Tariffe e onorari

mae1114
13 giugno 2017

Sono alle prese con una ristrutturazione e ho deciso di rivolgermi ad un architetto in quanto devo modificare un bagno unendovi un pezzo di corridoio.

Dovendo modificare quindi la pianta catastale ho deciso di consultare un architetto cui affidare il progetto (disposizione dei sanitari) e la pratica.

Essendo la prima volta che ho a che fare con questa figura professionale non ho però idea dei costi.

Al momento ho un preventivo per:

-predisposizione progetto architettonico

-predisposizione di pratica edilizia e di pratica catastale

-direzione lavori

pari a 900 euro più IVA.

E' un prezzo in linea con il mercato?

Alla fine si tratta di un bagno, quindi non ho bisogno di grandi idee, perciò se il prezzo è adeguato eviterei di cercare altri professionisti e confrontare preventivi...

Commenti (57)
  • PRO
    Sara Pizzo architetto

    Secondo me la prima cosa da capire è se occorre o meno la sicurezza Dlgs 81/2008, quante ditte con dipendenti ci saranno?

    Senza la sicurezza il preventivo è onesto secondo me.

  • PRO
    CAFElab Studio

    Dipende dalla reale complessità del lavoro e dalle vostre richieste

    Per esempio, hai citato il bagno

    una cosa è dire: "qui ci metto la doccia qui ci va il wc, il resto è piastrellato"

    un'altra è volere un disegno preciso con la disposizione di tutte le piastrelle/rivestimenti, i mq conteggiati per l'acquisto, le indicazioni di dove fare i tagli delle piastrelle, il dimensionamento del termoarredo, la scelta dei sanitari, delle forniture e dell'illuminazione, la scelta del colore delle fughe, l'assistenza di cantiere per il tracciamento della posizione dei sanitari, il rilievo del passaggio delle tubazioni, la sorveglianza di cantiere, per far realizzare, chessò, una doccia filo pavimento ecc

    è chiaro nel secondo caso a richiesta maggiore, il costo sarà maggiore

    Se ci sono muratori, pittori, elettricisti ed idraulici non vedo come si possa prescindere la gestione della sicurezza sul lavoro

    la mancanza può portare alla sospensione della pratica edilizia, multe e alla perdita delle detrazioni fiscali

  • mae1114

    Grazie per questi input, io non me ne intendo molto ma vorrei che tutto venisse fatto nel modo più regolare possibile.

    Il lavoro dovrebbe essere curato da un muratore di nostra conoscenza che ha già svolto opere per nostri familiari e conoscenti e che sappiamo essere onesto e competente. So che ha un assistente, ma non ho idea se questo comporti la sicurezza Dlgs o meno.

    Sicuramente se la comporta è nostra intenzione farla, ma onestamente penso che questo più che noi dovrebbe saperlo l'architetto!

    In quanto al progetto chiesto spererei comprenda tutto quello che è necessario: i sanitari posso anche sceglierli io, ma a quanta distanza l'uno dall'altro vanno messi è una competenza che sicuramente non possiedo.

    Non posso nemmeno seguire le distanze del vecchio bagno in quanto non si tratta solo di sostituire sanitari e tubi, ma di inserire una doccia dove non c'è e di allargare il bagno.

    Mi sembra quindi di capire che il primo preventivo sia mancante di una serie di voci necessarie...

    Visto che però per una serie di motivi mi sembra che il marito sia restio ad affidare il lavoro al secondo professionista, potrebbe essere una buona idea chiedere al primo di inserire le voci messe dal secondo?

    In questo modo sarebbero più confrontabili...

    Ma non vorrei nemmeno fare quella che si mette ad insegnare il lavoro agli altri: non so, dire "secondo me hai dimenticato delle voci nel preventivo" non mi sembra molto carino...

    Dite che mi tocca cercare un terzo professionista?

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Ragazzi..ionjon ho mai sentito predisposizione di un progetto architettonico, edilizio e catastale.

    per me predisporre significa solo dare delle idee dicosa potrebbe essere. Cosa ben diversa dal redigere un progetto che va poi presentato al comune, va accadastato più direzione dei lavori.

    tutto ciò per 900€ euro è buono..?

    ira capisco perché la nostra professione sta andando a p.....!

    vogliamo provare a fare un calcolo sui costi di realizzazione in base alla 149 del 2012..?

    Ma state scherzando per caso..se poi dobbiamo magari anche dare qualcosa di soldi per farci lavorare ditelo che ci organizziamo.

    non bastano gli architetti che rovinano la professione lavorando per 50€ a stanza..! Ora anche quelli che chiedono delle somme vergognose per progettare, fare e presentare la pratica al comune, fare e presentare l'accatastamento e direzione dei lavori..?

    bah..!

    credi che il collega che abbia chiesto 3.000€ abbia solo considerato le spese minime e non credo sia tanto.

