si riuscisse a farlo senza romperle, o quantomeno a salvarne un numero sufficiente per creare qualcosa di carino... Anche se le piastrelle non dovessero avere un gran valore, sarebbe un modo per conservare il ricordo di com'era la casa, un ponte con il passato.

  • cricro

    se riesci a recuperarle.... a volte il tempo le rende fragili... dovresti informarti son così belle è un peccato se si rompessero..... qualche tecnica?


  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    Ciao Chiara

    intanto invidio da morire la tua domenica al mare ;) invidio la tua sicilia piena di sole, panorami mozzafiato, bellezze storiche e gustosi piatti ;) e ti invidio anche questo appartamento con cotanto soffitto.....che dirti.....io cercherei il modo di tenerlo e armonizzarlo al tuo nuovo habitat......anche le mie coronarie sono deboli ;)) Sorry!

  • Myk

    Recuperare il recuperabile (e oltre) è il mio modus vivendi quindi sicuramente, se smantellerà tutto o parte del pavimento, varrà la pena dargli nuova vita.

    Farlo intenzionalmente per riutilizzarlo altrove rischia però di diventare (ahimè) antieconomico se, come ormai quasi certo, non ha alcun valore.

  • PRO
    Showroom Le Porte

    Buonasera Chiara, si intendevo il marmo ad intarsio e il discorso del flottante era per preservarlo per un domani in cui magari una ambientazione old style poteva fare breccia nel suo cuore. È l'unico che avrei salvato perchè personalmente non amo il marmo segato se non "particolare" e poi non avrei pianto per le piastrelle del salotto perchè in foto si direbbe non siano artigianali ( il decoro sembra a stampa modulare è troppo preciso e sono tutte perfettamente identiche) e quindi senza un grande valore, ma il marmo ad intarsi è una di quelle cose che in effetti si vedono pochissimo. Certo dovendo rifare però gli impianti la cosa cambia e temo che quella porzione, benchè piccola non riuscirà a salvarla.

  • PRO
    Beatrice Baldini
    Ciao Chiara mi fa piacere che il mio consiglio ti sia piaciuto; riutilizzare parte del pavimento per altro è sicuramente un ricordo e mostrando la casa ai tuoi ospiti sarà elemento di conversazione! Leggo che la casa è in Sicilia !! Ora mi spiego tale sfarzo di maioliche che si addice benissimo alla location!! Adoro la Sicilia!! Ora mi hai fatto venire voglia di cannoli!!!
  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    ciao Chiara, sopra ho letto che vuoi mandare in pensione il salottino......io il divano lo lascerei a disposizione della sala armonizzandolo per colori e tessuti con il resto dell'arredamento che andrai ad inserire e aggiungendo dei cuscini da seduta più imbottiti per renderlo comodo, invece le poltrone potresti farne degli oggetti unici da inserire (ovviamente considerando gli spazi a tua disposizione) o nel bagno o nelle camere da letto

    oppure sostituisci il divano ma lascia le poltrone

    con un po' di fantasia potresti ottenere un bel risultato, qualche immagine per darti qualche idea da cui prendere spunto






    Chiara thanked OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
  • Myk

    Assolutamente sì!! ;-)

  • PRO
    Maria Ritondale | Progettazione d'interni

    Buongiorno! Interessante questa casa! Il divano n.4 (magari anche blu invece che bianco) proposto da Officine è proprio adatto secondo me, anche io lascerei pavimento (adoro il blu col giallo in generale) e soffitto (togliendo il lampadario) così come sono, imbiancando tutte le pareti e posando il parquet su tutto il resto del pavimento.

    Comunque non riesco a vedere bene: per ogni decorazione del soffitto c'è l'alloggio per dei faretti?

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    maria-ritondale mi permetto di postare due foto prese da un suo progetto a beneficio di Chiara

    Angolo cottura · Maggiori informazioni

    tavolo da pranzo · Maggiori informazioni

  • PRO
    Maria Ritondale | Progettazione d'interni

    si, grazie anzi, nella prima foto non c'era ancora il parquet ;) comunque le piastrelle della cucina sono state recuperate altrove, come di sicuro saprete ci sono delle ditte che staccano con cura i pavimenti e li recuperano per rivenderli, ce ne sono di bellissimi che altrimenti sarebbero andati a finire nei rifiuti, troppo difficili da pulire e da mantenere, poco "minimalisti" nei loro disegni ma secondo me sono belli...anche un pò consumati e "vecchi" diciamo. E' per questo che chi ha la fortuna (si, perchè in ogni caso è qualcosa che dà originalità...ti può indirizzare verso delle idee particolari) di averli già in casa secondo me farebbe bene a farli "convivere" con il nuovo progetto, poi ovviamente se ci si "storce il naso" ogni volta che li vediamo no eh...

