valentinafarassino

Da Pro a Pro trovate giusto che alcuni colleghi postino i progetti?

Vorrei fare un sondaggio tra colleghi. Ho notato che in alcune discussioni, alcuni colleghi forniscono ai clienti planimetri con soluzioni progettuali o di interior design ed alcuni realizzino anche 3D base. Credo, mia modestissima opinione, che tutto questo vada a discapito della nostra professione. Noi siamo pagati per produrre idee, il processo mentale costa fatica e duro lavoro. C'è molta differenza tra consigli che ti possano aiutare ad acquisire dei possibili clienti e fornire un progetto "quasi" fatto e finito. Voi cosa ne pensate? Grazie a chi vorrà partecipare.

Sono d'accordo nel pubblicare un progetto preliminare per il cliente gratis
Sono d'accordo nel dare consigli ma non trovo eticamente corretto fornire una planimetria o un 3D

Commenti (87)

  • akaBi
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Giusto! Mettiamo al rogo gli avvocati che lavorano pro-bono e Medici senza frontiere?

    A mio parere sarebbe più scorretto, deontologicamente parlando, assumersi un incarico senza averne le reali abilità (e qui non basta un titolo di studio) o senza aver compreso appieno le esigenze del cliente. Eppure non ho mai sentito parlare di rimborsi per causata insoddisfazione.

  • akaBi
    4 anni fa

    Sono inoccupata da 8 anni.

  • Discussioni simili

    Che fare quando i professionisti si comportano scorrettamente?

    Q

    (25) commenti
    Giusto come esempio, la morma del FVG prevede (pag 20) per i dipendenti "Inoltre, nelle attività che prevedono la manipolazione di alimenti (ad esclusione delle rivendite di tabacchi con vendita di caramelle e similari): l i servizi devono essere interni all’esercizio o comunque collegati con passaggio interno;" Ora, se ho capito bene, nel caso in questione lo spogliatoio ha un accesso esterno ai locali dell'esercizio (ipotizzo da un cortile interno cui insistono due porte, quella dell'esercizio e quella dello spogliatoio). E questo spogliatoio include il bagno per i dipendenti. Ne discende che la norma suddetta sarebbe violata e quindi il primo architetto ha ragione ed il secondo torto, Vale lo stesso nella regione dell'utente Freccia? Qualcuno ha una visione diversa su quanto riportato dal Friuli Venezia Giulia? Inoltre pag 25 recita "Lo spogliatoio, preferibilmente, non deve comunicare direttamente con il gabinetto (wc)." il che peggiora le cose, ma la parola preferibilmente viene in aiuto (le solite cose all'italiana :D ) Infine "dovrà essere collocato possibilmente vicino ai locali di lavoro e riscaldato durante la stagione fredda. Se gli spogliatoi sono situati in un edificio separato da quello che ospita i locali di produzione deve essere previsto, ove possibile o ove ritenuto necessario per ragioni igieniche, un passaggio riparato al fine di evitare che i lavoratori siano esposti alle intemperie;" E "ove possibile" smentisce il primo punto! W l'Italia!!!!
    ... mostra di più

    Cosa pensate degli architetti che non praticano i cantieri..?

    Q

    (102) commenti
    @stefaniasasso61 i grandi architetti o grossi studi se così li vogliamo chiamare posso assicurarti che seguono lo stesso i lavori. Io ho lavorato anni fa per degli studi associati dove il più piccolo era composto da circa 40 professionisti ed avevamo una decina di cantieri da seguire oltre quelli ancora da iniziare...e non il cambio di una stanza o la ristrutturazione del cesso. Ma cantieri dal costi di 15-20 milioni di euro, restauri conservativi, concorsi di progettazione etc etc etc. E per la direzione dei lavori c’era una squadra di colleghi che a turno giravano una volta su uno, un’altra sugli altri cantieri, me compreso, con il coordinatore dello studio e a volte anche l’archi capo e si seguiva comunque ogni cantiere. Dipende solo dallo studio insomma e dal professionista. Conosco colleghi che in cantiere ci vanno per dire che sono la DL e poi alla fine dei lavori. Io ci vado tutti i giorni se sono cantieri vicini, se sono più lontani un paio di volte la settimana, se sono fuori regione mi organizzo e vado anche 3-4 volte al mese o delego dei colleghi sul posto..mentre per qualche cantiere all’estero mi sono in quel caso, organizzavo una volta al mese e ci restavo per circa 6-7 giorni e seguivo tutto il giorno..! Insomma se si vuole e si fa bene il proprio lavoro ci si va in cantiere.
    ... mostra di più

    Pro e Contro di una doccia davanti una finestra

    Q

    (19) commenti
    avevo scritto un testo che non è apparso…. lo riassumo…. avevo scritto che ho realizzato numerosi progetti con posizionamento di vasca o doccia davanti alla finestra, perché è la migliore soluzione per bagni lunghi e stretti, come ce ne sono moltissimi nell'edilizia italiana degli ultimi decenni concordo sicuramente con quanto detto da Hermann, ma ritengo comunque che i vantaggi superino di molto gli eventuali difetti, ed è una soluzione che mi sento di consigliare senza dubbi.
    ... mostra di più