  • mae1114

    Ok,

    mi sembra di capire che il primo preventivo sia fatto in modo troppo approssimativo.

    Intanto però ho parlato con il marito e, visto che il secondo professionista è in realtà la mamma di un compagno di classe di nostro figlio, preferiremmo un terzo professionista perché a lui non va l'idea di coinvolgere questa signora e mettere in mezzo la frequentazione fra famiglie....

    A questo punto chiedo, visto che l'operaio che ci hanno consigliato (ha ristrutturato il bagno dei miei genitori, la cucina dei genitori del marito e fatto lavoretti ad altri familiari, quindi ci fidiamo abbastanza sia della sua onestà sia di come lavora avendo visto i risultati), lavora di solito con un geometra che cura quello che lui non può fare.... un lavoro di questo genere (disegnare il nuovo bagno, presentare le pratiche al comune e al catasto, occuparsi della sicurezza e di quanto previsto dalla legge....), può essere fatto anche da un geometra?

    Così non dovrei cercare un professionista dal niente ma chiederei il terzo preventivo al geometra (e vedo se a quel punto si allinea al secondo, che mi sembra di capire più "reale" e meno a rischio di imprevisti)...

  • Renata V.
    come suggerito, potresti chiedere al primo progettista cosa indicano le varie voci e, nel caso, indicargli quali sono le tue necessità ulteriori. se poi la risposta non ti convince cercherei il terzo.
  • PRO
    CAFElab Studio

    e alla fine il lavoro lo prende... il geometra :))

    scherzi a parte, a te serve un progetto di qualità o soltanto qualcuno che ti sbrighi le pratiche burocratiche?

    perchè nel secondo caso, 900€ sono un'offerta vantaggiosissima

  • mae1114

    A me serve un progetto per un bagno secondo norma: far stare sanitari e doccia nelle misure del bagno e con le giuste distanze.

    Non devo progettare nuovi ambienti, rivoluzionare gli spazi o altro.

    Dovessi metter mano a tutta casa e riprogettare gli spazi forse la tua domanda avrebbe una risposta diversa.

    Vorrei che tutto fosse fatto correttamente e a norma, ma alla fine si tratta di posizionare sanitari dove comunque un bagno già c'è, non bisogna crearlo dal nulla.

    Il geometra mi è venuto in mente semplicemente perché già lavora con l'operaio, quindi ho pensato potesse essere una buona idea non mettere insieme persone sconosciute ma affidarmi ad una squadra.

    Si fosse trattato di un lavoro più impegnativo o di maggiore progettazione forse penderei anche io più per l'architetto perché mi rendo conto che può offrirmi una maggiore competenza , ma alla fine è una sola stanza e si tratta di disporre (bene) dei sanitari, mica di riprogettare un'intera casa!

    Io preferisco che mi segua una persona competente e se uno in preventivo omette delle voci che sembrano essere fondamentali... perdo un poco la fiducia... per questo ho pensato a una figura terza (visto che il secondo architetto, probabilmente più competente, non convince il marito).

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Secondo me..Non convince il prezzo al marito, non l'architetto..! ;-)

  • PRO
    Mario

    Dai ragazzi, ma di cosa stiamo parlando? La signora ha parlato solo di disposizione dei sanitari, evitiamo di terrorizzare il cliente con chiacchiere sulle normative e sulla progettazione di qualità. Poi non lamentiamoci se perdiamo grosse fette mi mercato e nessuno ha più fiducia in noi.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Ma che..? La signora ha scritto questo:

    (Sono alle prese con una ristrutturazione e ho deciso di rivolgermi ad un architetto in quanto devo modificare un bagno unendovi un pezzo di corridoio.

    Dovendo modificare quindi la pianta catastale ho deciso di consultare un architetto cui affidare il progetto (disposizione dei sanitari) e la pratica.

    Essendo la prima volta che ho a che fare con questa figura professionale non ho però idea dei costi.

    Al momento ho un preventivo per:

    -predisposizione progetto architettonico

    -predisposizione di pratica edilizia e di pratica catastale

    -direzione lavori

    pari a 900 euro più IVA.

    E' un prezzo in linea con il mercato?

    Alla fine si tratta di un bagno, quindi non ho bisogno di grandi idee, perciò se il prezzo è adeguato eviterei di cercare altri professionisti e confrontare preventivi...)

    QUINDI HO RISPOSTO IN BASE A QUESTO.

  • PRO
    Mario

    Scusa Bartolomeo, la signora ha scritto anche altro, soprattutto l'ultimo suo post è molto chiaro su quello che deve fare.