  • Chiara

    Sul riutilizzo delle piastrelle, come ha fatto notare Myk, bisogna effettivamente valutare i costi e decidere se il gioco vale la candela. Non era la mia prima idea ma mi piace molto, è da studiare. L'esempio del del progetto dell'architetto Ritondale è ben azzeccato: la porzione di piastrelle vintage è contenuta, per cui non eccessivamente invasiva, ma comunque d'impatto; il giusto compromesso tra minimalismo e massimalismo, massimalismo che sarebbe risultato se il pavimento fosse stato interamente ricoperto con quelle piastrelle.

    Mi avete dato diversi spunti di riflessione, che attuati potrebbero dare alla casa un'impronta diversa dal solito, c'è da pensare.

  • Chiara

    Sul salotto, invece, che non mi ha mai entusiasmato, devo dire che alcune proposte della sig.ra Maria Grazia sono davvero belle, in particolare mi è piaciuta questa foto:

    Certo, sia il divano sia le poltrone non sono proprio comodissime, per cui tenderei a scartare il divano in favore di uno più moderno e comodo. Ma una poltrona dipinta di bianco e rivestita con un tessuto patchwork in colori i tendenza, come tutte le sfumature del blu, potrebbe funzionare, inserita in un contesto come una camera da letto o in un angolo lettura. Anche perché, i mobili di per se non hanno alcun valore, quindi possiamo permetterci il lusso di pasticciarli con finiture contrastanti all'originale.


  • PRO
    Arch. ROBERTO DAMICO

    www.rda-srls.eu

    ci contatti abbiamo un ottimo servizio-progetto-online la prima consulenza gratuita

  • PRO
    WALL LCA - carta da parati e design

    Mai pensato all'idea della carta da parati per pavimenti?

    ecco qualche esempio delle nostre grafiche..






    Chiara thanked WALL LCA - carta da parati e design
  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    wall-lca-carta-da-parati-e-design come viene posato a pavimento questo tipo di rivestimento? colla?

  • PRO
    WALL LCA - carta da parati e design

    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    Questo rivestimento in fibra di vetro, viene incollato con colle specifiche al pavimento, previa rasatura dello stesso, poi viene resinato con una resina calpestabile

  • PRO
    Showroom Le Porte

    Interessante Che spessore massimo abbiamo alla fine?

  • Chiara

    WALL LCA, non conoscevo questa possibilità, ed ho subito pensato: wow! Veramente molto belle le ambientazioni proposte, sorprendenti.

  • Chiara

    Che durata ha nel tempo un simile pavimento con carta da parati e resina?

  • Miriam Andrisani

    Io chiamerei un esperto per valutare i lavori da fare. Gli anni '70 fanno comunque parte della storia del design e sostituire quei pavimenti ed annullare uno stile con un parquet che si può trovare ovunque mi sembra quasi un delitto.

  • PRO
    Showroom Le Porte

    ... un parquet bello e di legno magari alla francese è uno spettacolo.... e non è così comune...

  • Paola
    Non lo avrei mai scelto un pavimento così, nemmeno negli anni settanta.....ma c'è e quindi lo lascerei, così come lascerei i rosoni. Dipingerei tutto di un bianco crema con arredi dalle linee semplicissime, privilegiando tinte unite. Bianco crema, colori naturali, un richiamo al blu, qualche tocco di giallo per riprenderne i colori. E poi legno, vetro e bei tessuti. Tutto contemporaneo, non è un ambiente adatto per shabby chic o country rustico
    saluti
  • Chiara

    Mi sa che seguo il consiglio di SLP, il parquet a spina francese è uno spettacolo che non regge il confronto con nessun altro tipo di pavimento.

  • luisa peru

    Ciao Chiara a me piace molto, ma forse non so se lasciarle nel salone in un progetto moderno...se si potessero togliere senza romperle e posizionarle in bagno o in cucina magari alle pareti sarebbe ottimo!

    una mia amica ha usato le cementine antiche e le ha posizionate nella doccia!!!

    in bocca al lupo


  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS
    Ciao Chiara hai già fatto, lavori in corso oppure ancora in meditazione? Sono curiosa di sapere gli sviluppi
  • PRO
    LivingDECO

    Non ho partecipato alla conversazione a suo tempo ma leggerla mi ha galvanizzata; seguo sperando che Chiara posti qualche foto o ci dica le sue decisioni!

  • Francesca ameruso
    vorrei sapere che tipo di pavimento è questo
  • Simone Venuti

    IL MIO È UGUALE

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.