    Maniglie che passione (in cucina)

    Q

    (74) commenti
    Se hai la possibilità di farle dello stesso materiale della cucina direi di approfittarne, il colore dipende dal tuo gusto personale se puoi sceglierlo. Io non potevo e saranno in metallo ma almeno sarà verniciato. Girando nei mobilifici e facendo prove di apertura ante e cassetti, in cucine uguali a quella che avrò, con gole in metallo grezzo, ho notato che sopratutto per le donne che hanno unghie lunghe il contatto unghia-metallo non è il massimo e spesso causa quel tipico rumore fastidioso, un pò come se si grattasse una lavagna di una volta, non so se mi spiego. Avendo richiesto la gola verniciata spero che questo non succeda nella mia cucina, altimenti va be pazienza, ma odio le maniglie :-). P.S. bello il forno, anch'io lo prenderò Electrolux.
    ... mostra di più
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Lei forse non ha sentito parlare di rimborsi per insoddisfazioni..ma se va da un avvocato, lo paga, da un medico lo paga, altrimenti non riceve ne consulenza ne prestazioni..quindi come le dicevo in precedenza, dica grazie e non polemizzi troppo..! ;-)

    P.S. Non è un richiamo, ma un consiglio..!

  • akaBi
    4 anni fa

    Non posso proprio. Me lo ha vietato il medico e se contravvenissi alle sue indicazioni rischierei una causa legale.

  • akaBi
    4 anni fa

    Mi spieghi almeno per cosa dovrei ringraziare? E magari anche il perché della domanda personale.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    AkaBi..lei sorvola una cosa e dimentica che è un utente che sta qui per cercare (forse) di avere idee e consigli e la sua presunzione e arroganza non la porterà da nessuna parte.

    Per quanto mi riguarda io nel rispetto di ogni essere umano e di tanti colleghi qui su houzz e fuori da houzz, dico cosa penso in modo diretto e umile in primis...sempre nelle mie competenze sia chiaro..cosa che può non piacere a qualcuno per il mio modo di pormi e non elemosino nulla grazie a Dio, ne le mando a dire le cose..!

  • PRO
    Valentina Farassino
    Autore originale
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Sono contenta che il mio sondaggio abbia riscosso interesse, anche se da punti di vista differenti... è comunque interessante vedere i vari punti di vista. Come già detto io non mi riferivo ad uno schizzo fatto in 2 minuti ma a veri e propri progetti che ho visto postati.

    Sul fatto che i professionisti siano qui per condividere una passione @marianna ho dei seri dubbi. Sono convinta che il 99,9% degli utenti Pro cerchi dei clienti, magari lei rientra nello 0,01%. Sono anche d'accordo con gli altri pro che affermano, in qualche modo, ciò che io penso da molto. La nostra professione è spesso sottovalutata, se si va da altri professionisti si paga e si ringrazi e con un sorriso (notai, commercialisti, avvocati etc).

    Per quanto riguarda alcuni commenti di @akaBi, posso capire il punto di vista dell'utente, però il professionista che scrive su una rivista (che viene venduta), viene pagato perché fa parte di una redazione. Io scrivo per un blog piccolo piccolo e mi danno 50€ ad articolo, ovviamente mi dicono di cosa devo scrivere (magari di un tema che è di moda) e in ogni caso, pur mettendo immagini e disegni è un solo punto di vista: il mio. Non ho scambi di idee con chi legge.

    Il riferimento ai lavori pro bono non credo sia tema di questo post, esiste anche l'associazione Architetti senza Frontiere, che lavorano pro bono per scopi nobilissimi e lo fanno gratuitamente.

    Qui su houzz, nessuno ( ne sono quasi certa), partecipa a discussioni e consigli su design e progettazione per passione o per una causa pro bono.

    Al di là delle mie personali opinioni, credo che i 2D su autocad o i 3D che ho visto, siano deontologicamente sbagliati. Ricordiamo anche, che noi siamo obbligati ogni anno a fare un corso sulla deontologia (4CF).

    Personalmente continuerò a dare consigli e magari a fare uno schizzo, e lo farò con tutta la serietà possibile, però non nego, perché sarebbe folle, di farlo per cercare qualche nuovo cliente.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Valentina la collega di Gregorio appartiene a quel 99,9% in quanto in un altro posto ha fatto chiaramente capire che da quando non lavora con armani, cerca nuovi modi per cercare clienti..!

    io mi batterò ogni volta che vedrò un pro che lavora sotto costo e cerca di farsi clienti regalandomprogetti o facendoli pagare poco..perché grazie a questi professionisti che in Italia la professione dell'architetto è sminuita è sottovalutata da chi la guarda dall'esterno avendo in giro chi lavora a quasi gratis.

    su internet e non mi riferisco a nessuno qui su Houzz, voglio precisarlo..c'erano degli interior designer che si spacciavano per architetti...io ho denunciato all'ordine nazionale questa cosa oltre a far togliere la parola architetto dai loro siti, in quanto noi architetti abbiamo sudato per avere quest parola nel titolo e non esiste che un soggetto senza laurea si spacci per architetto.