    Comunque ognuno esprime la propria idea. Per me è tutto ok.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Si Mario ma per le cose chieste le post originario credo ci sia molto da valutare ed interpretare per chi ha chiesto 900.

    comunque anche per me è tutto ok.

    buona giornata.

  • PRO
    CAFElab Studio

    Si, potrebbe anche essere così, però...
    qui si è parlato di
    progetto, pratica urbanistica e variazione catastale, quindi c'è altro
    oltre alla disposizione dei sanitari, no?


    Se c'è l'intenzione di fare una pratica per fare le cose in regola e detrarre la spesa dall'irpef, bisogna seguire le regoleE
    le regole dicono che se c'è più di una impresa anche non contemporanea
    serve il coordinamento della sicurezza, non è una nostra invenzione per lucrarci sopra ma un obbligo di legge

    Perchè,
    qui abbiamo un sistema che da una parte ti dice che "a casa mia sono libero di fare quello che voglio",

    dall'altra parte ti carica di responsabilità assurde, con una normativa da rispettare che è la stessa per rifare un bagno o per costruire un palazzo di 50 piani

    Ora, visto che il primo attore della sicurezza è il committente e che la legge non ammette ignoranza parlare di queste cose non è fare terrorismo ma informare

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Aggiungo anche che certe cose non si valutano attraversonun portale o commenti, ma se ne dovrebbe parlare personalmente per capire ogni piccolo particolare. Senza offesa per nessuno. Credo che davvero si stia mettendo in luce una forma speculativa che adottano certi colleghi chiedendo somme riducile pur di fare un lavoro e che poi magari con la scusa di varianti ed sltrivdicumenti arrivano ad altre cifre.

  • mae1114

    Oltre alla disposizione dei sanitari c'è anche l'inglobamento di parte del corridoio, quindi varia (di poco) la pianta catastale.

    E anche per questo non posso semplicemente sostituire i sanitari rimettendoli nel posto di prima: ci sarà una doccia in più e quindi nuova variazione.

    A me sta benissimo fare le cose in sicurezza e seguire le regole, non cerco scorciatoie e non mi terrorizza sapere che c'è bisogno di un piano sicurezza.

    Se c'è bisogno si fa, mi terrorizzerebbe di più non farlo sapendo che invece andrebbe fatto...

    Semplicemente non avendo esperienza in merito non sono in grado di valutare se il preventivo era adeguato o meno (all'inizio temevo addirittura potesse chiedermi "troppo", invece pare che sia troppo poco!).

    In quanto al marito... in effetti temo anche io che si sia "spaventato" del prezzo del secondo professionista.

    Alla fine dice che si tratta di una sola stanza (le altre per fortuna non le tocchiamo, altrimenti facendo la proporzione ci ritrovavamo 10.000 euro solo di architetto!).

    L'unico problema, per me, è che avevo bisogno di un aiuto per disporre i mobili dell'attuale cucina nella nuova casa e volevo chiederlo all'architetto (o al geometra) che si occuperà del bagno, ma a fronte di 3000 e rotti euro per una sola stanza il marito ora non vuole chiedere anche un disegno per la cucina (per paura di far lievitare il prezzo) e si è convinto che può benissimo farsi il disegno da solo....

    Dato che non siamo nemmeno in grado di leggere un preventivo.... prevedo guai!


  • Vincenzo Zimbardi
    mae11144:chissa ' xche nessuno le risponde ma io una idea ce l'avrei vedrà che le rispondreranno.grazie.
  • PRO
    RGAstudio

    leggere questa conversazione è stato da un lato divertente, dall'altro deprimente. Il risultato è che chi ha postato il quesito ha le idee più confuse di prima e si è scatenato un dibattito con capo e senza coda fra architetti. Provo a semplificare per mae11144; siamo in un forum di auto usate e ci chiede se una panda dell'82 può valere 900€. non esiste una risposta. Solo un meccanico che vede e prova la macchina per mezza giornata può capirne il valore.

    Io a titolo personale posso dirle che tutte le responsabilità che si prende il professionista per timbrare una CILA e il tempo che ci vuole per:

    rilievo (asseverazione dello stato dei luoghi e conformità edilizia) digitalizzazione del rilievo, pratica con costruzioni/demolizioni disegno di progetto con verifica RAI, relazione tecnica, ricerca delle tavole urbanistiche, compilazione modulo pratica, ricerca e raccolta allegati, sviluppo progetto esecutivo del bagno con prospetto di ogni parete, redazione preventivo, assistenza all'avvio del cantiere, 1 o 2 visite settimanali in cantiere, responsabilità da Direttore Lavori, aggiornamento catasto (se condominio interfaccia con amministratore per Notizie Utili), redazione PSC (muratore idraulico elettricista raramente sono della stessa impresa), notifica preliminare; senza poi metterci assistenza alla scelta dei sanitari, rubinetti, piastrelle pavimento e parete, sviluppo di almeno 2 soluzioni (noi architetti abbiamo sempre troppe idee, sempre una in meno del cliente), telefonate al rivenditore perché il lavandino è sbagliato e chi paga l'uscita dell'idraulico 2 volte?...etc etc.

    900 € sono davvero pochi. Forse sarebbero il prezzo giusto per il progetto del bagno in regime di manutenzione ordinaria (senza pratiche); ma tutte le pratiche (e responsabilità) cui siamo soggetti, mi creda, hanno un peso economico che dobbiamo esporre.

    Riferisca al marito che il costo della pratica normalmente non lo calcoliamo a stanze, ma che la normativa italiana prevede il medesimo iter per lo spostamento di un muro o di 10 muri.

    Per chiudere, in questo forum non potremo darle risposte. Si affidi alla figura professionale con la quale ha il rapporto personale migliore e di cui nutre maggiore fiducia. Sta facendo un bagno, non una progetto drammaticamente impegnativo per cui non si faccia prendere dall'ansia. Se vorrà testarlo, questo forum da il meglio di sé su consigli estetico/tecnici che saremo contenti di darvi.

  • mae1114

    Grazie,

    le spiegazioni sono state sicuramente utili per avvicinarmi ad un argomento di cui conosco veramente poco.

    Inoltre non avevo immaginato che l'architetto potesse assistermi anche per la scelta dei sanitari, rubinetteria e altro.

    In effetti così il lavoro assume proporzioni diverse rispetto al semplice disegno e alla presentazione di una pratica burocratica.

    Inoltre ritengo importante una figura che si assuma le responsabilità, altrimenti finisce davvero che il marito mi vuole disegnare anche il bagno!


  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Il problema è proprio questo per là maggioranze degli utenti mae1114..l'essere convinti di sapere delle cose e di non saperne delle altre. L'architetto non fa solo quello che lei ha detto, ma tante altre cose che non sto qua a descrivere. E lei non sa che al di là del suo costo, le saprà far risparmiare anche tanto altro se vi segue in tutto..mi accorgo sempre di più che c'è una idea un po' contorta della figura dell'architetto..ma questo io lo adddito alla televisione e a quei programmi che fanno credere che certe cose sono così..magari inarrivabili (oltretutto programmi fatti da soggetti neanche laureati per poter esercitare certe prestazioni).....Spero le sia tutto più chiaro adesso.

  • PRO
    Mario

    Io notoriamente ho una forte tendenza verso la tutela del cliente e non amo gettare fumo negli occhi di chi dovrebbe avere fiducia in me. Vorrei soltanto dire, senza fare allusioni, che sono il primo a scagliarsi contro chi svende la nostra professione con prezzi ridicoli e indecenti, ma dall'altro lato non posso neanche appoggiare chi esagera dal lato opposto.

    Probabilmente si tratta solo di opinioni, o forse di reali competenze in materia. Forse una Panda dell'82 per qualcuno può valere 4000 euro, per altri molto meno. Quello che è certo che a mio giudizio la confusione è molto cresciuta post dopo post, e noi professionisti non ne usciamo così bene.

  • Gaetano Giuliano

    Chieda assolutamente al geometra! Chi, come lei, non capisce la differenza e ne fa solo una questione di prezzo è giusto che si affidi al geometra. Cordialità

  • mae1114

    Temo di aver urtato qualche animo nel citare il geometra...

    Probabilmente non ho sufficienti capacità e competenze per cogliere l'esatta differenza fra le due figure, per quanto non abbia chiesto un modo per "risparmiare" sul prezzo quanto semplicemente un parere rispetto alla congruenza del preventivo, ma credo di averne per cogliere la differenza fra interventi utili e costruttivi, come ne ho avuti tanti e per i quali ringrazio nuovamente, e giudizi gratuiti e molto poco costruttivi.


  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Gentile utente..personalmente le dico che lei è padrona dei suoi soldi e delle sue scelte, ma dire che abbiamo dato giudizi poco costruttivi no. Nel 2017 non sapere, o far finta di non sapere che esiste una differenza tra un architetto ed un geometra in termini di competenze, un po' mi viene da pensare che: i lei vive a frittole, oppure fino ad oggi era in Tibet.

    Allora un modo moltoooo umile le consiglio di informarsi prima di accennare a qualcosa in futuro, ma semplicemente per evitare di essere criticata o giudicata come ha espressamente scritto. ;-)

  • mae1114

    Gentile Bartolomeo, il giudizio poco costruttivo cui mi riferivo era l'ultimo.