  • PRO
    CAFElab Studio
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Sai, noi 8 anni fa abbiamo iniziato a curare un blog, Coffee Break, quasi quotidianamente, impegni permettendo, pubblichiamo architetture che ci colpiscono, notizie di arredo, aggiornamenti rilevanti sulla normativa, parliamo anche della nostra attività e fra blog, newsletter, profili social abbiamo circa 1500 lettori al giorno;
    in poche parole, nel nostro piccolo, sono otto anni che diamo il nostro contributo per promuovere "la cultura della qualità del progetto" e difendere la nostra categoria tanto vituperata

    Io trovo piuttosto assurdo andare a cercare una linea di demarcazione fra consiglio e progetto, posto che siamo consulenti e non manovali dell'elaborato grafico, non vedo nessuna differenza fra il progetto fatto sulla carta da riciclo col pennarellone rosso e il 3d fotorealistico,
    è l'idea che conta, e non è il tempo che ci mettiamo a graficizzarla o esternarla che, si, ci facciamo pagare, ma tutta l'esperienza e gli studi personali che bisogna avere alle spalle per elaborare un progetto che sia funzionante e non una baggianata.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Sicuramente è l'idea che conta collega, ma qui spesso ci sono altri colleghi ed utenti che asseriscono che non è il titolo con studio effettuato che da un buon risultato.

    Premesso ciò, io credo che un idea schizzata è sicuramente già la base di un progetto, ma è anche interpretativa in un certo senso, ecco perché io ne faccio e ne posto.

    il problema è altro, ossia che alcuni colleghi o altri professionisti si cimentano a dimostrare che ci sia capacità e competenza nel redigere una soluzione progettuale che dimostri con tanto di misure che una cosa sia fattibilissima non solo ipotizzata. Questo per me sminuisce e logora la professione.

    Un po' come gli architetti low cost..!

  • akaBi
    4 anni fa

    Di umiltà ne ho letta ben poca nei tuoi interventi Fiorillo. Ma se io dovrei ringraziare (e ribadisco che ancora non capisco per cosa, dato che insisti nel ribadirlo senza poi fornirmi spiegazioni), tu, prima ancora, ti dovresti scusare per le offese.

    E detto questo, chiedo nuovamente scusa a tutti gli altri, per aver dato il via a questo mercatino e per aver commesso l'errore di intromettermi in una discussione che, evidentemente, non mi competeva.

    Levo il disturbo. Buona serata.

  • PRO
    Marianna Di Gregorio
    4 anni fa

    Mi spiace davvero che si sia frainteso il mio intervento, e mi dispiace che il sig. Fiorillo ce l'abbia tanto con me per partito preso.

    Eviterò di rispondere a certe stupide provocazioni, ma cerco di spiegare meglio ciò che credo di aver già spiegato con evidente poca chiarezza:

    1. Sono d'accordo che sia sbagliato regalare progetti!! Non l'ho mai fatto nè qui nè altrove. In un post più su ho già detto che trovo sbagliato regalare qualsiasi consiglio a cui si è pensato per più di 2 minuti (giusto per definire un confine tra consiglio grafico e progetto). Sarà che non seguo Houzz da moltissimo, ma non mi è mai capitato di vedere veri progetti pubblicati e all'inizio del post Valentina parlava di "una planimetria rivista e corretta, anche solo con un pennarello di colore diverso". Forse sta qui il fraintendimento, ma è a questo che io mi riferisco nel dire che, PER ME, non si sta regalando nulla e non si sta ledendo nessuno nello spiegare a disegno piuttosto che a voce il corrispettivo di "sposta il divano sull'altra parete".

    2. Chiunque è in cerca di lavoro, io in primis, certamente. (Veramente bassissimo Fiorillo il suo riferimento). Non ho mai detto che non utilizzi anche io Houzz come chiunque altro come vetrina della mia professione. Ho detto, testualmente, che è "piuttosto noioso a mio avviso vedere sempre questa corsa al disperato tentativo di accaparrarsi un cliente" e anche che "vorrei ben sperare di offrire molto di più a chi decide di contattarmi e avvalersi del mio aiuto professionale". Quindi anche io amo lavorare come tutti, nessun pro-bono, nessun lavorare gratis, nessun ipocrita "non cerco lavoro". Però non scrivo ogni intervento con l'unico scopo di accaparrarmi un cliente, sì @Valentina, faccio parte di quell'1% che è qui con passione, per scambiarsi opinioni e per crescere leggendo le opinioni degli altri. E se qualcuno apprezzerà i miei interventi e vorrà contattarmi, ne sarò felice. Mi spiace scoprire che siamo così pochi! Detto in altro modo, mi piacerebbe essere qui a mostrare il mio lavoro, la mia personalità e a farmi notare da potenziali clienti come tutti noi, con la serenità di chi risponde a un post con piacere e passione senza voler ledere nessuno e senza essere in gara con nessuno.

    3. Ripeto che per come la vedo io "La concorrenza sleale, il lavorare sottocosto e a tutti i costi, l'accontentare il cliente in tutto pur di tenerlo buono, il vendere competenze che spesso non si possiedono, e ci metto anche il fare "brutta architettura" (e quanta ce n'è!!)...questo è svilire la professione!"