    Per il resto ho ringraziato e detto più volte che sono stati spunti utilissimi che mi hanno aiutata a rivedere alcune idee e a prendere in considerazione aspetti cui non avevo fatto caso (diversità delle voci dei preventivi, necessità della sicurezza nel caso lavorino più squadre contemporaneamente...).


    In quanto alla differenza fra le due figure, sinceramente non saprei spiegarla nei dettagli.

    So che c'è una diversità di formazione, soprattutto nel numero di anni di studio.

    Ma cosa possa fare l'uno e cosa possa/non possa fare l'altro non saprei dirlo.

    Avevo pensato di poter trovare qui queste informazioni, in quanto un forum di arredamento mi sembrava un posto adatto che chiedere ad amici e conoscenti che facendo tutt'altro lavoro hanno probabilmente delle conoscenze imprecise e stereotipate tipo le mie.

    A quanto pare non è così...

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Non è l'unica ad avere poco chiare alcune idee in merito alle figure professionali citate. Diciamo che l'architetto è quell figura che a 360 gradi può assolvere ogni problema è risolverlo, il geometra fino ad un certo punto senza offesa ai geometri sia chiaro. Poi al di là della formazione e gli studi effettuati, l'architetto può assolvere incarichi ed ha competenze che forse un geometra non può e non ha. E per finire un architetto di solito è più attento a tutta una serie di cose che vanno dalla fase preliminare a quella esecutiva..l'altro molto meno.

    Non a caso le migliori e più belle opere architettoniche e di interio design e di design del mondo sono progettate e realizzate da architetti..un motivo ci sarà non crede..?

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    Cara mae1114 personalmente avrei chiesto ad un terzo professionista. Eviterei comunque di affidare l'incarico ad amici e conoscenti a salvaguardia di rapporti non consolidati nel tempo. I costi espressi dai due professionisti dipendono da diverse variabili, magari potresti chiedere ad entrambi maggiori chiarimenti in merito alle loro prestazioni (il primo potrebbe aver omesso prestazioni che invece il secondo ha considerato, aldilà dei costi di sicurezza). Nell'eventualità che il primo abbia omesso qualcosa, perché magari ha male interpretato la tua richiesta iniziale, potresti ritrovarti poi con dei costi extra che non avevi preventivato. Chiedi chiarimenti ad entrambi e sulla base di questi (e anche di quanto hai raccolto qui su houzz) fai una richiesta ad un terzo, avendo più elementi sarai in grado di stabilirne la congruità.

  • PRO
    ing. Chiara Pice

    Cara mae1114, non so se ti sei chiarita le idee con tutte queste risposte, sicuramente se il progettista (indipendentemente dal suo titolo) ti aiuta a posizionare i sanitari in pianta, a produrre le due pratiche (CILA presso ufficio urbanistico/edilizia privata del tuo Comune e Docfa presso Agenzia delle entrate/Catasto) e ad affacciarsi in cantiere (un paio di volte) l'offerta iniziale di 900 euro dalle mie parti ci sta.

    Se poi vuoi che ti accompagni dal rivenditore, valuti con te non solo i sanitari ma anche i rivestimenti e ti produca delle soluzioni/viste con diverse possibilità di montaggio di piastrelle, allora ci sono da aggiungere altri costi, che però, a mio avviso, non arrivano a 3000 euro. Quindi ti conviene solo precisare con il tecnico che sceglierai le attività di cui hai bisogno.

    Per la sicurezza aggiungo queste informazioni, che mi hanno fatto asserire (nel mio primo commento) la non necessità del piano di sicurezza per il tuo lavoro:

    Il PSC solo se nello stesso cantiere lavorano almeno due imprese (imprese e non lavoratori autonomi) anche non contemporaneamente. (art. 90, comma 3 del D.Lgs.81/2008)

    La notifica preliminare si trasmette alla ASL in presenza di due imprese e per lavori superiori ai 200 uomini giorno.(art. 99 del D.Lgs.81/200)
    Nel pubblico il PSC in fase di progettazione va sempre fatto.
    Nel privato il PSC in fase di progettazione va fatto solo per le opere che necessitano di permesso di costruire. (art. 90, comma 11 del D.Lgs. 81/2008)

    Spero di esserti stata di aiuto.