    Le persone non rispettano la figura dell'architetto quanto l'avvocato o il medico. Verissimo! Ma perchè? Per i consigli gratis? Magari si, anche...ma guardatevi attorno...quanta brutta architettura che c'è!! Quanto riempirsi spesso la bocca senza avere capacità! Quoto in pieno Akabi quando dice "A mio parere sarebbe più scorretto, deontologicamente parlando, assumersi un incarico senza averne le reali abilità (e qui non basta un titolo di studio) o senza aver compreso appieno le esigenze del cliente". Questo è il vero dramma per la nostra categoria, i privati hanno perso fiducia nella figura professionale dell'architetto e a mio avviso è a causa della bassissima qualità che spesso dilaga. Ma qui si potrebbe aprire un tread nuovo (questa volta non destinato solo ai PRO) e sarebbe interessantissimo capire cosa davvero ne pensano i nostri clienti.

    Spero ora sia più chiaro il mio pensiero, perchè temo sia stato frainteso e da qualcuno volutamente estremizzato per creare polemica e cercare di screditare. Non me la prendo, perchè noto che è abitudine pregressa si qualcuno polemizzare e provocare futilmente....ma questo si che è poco professionale.

  • PRO
    Valentina Farassino
    Autore originale
    4 anni fa
    @marianna comprendo bene ciò che hai scritto. Se leggi i miei interventi nonché il mio post il riferimento, lo ribadisco, è su progetti in 2D e 3D. Sul fare i tuoi interventi con passione, non ho dubbi. Mettevo in discussione il fatto di farlo SOLO per passione. Perché anche io metto passione nei miei commenti. Però è anche vero che ognuno dà consigli con passione per tentare di acquisire un cliente. Volevo solo confrontarmi con colleghi, non scatenare una guerra. Io faccio parte di un'associazione di design da circa 10 anni. Ci sono architetti, designers d'interni e di prodotto, grafici etc... ognuno di noi Cecca di prestare il proprio lavoro e il propio tempo per la diffusione del concetto di design a 360 gradi. Houzz, personalmente lo vedo come uno strumento differente. Mi fa comunque piacere vedere tante opinioni, poi ognuno di noi, lavorerà eticamente e deontologicamente come crede.
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Condivido ogni parola dell'ultimo commento Valentina..!

    al di là delle diversità di pensiero, secondo me c'è un discorso costruttivo a prescindere..e rispetto chi non la pensa così e si pulisce la coscienza con un finto perbenismo.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Io personalmente non ce l'ho con nessuno, ne mi pongo nel modo che ho perché devo creare guerre e dissensi. Io dico solo cio che penso a differenza di alcuni e se qualcosa non va giù mi dispiace, ma di sicuro non ho peli sulla lingua. Chi mi conosce veramente lo sa bene e sa bene anche cosa posso offrire.....Houzz è un mezzo per farsi notare, ma non per speculare secondo me..! Vale per me come per tutti..professionisti, imprese, semplici utenti e tutti quelli che ne fanno parte.

    Le critiche fanno parte della vita in genere, ma non si possono confondere i pensieri con le critiche e le opinioni con i giudizi..tutto il resto è, e sarà sempre opinabile e soggettivo..!

  • PRO
    Marianna Di Gregorio
    4 anni fa

    Siamo d'accordo più o meno su tutto mi pare di capire. Grazie ancora Valentina per l'opportunità di confronto, è sempre un piacere.

    Bartolomeo, amo le persone sincere e schiette; non sopporto chi dietro alla scusa della trasparenza si permette di essere polemico e maleducato. Un conto è confrontarsi, un conto è polemizzare e cercare di screditare di chi non la pensa come noi. Detto questo passo e chiudo.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    MArianna io sono e sarò sempre schietto e diretto e non mi importa Se a qualcuno non può star bene come sono ..ma chi si sente screditato perché magari qualcuno non la pensa come lui/e non è un problema mio...io non adotto scuse, ne della trasparenza, ne di altro...dico ciò che penso. Peccato che dal portale traspare altro.

    Polemizzare..? Beh io credo che più che polemica potrebbe essere chiamata confronto..ma anche questo è interpretativo è soggettivo.

    Per la mala educazione le dico parliamone, non ne vedo poi cosi tanta, ne dai pro, né spesso dagli utenti che danno per scontato che gli sono concessi consigli e idee. Ho capito una cosa da questa discussione: da oggi con molti professionisti presenti qui, mi limiterò a dire bravo, che bello, hai ragione...etc etc etc. Tanto è ciò che vogliono sentire nonostante tutto. Ma in merito al titolo di questa discussione, io mi batterò sempre per far rispettare la professione e contro chi la scredita e lavora sotto costo.

    P.S. Io non ho nulla contro di lei , ne contro nessuno per nessuna ragione e motivo..spero se ne convinga lei Marianna e tutti quelli che pensano ciò..!