    In bocca al lupo

  • PRO
    CAFElab Studio

    La notifica preliminare si trasmette in presenza di due imprese oppure in presenza di una sola impresa con lavori superiori ai 200 uomini giorno


    aggiungo che impresa individuale
    ≠ da lavoratore autonomo

    un lavoratore autonomo è uno che lavora da solo, senza dipendenti, aiutanti, ragazzi di bottega

    2 lavoratori autonomi che lavorano costantemente insieme, xes due idraulici, agli occhi dell'ASL sono impresa


  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    ora capisco perché la professione dell'architetto può essere paragonata tranquillamente a quella di un fruttivendolo..con tutto il rispetto e con un gran rispetto verso i fruttivendoli.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Gentilissima ing Pice...le ricordo che a prescindere da ogni cosa esiste una regolamentazione aggiornata con il DM 140 del 2012 in merito a tariffe e compensi per architetti ed ingegneri. Non faccia come tanti che pur di prendersi un cliente chiede meno..naturalmente è un semplice ed umile consiglio il mio...poi ognuno agisce come crede.

  • Gaetano Giuliano

    Gentile Signora, che differenza c'è tra un vestito di sartoria fatto su misura, un vestito di alta moda e un vestito comprato sulle bancarelle fatto in Cina?. Il prezzo giusto non esiste se dietro ci sono idee e creatività. Un tanto al Kg non si può fare. Chi svende la propria professionalità non svende solo il suo lavoro, ma mette in crisi un'intera professione. Io davvero non ce l'ho con la sua domanda, ce l'ho con chi ha permesso che lei arrivasse un giorno a farla questa domanda, che, ahinoi, è sempre più frequente.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    E sono tanti Giuliano-Fanti..sono davvero tanti quelli che scendono e che stanno rendendo questa bellissima professione solo un valore aggiunto..!

  • PRO
    OFFICINE VITTORIO COLOMBO SAS

    gentili giuliano-fanti-architetti e bartolomeo-fiorillo sono d'accordo con voi su tutto, ma resta il fatto che l'utente che ha posto questa domanda dovrà fare i conti col suo budget e proprio quel budget vorrà investirlo al meglio. Deve trovare il "vestito" che meglio interpreta la sua persona al prezzo che può permettersi. (senza arrivare alla bancarella e tenendo conto che spesso l'alta moda è confezionata in Cina, ....purtroppo!! ma questa è altra storia)

    Qui su houzz ha la possibilità di fare ricerche mirate in merito alla professionalità, alla competenza e all'interpretazione estetica dei PRO attraverso i profili.

    Quindi gentile mae1114 dia un'occhiata tra gli iscritti della sua zona e li contatti per una chiaccherata cercando la "giusta misura" per il suo vestito in base ai vari elementi

    Capita anche di trovare il vestito giusto che magari merita un piccolo sforzo economico, ripagato poi dal fatto che quel vestito dura di più e ti sta così bene che non puoi rinunciarci per niente al mondo!! ;)

    Buona fortuna

  • PRO
    Showroom Le Porte

    Buongiorno Mae11 non so se la mia esperienza possa esserle utile ma anni fa ho avuto un problema simile a mia volta quando ho affrontato la ristrutturazione di un immobile di mia proprietà e devo dire oltretutto con l'esperienza di chi da anni si occupa di ristrutturazioni!!!

    ho sempre lavorato con una impresa molto precisa con un rapporto trentennale di amicizia e ovviamente sapendo la precisione nel modo di lavorare ho chiesto loro un preventivo: fu di 32.000,00 euro .

    Ne chiesi un'altro anche ad un'altra impresa....Fu di 15.000,00. Meno della metà!!! Accidenti, pensai...bell'amico!!! Normalmente in questa situazione la cosa migliore è chiedere ad un terzo per capire come scegliere, ma uno dei nostri professionisti che ci propose e presentò quest'ultima impresa rassicurandoci sul suo modo di operare mi porto a decidere frettolosamente e scelsi così per il migliore offerente sapendo che alla fine avrei speso sicuramente un po' di più ma sempre meno dell'amico!

    conto finale dell'impresa scelta : 38.000 euro! Giustificati da "imprevisti"? Ore in economia? L'impresa non ha lavorato male ma certo non con lo standard di quella che conoscevo, la differenza è che l'amico mi aveva messo di fronte a tutta la spesa complessiva, sapeva di non dover acquisire il cliente ma fare un. Buon lavoro e bella figura. L'altra invece ha gettato l'amo.... e io ho abboccato come una pera!!

    Consiglio spassionato Mae11 chieda un terzo preventivo con specifiche di tutto il lavoro e le incombenze incluse che verranno fatte e poi scelga. E in bocca al lupo!

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo

    Ricordando però Isabella chenun professionista serio, se pure fa un prezzo forfettario, in parte si rifà al dm 140 del 2012 e non a prezzi al kg o con saldi di stagione.