  • PRO
    INTERIOR'S STYLE di Maurizio Ravasi
    4 anni fa

    Sig. Bartolomeo perché è così polemico con il vissuto degli altri ? Accennare al passato di un professionista per far quadrare un suo punto di vista ... "in quanto in un altro posto ha fatto chiaramente capire che da quando non lavora" ... mi sembra polemico e non altro. Qui ci troviamo su una piattaforma dove il confronto mi sembra la base per conoscerci e farci conoscere, dove tutti noi (mi auguro) siamo appassionati al nostro lavoro e le confesso che la passione mostrata da molti mi fa molta invidia visto che dopo molti decenni di lavoro pur sentendomi più stanco che appassionato ancora ne subisco il fascino. La questione deontologica posta in questo post mi sembra sia stata ben discussa ed ha trovato larga adesione l'idea che non si debba in alcun modo svilire il lavoro ed il tempo della professione. Professione che per molti è stata anche formata dopo lunghi ed impegnativi studi universitari a cui va dato il giusto riconoscimento, mentre per altri (come per me) la formazione è stata una lunga esperienza di lavoro. Ho letto con molto interesse punti di vista anche di utenti di Houzz non professionisti che ci hanno dato una visione del problema da "fruitori" determinando vivaci spunti e commenti.

    Arch. Fiorillo spero di non aver offeso la sua sensibilità poiché non era nelle mie intenzioni farlo, continui a fornire spunti alle discussioni perché spessissimo la leggo e la condivido ma mi conceda l'appunto che le ho fatto per alcuni post letti in questa discussione perché mi sono sembrati uscire dal confronto di opinioni.

    Auguro a tutti buona giornata e buon lavoro

    Maurizio Ravasi

  • PRO
    Showroom Le Porte
    4 anni fa

    Fiorillo, purtroppo la mancanza di intercalari e tono rende i post e le mail sempre molto equivoche e spesso rendono la discussione esacerbante, in realtà stiamo dicendo un po' tutti la stessa cosa, chi con sfumature e chi altre, io credo che l'unica affermazione che possa sintetizzare tutto sia quando dice che Houzz serve per farsi notare, è vero, personalmente su questa piattaforma ho trovato alcuni collaboratori per la mia attività che Normalmente suo web non avrei notato, così come spero di incuriosire gli utenti della mia zona a venirmi a trovare quando devono fare le porte e i serramenti ed hanno avuto modo di conoscermi negli interventi, ma purtroppo sul fatto che chi svende o regala il proprio lavoro e parliamo di "progetti" oltre a danneggiare gli altri danneggia prima di tutto se stesso, non ci si può far nulla, sia nel mondo virtuale sia in quello reale se non parlarne. Nel mio post dicevo solo che è importante imparare a cambiare prospettiva e partire dal presupposto che non sono gli utenti che chiedono o pretendono, ma siamo noi che scegliamo cosa dare, il problema torna sempre a noi, l'utente su Houzz è un nickname il più delle volte totalmente anonimo che può anche non dire grazie ...ma prima o poi se ne rendono conto anche quelli che postano 3D gratis a un nickname, per questo parlarne fa bene comunque.

    buona giornata a tutti.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa

    Showroom le porte, mi auguro che se ne rendono conto quelli che postano 3d e.......!

    Io sono d'accordissimo quando dice che dobbiamo essere noi a scegliere cosa dare, ma dobbiamo essere sempre noi a segnalare eventuali soggetti che credono che facendo in quel modo creano curiosità verso se stessi, senza rendersi conto che ledono solo chi quel tipo di lavoro, o professione la fa con amore e passione, oltre che con competenze.

    In merito agli utenti noto spesso che ce ne sono alcuni, che per forza di cose credono che sia scontato ricevere soluzioni ed idee, solo perché noi siamo qua e se ciò non accade, ti criticano pure come se noi fossimo gli ospiti.

  • PRO
    Tommaso Giunchi
    4 anni fa
    Voto la seconda opzione, ma credo che siamo tutti liberi di giocarci le nostre carte come preferiamo. Ognuno raccoglie quello che semina. La buona riuscita di un progetto non si ferma all'idea o a uno schizzo iniziale, non basta neanche un layout di pianta. Quello che con più fatica cerco di far capire ai clienti è che per avere una bella casa sono fondamentali tutti gli altri passaggi (un buon esecutivo, computo metrico, direzioni lavori, scelta dei materiali, ecc) senza i quali il risultato non è garantito. Ed è questo che ci si deve sforzare a far capire ai clienti. Con un layout preliminare non vanno molto lontani. Il nostro lavoro è un lungo processo di accompagnamento del cliente fino alla fine, questo richiede esperienza, professionalità e tempo. Far capire bene questo al cliente vuol dire fargli comprendere il valore del nostro lavoro e quindi della parcella.
  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Ma finchè ci sono e ci saranno clienti che credono e crederanno che l'architetto sia solo un costo in più, allora non basta farlo capire Tommaso. Perché chi va dall'architetto sa bene che è come dici tu. Ma chi un professionista non lo vuole avere perché crede di riuscire a fare bene da solo/a, oppure ha un professionista, ma lo scavalca chiedendo addirittura in giro se quel professionista sta facendo bene, o chiedendo soluzioni alternative a sua insaputa. Credo che in questi casi centri ben poco tutto ciò che hai elencato. Non credi..?