  • PRO
    Giulia Home Stager
    È già passato molto tempo e magari il bagno ora sarà finito ma... nel caso opposto... le dico la mia! Fare un preventivo è solo il primo passo ma è fondamentale! È delicato perché bisogna capire le esigenze del cliente e non sempre ci si capisce subito...farlo per un conoscente / amico è terribile! Ma sono sicura che solo un pazzo farebbe un preventivo buttato lá per una persona con cui si hanno già rapporti. Purtroppo molti " professionisti" o imprese omettono una serie di servizi non includendoli nel primo preventivo il problema è che il cliente medio non se ne accorge, anzi se ne accorge però a lavori già iniziati ed i costi aumentano ma oramai si è in ballo e la marcia indietro è da escludersi... un architetto dovrebbe fare la differenza nella progettazione più che su altri fattori burocratici...se poi uno vuole un progetto standard allora va al negozio e se lo fa fare a scelta Dell operatore che non potrà fare lo stesso lavoro che farebbe un professionista per diversi motivi tra i quali:
    -Coerenza con il resto della casa-tipologia-zona- colori-arredo
    -indipendenza nelle scelte dei materiali in quanto potrà usare solo quelli da loro rivenduti
    Molti geometri avrebbero le stesse problematiche poiché non sono preparati a questo, al contrario le pratiche le sbrigano generalmente bene...
  • mae1114

    In realtà il bagno è ancora da fare, visto che non abbiamo ancora rogitato...

    Però ho inviato il preventivo dettagliato all'architetto "economico" e mi ha confermato che quelle voci sono comprese nel suo preventivo...

    Avendo anche deciso di semplificare il bagno (lo allunghiamo sicuramente ma lasciamo inalterata la posizione dei sanitari, quindi in realtà non c'è progetto vero e proprio da fare: deve solo spostare orizzontalmente una riga di qualche millimetro sulla pianta fino ad allinearla al muro del corridoio), si tratterà solo della presentazione delle pratiche in comune e al catasto.

    Abbiamo invece scoperto che dovremo probabilmente rifare il pavimento della cucina e anche il secondo bagna (che inizialmente pensavamo di poter evitare), quindi al momento sto aspettando i preventivi dei vari operai e credo che deciderò in base ai (pochi) soldi rimasti!

  • Rosy Sny
    Alcuni architetti si sentono Dio sceso in terra! Soprattutto su questo portale... Mi auguro non siamo tutti come alcuni che leggo qua, altrimenti sarebbe in mestiere finito per incapacità di relazionarsi col cliente. Il primo preventivo mi sembra onestissimo, considerando i costi delle pratiche tra comune e catasto. In fondo si tratta di un lavoro semplice, più burocrazia che inventiva, per il quale forse andrebbe bene anche un buon geometra. Auguri di cuore, e si fidi del suo istinto nel giudicare le persone e le richieste
  • PRO
    Andrea Pacciani Architetto
    per un bagno così 3000 eur sono pochi

    per un bagno così 900 eur sono troppi

    prima deve capire lei quale risultato si aspetta e poi cercare il professionista che la segua fino al risultato aspettato

  • PRO
    Andrea Pacciani Architetto

    se va da un concessonario di auto può trovare auto da 10.000 a 60.000 con caratteristiche assolutamente diverse; perciò chieda un preventivo con un budjet di spesa e descrizione sommaria di come se lo aspetta anche con l'ausilio di immagini prese dal web, altrimenti il professionista farà un preventivo aleatorio su come lui vede quel bagno e quanto lui ritenga sia la spesa per realizzarlo

  • PRO
    RAIMONDO MASU

    non ho letto tutto, ma da quanto ho capito 900 euro per due pratiche, la progettazione, la DL, e contabilità (escludendo la sicurezza) è circa 1\3 di un coerente onorario. E' dunque un buon prezzo?, direi di no! un prezzo non adeguato al lavoro è semplicemente "spreco". Solo spreco!

  • mae1114

    Decisamente sarà molto più simile al secondo che al primo bagno postato dall'architetto Pacciani.

    Ma cosa si intende su ausilio di immagini prese dal web?

    E per contabilità?

    Io ho già scelto sanitari, doccia (non ci sarà nemmeno il mobile bagno probabilmente), piastrelle e pavimenti: ho già un preventivo intorno ai 2000 euro per tutti questi materiali.

    Li doveva invece scegliere l'architetto?

    Io per progetto intendo semplicemente il disegno che va consegnato per la nuova pianta catastale: le posizioni dei sanitari rimangono le stesse ed essendo la doccia sul lato della finestra si tratta solo di ordinare piatto doccia e vetro...