  • PRO
    Tommaso Giunchi
    4 anni fa

    Forse è solo un'esperienza personale ma io trovo molte persone che non sanno bene tutto il lavoro che c'è dietro alla realizzazione di una bella casa, spesso non hanno idea per esempio di cosa sia un progetto esecutivo. Solo alla fine di tutto il processo si rendono conto della mole di lavoro che c'è dietro, e solo allora danno un senso al costo di parcella. Chi non capisce il valore aggiunto del nostro lavoro, come dico sempre ai miei collaboratori, "meglio perderli che trovarli". Inutile andare dietro a chi non cerca un professionista, tempo perso!

  • PRO
    Tommaso Giunchi
    4 anni fa

    con questo chiudo, perché non ho altro da dire e non trovo giusto che si crei un "botta e risposta" solo tra due persone.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    4 anni fa
    Ultima modifica: 4 anni fa

    Infatti condivido pienamente con quello che hai detto. La maggioranza non immagina cosa ci sia dietro un progetto.

    Ancor di più chi crede che l'architetto sia solo una spesa snob. Ed infatti si vede una casa fatta a dainsa te e una con l'architetto.

    anch'io chiudo..era giusto una osservazione.

  • PRO
    Roberta Tognoni
    4 anni fa

    Ho visto solo adesso questa discussione e mi sono appassionata a tal punto da leggermi gli interventi di tutti quanti e dopo essermi soffermata si a lungo non posso lasciarla senza esprimere la mia opinione.

    Essendo Interior designer, ancor più di voi architetti dovrei sentirmi minacciata (di me volendo ne possono fare a meno, di voi architetti non sempre), ma piuttosto che fare la guerra a chi elargisce progetti low cost o gratis, dovremmo piuttosto far capire al cliente che la qualità ha un costo e se compri al discount del progetto ti porterai a casa la qualità da discount (escludendo rare offerte limitate).

    Ma penso anche che il low cost e l'alta qualità si rivolgano a target differenti e non in concorrenza fra loro. Ripeto però è necessario far capire al potenziale cliente che esiste una differenza.

    A proposito di altre categorie professionali esiste anche l'avvocato low cost che offre consulenze on line e non solo.

  • Gaetano Giuliano
    4 anni fa

    No!


  • PRO
    Maria Ritondale | Progettazione d'interni
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    @Bartolomeo Fiorillo premesso che sto facendo un'ipotesi fuori dal mondo...se si mostrasse davvero passo passo una progettazione qui sul web non si finirebbe mai, e comunque cosi' la gente inizierebbe a capire quanto tempo si impiega nei ragionamenti (parola che comprende tutto) oltre che negli schizzi e nelle ipotesi varie (molti lo capiscono dopo un pò secondo me....ovvio, non lo ammetteranno mai), il problema è che il nostro lavoro non è "visto", la fatica e comunque la gioia di trovare soluzioni studiando e informandosi, cercando e dando fondo al sapere o l'esperienza accumulata (mai considerati da nessuno) non si vedono se non nei progetti che alla fine risultano ahimè di fronte al cliente solo "disegni". Detto questo copio una frase che mi è piaciuta e faccio mia:

    "mi piacerebbe riuscire a vivere questo portale a mio avviso bellissimo per quello che è, senza ogni volta vedere la polemica di un professionista che tira le orecchie a quell'altro perchè a suo avviso sta intralciando una qualche gara di pesca nel suo laghetto..." e comunque qual è il problema se trovo dei clienti anche su houzz? ovviamente con la dovuta correttezza non ci vedo nulla di male. Se propongo delle soluzioni o mi confronto con altri colleghi disponibili devo per forza fare qualche ipotesi scrivendo o disegnando, questo mi sembra corretto, fare dei progetti completi no, sono d'accordo ma fino ad ora non mi è capitato di vederli, forse non ho frequentato troppe discussioni.

    Primo e ultimo post quasi polemico. Grazie per il confronto, è interessante e utile leggervi.

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    @Maria Ritondale | Progettazione d'interni sarà l’ora, sarà la

    stanchezza di una dura giornata, ma non ho capito cosa vuole dire in questo commento. Cosa C’entra un progetto completo..?

    anche uno schizzo è un progetto nella fase iniziale però. quindi il suo pensiero o la sua domanda qual’è..?

  • PRO
    michele volpi - studio interior design
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    in ogni caso per chi ha voglia di fare progetti gratis, c'è "pronto pro"...e non solo

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Ciao Michel..io invece sull’esempio del medico dico: se un dottore vi da una cura per una ipotetica patologia, ma la cura non fa effetto, quando ci ritornare e vi cambia la cura lo pagate di nuovo, oppure alla prima visita avete stipulato una convenzione “soddisfatti o rimborsati”..? In quel caso o tacciono o si arrampicano su ogni superficie scivolosa..! ;-)

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Un progettista e/o professionista serio non lavora gratis..!

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    Michele, Bartolomeo, avete ragione ma chi non ancora numerosi progetti al suo attivo, è facile che cada in questa trappola:

    da un lato ci sono i professionisti come voi che predicano (giustamente) che per scegliere un professionista si devono visionare i progetti da lui realizzati in precedenza e qualcuno addirittura suggerisce non solo di leggere le recensioni ma di contattare gli ex committenti per parlargli.

    dall'altro ci sono i colleghi incompetenti e/o disonesti (perché purtroppo ci sono) che contribuiscono a ledere la credibilità della maggior parte dei professionisti seri e creano diffidenza.

    Il paragone con il medico, che molto piace in questo forum, è giusto solo in parte: se un medico procede per tentativi perché questo è l'unica possibilità di arrivare ad una soluzione del problema avete ragione.

    Ma ci sono anche medici che hanno abbandonato l'etica professionale in favore del dio denaro e da questi ci puoi capitare ma non ci torni una seconda volta ed anche questi creano diffidenza riguardo tutta la categoria.


  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Roberta, sarò presuntuoso, ma quando mi contatta un potenziale cliente, che sia tramite internet, o tramite un passa parola, o tramite qualche altro mezzo, io chiedo sempre prima un contatto telefonico se non sta in zona, poi un sopralluogo se sta in zona e se lontano, dei disegni dell'immobile con foto per capire..ma dopo queste mie richieste e dopo averci parlato riesco a capire se è un soggetto che vuole speculare o realmente ha intenzione di affidarmi l'incarico e farsi seguire da me. E ti posso assicurare che 4 su 5 speculano restando in un range minimo. Mentre chi realmente è intenzionato a darmi l'incarico mi contatta telefonicamente e non scrive un messaggio della serie: ( quanto costerebbe un progetto di ristrutturazione...etc).Mentre chi realmente intenzionato, chiama e dice: architetto buon giorno, la contatto perchè ho visto i suoi lavori..........e gradirei incontrarla perchè avrei piacere che lei mi seguisse nella ristrutturazione di casa etc etc etc.

    Tornando a chi specula non è il basso costo, o inviare progetti che si acquisisce il cliente..anzi spesso per la prima si fanno fare un preliminare pagandolo una miseria e chi lo fa crede di aver acquisito un cliente, mentre ha solo prestato un servizio di scambio di prodotto se così lo possiamo chiamare. Mentre per il secondo, che invia il progetto se pur preliminare e che crede di acquisire così il cliente, non ha fatto altro che dare delle idee da far poi sviluppare ad un tecnico di fiducia o dal cliente stesso senza neanche beccarsi un centesimo. Cosa voglio dire? Voglio dire che se tutti avessimo rispetto di noi stessi e degli altri, probabilmente avremmo un equità di compensi e di prestazioni a rialzo non a ribasso.

  • PRO
    michele volpi - studio interior design
    l'anno scorso

    Roberta sono d'accodo con te, ma per esperienza ti posso dire che il progetto gratuito, tranne casi eccezionali, non paga e la considerazione del cliente nei confronti del tuo lavoro è pari a zero. Ci sono naturalmente delle eccezioni, ma queste confermano solo la regola. Più comprensibile, invece, colui /colei che non avendo ancora un background da poter spendere, cerca di attrarre clienti con un prezzo più basso della media di mercato. La visibiltà la puoi avere in ogni caso con una consulenza verbale gratuita, che ti qualifica e aumenta l'empatia con il potenziale cliente.

  • PRO
    michele volpi - studio interior design
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    anche dare un aiuto agli utenti di Houzz, mediante commenti e foto lavori propri o di altri, ha il suo perchè

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    Sono d'accordo, non dovete convincermi che il progetto gratis non porta nessun vantaggio se non quello di digiunare che può essere utile alla linea se il digiuno non dura troppo. A parte gli scherzi, io da persona che ha ricominciato da poco comprendo che per riuscire a farsi conoscere ed apprezzare qualcosa bisogna inventarsi e prima di arrivare alla giusta soluzione capita di fare non pochi passi falsi.

  • PRO
    michele volpi - studio interior design
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    sicuramente è così. Io penso però che il modo di costruirsi una clientela non sia da cercarsi unicamente tramite i canali tradizionali. Il lavoro va inventato, attraverso i contatti diretti con altri professionisti per esempio ( anche a questo servono le associazioni professionali e culturali), oppure mediante percorsi non diretti alla ricerca del cliente, bensì alla conoscenza di persone con le quali avere rapporti diretti e non superficiali. Anche la conoscenza diretta delle varie aziende del settore può servire ad aprire un mondo.

    Il progettista, Architetto, o Interior Designer, spesso è concentrato sulla propria figura professionale e tende a dimenticare che è pure un comunicatore e un commerciale, se non altro di se stesso. Su questi temi vedo l'importanza di investire e lavorare gratis, per se stessi e non per la signora Maria (non me ne vogliano tutte le signore Maria), alla quale fai la cucina gratis e che si congederà poi da te con un "grazie per adesso"....