    Anche per piastrelle e pavimenti non credo serva un disegno: i pavimenti sono a tinta unita e non bisogna creare decori, le piastrelle sono colorate a tinta unita su due tonalità e pensavamo di fare due semplici strisce, una con la tonalità più scura e una con quella più chiara.

  • PRO
    Andrea Pacciani Architetto

    "cosa si intende su ausilio di immagini prese dal web?"

    salvare delle immagini da internet, ritagliare pagine di giornale o cataloghi, scattare foto di ambienti simili al risultato che si vuole ottenere; Houzz serve esattamente a questo

  • mae1114

    Sì, ma a cosa servono all'architetto?

    Nel bagno ci saranno sanitari (e ho pensato di sceglierli prima in modo che così avesse le misure qualora potessero essergli utili), lavatrice, spazio per portabiancheria ed eventuale asciugatrice e la famosa doccia, che però consiste in pratica nella sola porta visto che i 3 lati sono quelli del rettangolo della stanza.

    La disposizione dei sanitari (classica: water, bidet, lavandino, lavatrice ed eventuale asciugatrice a partire dal fondo della stanza) rimane la stessa e probabilmente, a meno che non emergano problemi, anche la posizione.

    Essendo il bagno largo solo 120 cm sull'altro lato non andrà nulla, non è che ci sia quindi da mostrargli molto perchè praticamente può solo ricalcare l'attuale disposizione.

    E sanitari e piastrelle devo sceglierli io nel senso che non è che posso mandare lui per negozi e rivenditori al mio posto, giusto? (Anche perchè dopo aver passato l'ultimo mese a girare per rivenditori... scoprire che potevo delegare questo compito... sarebbe una beffa!)

  • PRO
    Sara Pizzo architetto

    Mi intrometto ... e se ho capito male non tenete conto del mio contributo.

    Qui si ragiona dell'onorario ma senza specificare cosa si vuole che sia retribuito. Mi spiego meglio per una pratica di semplice variazione catastale (una planimetria docfa di un appartamento per intenderci tra pro) mi pare che 900 euro siano adeguati ma se si parla di aiutare il proprietario a scegliere piastrelle e sanitari ottimizzando esigenze e costi potrebbe essere insufficiente (eh si mae 1114 potevi delegare o almeno farti consigliare da un tecnico di fiducia).

    Insomma le tariffe vanno in relazione al servizio offerto.


  • mae1114

    Ok, ora inizia ad essere più chiaro.

    Ovvio che potendo vorrei avere il meglio e delegare il più possibile, ma tenendo conto che si tratta di un bagno di servizio e che ho tante altre spese più urgenti da fare (es cambiare i serramenti vetusti o mettere a posto le tubature), chiedo il minimo indispensabile perchè tutto sia fatto a norma di legge senza troppi fronzoli o altro.

    Se già si fosse trattato di un progetto su tutta la casa è ovvio che ci poteva essere bisogno di un aiuto più "massivo", ma per il preventivo dei materiali (sanitari e piastrelle) sono intorno ai 2000 euro di materiali.

    Ci vedo poco da ottimizzare...

  • mae1114

    E comunque il primo architetto, quello del preventivo da 3000 e rotti euro più iva, mi aveva consigliato un posto a oltre 40 km da qui per le piastrelle dicendomi di andare assolutamente.

    Convinco il marito recalcitrante (abitiamo a Milano, c'è bisogno di andare quasi fuori provincia per delle piastrelle?!?) e vado.

    Lì mi dicono che vengono 6 euro al mq, avendo già visto da sola altri posti dove si parlava di ben altre cifre (ma nemmeno Leroy Merlin me li metteva così bassi!) mi stupisco un pò e chiedo come mai un prezzo così basso...

    "Ma signora, questo è uno spaccio dove abbiamo solo il materiale di seconda scelta: le fabbriche ci passano il materiale difettato e noi lo rivendiamo praticamente a prezzo di costo!".

    Insomma, mi spari un preventivo di oltre 3000 euro per disegnarmi un bagno e poi me lo fai piastrellare con il materiale di scarto delle fabbriche?!?

    A me è sembrato un tantino incoerente...

    Non racconto la faccia del marito che tanto avevo penato a convincerlo quando ha capito che aveva guidato per oltre un'ora, sperdendosi nelle campagne, per niente!

  • PRO
    Sara Pizzo architetto

    Mi spiace Mae per la disavventura ma non mi sento di condannare il suo tecnico perchè capisco come sia difficile comprendere le esigenze reciproche.

    Credo che tutto si possa risolvere felicemente se si ha la pazienza di dedicarsi un attimo alla questione, è nella qualità del servizio che a volte sta la differrenza di prezzo. ;-)

  • PRO
    Illiano studio di Architettura
    900€?
    Ti ha chiesto una miseria
Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.