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso

    cito Valentina Farassito - Ho notato che in alcune discussioni, alcuni colleghi forniscono ai clienti planimetri con soluzioni progettuali o di interior design ed alcuni realizzino anche 3D base. fine citazione

    ...questa considerazione a me sembra basarsi su un equivoco, cioe che quanto viene postato come possbile risposta, sia un progetto solo perche sono schemi in pianta o in 3D. Allora perche non lo sono i rendering postati nei singoli profili o le stesse foto ? Il Progetto è una anticipazione , cioè promette un certo risultato che sarà utile come risposta a un determinato bisogno e non altro. Il Progetto indica i modi, i tempi e i materiali per arrivare a quel determinato risultato. Cio che a mio avviso fa male alla professione del progettista è questo continuo soltenere che una idea sia un progetto e che indicare un materiale anziche un altro corroborato dall'espressione che riferisce che la zia del proprio fidanzato cugino di un architetto famoso, lui, che ha adottato quella soluzion, si trova bene, benedavvero.... E' un processo perso in partenza negare una soluzione perche è frutto di anni di studi, quando poi basta entrare in un qualsiasi negozio di arredo bagno per avere non solo un progetto, ma anche un regalo se porti un amico....

  • PRO
    Maurizio Giovannoni Architetto
    l'anno scorso

    sono d'accordissimo con te in tutto, sembrerò pure controcorrente ma non partecipo mai alla community per questo motivo, clienti che buttano in pasto ai leoni piantine sperando in qualcosa più di un consiglio, ognuno è libero di fare quello che vuole ma io ho deciso di non partecipare a questi forum tra l' altro houzz sembra confondere le idee mi sono arrivate richieste private di messaggi dove mi chiedevano se il progetto ed il preventivo erano gratis! c'è molta confusione in giro o paraculaggine non só. oi di gratis regalo solo la consulenza a studio da me o al max un primo sopralluogo ma anche qui è da vedere se sono perdite di tempo o no.

  • PRO
    michele volpi - studio interior design
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    posso fare una breve sintesi? esistono una serie di fette di mercato diverse, dove chiunque può trovare spazio attraverso le proprie conoscenze e capacità. penso che la persona che cerca di approfittare del progetto gratuito, difficilmente cercherà un professionista a pagamento, quindi inutile insistere... questo è per me un non mercato. chi cerca il progetto ad un prezzo basso, sa che spesso troverà un basso servizio, oppure un servizio limitato nelle sue funzioni. Da quando è nato l'uomo si sono affacciate sul mercato migliaia di professioni diverse che con il variare delle necessità si sono evolute e, a volte, sono scomparse. può anche darsi che sia così per noi ..o forse dobbiamo avere la forza, la fantasia e l'intelligenza di evolverci. Io protendo per la seconda ipotesi. amen

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    ciao Michele...anche scomparire è evolvere...ci sono due modi di intendere l'eternità, i primo (ma solo per brevità) è quello occidentale fondato sulla celebrità, sulla fama, il secondo quello orientale che è espresso bene nei templi scintoisti (...) ovvero mantenere la continità consentendo nel processo di costruzione di un "sempre eterno", l'atto di nascita e la possibile morte di una parte senza dover negae o sopprimere l'intero. Ho avuto molte fortune nel mio percorso formativo a partire dal mio maestro di urbanistica che mi ha indicato una forma, "l'architetto condotto", e poi Danilo Dolci e il suo essere missionario,l'opera di Man Ray e il suo andare a colazione con l'arte, e poi Munari, senza contare i mille artigiani che mi hanno prestato le loro mani...e altri che brevità non nomin. Di ognuno sono stato un tassello per una cultura sociale come il migliaio di allievi, che in molti anni hanno seguito i miei laboratori, sono un pezzo della mia eternita , Io sono gia nell'oblio come lo è John Harrison , orologiaio, grazie al suo lavoro possiamo essere tranquilli nello stabilire la posizione in navigazione... Michele sono d'accordo, è troppo breve il nostro gesto se altri non lo evolvono.

  • PRO
    michele volpi - studio interior design
    l'anno scorso

    quando parli tu, Raimondo, il livello culturale della discussione si alza inevitabilmente. bravissimo

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    Raimondo è un eccellente venditore di fumo :-) (questa è da segnare sul libricino nero). Per questo penso che potrebbe egregiamente evolversi in un comunicatore addetto al marketing. Se sei disponibile potrei diventare la tua prima cliente. :-)

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    oh, mi dispiace Roberta, il fumo l'ho finito tutto due giorni fa, mi è rimasta solo "la sublime nebbia del dubbio", e,come scrive Sciascia, cio che conta non è mai il contenuto in se, ma,,,"il ragionare"

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso

    Mi sono perso un po’ di commenti che credo siano interessati. Quelcuno mi fa una sintesi per evitare di farmi leggere tutto..? :-)

  • PRO
    RAIMONDO MASU TEAM
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    ciao Bartolomeo...tranquillo non ti sei perso nulla è solo un po di "domopack" ...rido

  • PRO
    Bartolomeo Fiorillo
    l'anno scorso
    Ultima modifica: l'anno scorso

    Ciao Raimondo..Ok...

  • PRO
    Roberta Tognoni
    l'anno scorso

    In pratica, non mi farai da marketer! Mannaggia. (Imprecazione acquisita da te). Non nasconderti dietro "l'ormai sono già nell'oblio".
    Il mio apprezzamento può essere letto in duplice modo.

Italia
Personalizza la mia esperienza utilizzando cookie

Continuando, accetto che il gruppo Houzz utilizzi cookie o tecnologie simili al fine di ottimizzare i suoi prodotti e servizi, fornirmi contenuti rilevanti e personalizzare la mia esperienza. Per saperne di più.